DUE SANTI FONDATORI: Ignazio di Loyola e Giovanni di Dio – Pittore Raúl Berzosa Fernández –

  San Tommaso - Gesù risorto - Raúl Berzosa Fernández

CHI SCOPRE UN PITTORE

TROVA UN TESORO

Raúl Berzosa Fernández


raul_berzosa fernandez
Nace en Málaga el 20 de abril de 1979. Su formación ha estado siempre relacionada con los Hermanos Maristas.

La pintura es el eje de su vida, comienza a los trece años a dibujar los primeros trazos en el mundo del comic, pero pronto se apunta a varios talleres hasta que ingresa en la facultad de Bellas Artes de Granada en 1999, un año después regresa a Málaga donde consigue la licenciatura de Historia del Arte y realiza el CAP (Certificado de Aptitud Pedagógica), todo por la Universidad malacitana.

Raúl Berzosa ha realizado numerosas pinturas de distintas temáticas: retratos, la figura humana, el mar, temas religiosos y cofrades… todo bajo un estilo realista en continua evolución. Dentro de su variedad temática hay una especial relación con la pintura cofrade, la primera pintura pública cofrade es la que sirvió para cartel del Rocío de Málaga en el 2000, a partir de aquí realizará auténticas obras de arte que servirán para aumentar el patrimonio de numerosas cofradías de toda España, destacando las obras realizada para el Sevilla (Cartel del Corpus y del Vía Crucis del Consejo de Hermandades y Cofradías de Sevilla en el 2009), la pintura de Coronación del Carmen de San Cayetano de Córdoba (2011) y el cartel de la Agrupación de Hermandades y Cofradías de Glorias de Málaga (2012).

Berzosa ha estado presente en distintas exposiciones colectivas a partir de 1996, destacando Barcelona y Manhattan (Nueva York) o la Feria Internacional de Arte Contemporáneo en Nimes (Francia).
En el 2011 recibe el premio Juventud Cofrade de Onda Azul y en el 2012 recibe el galardón “pintor del año 2011” concedido por la Asociación de escritores de Málaga.

Pero hay una temática que sobresale en la obra de Raúl Berzosa: La pintura Sacra, aquí trabaja los lienzos normalmente de gran formato y la pintura mural. Su primera obra de gran formato religiosa es “Cristo depuesto de la Cruz” del año 2005, obra situada en la Capilla del Cristo de la Puente y Virgen de la Paloma, en esta capilla también se encuentra su primera obra mural, la semicúpula del Cristo de la Puente del Cedrón (2007).

Posee obras en numerosas iglesias de España, destacando las obras en el Santuario del Valle con la decoración del Camarín de la Virgen de las Angustias de Sevilla encargado por la Duquesa de Alba (2008), la Iglesia del Santo Ángel en Sevilla (2010) o el Oratorio de la Hermandad de las Penas (2008 – ) y la Iglesia de San Felipe Neri en Málaga (2012).

Además posee obras en el extranjero como la Anunciación de gran formato realizada para la Catedral de Fargo en Dakota del Norte (EEUU, 2011) o las obras ejecutadas para la colección “Rostros de Cristo” en Francia.

San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa

1-San Giovanni di Dio - Raúl BerzosaAparición de la Virgen a S. Juan de Dios: Representa el momento en el que se le apareció la Virgen en el monasterio de Guadalupe y puso en sus brazos al Niño Jesús.
Entregándole unos pañales, le encomendó: «Juan, vísteme al Niño para que aprendas a vestir a los pobres». Conmovido por la visión, se formó en lo preciso para afrontar su obra y comenzó su acción en Granada, por indicación del P. Ávila que le alentó en su quehacer.

En este caso el centro de la composición lo ocupa el Niño Jesús con telas blancas, estas se acentúan con el color oscuro de S. Juan de Dios y los colores de la Virgen María, Ella se agacha para hacer entrega del Niño al Santo mientras se encuentra sobre unas nubes que le sirven de soporte.

Al fondo parte del interior del Monasterio de Santa María de Guadalupe, en la provincia de Cáceres.

1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa 1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa 1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa 1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa 1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa-0011-San Giovanni di Dio e Ignazio di Loyola 01

Pinturas realizadas para la nave central de la Iglesia de S. Cayetano en Córdoba.

- Aparición de la Virgen a S. Ignacio de Loyola: La escena se sitúa en Manresa en 1522, allí el Santo se retiraba para orar a una cueva así como a escribir un libro con “Ejercicios Espirituales”. Allí se le apareció la Virgen María junto al Niño Jesús.

Se ha utilizado la composición propia de las pinturas ya realizadas en la Iglesia, el santo, en este caso S. Ignacio de mayor tamaño y la Virgen María junto al Niño Jesús de menor tamaño.

