BIBBIA INTERCONFESSIONALE GIAPPONESE – VANGELO SECONDO MATTEO – Angelo Nocent

Oggi si ralizza un sogno coltivato a lungo: poter annunciare il Vangelo in lingua Giapponese. Per il momento,  è il turno dell’evangelista MATTEO. Gli altri seguiranno.

E’ un piccolo ma prezioso sussidio di translitterazione inWāpuro rōmaji”, ossia con la scrittura romanizzata, utile a chi non è in grado di leggere gli ideogrammi giapponesi.

Non mi resta che invocare lo Spirito:

O Signore, che io compia questa Liturgia della Parola  nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo:

  • Apri, Signore, + la mia bocca affinché benedica il tuo santo Nome;
  • purifica il mio cuore da ogni pensiero vano, perverso o estraneo:
  • illumina il mio intelletto, 
  • infiammami d’amore per te,
  • affinché possa annunziare questo Vangelo in  modo degno, attento e devoto,
  • e il mio annuncio raggiunga il cuore di coloro che si apprestano ad accogliere la Buona Notizia che sei Tu, Gesù salvatore.
  • Il Tuo  santo Nome sia benedetto nei secoli. AMEN.
  • Se è nei tuoi disegni, Signore,  fai approdare sui questi lidi che un giorno videro sbarcare FRANCESCO SAVERIO, con il Vangelo nel cuore e la profezia nello sguardo,  giovani donne e uomini con gli ideali dei GLOBULI ROSSI:  “Andate…annunciate…guarite…” (Mt. 10, 5 ss).
  •  “O Signore  Gesù tu percorrevi città e villaggi, insegnavi nelle sinagoghe e annunziavi il regno di Dio, guarivi tutte le malattie e tutte le sofferenze.
  • Vedendo le folle Tu hai provato compassione, perché erano stanche e scoraggiate, come  pecore che non hanno un pastore.
  • Allora dicesti ai discepoli: “La messe da raccogliere è molta, ma gli operai sono pochi.  Pregate dunque il padrone del campo perché mandi operai a raccogliere la sua messe”. (Mt 9, 35-38)
  • Per questo, o Padrone del campo,  noi ti supplichiamo: “Manda operai a raccogliere la Tua messe”.
  • Jube, Domine, benedicere.
  • Degnati, Signore, di benedirmi.
  • Dominus sit in corde meo, et in labiis meis ut digne et
    competenter annuntiem evangelium suum . AMEN
  • Il Signore sia nel mio cuore e sulle mie labbra affinché possa annunciare degnamente e con competenza il Suo Vangelo. Amen.

Vangelo secondo Matteo. –  Lode a Te o Cristo!

Matai ni yoru fukuin.  – Shu ni eikô.

CAP. 1

1 Aburahamu no kodearu dabide no ko, iesu kirisuto no keizu.

  • 2 Aburahamu wa isaku no chichideari,
  • isaku wa yakobu no chichi,
  • yakobu wa yuda to sono kyōdai-tachi to no chichi,
  • 3 Yuda wa tamaru niyoru paresu to zara to no chichi,
  • paresu wa esuron no chichi,
  • esuron wa aramu no chichi,
  • 4 Aramu wa aminadabu no chichi,
  • aminadabu wa naason no chichi,
  • naason wa sarumon no chichi,
  • 5 Sarumon wa rahabu niyoru boazu no chichi,
  • boazu wa rutsu niyoru obede no chichi,
  • obede wa essai no chichi,
  • 6 Essai wa dabide-ō no chichi deatta.
  • Dabide wa uriya no tsuma niyoru soromon no chichideari,
  • 7 Soromon wa  rehabeamu no chichi,
  • rehabeamu wa abiya no chichi,
  • abiya wa asa no chichi,
  • 8 Asa wa yosapate no chichi,
  •  yosapate wa yoramu no chichi,
  • yoramu wa ujiya no chichi,
  • 9 Ujiya wa yotamu no chichi,
  • yotamu wa ahazu no chichi,
  • ahazu wa hizekiya no chichi,
  • 10 Hizekiya wa manase no chichi,
  •  manase wa amon no chichi,
  • amon wa yoshiya no chichi,
  • 11 Yoshiya wa babiron e utsusa reta koro, ekoniya to sono kyōdai-tachi to no chichi to natta.
  • 12 Babiron e utsusa reta nochi, ekoniya wa sarateru no chichi to natta.
  • Sarateru wa zorobaberu no chichi,
  • 13 Zorobaberu wa abiude no chichi,
  • abiude wa eriyakimu no chichi,
  • eriyakimu wa azoru no chichi,
  • 14 Azoru wa sadoku no chichi, s
  • adoku wa akimu no chichi,
  •  akimu wa eriude no chichi,
  • 15 Eriude wa ereazaru no chichi,
  • ereazaru wa matan no chichi,
  • matan wa yakobu no chichi,
  • 16 Yakobu wa mariya no otto yosefu no chichideatta.
  • Kono mariya kara kirisuto to iwa reru iesu ga o umare ni natta.
  • 17Dakara, aburahamu kara dabide made no dai wa awasete jū yon-dai,
  • dabide kara babiron e utsusa reru made wa jū yon-dai,
  • soshite, babiron e utsusa rete kara kirisuto made wa jū yon-daidearu.
  • 18 Iesu kirisuto no tanjō no shidai wa kōdeatta.
  • Haha mariya wa yosefu to kon’yaku shite itaga, mada issho ni naranai mae ni, seirei niyotte miomo ni natta.
  • 19 Otto yosefu wa tadashii hitodeattanode, kanojo no koto ga ōyake ke ni naru koto o konomazu, hisoka ni rien shiyou to kesshin shita.
  • 20 Kare ga kono koto o omoimegurashite ita toki,-nushi no-shi ga yume ni arawarete itta,`dabide no ko yosefu yo, shinpai shinaide mariya o tsuma toshite mukaeruga yoi. Sono tainai ni yadotte iru mono wa seirei niyoru Nodearu. 21 Kanojo wa otokonoko o umudearou. Sono na o iesu to nazuke nasai. Kare wa, onore no min o sono moromoro no tsumi kara sukuu mono to narukaradearu’. 22 Subete korera no koto ga okotta no wa,-nushi ga yogen-sha niyotte iwa reta koto no jōju suru tamedearu. Sunawachi, 23 `Miyo, otome ga migomotte otokonoko o umudearou. Sono na wa inmanueru to yoba rerudearou’. Kore wa,`-shin ware-ra totomoni imasu’ toyuu imidearu.
  • 24 Yosefu wa nemuri kara sameta nochi ni,-nushi no-shi ga meijita tōri ni, mariya o tsuma ni mukaeta.
  • 25 Shikashi,-ko ga umareru made wa, kanojo o shiru koto wa nakatta. Soshite, sono ko o iesu to nazuketa.

VERSIONE ITALIANA

Gesù Cristo è discendente di Davide, il quale a sua volta è discendente di Abramo. Ecco l’elenco degli antenati della sua famiglia:

  • 2Abramo fu il padre di Isacco;
  • Isacco di Giacobbe;
  • Giacobbe di Giuda e dei suoi fratelli;
  • 3Giuda fu il padre di Fares e Zara (loro madre fu Tamar);
  • Fares di Esrom;
  • Esrom di Aram;
  • 4Aram fu il padre di Aminadàb;
  • Aminadàb di Naassòn;
  • Naassòn di Salmòn:
  • 5Salmòn fu il padre di Booz (la madre di Booz fu Racab);
  • Booz fu il padre di Obed (la madre di Obed fu Rut);
  • Obed fu il padre di Iesse;
  • 6Iesse fu il padre di Davide.
  • Davide fu il padre di Salomone (la madre era stata moglie di Urìa);
  • 7Salomone fu il padre di Roboamo;
  • Roboamo di Abìa;
  • Abìa di Asàf;
  • 8Asàf fu il padre di Giòsafat;
  • Giòsafat di Ioram;
  • Ioram di Ozia;
  • 9Ozia fu il padre di Ioatam;
  • Ioatam di Acaz;
  • Acaz di Ezechia;
  • 10Ezechia fu il padre di Manàsse;
  • Manàsse di Amos;
  • Amos di Giosia;
  • 11Giosia fu il padre di Ieconia e dei suoi fratelli, al tempo in cui il popolo d’Israele fu deportato in esilio a Babilonia.
  • 12Dopo l’esilio a Babilonia, Ieconia fu il padre di Salatiel;
  • Salatiel fu il padre di Zorobabèle;
  • 13Zorobabèle fu il padre di Abiùd;
  • Abiùd di Elìacim;
  • Elìacim di Azor;
  • 14Azor fu il padre di Sadoc;
  • Sadoc di Achim;
  • Achim di Eliùd;
  • 15Eliùd fu il padre di Eleàzar;
  • Eleàzar di Mattan;
  • Mattan di Giacobbe;
  • 16Giacobbe fu il padre di Giuseppe;
  • Giuseppe sposò Maria e Maria fu la madre di Gesù, chiamato Cristo.
  • 17Dunque da Abramo a Davide ci sono quattordici generazioni;
  • dal tempo di Davide fino all’esilio di Babilonia ce ne sono altre quattordici;
  • infine, dall’esilio in  Babilonia fino a Cristo ci sono ancora quattordici generazioni.
Come nacque Gesù (vedi Luca 2, 1-7)

Ecco come è nato Gesù Cristo. Maria, sua madre, era fidanzata con Giuseppe; essi non vivevano ancora insieme, ma lo Spirito Santo agì in Maria ed ella si trovò incinta. 19 Ormai Giuseppe stava per sposarla. Egli voleva fare ciò che era giusto, ma non voleva denunziarla di fronte a tutti. Allora decise di rompere il fidanzamento, senza dire niente a nessuno.

18Ci stava ancora pensando, quando una notte in sogno gli apparve un angelo del Signore e gli disse: “Giuseppe, discendente di Davide, non devi aver paura di sposare Maria, la tua fidanzata: il bambino che lei aspetta è opera dello Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu gli metterai nome Gesù, perché lui salverà il suo popolo da tutti i suoi peccati”.

22E così si realizzò quel che il Signore aveva detto per mezzo del profeta Isaia:

  • 23Ecco, la vergine sarà incinta,
  • partorirà un figlio ed egli sarà chiamato Emmanuele.
  • Questo nome significa: “Dio è con noi”.

24Quando Giuseppe si svegliò, fece come l’angelo di Dio gli aveva ordinato e prese Maria in casa sua.

25E senza che avessero avuto fin allora rapporti matrimoniali, Maria partorì il bambino e Giuseppe gli mise nome Gesù.

CAP. 2

1 Iesu ga herode-ō no dai ni, yudaya no betsurehemu de o umare ni natta toki, miyo, higashi kara kita hakase-tachi ga erusaremu ni tsuite itta, 2 `Yudaya-jin no ō toshite o umare ni natta kataha, doko ni ora remasu ka. Watashi-tachi wa higashi no hō de sono hoshi o mitanode, sono kata o ogami ni kimashita’. 3 Herode-ō wa kono koto o kiite fuan o kanjita. Erusaremu no hitobito mo mina, dōyōdeatta. 4 Soko de ō wa saishi-chō-tachi to min no ritsu-hō gakusha-tachi to o zenbu atsumete, kirisuto wa doko ni umareru no ka to, karera ni toitadashita. 5 Karera wa ō ni itta,`sore wa yudaya no betsurehemudesu. Yogen-sha ga kō shirushite imasu, 6“Yuda no chi, betsurehemu yo, omae wa yuda no kimitachi no naka de, kesshite mottomo chīsai monode wa nai. Omae no naka kara hitori no kimi ga dete, waga min isuraeru no bokusha to narudearou”’. 7 Soko de, herode wa hisoka ni hakase-tachi o yonde,-boshi no arawareta toki nitsuite kuwashiku kiki, 8 Karera o betsurehemu ni tsukawashite itta,`itte, sono yōna ko no koto o kuwashiku shirabe, mitsukattara watashi ni shirasete kure. Watashi mo ogami ni ikukara’. 9 Karera wa ō no iu koto o kiite dekakeru to, miyo, karera ga tōhō de mita hoshi ga, karera yori saki ni susunde, yōna ko no iru tokoro made iki, sono ue ni todomatta. 10 Karera wa sono hoshi o mite, hijōna yorokobi ni afureta. 11 Soshite,-ka ni wa itte, haha mariya no soba ni iru yōna ko ni ai, hirefushite ogami, mata, takara no hako o akete, ōgon nyūkō motsuyaku nado no okurimono o sasageta. 12 Soshite, yume de herode no tokoro ni kaeru na to nomi tsuge o uketanode, ta no michi o tōtte jibun no kuni e kaette itta. 13 Karera ga kaette itta nochi, miyo,-nushi no-shi ga yume de yosefu ni arawarete itta,`tatte, yōna ko to sono haha o tsurete, ejiputo ni nige nasai. Soshite, anata ni shiraseru made, Soko ni todomatte i nasai. Herode ga yōna ko o sagashidashite, korosou to shite iru’. 14 Soko de, yosefu wa tatte, yoru no ma ni yōna ko to sono haha to o tsurete ejiputo e iki, 15 Herode ga shinu made soko ni todomatte ita. Sore wa,-nushi ga yogen-sha niyotte `ejiputo kara wagako o yobidashita’ to iwa reta koto ga, jōju suru tamedearu. 16 Sate, herode wa hakase-tachi ni damasa reta to shitte, hijō ni rippuku shita. Soshite hitobito o tsukawashi, hakase-tachi kara tashikameta toki ni motozuite, betsurehemu to sono fukin no chihō to ni iru ni-sai ika no otokonoko o, kotogotoku koroshita. 17 Kōshite, yogen-sha eremiya niyotte iwa reta koto ga, jōju shita nodearu. 18 `Sakebi naku ōinaru kanashimi no koe ga/ rama de kikoeta. Rakeru wa sono ko-ra no tame ni nageita.-Ko-ra ga mohaya inainode, nagusame rareru koto sae negawanakatta’. 19 Sate, herode ga shinda nochi, miyo,-nushi no-shi ga ejiputo ni iru yosefu ni yume de arawarete itta, 20 `Tatte, yōna ko to sono haha o tsurete, isuraeru no chi ni ike. Yōna ko no inochi o neratte ita hitobito wa, shinde shimatta’. 21 Soko de yosefu wa tatte, yōna ko to sono haha to o tsurete, isuraeru no chi ni kaetta. 22 Shikashi, akerao ga sono chichi herode ni kawatte yudaya o osamete iru to kiitanode, soko e iku koto o osoreta. Soshite yume de mi tsuge o uketanode, gariraya no chihō ni shirizoki, 23 Nazare toyuu machi ni itte sunda. Kore wa yogen-sha-tachi niyotte,`kare wa nazare-jin to yoba rerudearou’ to iwa reta koto ga, jōju suru tamedearu.

Cap. 3

1 Sono koro, baputesuma no yohane ga araware, yudaya no arano de kyō o sen bete itta, 2 `Kuiaratameyo, tengoku wa chikazuita’. 3 Yogen-sha izaya niyotte,`arano de yobawaru mono no koe ga suru,“-nushi no michi o sonaeyo, sono michisuji o massugu ni seyo”’ to iwa reta no wa, kono hito no kotodearu. 4 Kono yohane wa, rakuda no ke-goro mo o kimono ni shi, koshi ni kawa no obi o shime, inago to no mitsu to o shokumotsu to shite ita. 5 Suru to, erusaremu to yudaya zendo to yorudan fukin ittai no hitobito ga, zokuzoku to yohane no tokoro ni dete kite, 6 Jibun no tsumi o kokuhaku shi, yorudan-gawa de yohane kara baputesuma o uketa. 7 Yohane wa, parisai-jin ya sadokai-jin ga dai ze i baputesuma o ukeyou to shite kita no o mite, karera ni itta,`mamushi no ko-ra yo, sematte kite iru kami no ikari kara, omae-tachi wa no ga Re rareru to, dare ga oshieta no ka. 8Dakara, kuiaratame ni fusawashii mi o musube. 9 Jibun-tachi no chichi ni wa aburahamu ga aru nado to,-shin no naka de omotte mo miru na. Omae-tachi ni itte oku,-shin wa korera no ishikoro kara demo, aburahamu no ko o okosu koto ga dekiru noda. 10 Ono ga sudeni Kinone-moto ni oka rete iru. Dakara, yoi mi o musubanai ki wa kotogotoku kira rete,-hi no naka ni nagekoma reru noda. 11 Watashi wa kuiaratame no tame ni,-sui de omae-tachi ni baputesuma o sazukete iru. Shikashi, watashi no ato kara kuru hito wa watashi yori mo chikara no aru kata de, watashi wa sono kutsu o nugasete ageru neuchi mo nai. Kono kataha, seirei to hi to niyotte omae-tachi ni baputesuma o o sazuke ni narudearou. 12 Mata, mino o te ni motte,-uchi-jō no mugi o furuiwake, mugi wa kura ni osame, kara wa kienai hi de yakisuterudearou’. 13 Sono toki iesu wa, gariraya o dete yorudan-gawa ni araware, yohane no tokoro ni kite, baputesuma o ukeyou to sa reta. 14-Tokoro ga yohane wa, sore o omoitodomara seyou to shite itta,`watashi koso anata kara baputesuma o ukeru hazudesunoni, anata ga watashi no tokoro ni oide ni naru nodesu ka’. 15 Shikashi, iesu wa kotaete iwa reta,`ima wa uke sasete moraitai. Kono yō ni, subete no tadashii koto o jōju suru no wa, wareware ni fusawashii kotodearu’. Sokode yohane wa iesu no iwa reru tōri ni shita. 16 Iesu wa baputesuma o ukeruto sugu,-sui kara agara reta. Suruto, miyo, ten ga ake,-shin no mitama ga hato no yō ni jibun no ue ni kudatte kuru no o, goran ni natta. 17 Mata ten kara koe ga atte itta,`kore wa watashi no aisuru ko, watashi no kokoro ni kanau monodearu’.

CAP. 4

1 Sate, iesu wa mitama niyotte arano ni michibika reta. Akuma ni kokoromi rareru tamedearu. 2 Soshite, yon jū-nichi yon jū-ya, danjiki o shi, sono nochi kūfuku ni nara reta. 3 Suru to kokoromiru mono ga kite itta,`moshi anata ga kami no kodearunara, korera no ishi ga pan ni naru yō ni meijite goran nasai’. 4 Iesu wa kotaete iwa reta,`“-jin wa pan dake de ikiru monode wa naku,-shin no kuchi kara deru hitotsu hitotsu no gen de ikiru monodearu” to kaite aru’. 5 Sore kara akuma wa, iesu o seinaru to ni tsurete iki, miya no chōjō ni tata sete 6 Itta,`moshi anata ga kami no kodearunara,-ka e hi bioritegoran’nasai.“-Shin wa anata no tame ni go-shi-tachi ni o meiji ni naru to, anata no ashi ga ishi ni uchitsuke rarenai yō ni , Karera wa anata o te de sasaerudearou” to kaite arimasukara’. 7 Iesu wa kare ni iwa reta,`“omonaru anata no kami o kokoromite wa naranai” to mata kaite aru’. 8-Ji ni akuma wa, iesu o hijō ni takai yama ni tsurete iki, konoyo no subete no kuniguni to sono eiga to o misete 9 Itta,`moshi anata ga, hirefushite watashi o ogamunara, korera no mono o mina anata ni agemashou’. 10 Suruto iesu wa kare ni iwa reta,`satan yo, shirizoke.“Omonaru anata no kami o hai shi, tada-shin ni nomi tsukaeyo” to kaite aru’. 11 Soko de, akuma wa iesu o hanare sari, soshite, go-shi-tachi ga mi moto ni kite tsukaeta. 12 Sate, iesu wa yohane ga torae rareta to kiite, gariraya e shirizoka reta. 13 Soshite nazare o sari, zeburun to nafutari to no chihō ni aru umi be no machi kapenaumu ni itte sumawa reta. 14 Kore wa yogen-sha izaya niyotte iwa reta gen ga, jōju suru tamedearu. 15 `Zeburun no chi, nafutari no chi, umi ni sou chihō, yorudan no mukō no chi, ihō-jin no gariraya, 16 Ankoku no naka ni sunde iru min wa ōinaru hikari o mi,-shi no chi,-shi no kage ni sunde iru hitobito ni,-kō ga nobotta’. 17 Kono toki kara iesu wa kyō o sen be hajimete iwa reta,`kuiaratameyo, tengoku wa chikazuita’. 18 Sate, iesu ga gariraya no umi be o aruite ora reru to, futari no kyōdai, sunawachi, petero to yoba reta shimon to sono kyōdai andere to ga, umi ni ami o utte iru no o goran ni natta. Karera wa ryōshideatta. 19 Iesu wa karera ni iwa reta,`watashi ni tsuite ki nasai. Anata gata o, ningen o toru ryōshi ni shite ageyou’. 20 Suru to, karera wa sugu ni ami o sutete, iesu ni shitagatta. 21 Soko kara susunde ika reru to, hoka no futari no kyōdai, sunawachi, zebedai no ko yakobu to sono kyōdai yohane to ga, chichi zebedai to issho ni, fune no naka de ami o tsukurotte iru no o goran ni natta. Sokode karera o o maneki ni naru to, 22 Sugu fune to chichi to o oite, iesu ni shitagatte itta. 23 Iesu wa gariraya no zen chi o meguri aruite, sho kaidō de oshie, okuni no fukuin o sen be tsutae,-min no naka no arayuru byōki, arayuru wazurai o oiyashi ni natta. 24 Soko de, sono hyōban wa shiriya zen chi ni hiromari, hitobito ga arayuru yamai ni kakatte iru mono, sunawachi, iroiro no byōki to kurushimi to ni nayande iru mono, akuryō ni tsukarete iru mono, tenkan, chūbu no mono nado o Iesu no tokoro ni tsurete kitanode, korera no hitobito o oiyashi ni natta. 25 Kōshite, gariraya, dekaporisu, erusaremu, yudaya oyobi yorudan no mukō kara, obitadashii gunshū ga kite iesu ni shitagatta.

CAP. 5

1 Iesu wa kono gunshū o mite,-san ni nobori,-za ni tsukareru to, deshi-tachi ga mi moto ni chikayotte kita. 2 Soko de, iesu wa kuchi o hiraki, karera ni oshiete iwa reta. 3 `Kokoro no mazushii hito-tachi wa, saiwaidearu, tengoku wa karera no monodearu. 4 Kanashinde iru hito-tachi wa, saiwaidearu, karera wa nagusame rarerudearou. 5 Nyūwana hito-tachi wa, saiwaidearu, karera wa chi o uke tsugudearou. 6-Gi ni ue kawaite iru hito-tachi wa, saiwaidearu, karera wa aki tariru yō ni narudearou. 7 Awaremi bukai hito-tachi wa, saiwaidearu, karera wa awaremi o ukerudearou. 8 Kokoro no kiyoi hito-tachi wa, saiwaidearu, karera wa kami o mirudearou. 9 Heiwa o tsukuridasu hito-tachi wa, saiwaidearu, karera wa kami no ko to yoba rerudearou. 10-Gi no tame ni hakugai sa rete kita hito-tachi wa, saiwaidearu, tengoku wa karera no monodearu. 11 Watashi no tame ni hitobito ga anata gata o nonoshiri, mata hakugai shi, anata gata nitaishi itsuwatte samazama no waruguchi o iu toki ni wa, anata gata wa, saiwaidearu. 12 Yorokobi, yorokobe, ten nioite anata gata no ukeru mukui wa ōkii. Anata ga tayori mae no yogen-sha-tachi mo, onaji yō ni hakugai sa reta nodearu. 13 Anata gata wa,-chi no shiodearu. Moshi shio no kiki-me ga nakunattara, nani niyotte sono aji ga tori modosa reyou ka. Mohaya, nan no yaku ni mo tatazu, tada-gai ni sute rarete, hitobito ni fumitsuke rareru dakedearu. 14 Anata gata wa, yo no hikaridearu. Yamanoue ni aru machi wa kakureru koto ga dekinai. 15 Mata, Akari o tsukete, sore o masu no shita ni oku mono wa inai. Mushiro shokudai no ue nioite,-ka no naka no subete no mono o Akira sa seru nodearu. 16 Sono yō ni, anata gata no hikari o hitobito no mae ni kagayakashi, soshite, hitobito ga anata gata no yoi oko nai o mite, ten ni imasu anata gata no chichi o agameru yō ni shi nasai. 17 Watashi ga ritsu-hō ya yogen-sha o haisuru tame ni kita, to omotte wa naranai. Hai suru tame de wa naku, jōju suru tame ni kita nodearu. 18 Yoku itte oku. Tenchi ga horobi yuku made wa, ritsu-hō no ichi-ten, ichi-kaku mo sutaru koto wa naku, kotogotoku mattō sa reru nodearu. 19 Soredakara, korera no mottomo chīsai ima shime no hitotsu de mo yaburi, mata sō suru yō ni hito ni oshie tari suru mono wa, tengoku de mottomo chīsai mono to yoba rerudearou. Shikashi, kore o okonai mata sō oshieru mono wa, tengoku de ōinaru mono to yoba rerudearou. 20 Watashi wa itte oku. Anata gata no gi ga ritsu hōgaku-sha ya parisai-jin no gi ni masatte inakereba, kesshite tengoku ni, wa iru koto wa dekinai. 21 Mukashi no hitobito ni“korosu na. Korosu mono wa saiban o ukeneba naranai” to iwa rete ita koto wa, anata gata no kiite iru tokorodearu. 22 Shikashi, watashi wa anata gata ni iu. Kyōdai nitaishite okoru mono wa, dare demo saiban o ukeneba naranai. Kyōdai ni mukatte orokamono to iu mono wa, gikai ni hiki watasa rerudearou. Mata, baka-sha to iu mono wa, jigoku no hi ni nagekoma rerudearou. 23Dakara, saidan ni sonaemono o sasageyou to suru baai, kyōdai ga jibun nitaishite nani ka urami o idaite iru koto o, soko de omoidashitanara, 24 Sono sonaemono o saidan no mae ni nokoshite oki, mazu itte sono kyōdai to wakai shi, sore kara kaette kite, sonaemono o sasageru koto ni shi nasai. 25 Anata o uttaeru mono to issho ni michi o iku toki ni wa, sono tochū de hayaku nakanaori o shi nasai. Sō shinai to, sono uttaeru mono wa anata o saibankan ni watashi, saibankan wa shitayaku ni watashi, soshite, anata wa goku ni ire rarerudearou. 26 Yoku anata ni itte oku. Saigo no ichi kodoranto o shiharatte shimau made wa, kesshite soko kara dete kuru koto wa dekinai. 27“Kan’in suru na” to iwa rete ita koto wa, anata gata no kiite iru tokorodearu. 28 Shikashi, watashi wa anata gata ni iu. Dare demo, jōyoku o idaite on’na o miru mono wa,-shin no naka de sudeni kan’in o shita nodearu. 29 Moshi anata no migi no me ga tsumi o okasa serunara, sore o nukidashite sute nasai. Gotai no ichibu o ushinatte mo, zenshin ga jigoku ni nageire rarenai hō ga, anata nitotte ekidearu. 30 Moshi anata no migi no te ga tsumi o okasa serunara, sore o kitte sute nasai. Gotai no ichibu o ushinatte mo, zenshin ga jigoku ni ochikomanai hō ga, anata nitotte ekidearu. 31 Mata“tsuma o dasu mono wa rien-jō o watase” to iwa rete iru. 32 Shikashi, watashi wa anata gata ni iu. Dare demo, fuhinkō igai no riyū de jibun no tsuma o dasu mono wa, kan’in o okonawa seru nodearu. Mata dasa reta on’na o metoru mono mo, kan’in o okonau nodearu. 33 Mata mukashi no hitobito ni“itsuwari chikau na, chikatta koto wa, subete-nushi nitaishite hatase” to iwa rete ita koto wa, anata gata no kiite iru tokorodearu. 34 Shikashi, watashi wa anata gata ni iu. Issai chikatte wa naranai. Ten o sashite chikau na. Soko wa kami no gozadearukara. 35 Mata chi o sashite chikau na. Soko wa kami no ashi-daidearukara. Mata erusaremu o sashite chikau na. Sore wa“daiō no to”dearukara. 36 Mata, jibun no atama o sashite chikau na. Anata wa kaminoke hitosuji sae, shiroku mo kuroku mo suru koto ga dekinai. 37 Anata gata no kotoba wa, tada, shikari, shikari, ina, ina,dearubekida. Sore ijō ni deru koto wa, aku kara kuru nodearu. 38“Me ni wa me o, ha ni wa ha o” to iwa rete ita koto wa, anata gata no kiite iru tokorodearu. 39 Shikashi, watashi wa anata gata ni iu. Akunin ni temukau na. Moshi, dare ka ga anata no migi no hō o utsunara, hoka no hō o mo mukete yari nasai. 40 Anata o uttaete, shitagi o torou to suru mono ni wa, uwagi o mo atae nasai. 41 Mo shi, dare ka ga, anata o shiite ichi mairu ika seyou to surunara, sono hito totomoni ni mairu iki nasai. 42 Motomeru mono ni wa atae, kariyou to suru mono o kotowaru na. 43“Tonari-jin o aishi, teki o nikume” to iwa rete ita koto wa, anata gata no kiite iru tokorodearu. 44 Shikashi, watashi wa anata gata ni iu. Teki o aishi, hakugai suru mono no tame ni inore. 45 Kōshite, ten ni imasu anata gata no chichi no ko to naru tamedearu. Ten no chichi wa, warui mono no ue ni mo yoi mono no ue ni mo, taiyō o nobora se, tadashii mono ni mo tadashikunai mono ni mo,-u o furashite kudasarukaradearu. 46 Anata gataga jibun o aisuru mono o aishitakara tote, nan no mukui ga arou ka. Sono yōna koto wa to zei-jin demo surude wanai ka. 47 Kyōdai dake ni aisatsu o shitakara tote, nan no sugureta koto o shite irudarou ka. Sono yōna koto wa i hōjin demo shite irude wanai ka. 48 Soredakara, anata gata no ten no chichi ga kanzende ara reru yō ni, anata gata mo kanzen’na mono to nari nasai.