S. Ignacio aparece en el momento que estaba escribiendo los ejercicios y tras ver un resplandor gira su cabeza, con ropas pobres y junto a un crucificado, propio de la iconografía del santo.

La escena se sitúa en el interior de la cueva, tras S. Ignacio, la Virgen María y el Niño Jesús.

1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa 1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa 1-San Giovanni di Dio - Raúl Berzosa San Giovanni di Dio - Raúl Berzosahttp://gloria.tv/?media=264856

Immagine | Pubblicato il di | 1 commento

LA VERITA’ MI FA MALE, LO SO – Angelo Nocent

1-Downloads82

1-_Scan10518
1-Darsi 32-Farsi 4

granada finestra sul mondo

SONY DSC


san-giovanni-di-dio-il-bastone-del-mendicante-di-granada-San+Giovanni+di+Dio+il+mendigo+de+Granada

Vi fu un uomo portoghese di nome Giovanni Ciudad Duarte che, uscito dal manicomio dell’Ospedale Regio,  girava per Granada con la sporta e il bastone come un mendicante di sana costutuzione fisica. Inizialmente al suo passaggio alcuni gridavano:

Loco! Loco!”

Al pazzo! Al pazzo! 

Ma un bel giorno la gente gli cambiò  il nome, infatti, si era accorta che quel pazzo non solo DAVA ma SI DAVA, perché nei volti che incontrava vedeva Gesù e le persone vedevano Gesù in lui:

JUAN DE DIOS

GIOVANNI DI DIO

Quella volta, quando lo prendevano in giro,  aveva 45 anni ma, proprio col suo DARSI, morì a 55.

1-San Giovanni di Dio - Celaia

San Giovanni di Dio  - Juan de Dios

Benedetto XVI nella sua prima enciclica DEUS CARITAS EST cita espressamente alcune figure somme della carità cristiana: Francesco d´Assisi, Ignazio di Loyola, Giovanni di Dio, Camillo de Lellis, Vincenzo de´ Paoli, Luisa di Marillac, Giuseppe B. Cottolengo, Giovanni Bosco, Luigi Orione, Teresa di Calcutta.

Il Papa ne è convito: i santi «Rimangono modelli insigni di carità sociale per tutti gli uomini di buona volontà. I santi sono i veri portatori di luce all´interno della storia, perché sono uomini e donne di fede, di speranza e di amore» (40). Naturalmente, tra essi eccelle Maria, la donna che ama, serve, accoglie i discepoli di Gesù come suoi figli e continua dal cielo la sua opera di intercessione materna.

San-Giovanni-di-Dio-Basilica-granada San Giovanni di Dio - Urna

(Il testo è ricavato da GESU’ di Don Luigi Bandera – Il titolo è mio)

Pubblicato in APPUNTI - Angelo Nocent, GLOBULI ROSSI COMPANY | 1 commento

SAN BONAVENTURA: UNA VITA CRISTOCENTRICA

San Bonaventura da  Bagnoregio

PREGHIERE DI SAN BONAVENTURA

O dolcissimo Signore Gesù,ferisci anche me col soavissimo e salutare tuo amore, affinché l’anima mia si riposi nella serena e apostolica tua santissima carità. La mia anima ti brami e si purifichi nell’attesa del Paradiso, e non sospiri che di separarsi dal corpo per essere sempre con te.

Tu sei o Signore,il gaudio degli Angeli, la forza dei Santi, il nostro soavissimo pane quotidiano. Il mio cuore abbia sempre fame e sete di te, o Gesù, e si delizi nelle dolcezze del tuo amore. Te sempre cerchi come fonte della vita e della sapienza, come torrente della gioia che riempie la casa di Dio.

Tu solo sii la mia gloria! A Te io pensi, di Te parli, tutto operi a Tuo onore, a Te pervenga con umiltà e pace, con trasporto e diletto, con perseveranza e fervore, affinché in Te, mia fiducia, mia gioia, mia pace, io sempre viva con la mente e con il cuore. Amen

Lignum Vitae - taddeo_gaddi_-_last_supper__tree_of_life_and_four_miracle_scenesLignum vitae

Trafiggi, o dolcissimo Gesù, le profondità della mia anima con la soavissima e salutare ferita del tuo amore, infondendovi un’autentica, serena, apostolica carità, di modo che arda e si sciolga solo e sempre per amore e desiderio di Te;