CAP. 6

1 Jibun no gi o, mi rareru tame ni hito no mae de okonawanai yō ni, chūi shi nasai. Moshi,-sō shinai to, ten ni imasu anata gata no chichi kara mukui o ukeru koto ga naidearou. 2Dakara, hodokoshi o suru toki ni wa, gizen-sha-tachi ga hito ni home rareru tame kaidō ya machi no naka de suru yō ni, jibun no mae de rappa o fuki narasu na. Yoku itte okuga, karera wa sono mukui o ukete shimatte iru. 3 Anata wa hodokoshi o suru baai, migi no te no shite iru koto o hidari no te ni shiraseru na. 4 Sore wa, anata no suru hodokoshi ga kakurete iru tamedearu. Suruto, kakureta koto o mite ora reru anata no chichi wa, mukuite kudasarudearou. 5 Mata inoru toki ni wa, gizen-sha-tachi no yō ni suru na. Karera wa hito ni miseyou toshite, kaidō ya ōdōri notsuji ni tatte inoru koto o konomu. Yoku itte okuga, karera wa sono mukui o ukete shimatte iru. 6 Anata wa inoru toki, jibun no heya ni hairi, to o tojite, kakureta tokoro ni oide ni naru anata no chichi ni inori nasai. Suruto, kakureta koto o mite ora reru anata no chichi wa, mukuite kudasarudearou. 7 Mata, inoru baai, ihō-jin no yō ni, kudokudo to inoru na. Karera wa kotoba kazu ga ōkereba, kikiire rareru mono to omotte iru. 8Dakara, karera no mane o suru na. Anata gata no chichinaru kami wa, motomenai saki kara, anata gata ni hitsuyōna mono wa gozonjina nodearu. 9Dakara, anata gata wa kō inori nasai, ten ni imasu ware-ra no chichi yo, gyomei ga agame raremasu yō ni. 10 Okuni ga kimasu yō ni. Mi kokoro ga ten ni okonawa reru tōri,-chi ni mo okonawa remasu yō ni. 11 Watashi-tachi no Nichi-goto no shokumotsu o, kyō mo o atae kudasai. 12 Watashi-tachi ni fusai no aru mono o yurushimashita yō ni, watashi-tachi no fusai o mo o yurushi kudasai. 13 Watashi-tachi o kokoromi ni awa senaide, ashiki mono kara o sukui kudasai. 14 Moshimo, anata gataga, hitobito no ayamachi o yurusunaraba, anata gata no ten no chichi mo, anata gata o yurushite kudasarudearou. 15 Mo shi-jin o yurusanainaraba, anata gata no chichi mo, anata gata no ayamachi o yurushite kudasaranaidearou. 16 Mata danjiki o suru toki ni wa, gizen-sha ga suru yō ni, inkina kaotsuki o suru na. Karera wa danjiki o shite iru koto o hito ni miseyou toshite, jibun no kao o migurushiku suru nodearu. Yoku itte okuga, karera wa sono mukui o ukete shimatte iru. 17 Anata gata wa danjiki o suru toki ni wa, jibun no atama ni abura o nuri,-gao o arai nasai. 18 Sore wa danjiki o shite iru koto ga hito ni shirenaide, kakureta tokoro ni oide ni naru anata no chichi ni shira reru tamedearu. Suruto, kakureta koto o mite ora reru anata no chichi wa, mukuite kudasarudearou. 19 Anata gata wa jibun no tame ni,-chū ga kui, sabi ga tsuki, mata, nusubito-ra ga oshiitte nusumidasu yōna chijō ni, takara o takuwaete wa naranai. 20 Mushiro jibun no tame,-chū mo kuwazu, sabi mo tsukazu, mata, nusubito-ra ga oshiitte nusumidasu koto mo nai ten ni, takara o takuwae nasai. 21 Anata no takara no aru tokoro ni wa,-shin mo arukaradearu. 22-Moku wa karada no Akaridearu. Dakara, anata no me ga sunde oreba, zenshin mo akaruidarou. 23 Shikashi, anata no me ga warukereba, zenshin mo kuraidarou. Dakara, moshi anata no uchinaru hikari ga kurakereba, sono kura-sa wa, don’nadearou. 24 Dare mo, futari no shujin ni kane tsukaeru koto wa dekinai. Ippō o nikunde tahō o aishi, aruiwa, ippō ni shitashinde tahō o utonjirukaradearu. Anata gata wa,-shin to tomi to ni kane tsukaeru koto wa dekinai. 25 Soredakara, anata gata ni itte oku. Nani o tabeyou ka, nani o nomou ka to, jibun no inochi no koto de omoiwazurai, nani o kiyou ka to jibun no karada no koto de omoiwazurau na. Inochi wa shokumotsu ni masari, karada wa kimono ni masarude wanai ka. 26 Sora no tori o miruga yoi. Maku koto mo, karu koto mo sezu, kura ni tori i reru koto mo shinai. Soredanoni, anata gata no ten no chichi wa karera o yashinatte ite kudasaru. Anata gata wa karera yori mo, haruka ni sugureta monode wanai ka. 27 Anata gata no uchi, dare ga omoiwazurattakara tote, jibun no jumyō o wazuka demo nobasu koto ga dekiyou ka. 28 Mata, naze, kimono no koto de omoiwazurau no ka. No no hana ga dōshite sodatte iru ka, kangaete miruga yoi. Hataraki mo sezu, tsumugi mo shinai. 29 Shikashi, anata gata ni iuga, eiga o kiwameta toki no soromon de sae, kono hana no hitotsu hodo ni mo kikazatte wa inakatta. 30 Kyō wa haete ite, asu wa ro ni nageire rareru no no kusa de sae,-shin wa kono yō ni yosootte kudasaru nonara, anata gata ni, sore ijō yoku shite kudasaranai hazu ga arou ka. Ā, shinkō no usui-sha-tachi yo. 31Dakara, nani o tabeyou ka, nani o nomou ka, aruiwa nani o kiyou ka to itte omoiwazurau na. 32 Korera no mono wa mina, ihō-jin ga setsuni motomete iru monodearu. Anata gata no ten no chichi wa, korera no mono ga, kotogotoku anata gata ni hitsuyōdearu koto o gozonjidearu. 33 Mazu kami no kuni to kami no gi to o motome nasai. Sō sureba, korera no mono wa, subete soete atae rarerudearou. 34Dakara, asu no koto o omoiwazurau na. Asu no koto wa, asu jishin ga omoiwazuraudearou. Ichi-nichi no kurō wa, sono hi ichi-nichi dake de jūbundearu.

CAP. 7

1-Nin o sabaku na. Jibun ga sabaka renai tamedearu. 2 Anata gata ga sabaku sono sabaki de, jibun mo sabaka re, anata gata no hakaru sono hakari de, jibun ni mo hakari atae rarerudearou. 3 Naze, kyōdai no me ni aru chiri o minagara, jibun no me ni aru yana o mitomenai no ka. 4 Jibun no me ni wa yana ga aru no ni, dōshite kyōdai ni mukatte, anata no me kara chiri o tora sete kudasai, to ieyou ka. 5 Gizen-sha yo, mazu jibun no me kara yana o torinokeruga yoi. Sō sureba, hakkiri mieru yō ni natte, kyōdai no me kara chiri o torinokeru koto ga dekirudarou. 6 Seinaru mono o inu ni yaru na. Mata shinju o buta ni nagete yaruna. Osoraku karera wa sorera o ashi de fumitsuke,-muki naotte anata gata ni kamitsuite kurudearou. 7 Motomeyo, sō sureba, atae rarerudearou. Sagase, sō sureba, miidasudearou. Mon o tatake, sō sureba, akete moraerudearou. 8 Subete motomeru mono wa toku, sagasu mono wa miidashi,-mon o tataku mono wa akete moraerukaradearu. 9 Anata gata no uchi de, jibun no ko ga pan o motomeru no ni,-seki o ataeru mono ga arou ka. 10 Sakana o motomeru no ni, hebi o ataeru mono ga arou ka. 11 Kono yō ni, anata gata wa warui monodeatte mo, jibun no kodomo ni wa, yoi okurimono o suru koto o shitte iru to sureba, ten ni imasu anata gata no chichi wa naosara, motomete kuru Mono ni yoi mono o kudasaranai koto ga arou ka. 12Dakara, nanigoto de mo hitobito kara shite hoshii to nozomu koto wa, hitobito ni mo sono tōri ni seyo. Kore ga ritsu-hōdeari yogen-shadearu. 13 Semai mon kara haire. Horobi ni itaru mon wa ōkiku, sonomichi wa hiroi. Soshite, soko kara haitte iku mono ga ōi. 14 Inochi ni itaru mon wa semaku, sonomichi wa hosoi. Soshite, sore o miidasu mono ga sukunai. 15 Ni se yogen-sha o keikai seyo. Karera wa, hitsuji no koromo o kite anata gata no tokoro ni kuruga, sono uchigawa wa gōyokuna o okamidearu. 16 Anata gata wa, sono mi niyotte karera o mi wakerudearou. Ibara kara budō o, azami kara ichijiku o atsumeru mono ga arou ka. 17 Sono yō ni, subete yoi ki wa yoi mi o musubi, warui ki wa warui mi o musubu. 18 Yoi ki ga warui mi o nara seru koto wanaishi, warui ki ga yoi mi o nara seru koto wa dekinai. 19 Yoi mi o musubanai ki wa kotogotoku kira rete,-hi no naka ni nagekoma reru. 20 Kono yō ni, anata gata wa sono mi niyotte karera o mi wakeru nodearu. 21 Watashi ni mukatte“omo yo,-nushi yo” to iu mono ga, mina tengoku ni wa iru node wa naku, tada, ten ni imasu waga chichi no go mune o okonau mono dake ga, wa iru nodearu. 22 Sono hi ni wa, ōku no mono ga, watashi ni mukatte“omo yo,-nushi yo, watashi-tachi wa anata no na niyotte yogen shitade wa arimasen ka. Mata, anata no na niyotte akuryō o oidashi, anata no na niyotte ōku no chikara aru waza o okonattade wa arimasen ka” to iudearou. 23 Sono toki, watashi wa karera ni hakkiri, kō iou,“anata gata o mattaku shiranai. Fuhō o hataraku monodomo yo, itte shimae”. 24 Sore de, watashi no korera no kotoba o kiite okonau mono o, iwa no ue ni jibun no ie o tateta kashikoi hito ni kuraberu koto ga deki-yō. 25 Ame ga ori, kōzui ga oshiyose,-fū ga fuite sono ie ni uchitsukete mo, taoreru koto wa nai. Iwa o dodai to shite irukaradearu. 26 Mata, watashi no korera no kotoba o kiite mo okonawanai mono o, suna no ue ni jibun no ie o tateta orokana hito ni kuraberu koto ga deki-yō. 27 Ame ga ori, kōzui ga oshiyose,-fū ga fuite sono ie ni uchitsukeru to, taorete shimau. Soshite sono taore-kata wa hidoi nodearu’. 28 Iesu ga korera no gen o katari oe rareru to, gunshū wa sono kyō ni hidoku odoroita. 29 Sore wa ritsu-hō gakusha-tachi no yō nide wa naku, ken’i aru mono no yō ni, oshie raretakaradearu.

CAP. 8

1 Iesu ga yama o o furi ni naru to, obitadashii gunshū ga tsuite kita. 2 Suru to, sono toki, hitori no raibyō-jin ga iesu no tokoro ni kite, hirefushite itta,`-nushi yo, miko korodeshitara, kiyomete itadakeru nodesuga’. 3 Iesu wa te o nobashite, kare ni sawari,`sō shite ageyou, kiyoku nare’ to iwa reta. Suruto, raibyō wa tadachini kiyome rareta. 4 Iesu wa kare ni iwa reta,`dare ni mo hanasanai yō ni, chūi shi nasai. Tada itte, jibun no karada o saishi ni mise, sore kara, mōse ga meijita sonaemono o sasagete, hitobito ni shōmei shi nasai ‘. 5 Sate, iesu ga kapenaumu ni kaette ko rareta toki, aru hyaku-sotsu-chō ga mi moto ni kite uttaete itta, 6 `-Nushi yo, watashi no boku ga chūbu de hidoku kurushinde,-ka ni nete imasu’. 7 Iesu wa kare ni,`watashi ga okonatte naoshite ageyou’ to iwa reta. 8 Soko de hyaku-sotsu-chō wa kotaete itta,`-nushi yo, watashi no yane no shita ni anata o o ire suru shikaku wa, watashi ni wagozaimasen. Tada, o kotoba o kudasai. Sō sureba boku wa naorimasu. 9 Watashi mo ken’i no shita ni aru monodesuga, watashi no shita ni mo heisotsu ga imashite, hitori no mono ni“ike” to ieba iki, hoka no mono ni“koi” to ieba kimasushi, mata, boku Ni“kore o seyo” to ieba, shite kureru nodesu’. 10 Iesu wa kore o kiite hijō ni kanshin sa re, tsuite kita hitobito ni iwa reta,`yoku kiki nasai. Isuraeru-jin no naka ni mo, kore hodo no shinkō o mita koto ga nai. 11 Nao, anata gata ni iuga, ōku no hito ga higashi kara nishi kara kite, tengoku de, aburahamu, isaku, yakobu totomoni enkai no seki ni tsukuga, 12 Kono kuni no ko-ra wa soto no yami ni oidasa re, soko de nakisaken dari, ha ga mi o shi tari surudearou’. 13 Sore kara iesu wa hyaku-sotsu-chō ni `ike, anata no shinjita tōri ni naru yō ni’ to iwa reta. Suruto, chōdo sono toki ni, boku wa iyasa reta. 14 Sore kara, iesu wa petero no ie ni wa itte ika re, sono shūtome ga netsubyō de, yuka ni tsuite iru no o goran ni natta. 15 Soko de, sono te ni sawara reru to,-netsu ga hiita. Soshite on’na wa okiagatte iesu o motenashita. 16 Yūgure ni naru to, hitobito wa akuryō ni tsukareta mono o dai ze i, mi moto ni tsurete kitanode, iesu wa mi kotoba o motte rei-domo o oidashi, byōnin o kotogotoku oiyashi ni natta. 17 Kore wa, yogen-sha izaya niyotte `kare wa, watashi-tachi no wazurai o mi ni uke, watashi-tachi no yamai o outa’ to iwa reta kotoba ga jōju suru tamedearu. 18 Iesu wa, gunshū ga jibun no mawari ni muragatte iru no o mite, mukōgishi ni iku yō ni to deshi-tachi ni o meiji ni natta. 19 Suruto hitori no ritsu hōgaku-sha ga chikazuite kite itta,`sensei, anata ga oide ni naru tokoronara, doko e demo shitagatte mairimasu’. 20 Iesu wa sono hito ni iwa reta,`kitsune ni wa ana ga ari, sora no tori ni wa su ga aru. Shika shi,-jin no ko ni wa makurasuru tokoro ga nai’. 21 Mata deshi no hitori ga itta,`-nushi yo, mazu, chichi o hōmuri ni ika sete kudasai’. 22 Iesu wa kare ni iwa reta,`watashi ni shitagatte ki nasai. Soshite, sono shinin o hōmuru koto wa, shinin ni makasete okuga yoi’. 23 Sore kara, iesu ga fune ni norikoma reru to, deshi-tachi mo shitagatta. 24 Suruto totsuzen, kaijō ni hageshii bōfū ga okotte, fune wa nami ni noma re-sō ni natta. Tokoroga, iesu wa nemutte ora reta. 25 Soko de deshi-tachi wa miso ba ni yotte kite iesu o okoshi,`-nushi yo, o tasuke kudasai, watashi-tachi wa shini-sōdesu’ to itta. 26 Suruto iesu wa karera ni iwa reta,`naze kowagaru no ka, shinkō no usui-sha-tachi yo’. Sore kara okiagatte,-fū to umi to o oshi karini naru to,-dai nagi ni natta. 27 Karera wa odoroite itta,`kono kata wa dōyuu hitona nodarou.-Fū mo umi mo shitagawa seru to wa’. 28 Sore kara, mukōgishi, gadara-jin no chi ni tsuka reru to, akuryō ni tsukareta futari no mono ga, hakaba kara dete kite iesu ni deatta. Karera wa te ni oenai ranbō-sha de, dare mo sono atari no michi o tōru koto ga dekinai hododeatta. 29 Suruto totsuzen, karera wa sakende itta,`-shin no ko yo, anata wa watashi-domo to nan no kakawari ga aru nodesu. Mada sono toki de wanainoni, koko ni kite, watashi-domo o kurushimeru nodesu ka’ . 30 Sate, soko kara haruka hanareta tokoro ni, obitadashii buta no mure ga katte atta. 31 Akuryō-domo wa iesu ni negatte itta,`moshi watashi-domo o oidasa reru nonara, ano buta no mure no naka ni tsukawashite kudasai’. 32 Soko de, iesu ga `ike’ to iwa reru to, karera wa dete itte, buta no naka e hairi konda. Suruto, sono mure zentai ga,-gake kara umi e nadare o utte kake kudari,-sui no naka de shinde shimatta. 33 Kau mono-tachi wa nigete machi ni iki, akuryō ni tsukareta mono-tachi no koto nado, issai o shiraseta. 34 Suru to, machinaka no mono ga iesu ni ai ni dete kita. Soshite, iesu ni au to, kono chihō kara satte kudasaru yō ni to tanonda.