Te desideri e quasi muoia nelle tue dimore, non cerchi altro che dissolversi ed essere con Te. Concedi che la mia anima sia assetata di Te, del pane degli angeli, della refezione dei santi, del nostro pane quotidiano, soprasostanziale, che ha in se ogni dolcezza; che il mio cuore abbia sempre sete e si nutra di Te, dove gli angeli desiderano fissare lo sguardo, e i reconditi della mia anima siano ricolmati dalla dolcezza della tua percezione;

sia il mio cuore sempre assetato di Te, fonte della vita, fonte della sapienza e della scienza, fonte della eterna luce, rigoglio della casa di Dio. Te sempre ambisca, Te cerchi, Te trovi, a Te protenda, a Te sopraggiunga, Te mediti, di Te parli, e tutto operi a lode e gloria del tuo nome, con umiltà e discrezione, con amore e consolazione, con facilità e affetto, con perseveranza sino alla fine;

perché Tu solo sia sempre la mia speranza, la mia fiducia, la mia ricchezza, il mio diletto, la mia allegrezza, la mia gioia, il mio riposo e la mia tranquillità, la mia pace, la mia soavità, la mia dolcezza, il mio cibo, la mia refezione, il mio rifugio, il mio aiuto, la mia sapienza, la mia parte di eredità, il mio possesso, il mio tesoro, a cui siano sempre fissati, saldi ed inamovibili, la mai anima e il mio cuore. Amen.

Papa-Benedetto-XVI

Lignum Vitae - taddeo_gaddi_-_last_supper__tree_of_life_and_four_miracle_scenes

San Bonaventura -François,_Claude_(dit_Frère_Luc)“Raccogliamo l’eredità di questo santo Dottore della Chiesa, che ci ricorda il senso della nostra vita con le seguenti parole:

Sulla terra… possiamo contemplare l’immensità divina mediante il ragionamento e l’ammirazione; nella patria celeste, invece, mediante la visione, quando saremo fatti simili a Dio, e mediante l’estasi … entreremo nel gaudio di Dio

(La conoscenza di Cristo, q. 6, conclusione, in Opere di San Bonaventura. Opuscoli Teologici /1, Roma 1993, p. 187). – (Benedetto XVI)

uccelli-in-volo-di-luna_2707329
Il Papa: “San Bonaventura fu messaggero di speranza. Una bella immagine della speranza la troviamo in una delle sue prediche di Avvento, dove paragona il movimento della speranza al volo dell’uccello, che dispiega le ali nel modo più ampio possibile, e per muoverle impiega tutte le sue forze. Rende, in un certo senso, tutto se stesso movimento per andare in alto e volare. Sperare è volare, dice san Bonaventura” (Discorso del Santo Padre dell’incontro con la cittadinanza di Bagnoregio, 6 settembre 2009)

San Bonaventura - dal Lignum Vitae

Il pensiero di Maria non parta dalla tua mente.
Il nome di Maria non abbandoni il tuo labbro.
L’Amore di Maria non si spenga nel tuo cuore.
Seguendo Maria non ti perderai.
Appoggiandoti a Maria non cadrai.
Sperando in Maria non temerai.
Ascoltando Maria non sbaglierai.
Vivendo con Maria ti salverai.
Ecco la nona beatitudine:
Beati quelli che si sono consacrati a Maria:
i loro nomi sono scritti nel libro della vita.

O Madre mia e Signora, i miei peccati mi rendono indegno di avvicinarmi a Te; anzi, io da Te non dovrei attendere che castighi. Ma quando pure mi avessi a discacciare e fin anco a punire, no, non dubiterò mai che Tu mi ami e mi vuoi salvare. Ripongo però in te tutta la mia confidenza, e se avrò la sorte di implorare sempre la tua misericordia, nutro ferma speranza di venirti a lodare in cielo con quella innumerevole moltitudine dei Tuoi divoti già salvi per la Tua potente intercessione.

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 1 commento

GIOVANI IN CATTEDRA (01) – COME GUARDARE LA DONNA – TEOLOGIA DEL CORPO

 

Adamo ed Eva1-Modelli 35

 bimba-e-fiori

Donne man-and-woman43TEOLOGIA DEL CORPO

Donne - Un-premio-per-le-donne-imprenditrici-in-Abruzzo-460x250

Donne - fioriLa castità – cos’è e come si vive.

Testimonianza di Jason & Crystalina Evert

madre è

Donne-campo-di-fiori

Donne - Collage_of_Italian_sportswomen

Donna dell'anno

LA GIOIA DEL SESSO NEL MATRIMONIO

Donne - fiori_036

Donne -  VOLTI 2

Fiori - Giardino

donne-sportive

Fiori

Ges-e-le-pie-donne1

FIORI 34
Adamo ed Eva Michelangelo,_Fall_and_Expulsion_from_Garden_of_Eden_00

Santa Maria dagl'occhi azzurri di Cielo

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 4 commenti

ROSSO PORPORA – Angelo Nocent

cardinali_1

ROSSO PORPORA

Frugando nell’archivio residuo di un vecchio blog andato al macero, ho rinvenuto  un’aspirazione del cuore forse un po’ troppo ambiziosa, per non dire presuntuosa.

compagnia-dei-globuli-rossi-logo-23

 GLOBULI ROSSI  PICCOLI CARDINALI

Parafrasando Papa Benedetto, avevo scritto:

“Entrando a far parte del Collegio dei Cardinali, [della COMPAGNIA DEI GLOBULI ROSSI] il Signore vi chiede e vi affida il servizio dell’amore:

  • amore per Dio,
  • amore per la sua Chiesa,
  • amore per i fratelli con una dedizione massima ed incondizionata, usque ad sanguinis effusionem, come recita la formula per l’imposizione della berretta e come mostra il colore rosso degli abiti che indossate”. (Benedetto XVI) 

Angelo Nocent - CresimaOggi sono qui a sottoscrivere nuovamente il mandato ricevuto nel giorno della CRESIMA

Probabilmente allora ero stato suggestionato dal vescovo  IGNAZIO DI ANTIOCHIA,  che al martirio aspirava senza mezzi termini:

ignazio di antiochiaD’un’altra cosa poi si raccomandava, scrivendo particolarmente ai cristiani di Roma: di non intervenire in suo favore e di non tentare neppure di salvarlo dal martirio.

“Io guadagnerei un tanto – scriveva – se fossi in faccia alle belve, che mi aspettano. Spero di trovarle ben disposte. Le accarezzerei, anzi, perché mi divorassero d’un tratto, e non facessero come a certuni, che han timore di toccarli: se manifestassero queste intenzioni, io le forzerei “.

E a chi s’illudeva di poterlo liberare, implorava: ” Voi non perdete nulla, ed io perdo Iddio, se riesco a salvarmi. Mai più mi capiterà una simile ventura per riunirmi a Lui. Lasciatemi dunque immolare, ora che l’altare è pronto! Uniti tutti nel coro della carità, cantate: Dio s’è degnato di mandare dall’Oriente in Occidente il Vescovo di Siria! “.

Infine prorompeva in una di quelle immagini che sono rimaste famose nella storia dei Martiri: ” Lasciatemi essere il nutrimento delle belve, dalle quali mi sarà dato di godere Dio. Io sono frumento di Dio. Bisogna che sia macinato dai denti delle belve, affinché sia trovato puro pane di Cristo “.

E, giunto a Roma, nell’anno 107, il Vescovo di Antiochia fu veramente  “macinatodalle innocenti belve del Circo, per le quali il Martire trovò espressioni di una insolita tenerezza e poesia: “Accarezzatele, scriveva infatti, affinché siano la mia tomba e non faccian restare nulla del mio corpo, e i miei funerali non siano a carico di nessuno “.


San_Filippo_Neri_ritratto_Conca

Ricordate?

Scrupoli e malinconia,  fuori da casa mia !

 

In realtà, mi aveva colpito questa immagine di SAN FILIPPO NERI, il prete che aveva radunato attorno a sé un gruppo di ragazzi di strada, avvicinandoli alle celebrazioni liturgiche e facendoli divertire, cantando e giocando senza distinzioni tra maschi e femmine, in quello che sarebbe, in seguito, divenuto l’Oratorio e che sarebbe anche diventato cardinale.

Spesso si dimentica che nello stesso periodo, si occupò degli infermi, abbandonati a sé stessi o affidati a pochi volontari, negli ospedali di San Giovanni e Santo Spirito nonché dei poveri nella confraternita della Carità, istituita da papa Clemente VII e nell’oratorio del Divino Amore.

E poi, essendosi fatto sempre più intenso il suo apostolato nei confronti dei bisognosi, tanti dei quali costretti a dormire in rifugi di fortuna, decise su consiglio di Persiano Rosa, suo padre spirituale, di fondare la cosiddetta Confraternita della Trinità, creata appunto per accogliere e curare viandanti, pellegrini e povera gente dei borghi romani.

spirito santo. fuoco

Nella sua biografia c’è  un aneddoto significativo che fa bene al cuore:

“Secondo la tradizione nel 1544, e precisamente nel giorno della Pentecoste, in preghiera presso le catacombe si San Sebastiano, Filippo Neri fu preda di uno straordinario avvenimento (secondo il santo un’effusione di Spirito Santo) che gli causò una dilatazione del cuore e delle costole, evento scientificamente attestato dai medici dopo la sua morte. Molti testimonieranno di aver visto spesso il cuore tremargli nel petto e che, a contatto con esso, si avvertiva uno strano calore”.

Gufo nella notte 2628409535

Nel nostro piccolo, cosa possiamo fare ?

Ognuno chieda allo Spirito Santo la dilatazione del cuore e della fantasia. E domandi anche “occhi di gufo” per vedere nel buio della notte.