CAP. 9

1 Sate, iesu wa fune ni notte umi o watari, jibun no machi ni kaera reta. 2 Suru to, hitobito ga chūbu no mono o yuka no ue ni nekaseta mama de mi moto ni hakonde kita. Iesu wa karera no shinkō o mite, chūbu no mono ni,`-ko yo, shikkari shi nasai. Anata no tsumi wa yurusa reta noda’ to iwa reta. 3 Suru to, aru ritsu-hō gakusha-tachi ga kokoro no naka de itta,`kono hito wa kami o yogoshite iru’. 4 Iesu wa karera no kangae o minuite,`naze, anata gata wa kokoro no naka de warui koto o kangaete iru no ka. 5 Anata no tsumi wa yurusa reta, to iu no to, okite aruke, to iu no to, dochira ga tayasui ka. 6 Shikashi,-jin no ko wa chijō de tsumi o yurusu ken’i o motte iru koto ga, anata gata ni wakaru tame ni’ to ii, chūbu no mono ni mukatte,`okiyo, yuka o toriagete ie ni kaere’ to gen Wareta. 7 Suruto kare wa okiagari,-ka ni kaette itta. 8 Gunshū wa sore o mite osore, kon’na ōkina ken’i o hito ni o atae ni natta kami o agameta. 9 Sate iesu wa soko kara susunde ika re, matai toyuu hito ga shūzei-sho ni suwatte iru no o mite,`watashi ni shitagatte ki nasai’ to iwa reta. Suruto kare wa tachiagatte, iesu ni shitagatta. 10 Sore kara, iesu ga ie de shokuji no seki nitsuite ora reta toki no kotodearu. Ōku no to zei-jin ya zainin-tachi ga kite, iesu ya deshi-tachi totomoni sono seki ni tsuite ita. 11 Parisai-jin-tachi wa kore o mite, deshi-tachi ni itta,`naze, anata gata no sensei wa, to zei-jin ya zainin nado to shokuji o tomoni suru no ka’. 12 Iesu wa kore o kiite iwa reta,`jōbuna hito ni wa isha wa iranai. Iru no wa byōnindearu. 13“Watashi ga konomu no wa, awaremideatte, ike nie de wa nai” to wa dōyuu imi ka, manande ki nasai. Watashi ga kita no wa, gijin o maneku tame de wa naku, zainin o maneku tamedearu’. 14 Sono toki, yohane no deshi-tachi ga iesu no tokoro ni kite itta,`watashi-tachi to parisai-jin-tachi to ga danjiki o shite iru no ni, anata no deshi-tachi wa, naze danjiki o shinai nodesu ka’. 15 Suruto iesu wa iwa reta,`konrei no kyaku wa, hanamuko ga issho ni iru ma wa, kanashinde ora reyou ka. Shika shi, hanamuko ga ubai sara reru hi ga kuru. Sono toki ni wa danjiki o surudearou. 16 Dare mo, maatarashii nuno girede, furui kimono ni tsugi o ate wa shinai. Sono tsugi kire wa kimono o hiki yaburi, soshite, yabure ga motto hidoku narukara. 17 Dare mo, atarashii budōshu o furui kawa-bukuro ni ire wa shinai. Moshi son’na koto o shitara, sono kawa-bukuro wa harisake,-shu wa nagarederushi,-gawa-bukuro mo muda ni naru. Dakara, atarashii budōshu wa atarashii kawa-bukuro ni irerubekidearu. Sō sureba ryōhō tomo nagamochi ga surudearou’. 18 Korera no koto o karera ni hanashite ora reru to, soko ni hitori no kaidō tsukasa ga kite, iesu o hai shite itta,`watashi no musume ga tadaima shinimashita. Shikashi oide ni natte te o sono ue nioite Yatte kudasai. Sōshitara, musume wa ikikaerudeshou’. 19 Soko de, iesu ga tatte kare ni tsuiteika reru to, deshi-tachi mo issho ni itta. 20 Suruto sono toki, jū ni-nenkan mo chō chi o wazuratte iru on’na ga chikayotte kite, iesu no ushi ro kara mi koromo no fusa ni sawatta. 21 Mi koromo ni sawari sae sureba, naoshite itadakerudarou, to kokoro no naka de omotte itakaradearu. 22 Iesu wa furimuite, kono on’na o mite iwa reta,`musume yo, shikkari shi nasai. Anata no shinkō ga anata o sukutta nodesu’. Suruto kono on’na wa sono toki ni, iyasa reta. 23 Sore kara iesu wa tsukasa no ie ni tsuki, fue fuki-domo ya sawaide iru gunshū o mite iwa reta. 24 `Achira e itte i nasai. Shōjo wa shinda node wa nai. Nemutte iru dakedearu’. Suruto hitobito wa iesu o azawaratta. 25 Shikashi, gunshū o soto e dashita nochi, iesu wa uchi e haitte, shōjo no te o o-tori ni naru to, shōjo wa okiagatta. 26 Soshite, sono uwasa ga kono chihō zentai ni hiromatta. 27 Soko kara susunde ika reru to, futari no mōjin ga,`dabide no ko yo, watashi-tachi o awarende kudasai’ to sakebinagara, iesu nitsuite kita. 28 Soshite iesu ga ie ni wa i rareru to, mōjin-tachi ga mi moto ni kitanode, karera ni `watashi ni sore ga dekiru to shinjiru ka’ to iwa reta. Karera wa itta,`-nushi yo, shinjimasu’. 29 Soko de, iesu wa karera no me ni sawatte iwa reta,`anata gata no shinkō-dōri, anata gata no mi ni naru yō ni’. 30 Suruto karera no me ga hiraka reta. Iesu wa karera o kibishiku imashimete iwa reta,`dare ni mo shirenai yō ni ki o tsuke nasai’. 31 Shikashi, karera wa dete itte, sono chihō zentai ni iesu no koto o ii hirometa. 32 Karera ga dete iku to, hitobito wa akuryō ni tsukarete kuchi no kikenai hito o iesu no tokoro ni tsurete kita. 33 Suru to, akuryō wa oidasa rete,-guchi no kikenai hito ga mono o iu yō ni natta. Gunshū wa odoroite,`kono yōna koto ga isuraeru no naka de mi rareta koto wa, kore made ichi-do mo nakatta’ to itta. 34 Shikashi, parisai-jin-tachi wa itta,`kare wa, akuryō-domo no kashira niyotte akuryō-domo o oidashite iru noda’. 35 Iesu wa, subete no machi々 Mura々 O meguri aruite, sho kaidō de oshie, okuni no fukuin o sen be tsutae, arayuru byōki, arayuru wazurai o oiyashi ni natta. 36 Mata gunshū ga kau mono no nai hitsuji no yō ni yowari hatete, taorete iru no o goran ni natte, karera o fukaku awarema reta. 37 Soshite deshi-tachi ni iwa reta,`shūkaku wa ōiga, hataraki-jin ga sukunai. 38Dakara, shūkaku no omo ni negatte, sono shūkaku no tame ni hataraki-jin o okuridasu yō ni shite morai nasai’.

CAP. 10

1 Soko de, iesu wa jū ni deshi o yobiyosete, yogoreta rei o oidashi, arayuru byōki, arayuru wazurai o iyasu ken’i o o sazuke ni natta. 2 Jū ni shito no na wa,-ji no tōridearu. Mazu petero to yoba reta shimon to sono kyōdai andere, sore kara zebedai no ko yakobu to sono kyōdai yohane, 3 Piripo to barutoromai, tomasu to to zei-jin matai, arupayo no ko yakobu to tadai, 4 Nesshin tō no shimon to isukariote no yuda. Kono yuda wa iesu o uragitta monodearu. 5 Iesu wa kono jū ni-nin o tsukawasu ni atari, karera ni meijite iwa reta,`ihō-jin no michi ni iku na. Mata samariya-jin no machi ni wa iru na. 6 Mushiro, isuraeru no ie no ushinawa reta hitsuji no tokoro ni ike. 7-Kō tte,“tengoku ga chikazuita” to sen be tsutaeyo. 8 Byōnin o iyashi, shinin o yomigaera se, raibyō-jin o kiyome, akuryō o oidase. Tada de uketa nodakara, tada de ataeruga yoi. 9 Saifu no naka ni kin, gin matawa zeni o irete ikuna. 10 Ryokō no tame no fukuro mo, ni-mai no shitagi mo, kutsu mo, tsue mo motte ikuna. Hataraki-jin ga sono shokumotsu o eru no wa tōzendearu. 11 Dono machi, dono mura ni wa itte mo, sono naka de dare ga fusawashii hito ka, tazune dashite, tachisaru made wa sono hito no tokoro ni todomatte ore. 12 Sono ie ni haittanara, heian o inotte age nasai. 13 Moshi heian o ukeru ni fusawashii iedeareba, anata gata no inoru heian wa sono ie ni kurudearou. Moshi fusawashikunakereba, sono heian wa anata gata ni kaette kurudearou. 14 Moshi anata gata o mukae mo sezu, mata anata gata no kotoba o kiki mo shinai hito ga areba, sono ie ya machi o tachisaru toki ni, ashi no chiri o harai otoshi nasai. 15 Anata gata ni yoku itte oku. Sabaki no hi ni wa, sodomu, gomora no chi no hō ga, sono machi yori wa tae yasuidearou. 16 Watashi ga anata gata o tsukawasu no wa, hitsuji o o okami no naka ni okuru yōna monodearu. Dakara, hebi no yō ni kashikoku, wa to no yō ni sunaodeare. 17-Nin々 Ni chūi shi nasai. Karera wa anata gata o shūgi-sho ni hikiwatashi, kaidō de muchiutsudearou. 18 Mata anata gata wa, watashi no tame ni chōkan-tachi ya ō-tachi no mae ni hikidasa rerudearou. Sore wa, karera to ihō-jin to nitaishite akashi o suru tamedearu. 19 Karera ga anata gata o hikiwatashita toki, nani o dō iou ka to shinpai shinaiga yoi. Iubeki koto wa, sono toki ni sazuke rarerukaradearu. 20 Kataru mono wa, anata ga tade wa naku, anata gata no naka ni atte kataru chichi no reidearu. 21 Kyōdai wa kyōdai o, chichi wa ko o korosu tame ni watashi, mata ko wa oya ni sakaratte tachi, karera o korosa serudearou. 22 Mata anata gata wa, watashi no na no yue ni subete no hito ni nikumarerudearou. Shikashi, saigo made taeshinobu mono wa sukuwa reru. 23 Hitotsu no machi de hakugai sa retanara, ta no machi e nige nasai. Yoku itte oku. Anata gataga isuraeru no machi々 O mawari owaranai uchi ni,-jin no ko wa kurudearou. 24 Deshi wa sono shi ijō no monode wa naku, boku wa sono shujin ijō no monode wa nai. 25 Deshi ga sono shi no yōdeari, boku ga sono shujin no yōdeareba, sore de jūbundearu. Moshi ie no shujin ga beruzeburu to iwa rerunaraba, sono ie no mono-domo wa naosara, don nanika waruku iwa reru kotodearou. 26Dakara karera o osoreru na. Oowareta mono de, arawarete konai mono wa naku, kakurete iru mono de, shira rete konai mono wa nai. 27 Watashi ga kurayami de anata gata ni hanasu koto o, akarumi de ie. Mimi ni sasayaka reta koto o, yane no ue de ii hiromeyo. 28 Mata, karada o koroshite mo, tamashī o korosu koto no dekinai mono-domo o osoreru na. Mushiro, karada mo tamashī mo jigoku de horobosu chikara no aru kata o osore nasai. 29 Ni-wa no suzume wa ichi asarion de ura rete irude wanai ka. Shikamo anata gata no chichi no yurushi ga nakereba, sono ichi-wa mo chi ni ochiru koto wa nai. 30 Mata anata gata no atama no ke made mo, mina kazoe rarete iru. 31 Soredakara, osoreru koto wa nai. Anata gata wa ōku no suzume yori mo, masatta monodearu. 32Dakara hito no mae de watashi o ukeireru mono o, watashi mo mata, ten ni imasu watashi no chichi no mae de ukeirerudearou. 33 Shikashi,-jin no mae de watashi o kobamu mono o, watashi mo ten ni imasu watashi no chichi no mae de kobamudearou. 34 Chijō ni heiwa o motarasu tame ni, watashi ga kita to omou na. Heiwade wa naku, tsuru gi o nagekomu tame ni kita nodearu. 35 Watashi ga kita no wa,-jin o sono chichi to, musume o sono haha to, yome o sono shūtome to nakatagai sa seru tamedearu. 36 Soshite ie no mono ga, sono hito no teki to narudearou. 37 Watashi yori mo chichi matawa haha o aisuru mono wa, watashi ni fusawashikunai. Watashi yori mo musuko ya musume o aisuru mono wa, watashi ni fusawashikunai. 38 Mata jibun no jūjika o totte watashi ni shitagatte konai mono wa watashi ni fusawashikunai. 39 Jibun no inochi o ete iru mono wa sore o ushinai, watashi no tame ni jibun no inochi o ushinatte iru mono wa, sore o erudearou. 40 Anata gata o ukeireru mono wa, watashi o ukeireru nodearu. Watashi o ukeireru mono wa, watashi o o tsukawashi ni natta kata o ukeireru nodearu. 41 Yogen-sha no na no yue ni yogen-sha o ukeireru mono wa, yogen-sha no mukui o uke, gijin no na no yue ni gijin o ukeireru mono wa, gijin no mukui o ukerudearou. 42 Watashi no deshidearu toyuu na no yue ni, kono chīsai mono no hitori ni tsumetai mizu ichi-hai demo noma sete kureru mono wa, yoku itte okuga, kesshite sono mukui kara moreru koto wa nai’.

CAP. 11

1 Iesu wa jū ni deshi ni kono yō ni meiji oete kara,-machi々 De oshie mata sen be tsutaeru tame ni, soko o tachisara reta. 2 Sate, yohane wa gokuchū de kirisuto nomi waza nitsuite tsutaekiki, jibun no deshi-tachi o tsukawashite, 3 Iesu ni iwa seta,`“kitarubeki kata” wa anatana nodesu ka. Soretomo, hoka ni dare ka o matsubekideshou ka’. 4 Iesu wa kotaete iwa reta,`itte, anata gataga mikiki shite iru koto o yohane ni hōkoku shi nasai. 5 Mōjin wa mie, ashina e wa aruki, raibyō-jin wa kiyomari, mimi shii wa kikoe, shinin wa ikikaeri, mazushii hitobito wa fukuin o kikasa rete iru. 6 Watashi ni tsumazukanai mono wa, saiwaidearu’. 7 Karera ga kaette shimauto, iesu wa yohane no koto o gunshū ni katari hajime rareta,`anata gata wa, nani o mi ni arano ni dete kita no ka.-Fū ni yuragu ashidearu ka. 8 De wa, nani o mi ni dete kita no ka. Yawarakai kimono o matotta hito ka. Yawarakai kimono o matotta hitobitonara,-ō no ie ni iru. 9 De wa, nan no tame ni dete kita no ka. Yogen-sha o miru tame ka. Sōda, anata gata ni iuga, yogen-sha ijō no monodearu. 10“Miyo, watashi wa-shi o anata no saki ni tsukawashi, anata no mae ni,-dō o totonoe saserudearou” to kaite aru no wa, kono hito no kotodearu. 11 Anata gata ni yoku itte oku. On’na no unda mono no naka de, baputesuma no yohane yori ōkii jinbutsu wa okoranakatta. Shikashi, tengoku de mottomo chīsai mono mo, kare yori wa ōkii. 12 Baputesuma no yohane no toki kara ima ni itaru made, tengoku wa hageshiku osowa rete iru. Soshite hageshiku osou mono-tachi ga sore o ubaitotte iru. 13 Subete no yogen-sha to ritsu-hō to ga yogen shita no wa, yohane no toki madedearu. 14 Soshite, moshi anata gata ga ukeireru koto o nozomeba, kono hito koso wa, kitarubeki eriyana nodearu. 15 Mimi no aru mono wa kikuga yoi. 16 Ima no jidai o nani ni kurabeyou ka. Sore wa kodomo-tachi ga hiroba ni suwatte, hoka no kodomo-tachi ni yobikake, 17“Watashi-tachi ga fue o fuitanoni, anata-tachi wa odotte kurenakatta. Tomurai no uta o utattanoni, mune o utte kurenakatta” to iu no ni nite iru. 18 Nazenara, yohane ga kite, taberu koto mo, nomu koto mo shinai to, are wa akuryō ni tsukarete iru noda, to ii, 19 Mata hito no ko ga kite, tabe tari non dari shite iru to, miyo, are wa shoku o musaboru mono, dai sake o nomu mono, mata to zei-jin, zainin no nakamada, to iu. Shikashi, chie no tadashii koto wa, sono hataraki ga shōmei suru’. 20 Sore kara iesu wa, kazukazu no chikara aru waza ga nasa retanoni, kuiaratameru koto o shinakatta machi々 O, seme hajime rareta. 21 `Waza waida, korajin yo. Waza waida, betsusaida yo. Omae-tachi no uchi de nasa reta chikara aru waza ga, mo shi tsuro to shidon de nasa retanara, karera wa tou no mukashi ni, arame o matoi hai o kabu~tsu Te, kuiaratametadearou. 22 Shikashi, omae-tachi ni itte oku. Sabaki no hi ni wa, tsuro to shidon no hō ga omae-tachi yori mo, tae yasuidearou. 23 Ā, kapenaumu yo, omae wa ten ni made age rareyou to demo iu no ka. Yomi ni made otosa rerudearou. Omae no naka de nasa reta chikara aru waza ga, mo shi sodomu de nasa retanara, sono machi wa kyō made mo nokotte itadearou. 24 Shikashi, anata gata ni iu. Sabaki no hi ni wa, sodomu no chi no hō ga omae yori wa tae yasuidearou’. 25 Sono toki iesu wa koe o agete iwa reta,`tenchi no omonaru chichi yo. Anata o home tataemasu. Korera no koto o chie no aru mono ya kashikoi mono ni kakushite, yōna ko ni arawashite kudasaimashi Ta. 26 Chichi yo, kore wa makotoni mi kokoro ni kanatta kotodeshita. 27 Subete no koto wa chichi kara watashi ni makase rarete imasu. Soshite,-ko o shiru mono wa chichi no hoka ni wa naku, chichi o shiru mono wa,-ko to, chichi o arawasou toshite ko ga eranda mono to no hoka ni, dare mo arimasen. 28 Subete omoni o oute kurō shite iru mono wa, watashi no moto ni ki nasai. Anata gata o yasuma sete ageyou. 29 Watashi wa nyūwa de kokoro no herikudatta monodearukara, watashi no ku-biki o oute, watashi ni manabi nasai. Sō sureba, anata gata no tamashī ni yasumi ga atae rarerudearou. 30 Watashi no ku-biki wa oi yasuku, watashi no ni wa karuikaradearu’.