1-1-Music1
San_Filippo_Neri

Catacombe

Catacombe di San Sebastiano

bergoglio_giovanni_paolo_ii-770x522-580x393

Giovanni Paolo II e il Card. Bergoglio

Nocent Angelo
Ogni tanto, indossatevi qualcosa di rosso per evocare la Passio Christi, IL MARTIRIO DEL CROCIFISSO.

E poi, la strage degli innocenti, santo Stefano, protomartire, i martiri Pietro e Paolo, Ignazio… e, via via, quelli di tutti i tempi, fino ai giorni nostri…

Ecce Homo“Toltegli le vesti gli gettarono addosso un manto scarlatto e, intrecciata una corona di spine,la posero sulla sua testa con una canna nella destra” (Marco 15,16-20)

Se non al  martirio di sangue, a quello del cuore, come Maria, siamo tutti chiamati.

Crocifisso e AddolorataIl martirio della Vergine viene celebrato tanto nella profezia di Simeone, quanto nella storia stessa della passione del Signore. Egli è posto, dice del bambino Gesù il santo vegliardo, quale segno di contraddizione, e una spada, dice poi rivolgendosi a Maria, trapasserà la tua stessa anima (cfr. Lc 2, 34-35).

Dai «Discorsi» di san Bernardo, abate. 

Aspirantato FBF - 8 Dic. 1953 b

Il Cresimato a 11 anni

Aspirantato FBF - 8 Dic. 1953 c

Nello studio del mio “Don” (Don Claudio Privileggi)

Cervignano del Friuli - San Michele arc.1

La mia chiesa parrocchiale ieri

Cervignano del Friuli - Vecchia Parrocchiale San Michele 01Oggi

Angelo Nocent - CresimaOgni tanto fa bene ritornare sui propri passi. Ripensare, ad esempio, a quel giorno in cui ci sono state imposte le mani dal Vescovo che ha invocato il dono dello Spirito Santo su di noi, che è venuto e ci ha resi una pietra viva in quella dimora di Dio in mezzo agli uomini che è la Chiesa, disponibili per le grandi opere di Dio e per i suoi disegni su di noi. Ognuno ha le sue vecchie foto e fa bene a riprenderle in mano per ringraziare…

Fonte battesimale - Chiesa madre di Cervignano

Il fonte battesimale dove sono stato rigenerato.

E penso al dono di Dio…

1214 Lo si chiama Battesimo dal rito centrale con il quale è compiuto: battezzare significa « tuffare », « immergere »; l’« immersione » nell’acqua è simbolo del seppellimento del catecumeno nella morte di Cristo, dalla quale risorge con lui,6 quale « nuova creatura » (2 Cor 5,17; Gal 6,15).

1215 Questo sacramento è anche chiamato il « lavacro di rigenerazione e di rinnovamento nello Spirito Santo » (Tt 3,5), poiché significa e realizza quella nascita dall’acqua e dallo Spirito senza la quale nessuno « può entrare nel regno di Dio » (Gv 3,5).

1216 « Questo lavacro è chiamato illuminazione, perché coloro che ricevono questo insegnamento [catechistico] vengono illuminati nella mente ».7 Poiché nel Battesimo ha ricevuto il Verbo, « la luce vera che illumina ogni uomo » (Gv 1,9), il battezzato, dopo essere stato « illuminato »,8 è divenuto « figlio della luce »9 e « luce » egli stesso (Ef 5,8):

II Battesimo « è il più bello e magnifico dei doni di Dio. [...] Lo chiamiamo dono, grazia, unzione, illuminazione, veste d’immortalità, lavacro di rigenerazione, sigillo, e tutto ciò che vi è di più prezioso. Dono, poiché è dato a coloro che non portano nulla; grazia, perché viene elargito anche ai colpevoli; Battesimo, perché il peccato viene seppellito nell’acqua; unzione, perché è sacro e regale (tali sono coloro che vengono unti); illuminazione, perché è luce sfolgorante; veste, perché copre la nostra vergogna; lavacro, perché ci lava; sigillo, perché ci custodisce ed è il segno della signoria di Dio ». San Gregorio Nazianzeno, Oratio 40, 3-4 (Catechismo Chiesa Cattolica)

Cuore nuovo

  

Salmo 84

         (83) Nostalgia di Dio
2Quanto mi è cara la tua casa,

Dio dell’universo!
3Mi consumano nostalgia e desiderio
del tempio del Signore.
Mi avvicino al Dio vivente,
cuore e sensi gridano di gioia.

4- 5All’ombra dei tuoi altari,
Signore onnipotente,
anche il passero trova un rifugio
e la rondine un nido
dove porre i suoi piccoli.
Mio re, mio Dio,
felice chi sta nella tua casa:
potrà lodarti senza fine.

6Felici quelli che hanno in te la loro forza:
camminano decisi verso Sion.
7Quando passano per la valle deserta
la rendono un giardino
benedetto dalle prime piogge.
8Camminano, e cresce il loro vigore
finché giungono a Dio, in Sion.
9Signore, Dio dell’universo,
accogli la mia preghiera,
ascolta, Dio di Giacobbe.
10Tu sei il nostro difensore
proteggi il re che hai consacrato.
11Meglio per me un giorno nella tua casa
che mille altrove;
meglio restare sulla soglia del tuo tempio
che abitare con chi ti odia.

12Un sole e uno scudo tu sei,
Signore, mio Dio.
Tu concedi misericordia, onore e gioia
a chi cammina nella tua volontà.
13Beato l’uomo che ha fiducia in te,
Signore, Dio dell’universo!Cuore

 

03 Mirasole logo scudo


esporta2-001

 

 

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 3 commenti

GLOBULI ROSSI – LE CARTOLINE DELLO SPIRITO – Angelo Nocent

1-40 mo matrimonio 20131-Globuli Rossi-001

1-Downloads831-Globuli Rossi Company11

Cuore - Spirito Santo

1-Spirito Santo vento

10489933_10202708147284638_1008479999290605898_n

1-Downloads77 1-risveglio

E’ un’abitudine che mi ha suggerito un sacerdote prima di andare in Paradiso.
L’altro giorno, invece, durante la Confessione, un vecchio sacerdote mi ha detto:

“Quando fai il segno della Croce, ricordati che stai benedicendo il mondo!”


BUON GIORNO, SPIRITO SANTO,
UN SEGNO DI CROCE,
E TUTTO S’ILLUMINA D’IMMENSO!

passaparolaPASSAPAROLA !

1-Scan10039

280.”Per mantenere vivo l’ardore missionario occorre una decisa fiducia nello Spirito Santo, perché Egli «viene in aiuto alla nostra debolezza» (Rm 8,26). Ma tale fiducia generosa deve alimentarsi e perciò dobbiamo invocarlo costantemente. Egli può guarirci da tutto ciò che ci debilita nell’impegno missionario.

È vero che questa fiducia nell’invisibile può procurarci una certa vertigine: è come immergersi in un mare dove non sappiamo che cosa incontreremo. Io stesso l’ho sperimentato tante volte. Tuttavia non c’è maggior libertà che quella di lasciarsi portare dallo Spirito, rinunciando a calcolare e a controllare tutto, e permettere che Egli ci illumini, ci guidi, ci orienti, ci spinga dove Lui desidera.

Egli sa bene ciò di cui c’è bisogno in ogni epoca e in ogni momento. Questo si chiama essere misteriosamente fecondi!”

Vieni, vieni, Spirito d’amore,
ad insegnar le cose di Dio.
Vieni, vieni, Spirito di pace
a suggerir le cose che Lui ha detto a noi.

Globuli Rossi companyModelli

10492243_10202672860522491_4113234708595094608_n

 10489829_10202689623901565_2010224847402748742_nGiardino fiorito

1-Spirito - Orfani

1-Vieni Signore Gesù

Pubblicato in APPUNTI - Angelo Nocent, GLOBULI ROSSI - CARTOLINE DELLO SPIRITO, GLOBULI ROSSI COMPANY | Lascia un commento

«VIVERE I GIORNI FERIALI CON IL CUORE DELLA FESTA» – C.M. Martini

Carlo Maria Martini - Credo la vita eterna

L’angoscia della morte e l’audacia della speranza

Una riflessione con Carlo Maria Martini sull’ultimo articolo del Credo

di Robert Cheaib

ROMA, sabato, 20 ottobre 2012 (ZENIT.org).

Carlo Maria Martini 14- «Vi sono molti modi di rifiutare il Padre e il cammino verso di lui. Il più comune (e il più nascosto nell’inconscio) è di rifiutare la morte».

È lapidario Carlo Maria Martini quando parla del senso dell’atteggiamento umano nei confronti della morte. Essa non è un fatto da comprendere soltanto come un’evenienza fisiologica. La morte fa parte del destino umano (e in questo senso ha ragione Heidegger a definire l’uomo come Essere-per-la-morte come Sein zum Tode). Il giorno della morte è – nelle parole del cardinale che riprende sant’Ignazio d’Antiochia nella sua lettera ai romani – il giorno della nostra nascita.