Cap. 12

1 Sono koro, aru ansokubi ni, iesu wa mugibatake no naka o tōra reta. Suruto deshi-tachi wa, kūfukudeattanode, ho o tsunde tabe hajimeta. 2 Parisai-jin-tachi ga kore o mite, iesu ni itta,`goran nasai, anata no deshi-tachi ga, ansokubi ni shite wa naranai koto o shite imasu’. 3 Soko de iesu wa karera ni iwa reta,`anata gata wa, dabide to sono kyō no mono-tachi to ga ueta toki, dabide ga nani o shita ka yonda koto ga nai no ka. 4 Sunawachi,-shin no ie ni wa itte, saishi-tachi no hoka, jibun mo tomo no mono-tachi mo tabete wa naranu sonae no pan o tabeta nodearu. 5 Mata, ansokubi ni miyazukae o shite iru saishi-tachi wa ansokubi o yabutte mo tsumi ni wa naranai koto o, ritsu-hō de yonda koto ga nai no ka. 6 Anata gata ni itte oku. Miya yori mo ōinaru mono ga koko ni iru. 7“Watashi ga konomu no wa, awaremideatte, ike nie de wa nai” to wa dōyuu imi ka shitte itanara, anata gata wa tsumi no nai mono o togamenakattadearou. 8-Nin no ko wa ansokubi no omodearu’. 9 Iesu wa soko o satte, karera no kaidō ni haira reta. 10 Suru to, sono toki, katate no naeta hito ga ita. Hitobito wa iesu o uttaeyou to omotte,`ansokubi ni hito o iyashite mo, sashitsukaenai ka’ to tazuneta. 11 Iesu wa karera ni iwa reta,`anata gata no uchi ni, ichi-hiki no hitsuji o motte iru hito ga aru toshite, moshi sore ga ansokubi ni ana ni ochikondanara,-shu o kakete hikiagete yaranaidaro U ka. 12-Nin wa hitsuji yori mo, haruka ni sugurete irude wanai ka. Dakara, ansokubi ni yoi koto o suru no wa, tadashii kotodearu’. 13 Soshite iesu wa sono hito ni,`-shu o nobashi nasai’ to iwa reta. Sokode te o nobasuto, hoka no te no yō ni yoku natta. 14 Parisai-jin-tachi wa dete itte, nanto kashite iesu o korosou to sōdan shita. 15 Iesu wa kore o shitte, soko o satte ika reta. Tokoroga ōku no hitobito ga tsuite kitanode, karera o mina iyashi, 16 Soshite jibun no koto o hitobito ni arawasanai yō ni to, karera o imashime rareta. 17 Kore wa yogen-sha izaya no itta kotoba ga, jōju suru tamedearu, 18 `Miyo, watashi ga eranda boku, watashi no kokoro ni kanau, aisuru mono. Watashi wa kare ni watashi no rei o sazuke, soshite kare wa seigi o ihō-jin ni sen be tsutaerudearou. 19 Kare wa arasowazu, sakebazu, mata sono koe o ōji de kiku mono wa nai. 20 Kare ga seigi ni kachi o e saseru toki made, itame rareta ashi o oru koto ga naku, kemutte iru 燈心 O kesu koto mo nai. 21 Ihō-jin wa kare no na ni nozomi o okudearou’. 22 Sono toki, hitobito ga akuryō ni tsukareta mōjin de kuchi no kikenai hito o tsurete kitanode, iesu wa kare o iyashite,-butsu o ii, mata me ga mieru yō ni sa reta. 23 Suruto gunshū wa mina odoroite itta,`kono hito ga, aruiwa dabide no ko de waarumai ka’. 24 Shikashi, parisai-jin-tachi wa, kore o kiite itta,`kono hito ga akuryō o oidashite iru no wa, mattaku akuryō no kashira beruzeburu niyoru noda’. 25 Iesu wa karera no omoi o minuite iwa reta,`ōyoso, naibu de wakare arasou kuni wa jimetsu shi,-nai wa de wakare arasou machi ya ie wa tachiyukanai. 26 Moshi satan ga satan o oidasunaraba, sore wa uchi wa de wakare arasou koto ni naru. Soredewa, sono kuni wa dōshite tachiyuke yō. 27 Moshi watashi ga beruzeburu niyotte akuryō o oidasu to sureba, anata gata no nakama wa dare niyotte oidasu nodearou ka. Dakara, karera ga anata gata o sabaku mono to narudearou. 28 Shikashi, watashi ga kami no rei niyotte akuryō o oidashite iru nonara,-shin no kuni wa sudeni anata gata no tokoro ni kita nodearu. 29 Mata dare demo, mazu tsuyoi hito o shibariagenakereba, dōshite, sono hito no ie ni oshiitte kazai o ubaitoru koto ga dekiyou ka. Shibatte kara, hajimete sono ie o ryakudatsu suru koto ga dekiru. 30 Watashi no mikatadenai mono wa, watashi ni hantai suru monodeari, watashi totomoni atsumenai mono wa, chirasu monodearu. 31Dakara, anata gata ni itte oku. Hito ni wa, sono okasu subete no tsumi mo kami o kegasu kotoba mo, yurusa reru. Shikashi, seirei o kegasu kotoba wa, yurusa reru koto wa nai. 32 Mata hito no ko nitaishite ii sakarau mono wa, yurusa rerudearou. Shikashi, seirei nitaishite ii sakarau mono wa, konoyo de mo, kitarubeki yo de mo, yurusa reru koto wa nai. 33 Ki ga yokereba, sono mi mo yoi to shi, ki ga warukereba, sono mi mo warui to seyo. Ki wa sono mi de wakarukaradearu. 34 Mamushi no ko-ra yo. Anata gata wa warui monodearu no ni, dōshite yoi koto o kataru koto ga dekiyou ka. Ōyoso,-shin kara afureru koto o,-guchi ga kataru monodearu. 35 Zen’nin wa yoi kura kara yoi mono o toridashi, akunin wa warui kura kara warui mono o toridasu. 36 Anata gata ni iuga, shinpan no hi ni wa,-jin wa sono kataru muekina kotoba nitaishite, īhiraki o shinakereba naranaidearou. 37 Anata wa, jibun no kotoba niyotte tadashii to sa re, mata jibun no kotoba niyotte tsumi ari to sa rerukaradearu’. 38 Sono toki, ritsu hōgaku-sha, parisai-jin no uchi no aru hitobito ga iesu ni mukatte itta,`sensei, watashi-tachi wa anata kara, shirushi o misete itadakitōgozaimasu’. 39 Suru to, karera ni kotaete iwa reta,`jaaku de fugina jidai wa, shirushi o motomeru. Shika shi, yogen-sha yona no shirushi no hoka ni wa, nan no shirushi mo atae rarenaidearou. 40 Sunawachi, yona ga san-nichi san-ban,-dai-gyo no haranouchi ni ita yō ni,-jin no ko mo san-nichi san-ban,-chi no naka ni irudearou. 41 Ninebe no hitobito ga, ima no jidai no hitobito totomoni sabaki no ba ni tatte, karera o tsumi ni sadamerudearou. Nazenara, ninebe no hitobito wa yona no senkyō niyotte kuiaratametakaradearu. Shikashi miyo, yona ni masaru mono ga koko ni iru. 42 Minami no joō ga, ima no jidai no hitobito totomoni sabaki no ba ni tatte, karera o tsumi ni sadamerudearou. Nazenara, kanojo wa soromon no chie o kiku tame ni chi no hate kara, harubaru kitakaradearu. Shikashi miyo, soromon ni masaru mono ga koko ni iru. 43 Yogoreta rei ga hito kara deru to, yasumi-jō o motomete mizu no nai tokoro o aruki mawaruga, mitsukaranai. 44 Soko de, dete kita moto no ie ni kaerou to itte kaette miru to, sono ie wa aite ite,-sōjiga shite aru ue,-kazari tsuke ga shite atta. 45 Soko de mata dete itte, jibun ijō ni warui hoka no nanatsu no rei o issho ni hikitsurete kite naka ni hairi, soko ni sumikomu. Sōsuruto, sono hito no nochi no jōtai wa hajime yori mo motto waruku naru nodearu. Yokoshimana ima no jidai mo, kono yō ni narudearou’. 46 Iesu ga mada gunshū ni hanashite ora reru toki, sono haha to kyōdai-tachi to ga, iesu ni hanasou to omotte soto ni tatte ita. 47 Sore de, aru hito ga iesu ni itta,`goran nasai. Anata no hahaue to kyōdai gataga, anata ni hanasou to omotte,-gai ni tatte ora remasu’. 48 Iesu wa shirasete kureta mono ni kotaete iwa reta,`watashi no haha to wa, dare no koto ka. Watashi no kyōdai to wa, dare no koto ka’. 49 Soshite, deshi-tachi no hō ni te o sashi nobete iwa reta,`goran nasai. Koko ni watashi no haha, watashi no kyōdai ga iru. 50 Ten ni imasu watashi no chichi nomi kokoro o okonau mono wa dare demo, watashi no kyōdai, mata shimai, mata hahana nodearu’.

1 Iesu wa jū ni deshi ni kono yō ni meiji oete kara,-machi々 De oshie mata sen be tsutaeru tame ni, soko o tachisara reta. 2 Sate, yohane wa gokuchū de kirisuto nomi waza nitsuite tsutaekiki, jibun no deshi-tachi o tsukawashite, 3 Iesu ni iwa seta,`“kitarubeki kata” wa anatana nodesu ka. Soretomo, hoka ni dare ka o matsubekideshou ka’. 4 Iesu wa kotaete iwa reta,`itte, anata gataga mikiki shite iru koto o yohane ni hōkoku shi nasai. 5 Mōjin wa mie, ashina e wa aruki, raibyō-jin wa kiyomari, mimi shii wa kikoe, shinin wa ikikaeri, mazushii hitobito wa fukuin o kikasa rete iru. 6 Watashi ni tsumazukanai mono wa, saiwaidearu’. 7 Karera ga kaette shimauto, iesu wa yohane no koto o gunshū ni katari hajime rareta,`anata gata wa, nani o mi ni arano ni dete kita no ka.-Fū ni yuragu ashidearu ka. 8 De wa, nani o mi ni dete kita no ka. Yawarakai kimono o matotta hito ka. Yawarakai kimono o matotta hitobitonara,-ō no ie ni iru. 9 De wa, nan no tame ni dete kita no ka. Yogen-sha o miru tame ka. Sōda, anata gata ni iuga, yogen-sha ijō no monodearu. 10“Miyo, watashi wa-shi o anata no saki ni tsukawashi, anata no mae ni,-dō o totonoe saserudearou” to kaite aru no wa, kono hito no kotodearu. 11 Anata gata ni yoku itte oku. On’na no unda mono no naka de, baputesuma no yohane yori ōkii jinbutsu wa okoranakatta. Shikashi, tengoku de mottomo chīsai mono mo, kare yori wa ōkii. 12 Baputesuma no yohane no toki kara ima ni itaru made, tengoku wa hageshiku osowa rete iru. Soshite hageshiku osou mono-tachi ga sore o ubaitotte iru. 13 Subete no yogen-sha to ritsu-hō to ga yogen shita no wa, yohane no toki madedearu. 14 Soshite, moshi anata gata ga ukeireru koto o nozomeba, kono hito koso wa, kitarubeki eriyana nodearu. 15 Mimi no aru mono wa kikuga yoi. 16 Ima no jidai o nani ni kurabeyou ka. Sore wa kodomo-tachi ga hiroba ni suwatte, hoka no kodomo-tachi ni yobikake, 17“Watashi-tachi ga fue o fuitanoni, anata-tachi wa odotte kurenakatta. Tomurai no uta o utattanoni, mune o utte kurenakatta” to iu no ni nite iru. 18 Nazenara, yohane ga kite, taberu koto mo, nomu koto mo shinai to, are wa akuryō ni tsukarete iru noda, to ii, 19 Mata hito no ko ga kite, tabe tari non dari shite iru to, miyo, are wa shoku o musaboru mono, dai sake o nomu mono, mata to zei-jin, zainin no nakamada, to iu. Shikashi, chie no tadashii koto wa, sono hataraki ga shōmei suru’. 20 Sore kara iesu wa, kazukazu no chikara aru waza ga nasa retanoni, kuiaratameru koto o shinakatta machi々 O, seme hajime rareta. 21 `Waza waida, korajin yo. Waza waida, betsusaida yo. Omae-tachi no uchi de nasa reta chikara aru waza ga, mo shi tsuro to shidon de nasa retanara, karera wa tou no mukashi ni, arame o matoi hai o kabu~tsu Te, kuiaratametadearou. 22 Shikashi, omae-tachi ni itte oku. Sabaki no hi ni wa, tsuro to shidon no hō ga omae-tachi yori mo, tae yasuidearou. 23 Ā, kapenaumu yo, omae wa ten ni made age rareyou to demo iu no ka. Yomi ni made otosa rerudearou. Omae no naka de nasa reta chikara aru waza ga, mo shi sodomu de nasa retanara, sono machi wa kyō made mo nokotte itadearou. 24 Shikashi, anata gata ni iu. Sabaki no hi ni wa, sodomu no chi no hō ga omae yori wa tae yasuidearou’. 25 Sono toki iesu wa koe o agete iwa reta,`tenchi no omonaru chichi yo. Anata o home tataemasu. Korera no koto o chie no aru mono ya kashikoi mono ni kakushite, yōna ko ni arawashite kudasaimashi Ta. 26 Chichi yo, kore wa makotoni mi kokoro ni kanatta kotodeshita. 27 Subete no koto wa chichi kara watashi ni makase rarete imasu. Soshite,-ko o shiru mono wa chichi no hoka ni wa naku, chichi o shiru mono wa,-ko to, chichi o arawasou toshite ko ga eranda mono to no hoka ni, dare mo arimasen. 28 Subete omoni o oute kurō shite iru mono wa, watashi no moto ni ki nasai. Anata gata o yasuma sete ageyou. 29 Watashi wa nyūwa de kokoro no herikudatta monodearukara, watashi no ku-biki o oute, watashi ni manabi nasai. Sō sureba, anata gata no tamashī ni yasumi ga atae rarerudearou. 30 Watashi no ku-biki wa oi yasuku, watashi no ni wa karuikaradearu’.