Tutti muoiono e la morte è il regno del silenzio, ma ci sono morti che squarciano il velo e parlano della vita, la vita vera. Così la morte di Gesù parla della sua figliolanza. Il centurione vedendolo morire così esclamò: «questi era veramente il figlio di Dio». Anche la morte di Martini, accostata con un graduale ritiro nel silenzio della preghiera e della preparazione all’incontro con il Signore, è profetica… parla…

Oltre alla sua vita, il Cardinale ha parlato anche della morte, della sua realtà, dei suoi contorni. Le edizioni San Paolo offrono una raccolta di interventi del Cardinal Carlo Maria Martini che gravitano intorno all’ultimo articolo del Credo: Credo la vita eterna. Le meditazioni e le riflessioni rispecchiano l’inconfondibile stile del Cardinale che sa intrecciare felicemente intuizione esistenziale, ermeneutica biblica e afflato ignanziano.

Martini traccia un cammino di riflessione intorno ai temi del morire, della morte di Cristo e della sua risurrezione, dei novissimi, e della «piccola sorella» tra le virtù teologali (come chiama Charles Péguy la speranza). Tale cammino, intorno a temi spesso taciuti, sviati, temuti e repressi come la morte, l’avvicinarsi della fine punta a vederne i contorni umani legittimi di angoscia, sgomento, paura, senso di smarrimento, per aprire un varco di discernimento dall’interno della vita umana e dall’annuncio della speranza insito nella parola di Dio.

Gesù e la morte: un faccia a faccia

La riflessione del Cardinale prende le mosse dalla paura della morte, che è un istinto ineliminabile, «un fatto essenziale, brutto, in qualche modo ineliminabile; ed è garanzia di vivere, perché mobilita gli istinti di conservazione, di resistenza, di aggressività vitale. Non si può combattere la paura della morte con il ragionamento, perché scatta da sé, è invincibile» (18-19).

Non possiamo fare finta che questo sentimento non esista. E non possiamo, con un preteso spiritualismo, dimenticarci di essere incarnati. Gesù stesso attraversò la paura e l’angoscia della morte: «La mia anima è triste fino alla morte» (Cf. Mc 14,34). Una paura così forte da essere mortale.

Vivere è anche imparare ad aprirsi al mistero, al quale la morte fa come da sentinella. Vivere è anche imparare a morire. La morte, infatti, è «l’ultimo atto di tanti drammi di cui l’uomo è protagonista: malattia, vecchiaia, soprattutto se accompagnata da acciacchi e solitudine, stanchezza, esaurimenti nervosi, perdita del gusto del lavoro, degli incontri, della natura; […] Sono tutte forme di anticipazione della morte e per questo le viviamo con paura, con orrore, vorremmo che non fossero» (19).

Gesù nell'orto degli uliviGesù riconosce di essere turbato e supera la paura attraversandola con un’insistente preghiera. (cf. Lc 22,43). La lettera agli Ebrei afferma riguardo a Cristo: «Egli offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito» (Eb 5,7). Gesù non fu esaudito con la liberazione dalla morte, ma con il conforto che gli ha permesso di superare la paura (25). «Gesù supera il timore della morte a caro prezzo; lo supera affrontandolo, pregando e lasciandosi confortare da Dio; lo supera uscendone perfezionato» (26).

La vicenda di Gesù ci conferma sul senso e sulla correlazione tra vita e morte. Un senso che risplende e s’invera con i bagliori del mattino di Pasqua. La correlazione è formulata da Giuliano Vigini, curatore del volume, così: «Se nascere vuol dire essere chiamati a un destino eterno, morire è andare incontro al compimento di tale destino».

Sorella morte

È dall’esperienza di Gesù che i santi e i martiri attingono le forze per affrontare la paura della morte. Abbiamo tantissimi esempi di un simile coraggio nella storia del cristianesimo nell’affrontare «sorella morte» (san Francesco) e nel «morire di non morire» (Teresa d’Avila). Ma già dai tempi apostolici abbiamo il superamento della paura della morte attestato dagli apostoli e dai primi martiri e che vediamo stigmatizzato nelle parole di Paolo: «Per me il vivere è Cristo e il morire un guadagno».

Un esempio lampante del pathos dell’amore che sconfigge la paura dalla morte è quello di sant’Ignazio d’Antiochia che considera la morte come momento della sua nascita: «È meglio per me morire per Gesù Cristo che estendere il mio impero fino ai confini della terra […]. È vicino il momento della mia nascita. Lasciate che io raggiunga la pura luce; giunto là, sarò veramente uomo. Lasciate che io imiti la passione del mio Dio. Vi scrivo che desidero morire. Ogni mio desiderio terreno è crocifisso e non c’è più in me fiamma alcuna per la materia, ma un’acqua viva mormora dentro di me e mi dice: Vieni al Padre». Il superamento della paura dalla morte è per il Poverello d’Assisi «la letizia perfetta».

Contemplando la vita dei santi ci si accorge però di un elemento fondamentale: il superamento della paura della morte non è uno sforzo umano, non è neppure un’acquisizione intellettuale o comportamentale, è frutto di un incontro con il Dio vivo, con il Cristo morto e risorto. Il superamento della paura della morte non è un’invenzione umana ma frutto di un’invocazione divina. Per riceverla non bisogna solo pensare, ma pregare con il cuore. «Passione di Cristo, confortami. Non permettere che mi separi da te. Dal maligno nemico difendimi. Nell’ora della morte chiamami e comandami di venire a te per lodarti con i santi in eterno».

La vita celata nella morte

Ma come abbiamo già anticipato all’inizio, la morte non è solo un fatto, essa è l’epilogo di un cammino e la porta d’accesso a un incontro, è l’ultimo e radicale atto di fede nell’amore di Dio e il definitivo affidamento alle/nelle braccia del Padre di Gesù Cristo. Intesa così, fa meno meraviglia l’attesa vissuta dai santi di quel giorno. Ognuno muore da solo e per se stesso, ma fare questo cammino nella fede, lo rende – nella difficoltà e innaturalità del morire che permane! – un incamminarsi verso un incontro, l’Incontro per eccellenza.

Così – per redimere la definizione Heideggeriana – l’uomo non è un essere per la morte ma un essere per l’Incontro, per l’unione con Dio. La morte è la via di passaggio verso la speranza della risurrezione che a sua volta è «la morte e risurrezione delle speranze umane» che dimostra «la miopia di tutto ciò che è meno di Dio e al tempo stesso fonda il valore di ogni gesto di amore autentico» (68). Vivere questa coscienza della morte diventa un impegno nuziale di attesa, di speranza e di preparazione del cuore. È – per usare un’espressione di Martini – «vivere i giorni feriali con il cuore della festa».

La festa che attraversa la morte superandola si fonda nell’evento pasquale di morte e risurrezione di Gesù che vive il morire come «consegna» dello Spirito nelle mani del Padre e accoglie la risurrezione come «ri-consegna» da parte del Padre dello stesso Spirito (cf. Rm 1,4). Così, il senso che l’evento pasquale dà alla morte non è teorico, non è un pensierino pio… Gesù non offre risposte ma si offre come presenza, come custodia, come grembo del dolore che raccoglie, feconda e fa germogliare la speranza celata dal buio dell’ignoto e irrigata dalle lacrime amare dell’assenza. Gesù «ci invita a entrare nel cuore del Figlio che si abbandona al Padre e a sentirci così dentro il mistero stesso della Trinità» (90).

Allora Martini tira le conclusioni sull’intreccio della storia e dell’eternità: «l’eternità, la vita nuova e definitiva è già entrata, con la morte e risurrezione di Gesù, nella mia esperienza. È da me vissuta, qui e adesso, nell’indistruttibilità dei gesti che compio: di amore, fedeltà, perdono, amicizia, onestà, libertà responsabile» (122).

Raddrizzando le categorie del morire, rilegge i «Novissimi» al di là degli abusi terroristici impiantati erroneamente nel nostro immaginario religioso. Dell’inferno ad esempio dice: «L’inferno, in quanto possibilità radicale, evidenzia la dignità suprema della vita umana, il valore sommo della vigilanza e la tragicità del male; proprio per questo e in tutto questo evidenzia l’amore del Dio che, creandoci senza di noi, non ci salverà senza di noi. Egli, infatti, che ci ha amato quando ancora eravamo peccatori, rimarrà separato da noi solo se noi ci ostineremo nell’essere separati da lui» (135).

Nel ricordo dell’amato Cardinale, la lettura di queste pagine assumono – oltre alla carica inimitabile di semplice profondità alla quale ci aveva abituato Martini – un carattere emotivo, testimoniale e prospettico.

  • Emotivo perché sentiamo ancora l’eco della parola di evangelizzatore instancabile, e cosa sarebbe il vangelo se non fosse soprattutto annuncio dell’Amore più forte della morte?!
  • Testimoniale perché traduce in parole udibili la fede silente con la quale il Cardinale visse il suo transito.
  • Prospettico perché lo sguardo che attraversa la morte è invitato a non soffermarsi sulla «malinconia del tempo inesorabilmente passato […] figlia dell’incredulità e madre della disperazione» ma a vivere il presente e la storia con lo sguardo rivolto a Cristo, nostra speranza e nostra vita.

Carlo-Maria-Martini - La salma in Duomo  Carlo Maria Martini - La tomba in duomo 2Carlo Maria Martini benedice con l'Evangelario

Anima Christi

È possibile acquistare il libro seguendo questo link:
http://www.amazon.it/Credo-vita-eterna-Carlo-Martini/dp/8821576779/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1350737842&sr=8-1&tag=zenilmonvisda-21 (20 Ottobre 2012) © Innovative Media Inc.

Pubblicato in CATTEDRA DEI SOFFERENTI | 3 commenti