CAP. 13

1 Sono hi, iesu wa ie o dete, umi be ni suwatte ora reta. 2-Tokoro ga,-dai ze i no gunshū ga mi moto ni atsumattanode, iesu wa fune ni notte suwa rare, gunshū wa mina-gan ni tatte ita. 3 Iesu wa de ōku no koto o katari, kō iwa reta,`miyo, tanemaki ga tane o maki ni dete itta. 4 Maite iru uchi ni, michibata ni ochita tane ga atta. Suruto, tori ga kite tabete shimatta. 5 Hoka no tane wa do no usui Ishiji ni ochita. Soko wa do ga fukakunainode, sugu me o dashitaga, 6-Nichi ga noboru to yakete, ne ga nai tame ni karete shimatta. 7 Hoka no tane wa ibara no chi ni ochita. Suruto, ibara ga nobite, fusaide shimatta. 8 Hoka no tane wa yoi chi ni ochite mi o musubi, aru mono wa hyaku-bai, aru mono wa roku jū-bai, aru mono wa san jū-bai ni mo natta. 9 Mimi no aru mono wa kikuga yoi’. 10 Sore kara, deshi-tachi ga iesu ni chikayotte kite itta,`naze, karera ni de ohanashi ni naru nodesu ka’. 11 Soko de iesu wa kotaete iwa reta,`anata gata ni wa, tengoku no ōgi o shiru koto ga yurusa rete iruga, karera ni wa yurusa rete inai. 12 Ōyoso, motte iru hito wa atae rarete, iyoiyo yutaka ni naruga, motte inai hito wa, motte iru mono made mo toriage rarerudearou. 13Dakara, karera ni wa de kataru nodearu. Sore wa karera ga, mite mo mizu, kiite mo kikazu, mata satoranaikaradearu. 14 Kōshite izaya no itta yogen ga, karera no ue ni jōju shita nodearu. “Anata gata wa kiku ni wa kikuga, kesshite satoranai. Miru ni wa miruga, kesshite mitomenai. 15 Kono min no kokoro wa nibuku nari, sono mimi wa kikoe nikuku, sono me wa tojite iru. Sore wa, karera ga me de mizu, mimi de kikazu,-shin de satorazu, kuiaratamete iyasa reru koto ga nai tamedearu”. 16 Shikashi, anata gata no me wa mite ori, mimi wa kiite irukara, saiwaidearu. 17 Anata gata ni yoku itte oku. Ōku no yogen-sha ya gijin wa, anata gata no mite iru koto o miyou to nesshin ni negattaga, miru koto ga dekizu, mata anata gata no kiite iru koto o kikou to shitaga, kikenakatta Nodearu. 18 Soko de, tanemaki no o kiki nasai. 19 Dare demo okuni no gen o kiite satoranainaraba, warui mono ga kite, sono hito no kokoro ni makareta mono o ubai totte iku. Michibata ni makareta mono toyuu no wa, sōyuu hito no kotodearu. 20-Seki-chi ni makareta mono toyuu no wa, mikoto o kiku to, sugu ni yorokonde ukeru hito no kotodearu. 21 Sono naka ni ne ga nainode, shibaraku tsuzuku dakedeatte, mikoto no tame ni kon’nan ya hakugai ga okotte kuruto, sugu tsumazuite shimau. 22 Mata, ibara no naka ni makareta mono to wa, mikoto o kikuga, yo no kokorozukai to tomi no madowashi to ga mikoto o fusagunode, mi o musubanaku naru hito no kotodearu. 23 Mata, yoi chi ni makareta mono to wa, mikoto o kiite satoru hito no kotodeatte, sōyuu hito ga mi o musubi, hyaku-bai, aruiwa roku jū-bai, aruiwa san jū-bai ni mo naru nodearu’. 24 Mata, hoka no o karera ni shimeshite iwa reta,`tengoku wa, yoi tane o jibun no hatake ni maite oita hito no yōna monodearu. 25-Nin々 Ga nemutte iru ma ni teki ga kite, mugi no naka ni doku mugi o maite tachisatta. 26 Me ga hae dete mi o musubu to, dōjini doku mugi mo arawarete kita. 27 Boku-tachi ga kite,-ka no shujin ni itta,“go shujin-sama, hatake ni o maki ni natta no wa, yoi tane de wa arimasendeshita ka. Dōshite doku mugi ga haete kita nodesu ka”. 28 Shujin wa itta,“sore wa teki no shi wazada”. Suruto boku-tachi ga itta“dewa okonatte, sore o nuki atsumemashou ka”. 29 Kare wa itta,“iya, doku mugi o atsumeyou toshite, mugi mo issho ni nuku kamo shirenai. 30 Shūkaku made, ryōhō tomo sodatsu mama ni shite oke. Shūkaku no toki ni nattara, karu mono ni, mazu doku mugi o atsumete taba ni shite yaki, mugi no hō wa atsumete kura ni irete kure, to ii tsukeyou”’. 31 Mata, hoka no o karera ni shimeshite iwa reta,`tengoku wa, ichi-tsubu no karashi-shu no yōna monodearu. Aru hito ga sore o totte hatake ni maku to, 32 Sore wa don’na tane yori mo chīsaiga, seichō suru to, yasai no naka de ichiban ōkiku nari, sora no tori ga kite, sono eda ni yadoru hodo no ki ni naru’. 33 Mata hoka no o karera ni katara reta,`tengoku wa, pan-shu no yōna monodearu. On’na ga sore o totte san-to no kona no naka ni mazeru to, zentai ga fukurande kuru’. 34 Iesu wa korera no koto o subete, de gunshū ni katara reta. Ni yoranaide wa nanigoto mo karera ni katara renakatta. 35 Kore wa yogen-sha niyotte iwa reta koto ga, jōju suru tamedearu,`watashi wa kuchi o hiraite o katari, yo no hajime kara kakusa rete iru koto o katari de-sō’. 36 Sore kara iesu wa, gunshū o ato ni nokoshite ie ni haira reta. Suruto deshi-tachi wa, mi moto ni kite itta,`hatake no doku mugi no o setsumei shite kudasai’. 37 Iesu wa kotaete iwa reta,`yoi tane o maku mono wa,-jin no kodearu. 38 Hatake wa sekaidearu. Yoi shu to iu no wa okuni no ko-tachi de, doku mugi wa warui mono no ko-tachidearu. 39 Sore o maita teki wa akumadearu. Shūkaku to wa yo no owari no koto de, karu mono wa go-shi-tachidearu. 40Dakara, doku mugi ga atsume rarete hi de yaka reru yō ni, yo no owari ni mo sono tōri ni narudearou. 41-Nin no ko wa sono-shi-tachi o tsukawashi, tsumazuki to naru mono to fuhō o okonau mono to o, kotogotoku okuni kara tori atsumete, 42-Ro no hi ni nageire saserudearou. Soko de wa nakisaken dari, ha ga mi o shi tari surudearou. 43 Sono toki, gijin-tachi wa karera no chichi no okuni de, taiyō no yō ni kagayaki watarudearou. Mimi no aru mono wa kikuga yoi. 44 Tengoku wa, hatake ni kakushite aru takara no yōna monodearu. Hito ga sore o mitsukeruto kakushite oki, yorokobi no amari, itte mochimono o mina uriharai, soshite sono hatake o kau nodearu. 45 Mata tengoku wa, yoi shinju o sagashite iru shōnin no yōna monodearu. 46 Kōkana shinju ichi-ko o miidasuto, itte mochimono o mina uriharai, soshite kore o kau nodearu. 47 Mata tengoku wa, umi ni oroshite, arayuru shurui no sakana o kakomi i reru-mō no yōna monodearu. 48 Sore ga ippai ni naruto kishi ni hikiage, soshite suwatte, yoi no o utsuwa ni ire, warui no o soto e suteru nodearu. 49-Sei no owari ni mo, sono tōri ni narudearou. Sunawachi, go-shi-tachi ga kite, gijin no uchi kara akunin o eriwake, 50 Soshite ro no hi ni nagekomudearou. Soko de wa nakisaken dari, ha ga mi o shi tari surudearou. 51 Anata gata wa, korera no koto ga mina wakatta ka’. Karera wa `wakarimashita’ to kotaeta. 52 Soko de, iesu wa karera ni iwa reta,`soredakara, tengoku no koto o mananda gakusha wa, atarashii mono to furui mono to o, sono kura kara toridasu ikka no shujin no yōna monodearu’. 53 Iesu wa korera no o katari oete kara, soko o tachisara reta. 54 Soshite kyōri ni iki, kaidō de hitobito o oshie rareta tokoro, karera wa odoroite itta,`kono hito wa, kono chie to korera no chikara aru wazato o, doko de naratte kita no ka. 55 Kono hito wa daiku no ko de wanai ka. Haha wa mariya to ii, kyōdai-tachi wa, yakobu, yosefu, shimon, yuda de wanai ka. 56 Mata sono shimai-tachi mo mina, watashi-tachi to issho ni irude wanai ka. Kon’na kazukazu no koto o, ittai, doko de naratte kita no ka’. 57 Kōshite hitobito wa iesu ni tsumazuita. Shikashi, iesu wa iwa reta,`yogen-sha wa, jibun no kyōri ya jibun no ie igai de wa, doko de demo uyamawa renai koto wa nai’. 58 Soshite karera no fu shinkō no yue ni, soko de wa chikara aru waza o,-amari nasaranakatta.

CAP. 14

1 Sono koro, ryōshu herode wa iesu no uwasa o kiite, 2 Kerai ni itta,`are wa baputesuma no yohaneda. Shinin no naka kara yomigaetta noda. Sore de, ano yōna chikara ga kare no uchi ni hataraite iru noda’. 3 Toyuu no wa, herode wa saki ni, jibun no kyōdai piripo no tsuma herodeya no koto de, yohane o toraete shibari, goku ni irete ita. 4 Sunawachi, yohane wa herode ni,`sono on’na o metoru no wa, yoroshikunai’ to ittakaradearu. 5 Soko de herode wa yohane o korosou to omottaga, gunshū o osoreta. Karera ga yohane o yogen-sha to mitomete itakaradearu. 6 Sate herode no tanjō-bi no shuku ni, herodeya no musume ga sono sekijō de mai o mai, herode o yorokoba setanode, 7 Kanojo no negau mono wa, nan demo ataeyou to, kare wa chikatte yakusoku made shita. 8 Suruto kanojo wa haha ni sosonokasa rete,`baputesuma no yohane no kubi o bon ni nosete, koko ni motte kite itadakitōgozaimasu’ to itta. 9 Ō wa komattaga, ittan chikatta no to, mata retsuza no hito-tachi no temae, sore o ataeru yō ni meiji, 10-Nin o tsukawashite, gokuchū de yohane no kubi o kira seta. 11 Sono kubi wa bon ni nosete hakoba re, shōjo ni watasa re, shōjo wa sore o haha no tokoro ni motte itta. 12 Sore kara, yohane no deshi-tachi ga kite, shitai o hikitotte hōmutta. Soshite, iesu no tokoro ni itte hōkoku shita. 13 Iesu wa kono koto o kiku to, fune ni notte soko o sari, jibun hitori de sabishii tokoro e ika reta. Shikashi, gunshū wa sore to kiite,-machi々 Kara toho de ato o otte kita. 14 Iesu wa fune kara agatte,-dai ze i no gunshū o goran ni nari, karera o fukaku awarende, sono uchi no byōnin-tachi o oiyashi ni natta. 15 Yūgata ni nattanode, deshi-tachi ga iesu no moto ni kite itta,`koko wa sabishii tokoro de moari, mō toki mo osoku narimashita. Gunshū o kaisan sa se, meimei de shokumotsu o kai ni,-mura々 E Ika sete kudasai’. 16 Suruto iesu wa iwa reta,`karera ga dekakete iku ni wa oyobanai. Anata gata no te de shokumotsu o yari nasai’. 17 Deshi-tachi wa itta,`watashi-tachi wa koko ni, pan itsutsu to sakana ni hiki shika motte imasen’. 18 Iesu wa iwa reta,`sore o koko ni motte ki nasai’. 19 Soshite gunshū ni meijite,-sō no ue ni suwara se, itsutsu no pan to ni hiki no sakana to o te ni tori, ten o aoide sore o shukufuku shi, pan o saite deshi-tachi ni watasa reta. Deshi-tachi wa sore o gunshū ni ataeta. 20 Min’na no mono wa tabete manpuku shita. Pan-kuzu no nokori o atsumeru to, jū ni no kago ni ippai ni natta. 21 Tabeta mono wa, on’na to kodomo to o nozoite, ōyoso go sen-nindeatta. 22 Sore kara sugu, iesu wa gunshū o kaisan sa sete ora reru ma ni, shi ite deshi-tachi o fune ni norikoma se, mukōgishi e saki ni o yari ni natta. 23 Soshite gunshū o kaisan sa sete kara, inoru tame hisoka ni yama e nobora reta. Yūgata ni natte mo, tada hitori soko ni ora reta. 24-Tokoro ga fune wa, mō sudeni riku kara sū-chō mo hanarete ori, gyakufū ga fuite ita tame ni,-ha ni nayamasa rete ita. 25 Iesu wa yoake no yon-ji-goro, umi no ue o aruite karera no hō e ika reta. 26 Deshi-tachi wa, iesu ga umi no ue o aruite ora reru no o mite, yūreida to itte oji madoi, kyōfu no amari sakebigoe o ageta. 27 Shikashi, iesu wa sugu ni karera ni koe o kakete,`shikkari suru noda, watashidearu. Osoreru koto wa nai’ to iwa reta. 28 Suruto petero ga kotaete itta,`-nushi yo, anatadeshita ka. De wa, watashi ni meijite,-sui no ue o watatte mi moto ni ika sete kudasai’. 29 Iesu wa,`oide nasai’ to iwa retanode, petero wa fune kara ori,-sui no ue o aruite iesu no tokoro e itta. 30 Shikashi,-fū o mite osoroshiku nari, soshite obore kaketanode, kare wa sakende,`-nushi yo, o tasuke kudasai’ to itta. 31 Iesu wa sugu ni te o nobashi, kare o tsukamaete iwa reta,`shinkō no usui mono yo, naze utagatta no ka’. 32 Futari ga fune ni norikomuto,-fū wa yande shimatta. 33 Fune no naka ni ita mono-tachi wa iesu o hai shite,`hontō ni, anata wa kami no kodesu’ to itta. 34 Sore kara, karera wa umi o watatte genesare no chi ni tsuita. 35 Suruto sono tochi no hitobito wa iesu to shitte, sono fukin zentai ni hito o tsukawashi, iesu no tokoro ni byōnin o mina tsurete ko saseta. 36 Soshite karera ni iesu no uwagi no fusa ni demo, sawara sete yatte itadakitai to onegai shita. Soshite sawatta mono wa mina iyasa reta.

CAP. 15

1 Toki ni, parisai-jin to ritsu-hō gakusha-tachi to ga, erusaremu kara iesu no moto ni kite itta, 2 `Anata no deshi-tachi wa, naze mukashi no hitobito no ītsutae o yaburu nodesu ka. Karera wa shokuji no toki ni te o aratte imasen’. 3 Iesu wa kotaete iwa reta,`naze, anata gata mo jibun-tachi no ītsutae niyotte,-shin no ima shime o yabutte iru no ka. 4 Kami wa iwa reta,“chichi to haha to o uyamae”, mata“chichi matawa haha o nonoshiru mono wa, kanarazu shini sadame rareru” to. 5 Soredanoni, anata gata wa“dare demo chichi matawa haha ni mukatte, anata ni sashiageru hazu no kono mono wa sonaemonodesu, to ieba, 6 Chichi matawa haha o uyamawanakute mo yoroshii” to itte iru. Kōshite anata gata wa jibun-tachi no ītsutae niyotte,-shin no gen o mu ni shite iru. 7 Gizen-sha-tachi yo, izaya ga anata gata nitsuite, kōyuu tekisetsuna yogen o shite iru, 8“Kono min wa,-guchi saki de wa watashi o uyamauga, sono kokoro wa watashi kara tōku hanarete iru. 9 Ningen no ima shime o kyō toshite oshie, muimi ni watashi o ogande iru”’. 10 Sore kara iesu wa gunshū o yobiyosete iwa reta,`kiite satoruga yoi. 11-Kuchi ni wa iru mono wa hito o kegasu koto wa nai. Kaette,-guchi kara deru mono ga hito o kegasu nodearu’. 12 Sono toki, deshi-tachi ga chikayotte kite iesu ni itta,`parisai-jin-tachi ga mikoto o kiite tsumazuita koto o, gozonjidesu ka’. 13 Iesu wa kotaete iwa reta,`watashi no ten no chichi ga o ue ni naranakatta mono wa, mina nukitora rerudearou. 14 Karera o sonomama ni shite oke. Karera wa mōjin o tebiki suru mōjindearu. Moshi mōjin ga mōjin o tebiki surunara, futari tomo ana ni ochikomudearou’. 15 Petero ga kotaete itta,`sono o setsumei shite kudasai’. 16 Iesu wa iwa reta,`anata gata mo, mada wakaranai no ka. 17-Kuchi ni wa itte kuru mono wa, mina haranouchi ni hairi, soshite,-gai ni dete iku koto o shiranai no ka. 18 Shikashi,-guchi kara dete iku mono wa,-shin no naka kara dete kuru nodeatte, sore ga hito o kegasu nodearu. 19 Toyuu no wa, warui omoi, sunawachi, satsujin, kan’in, fuhinkō, nusumi, gishō, soshiri wa,-shin no naka kara dete kuru nodeatte, 20 Korera no mono ga hito o kegasu nodearu. Shikashi, arawanai te de shokuji suru koto wa,-jin o kegasu node wa nai’. 21 Sate, iesu wa soko o dete, tsuro to shidon to no chihō e ika reta. 22 Suru to, soko e, sono chihō-de no kanan no on’na ga dete kite,`-nushi yo, dabide no ko yo, watashi o awarende kudasai. Musume ga akuryō ni toritsuka rete kurushinde imasu’ to itte sakebi tsuzuketa . 23 Shikashi, iesu wa hitokoto mo okotae ni naranakatta. Sokode deshi-tachi ga mi moto ni kite negatte itta,`kono on’na o oiharatte kudasai. Sakebinagara tsuite kite imasukara’. 24 Suruto iesu wa kotaete iwa reta,`watashi wa, isuraeru no ie no ushinawa reta hitsuji igai no mono ni wa, tsukawasa rete inai’. 25 Shikashi, on’na wa chikayori iesu o hai shite itta,`-nushi yo, watashi o o tasuke kudasai’. 26 Iesu wa kotaete iwa reta,`kodomo-tachi no pan o totte koinu ni nagete yaru no wa, yoroshikunai’. 27 Suruto on’na wa itta,`-nushi yo, o kotoba-dōridesu. De mo, koinu mo sono shujin no shokutaku kara ochiru pan-kuzu wa, itadakimasu’. 28 Soko de iesu wa kotaete iwa reta,`on’na yo, anata no shinkō wa mi ageta monodearu. Anata no negai-dōri ni naru yō ni’. Sono toki ni, musume wa iyasa reta. 29 Iesu wa soko o satte, gariraya no umi be ni iki, sore kara yama ni nobotte soko ni suwa rareta. 30 Suruto dai ze i no gunshū ga, ashi,-shu,-me ya kuchi nado ga fujiyūna hitobito, sono hoka ōku no hitobito o tsurete kite, iesu no ashimoto ni oitanode, karera o oiyashi ni natta. 31 Gunshū wa,-guchi no kikenakatta hito ga mono o ii,-shu ya ashi ga fujiyūdatta hito ga iyasa re, mōjin ga mieru yō ni natta no o mite odoroki, soshite isuraeru no kami o home tataeta. 32 Iesu wa deshi-tachi o yobiyosete iwa reta,`kono gunshū ga kawaisōdearu. Mō san-nichikan mo watashi to issho ni iru no ni, nani mo taberu mono ga nai. Shika shi, karera o kūfuku no mama de kaera setaku Wa nai. Osoraku tochū de yowari kitte shimaudearou’. 33 Deshi-tachi wa itta,`arano no naka de, kon’nani-dai ze i no gunshū ni jūbun tabe saseru hodo takusan no pan o, doko de te ni iremashou ka’. 34 Iesu wa deshi-tachi ni `pan wa ikutsu aru ka’ to tazune rareru to,`nanatsu arimasu. Mata chīsai sakana ga sukoshi arimasu’ to kotaeta. 35 Soko de iesu wa gunshū ni,-chi ni suwaru yō ni to meiji, 36 Nanatsu no pan to sakana to o tori, kansha shite kore o saki, deshi-tachi ni watasa re, deshi-tachi wa kore o gunshū ni waketa. 37 Ichidō no mono wa tabete manpuku shita. Soshite nokotta pan-kuzu o atsumeru to, nanatsu no kago ni ippai ni natta. 38 Tabeta mono wa, on’na to kodomo to o nozoite yon sen-nindeatta. 39 Soko de iesu wa gunshū o kaisan sa se, fune ni notte magadan no chihō e ika reta.

CAP. 16

1 Parisai-jin to sadokai-jin to ga chikayotte kite, iesu o kokoromi, ten kara no shirushi o misete moraitai to itta. 2 Iesu wa karera ni iwa reta,`anata gata wa yūgata ni naru to,“sora ga makkadakara, hareda” to ii, 3 Mata akegata ni wa“sora ga kumotte makkadakara, kyō wa areda” to iu. Anata gata wa sora no moyō o miwakeru koto o shirinagara,-ji no shirushi o miwakeru koto ga dekinai no ka. 4 Jaaku de fugina jidai wa, shirushi o motomeru. Shikashi, yona no shirushi no hoka ni wa, nan no shirushi mo atae rarenaidearou’. Soshite, iesu wa karera o ato ni nokoshite tachisara reta. 5 Deshi-tachi wa mukōgishi ni ittaga, pan o motte kuru no o wasurete ita. 6 Soko de iesu wa iwa reta,`parisai-jin to sadokai-jin to no pan-shu o, yoku yoku keikai seyo’. 7 Deshi-tachi wa, kore wa jibun-tachi ga pan o motte konakatta tamedearou to itte, katamini ronji atta. 8 Iesu wa sore to shitte iwa reta,`shinkō no usui-sha-tachi yo, naze pan ga naikaradato katamini ronji atte iru no ka. 9 Mada wakaranai no ka. Oboete inai no ka. Itsutsu no pan o go sen-nin ni waketa toki, iku kago hirotta ka. 10 Mata, nanatsu no pan o yon sen-nin ni waketa toki, iku kago hirotta ka. 11 Watashi ga itta no wa, pan ni tsuitede wa nai koto o, dōshite satoranai no ka. Tada, parisai-jin to sadokai-jin to no pan-shu o keikai shi nasai’. 12 Sono toki karera wa, iesu ga keikai seyo to iwa reta no wa, pan-shu no kotode wa naku, parisai-jin to sadokai-jin to no kyō no kotodearu to satotta. 13 Iesu ga piripo kaizariya no chihō ni ika reta toki, deshi-tachi ni tazunete iwa reta,`hitobito wa hito no ko o dare to itte iru ka’. 14 Karera wa itta,`aru hitobito wa baputesuma no yohaneda to itte imasu. Shika shi, hoka no hito-tachi wa, eriyada to ii, mata, eremiya aruiwa yogen-sha no hitorida, to itte iru mono mo arimasu’ . 15 Soko de iesu wa karera ni iwa reta,`soredewa, anata gata wa watashi o dare to iu ka’. 16 Shimon petero ga kotaete itta,`anata koso, ikeru kami no ko kirisutodesu’. 17 Suru to, iesu wa kare ni mukatte iwa reta,`baruyona shimon, anata wa saiwaidearu. Anata ni kono koto o arawashita no wa, ketsuniku de wa naku, ten ni imasu watashi no chichidearu. 18 Soko de, watashi mo anata ni iu. Anata wa peterodearu. Soshite, watashi wa kono iwa no ue ni watashi no kyōkai o tateyou. Yomi no chikara mo sore ni uchikatsu koto wa nai. 19 Watashi wa, anata ni tengoku no kagi o sazukeyou. Soshite, anata ga chijō de tsunagu koto wa, ten demo tsunaga re, anata ga chijō de toku koto wa ten de mo toka rerudearou’. 20 Sono toki, iesu wa, jibun ga kirisutodearu koto o dare ni mo itte wa ikenai to, deshi-tachi o imashime rareta. 21 Kono toki kara, iesu kirisuto wa, jibun ga kanarazu erusaremu ni iki, chōrō, saishi-chō, ritsu-hō gakusha-tachi kara ōku no kurushimi o uke, korosa re, soshite san-nichi-me ni yomigaerubeki koto o, deshi-tachi ni shimeshi Hajime rareta. 22 Suru to, petero wa iesu o waki e hikiyosete, isame hajime,`-nushi yo, tondemonai kotodesu. Son’na koto ga aru hazu wagozaimasen’ to itta. 23 Iesu wa furimuite, petero ni iwa reta,`satan yo, hiki-sa gare. Watashi no jama o suru monoda. Anata wa kami no koto o omowanaide,-jin no koto o omotte iru’. 24 Sore kara iesu wa deshi-tachi ni iwa reta,`dare demo watashi ni tsuite kitai to omounara, jibun o sute, jibun no jūjika o oute, watashi ni shitagatte ki nasai. 25 Jibun no inochi o sukuou to omou mono wa sore o ushinai, watashi no tame ni jibun no inochi o ushinau mono wa, sore o miidasudearou. 26 Tatoi hito ga zen sekai o mōkete mo, jibun no inochi o sonshitara, nan no toku ni narou ka. Mata,-jin wa don’na daika o haratte, sono inochi o kai modosu koto ga dekiyou ka. 27-Nin no ko wa chichi no eikō no uchi ni, go-shi-tachi o shitagaete kuruga, sono toki ni wa, jissai no okonai ni ōjite, sorezore ni mukuirudearou. 28 Yoku kiite okuga yoi,-jin no ko ga okuni no chikara o motte kuru no o miru made wa,-shi o ajiwawanai mono ga, koko ni tatte iru mono no naka ni iru’.

CAP. 17

1 Roku-nichi no nochi, iesu wa petero, yakobu, yakobu no kyōdai yohane dake o tsurete, takai yama ni nobora reta. 2-Tokoro ga, karera no me no mae de iesu no sugata ga kawari, sono kao wa hi no yō ni kagayaki, sono koromo wa hikari no yō ni shiroku natta. 3 Suru to, miyo, mōse to eriya ga karera ni arawarete, iesu to katariatte ita. 4 Petero wa iesu ni mukatte itta,`-nushi yo, watashi-tachi ga koko ni iru no wa, subarashii kotodesu. Mo shi, o sashitsukaenakereba, watashi wa koko ni koya o mittsu tatemashou. Hitotsu wa anata No tame ni, hitotsu wa mōse no tame ni, hitotsu wa eriya no tame ni’. 5 Kare ga mada hanashi oenai uchi ni, tachimachi, kagayaku kumo ga karera o ōi, soshite kumo no naka kara koe ga shita,`kore wa watashi no aisuru ko, watashi no kokoro ni kanau monodearu. Kore ni kike’. 6 Deshi-tachi wa kore o kiite hijō ni osore,-gao o chi ni fuseta. 7 Iesu wa chikazuite kite,-shu o karera nioite iwa reta,`oki nasai, osoreru koto wa nai’. 8 Karera ga me o ageru to, iesu no hoka ni wa, dare mo mienakatta. 9 Ichidō ga yama o kudatte kuru toki, iesu wa `-jin no ko ga shinin no naka kara yomigaeru made wa, ima mita koto o dare ni mo hanashite wa naranai’ to, karera ni meiji rareta. 10 Deshi-tachi wa iesu ni otazune shite itta,`ittai, ritsu-hō gakusha-tachi wa, naze, eriya ga saki ni kuru hazuda to itte iru nodesu ka’. 11 Kotaete iwa reta,`tashika ni, eriya ga kite, banji o moto dōri ni aratamerudearou. 12 Shikashi, anata gata ni itte oku. Eriya wa sudeni kita noda. Shikashi hitobito wa kare o mitomezu, jibun katte ni kare o ashiratta. Hito no ko mo mata, sono yō ni karera kara kurushimi o ukeru koto ni narou’. 13 Sono toki, deshi-tachi wa, iesu ga baputesuma no yohane no koto o iwa reta noda to satotta. 14 Sate karera ga gunshū no tokoro ni kaeru to, hitori no hito ga iesu ni chikayotte kite, hizamazuite, itta, 15 `-Nushi yo, watashi no ko o awarende kudasai. Tenkan de kurushinde orimasu. Nan-do mo nan-do mo hi no naka ya mizu no naka ni taoreru nodesu. 16 Sore de, sono ko o o deshi-tachi no tokoro ni tsurete kimashitaga, naoshite ita dakemasendeshita’. 17 Iesu wa kotaete iwa reta,`ā ,na n toyuu fu shinkōna, magatta jidaidearou. Itsu made, watashi wa anata gata to issho ni ora reyou ka. Itsu made anata gata ni gaman ga dekiyou ka. Sono ko o koko ni, watashi no tokoro ni tsurete ki nasai’. 18 Iesu ga o shikari ni naru to, akuryō wa sono ko kara dete itta. Soshite ko wa sono toki iyasa reta. 19 Sore kara, deshi-tachi ga hisoka ni iesu no moto ni kite itta,`watashi-tachi wa, dōshite rei o oidasenakatta nodesu ka’. 20 Suruto iesu wa iwa reta,`anata gata no shinkō ga tarinaikaradearu. Yoku īkikasete okuga, mo shi, kara shi-shu ichi-tsubu hodo no shinkō ga arunara, kono yama ni mukatte“koko kara asoko Ni utsure” to ieba, utsurudearou. Kono yō ni, anata gata ni dekinai koto wa, nani mo naidearou. 21〔Shikashi, kono tagui wa, ino to danjiki to ni yoranakereba, oidasu koto wa dekinai〕’. 22 Karera ga gariraya de atsumatte ita toki, iesu wa iwa reta,`-jin no ko wa hitobito no te ni watasa re, 23 Karera ni korosa re, soshite san-nichi-me ni yomigaerudearou’. Deshi-tachi wa hijō ni kokoro o itameta. 24 Karera ga kapenaumu ni kita toki, miya no nōnyū-kin o atsumeru hito-tachi ga petero no tokoro ni kite itta,`anata gata no sensei wa miya no nōnyū-kin o osamenai no ka’. 25 Petero wa `osamete ora remasu’ to itta. Soshite kare ga ie ni wa iru to, iesu kara saki ni hanashikakete iwa reta,`shimon, anata wa dō omou ka. Konoyo no ō-tachi wa zei ya mitsugi o dare kara toru no ka. Jibun no ko kara ka, soretomo, Hoka no hito-tachi kara ka’. 26 Petero ga `hoka no hito-tachi karadesu’ to kotaeru to, iesu wa iwa reta,`soredewa,-ko wa osamenakute mo yoi wakedearu. 27 Shikashi, karera o tsumazuka senai tame ni, umi ni itte, tsuri hari o tare nasai. Soshite saisho ni tsureta sakana o totte, sono kuchi o akeru to, ginka ichi-mai ga mitsukarudearou. Sore o tori dashite, watashi to anata no tame ni osame nasai’.

CAP.18

1 Sono toki, deshi-tachi ga iesu no moto ni kite itta,`ittai, tengoku de wa dare ga ichiban erai nodesu ka’. 2 Suru to, iesu wa yōna ko o yobiyose, karera no man’naka ni tata sete iwa reta, 3 `Yoku kiki nasai.-Shin o irekaete yōna ko no yō ni naranakereba, tengoku ni wa iru koto wa dekinaidearou. 4 Kono yōna ko no yō ni jibun o hikuku suru mono ga, tengoku de ichiban erai nodearu. 5 Mata, dare demo, kono yōna hitori no yōna ko o, watashi no na no yue ni ukeireru mono wa, watashi o ukeireru nodearu. 6 Shikashi, watashi o shinzuru korera no chīsai mono no hitori o tsumazuka seru mono wa, ōkina hiki usu o kubi ni kake rarete umi no fukami ni shizume rareru hō ga, sono hito no eki ni naru. 7 Konoyo wa,-zai no yūwaku ga arukara, waza waidearu. Tsumi no yūwaku wa kanarazu kuru. Shikashi, sore o kitara seru hito wa, waza waidearu. 8 Moshi anata no katate matawa kataashi ga,-zai o okasa serunara, sore o kitte sute nasai. Ryōte, ryōashi ga sorotta mama de, eien no hi ni nagekoma reru yori wa, katate, kataashi ni natte inochi ni hairu hō ga yoi. 9 Moshi anata no katame ga tsumi o okasa serunara, sore o nukidashite sute nasai. Ryō me ga sorotta mama de jigoku no hi ni nageire rareru yori wa, katame ni natte inochi ni hairu hō ga yoi. 10 Anata gata wa, korera no chīsai mono no hitori o mo karu nji nai yō ni, ki o tsuke nasai. Anata gata ni iuga, karera no go-shi-tachi wa ten ni atte, ten ni imasu watashi no chichi nomi kao o itsumo aoide iru nodearu. 11〔Hito no ko wa, horobiru mono o sukuu tame ni kita nodearu. 〕 12 Anata gata wa dō omou ka. Aru hito ni hyaku-hiki no hitsuji ga ari, sono naka no ichi-hiki ga mayoi deta to sureba, kyū jū kyū-hiki o yama ni nokoshite oite, sono mayoi dete iru hitsuji o sagashi ni dekakenaidearou ka. 13 Moshi sore o mitsuketanara, yoku kiki nasai, mayowanaide iru kyū jū kyū-hiki no tame yori mo, mushiro sono ichi-hiki no tame ni yorokobudearou. 14 Sono yō ni, korera no chīsai mono no hitori ga horobiru koto wa, ten ni imasu anata gata no chichi nomi kokoro de wa nai. 15 Moshi anata no kyōdai ga tsumi o okasunara, itte, kare to futari dake no tokoro de chūkoku shi nasai. Moshi kiite kuretara, anata no kyōdai o eta koto ni naru. 16 Moshi kiite kurenainara, hoka ni hitori futari o, issho ni tsurete iki nasai. Sore wa, futari matawa san-nin no shōnin no kuchi niyotte, subete no koto ga-ra ga tashikame rareru tamedearu. 17 Moshi karera no iu koto o kikanainara, kyōkai ni mōshide nasai. Moshi kyōkai no iu koto mo kikanainara, sono hito o i hōjin matawa to zei-jin dōyō ni atsukai nasai. 18 Yoku itte oku. Anata gataga chijō de tsunagu koto wa, ten de mo mina tsunaga re, anata gataga chijō de toku koto wa, ten de mo mina toka rerudearou. 19 Mata, yoku itte oku. Moshi anata gata no uchi no futari ga, don’na negaigoto nitsuite mo chijō de kokoro o awaserunara, ten ni imasu watashi no chichi wa sore o kanaete kudasarudearou. 20 Futari matawa san-nin ga, watashi no na niyotte atsumatte iru tokoro ni wa, watashi mo sono naka ni iru nodearu’. 21 Sono toki, petero ga iesu no moto ni kite itta,`-nushi yo, kyōdai ga watashi nitaishite tsumi o okashita baai, ikutabi yurusaneba narimasen ka. Nana-tabi madedesu ka’. 22 Iesu wa kare ni iwa reta,`watashi wa nana-tabi made to wa iwanai. Nana-tabi o nana jū-bai suru made ni shi nasai. 23 Soredakara, tengoku wa ō ga boku-tachi to kessan o suru yōna monoda. 24 Kessan ga hajimaru to, ichi man taranto no fusai no aru mono ga,-ō no tokoro ni tsure rarete kita. 25 Shikashi, kaesenakattanode, shujin wa, sono hito jishin to sono saishi to mochimono zenbu to o utte kaesu yō ni meijita. 26 Soko de, kono boku wa hirefushite aigan shita,“dōzo omachi kudasai. Zenbu okaeshi itashimasukara”. 27 Boku no shujin wa a ware ni omotte, kare o yurushi, sono fusai o menjite yatta. 28 Sono boku ga dete iku to, hyaku denari o kashite iru hitori no nakama ni deai, kare o tsukamae, kubi o shimete“shakkin o kaese” to itta. 29 Soko de kono nakama wa hirefushi,“dōka matte kure. Kaesukara” to itte tanonda. 30 Shikashi shōchi sezu ni, sono hito o hippatte itte, shakkin o kaesu made goku ni ireta. 31 Sono hito no nakama-tachi wa, kono yōsu o mite, hijō ni kokoro o itame, itte sono koto o nokorazu shujin ni hanashita. 32 Soko de kono shujin wa kare o yobitsukete itta,“warui boku, watashi ni negattakara koso, ano fusai o zenbu yurushite yatta noda. 33 Watashi ga awarende yatta yō ni, ano nakama o awarende yarubekide wa nakatta ka”. 34 Soshite shujin wa rippuku shite, fusai zenbu o kaeshite shimau made, kare o gokuri ni hiki watashita. 35 Anata gata meimei mo, mo shi-shin kara kyōdai o yurusanainaraba, watashi no ten no chichi mo mata anata gata nitaishite, sono yō ni nasarudearou’.

CAP. 19

1 Iesu wa korera no koto o katari oe rarete kara, gariraya o satte yorudan no mukō no yudaya no chihō e ika reta. 2 Suruto dai ze i no gunshū ga tsuite kitanode, karera o soko de oiyashi ni natta. 3 Sate parisai-jin-tachi ga chikazuite kite, iesu o kokoromiyou to shite itta,`nani ka no riyū de, otto ga sono tsuma o dasu no wa, sashitsukaenaideshou ka’. 4 Iesu wa kotaete iwa reta,`anata gata wa mada yonda koto ga nai no ka.“Sōzō-sha wa hajime kara hito o otoko to on’na to ni tsukura re, 5 Soshite iwa reta, sore-yue ni,-jin wa chichihaha o hanare, sono tsuma to musuba re, futari no mono wa ittai to narubekidearu”. 6 Karera wa mohaya, futari de wanaku ittaidearu. Dakara,-shin ga awase rareta mono o,-jin wa hanashite wa naranai’. 7 Karera wa iesu ni itta,`soredewa, naze mōse wa, tsuma o dasu baai ni wa rien-jō o watase, to sadameta nodesu ka’. 8 Iesu ga iwa reta,`mōse wa anata gata no kokoro ga, katakunananode, tsuma o dasu koto o yurushita nodaga, hajime kara sōde wa nakatta. 9 Soko de watashi wa anata gata ni iu. Fuhinkō no yuedenakute, jibun no tsuma o dashite ta no on’na o metoru mono wa, kan’in o okonau nodearu’. 10 Deshi-tachi wa itta,`mo shi tsuma nitaisuru otto no tachiba ga sōda to sureba, kekkon shinai hō ga mashidesu’. 11 Suruto iesu wa karera ni iwa reta,`sono kotoba o ukeireru koto ga dekiru no wa subete no hito de wa naku, tada sore o sazuke rarete iru hitobito dakedearu. 12 Toyuu no wa, haha no tainai kara dokushin-sha ni umare tsuite iru mono ga ari, mata ta kara dokushin-sha ni sa reta mono moari, mata tengoku no tame ni, mizukara susunde dokushin-sha to natta mono mo aru. Kono kotoba o uke rareru mono wa, ukeireruga yoi’. 13 Sono toki, iesu ni te o oite inotte itadaku tame ni, hitobito ga yōna ko-ra o mi-moto ni tsurete kita. Tokoroga, deshi-tachi wa karera o tashinameta. 14 Suruto iesu wa iwa reta,`yōna ko-ra o sonomama ni shite oki nasai. Watashi no tokoro ni kuru no o tomete wa naranai. Tengoku wa kono yōna mono no kunidearu’. 15 Soshite te o karera no ue ni oite kara, soko o satte ika reta. 16 Suru to, hitori no hito ga iesu ni chikayotte kite itta,`sensei, eien no seimei o eru tame ni wa, don’na yoi koto o shitara iideshou ka’. 17 Iesu wa iwa reta,`naze yoi koto nitsuite watashi ni tazuneru no ka. Yoi kata wa tada hitori dakedearu. Mo shi inochi ni hairitai to omounara, ima shime o mamori nasai’. 18 Kare wa itta,`dono imashimedesu ka’. Iesu wa iwa reta,`“korosu na, kan’in suru na, nusumu na, gishō o tateru na. 19 Chichi to haha to o uyamae”. Mata“jibun o aisuru yō ni, anata no tonari-jin o aiseyo”’. 20 Kono seinen wa iesu ni itta,`sore wa mina mamotte kimashita. Hoka ni nani ga tarinai nodeshou’. 21 Iesu wa kare ni iwa reta,`moshi anata ga kanzen ni naritai to omounara, kaette anata no mochimono o uriharai, mazushii hitobito ni hodokoshi nasai. Sō sureba, ten ni takara o motsu yō ni narou. Soshite, Watashi ni shitagatte ki nasai’. 22 Kono kotoba o kiite, seinen wa kanashiminagara tachisatta. Takusan no shisan o motte itakaradearu. 23 Sore kara iesu wa deshi-tachi ni iwa reta,`yoku kiki nasai. Tonde iru mono ga tengoku ni wa iru no wa, muzukashii monodearu. 24 Mata, anata gata ni iuga, tonde iru mono ga kami no kuni ni wa iru yori wa, rakuda ga hari no ana o tōru hō ga, motto yasashii’. 25 Deshi-tachi wa kore o kiite hijō ni odoroite itta,`de wa, dare ga sukuwa reru koto ga dekiru nodarou’. 26 Iesu wa karera o mitsumete iwa reta,`-jin ni wa sore wa dekinaiga,-shin ni wa nan demo dekinai koto wa nai’. 27 Sono toki, petero ga iesu ni kotaete itta,`goran nasai, watashi-tachi wa issai o sutete, anata ni shitagaimashita. Tsuitewa, nani ga itadakerudeshou ka’. 28 Iesu wa karera ni iwa reta,`yoku kiite okuga yoi. Yo ga aratamatte,-jin no ko ga sono eikō no za ni tsuku toki ni wa, watashi ni shitagatte kita anata gata mo mata, jū ni no kurai ni zashi Te isuraeru no jū ni no buzoku o sabakudearou. 29 Ōyoso, watashi no na no tame ni,-ka, kyōdai, shimai, chichi, haha,-ko, moshikuwa hatake o suteta mono wa, sono iku-bai mo o uke, mata eien no seimei o uke tsugudearou. 30 Shikashi, ōku no saki no mono wa ato ni nari, ato no mono wa saki ni narudearou.

CAP. 20

1 Tengoku wa, aru ie no shujin ga, jibun no budō-en ni rōdō-sha o yatou tame ni, yoru ga akeruto dōjini, dekakete iku yōna monodearu. 2 Kare wa rōdō-sha-tachi to, ichi-nichi ichi denari no yakusoku o shite, karera o budō-en ni okutta. 3 Sore kara kyū-ji-goro ni dete itte, ta no hitobito ga shijō de nani mo sezu ni tatte iru no o mita. 4 Soshite, sono hito-tachi ni itta,“anata gata mo, budō-en ni iki nasai. Sōtōna chingin o haraukara”. 5 Soko de, karera wa dekakete itta. Shujin wa mata, jū ni-ji-goro to san-ji-goro to ni dete itte, onaji yō ni shita. 6 Go-ji-goro mata dete iku to, mada tatte iru hitobito o mitanode, karera ni itta,“naze, nani mo shinaide, ichi-nichi-chū koko ni tatte ita no ka”. 7 Karera ga“dare mo watashi-tachi o yatotte kuremasenkara” to kotaetanode, sono hitobito ni itta,“anata gata mo, budō-en ni iki nasai”. 8 Sate, yūgata ni natte, budō-en no shujin wa kanri-jin ni itta,“rōdō-sha-tachi o yobi nasai. Soshite, saigo ni kita hitobito kara hajimete junjun ni saisho ni kita hitobito niwataru yō ni, chingin o haratte yari nasai”. 9 Soko de, go-ji-goro ni yatowa reta hitobito ga kite, sorezore ichi denari zutsu moratta. 10-Tokoro ga, saisho no hitobito ga kite, motto ōku moraerudarou to omotte itanoni, karera mo ichi denari zutsu moratta dakedeatta. 11 Moratta toki,-ka no shujin ni mukatte fuhei o morashite 12 Itta,“kono saigo no mono-tachi wa ichi-jikan shika hatarakanakattanoni, anata wa ichi-nichi-jū, rōku to atsu-sa o shinbō shita watashi-tachi to onaji atsukai o nasaimashita”. 13 Soko de kare wa sono hitori ni kotaete itta,“tomo yo, watashi wa anata nitaishite fusei o shite wa inai. Anata wa watashi to ichi denari no yakusoku o shitade wanai ka. 14 Jibun no chingin o moratte iki nasai. Watashi wa, kono saigo no mono ni mo anata to dōyō ni haratte yaritai noda. 15 Jibun no mono o jibun ga shitai yō ni suru no wa,-atari mae de wanai ka. Soretomo watashi ga kimae yoku shite irunode, netamashiku omou no ka”. 16 Kono yō ni, ato no mono wa saki ni nari,-saki no mono wa ato ni narudearou’. 17 Sate, iesu wa erusaremu e noboru toki, jū ni deshi o hisoka ni yobi yose, sono tochū de karera ni iwa reta, 18 `Miyo, watashi-tachi wa erusaremu e nobotte ikuga,-jin no ko wa saishi-chō, ritsu-hō gakusha-tachi no te ni watasa rerudearou. Karera wa kare ni shikei o senkoku shi, 19 Soshite kare o azakeri, muchiuchi, jūjika ni tsuke saseru tame ni, ihō-jin ni hiki watasudearou. Soshite kare wa san-nichi-me ni yomigaerudearou’. 20 Sono toki, zebedai no ko-ra no haha ga, sono ko-ra to issho ni iesu no moto ni kite hizamazuki, nanigoto ka o onegai shita. 21 Soko de iesu wa kanojo ni iwa reta,`nani o shite hoshii no ka’. Kanojo wa itta,`watashi no kono futari no musuko ga, anata no okuni de, hitori wa anata no migi ni, hitori wa hidari ni suwa reru yō ni, o kotoba o kudasai’. 22 Iesu wa kotaete iwa reta,`anata gata wa, jibun ga nani o motomete iru no ka, wakatte inai. Watashi no nomou to shite iru hai o nomu koto ga dekiru ka’. Karera wa `dekimasu’ to kotaeta. 23 Iesu wa karera ni iwa reta,`tashika ni, anata gata wa watashi no hai o nomu koto ni narou. Shika shi, watashi no migi, hidari ni suwara seru koto wa, watashi no suru kotode wa naku, watashi no chichi Niyotte sonae rarete iru hitobito dake ni yurusa reru kotodearu’. 24 Jū-nin no mono wa kore o kiite, kono futari no kyōdai-tachi no koto de fungai shita. 25 Soko de, iesu wa karera o yobiyosete iwa reta,`anata gata no shitte iru tōri, ihō-jin no shihai-sha-tachi wa sono min o osame, mata erai hito-tachi wa, sono min no ue ni kenryoku o furutte iru . 26 Anata gata no ma de wa sōdeatte wa naranai. Kaette, anata gata no ma de eraku naritai to omou mono wa, tsukaeru hitotonari, 27 Anata gata no ma de kashira ni naritai to omou mono wa, boku to naraneba naranai. 28 Sore wa,-jin no ko ga kita no mo, tsukae rareru tame de wa naku, tsukaeru tamedeari, mata ōku no hito no a ga nai toshite, jibun no inochi o ataeru tamedearu no to, chōdo onajidearu’. 29 Sore kara, karera ga eriko o dete itta toki,-dai ze i no gunshū ga iesu ni shitagatte kita. 30 Suru to, futari no mōjin ga michibata ni suwatte itaga, iesu ga tōtte ika reru to kiite, sakende itta,`-nushi yo, dabide no ko yo, watashi-tachi o awarende kudasai’. 31 Gunshū wa karera o shikatte damara seyou to shitaga, karera wa masumasu sakebi tsuzukete itta,`-nushi yo, dabide no ko yo, watashi-tachi o awarende kudasai’. 32 Iesu wa tachidomari, karera o yonde iwa reta,`watashi ni nani o shite hoshii no ka’. 33 Karera wa itta,`-nushi yo,-me o akete itadaku kotodesu’. 34 Iesu wa fukaku awarende, karera no me ni sawara reta. Suruto karera wa, tachimachi mieru yō ni nari, iesu ni shitagatte itta.

CAP. 21

1 Sate, karera ga erusaremu ni chikazuki, oribu yama-zoi no betepage ni tsuita toki, iesu wa futari no deshi o tsukawashite iwa reta, 2 `Mukō no mura e iki nasai. Suruto sugu, roba ga tsunaga rete ite,-ko roba ga soba ni iru no o mirudearou. Sore o toite watashi no tokoro ni hiite ki nasai. 3 Moshi dare ka ga, anata gata ni nani ka ittanara,-nushi ga o iriyōna nodesu, to ii nasai. Sō ieba, sugu watashite kurerudearou’. 4 Kōshita no wa, yogen-sha niyotte iwa reta koto ga, jōju suru tamedearu. 5 Sunawachi,`shion no musume ni tsugeyo, miyo, anata no ō ga oide ni naru, nyūwana o-kata de, roba ni notte, ku-biki o ou roba no ko ni notte’. 6 Deshi-tachi wa dete itte, iesu ga o meiji ni natta tōri ni shi, 7 Roba to ko roba to o hiite kita. Soshite sono ue ni jibun-tachi no uwagi o kakeru to, iesu wa sore ni o nori ni natta. 8 Gunshū no uchi ōku no mono wa jibun-tachi no uwagi o michi ni shiki, mata, hoka no mono-tachi wa ki no eda o kitte kite michi ni shiita. 9 Soshite gunshū wa, mae ni iku mono mo, ato ni shitagau mono mo,-domo ni sakebi tsuzuketa,`dabide no ko ni, hosana.-Nushi no gyomei niyotte kitaru mono ni, shukufuku are. Ito takaki tokoro ni, hosana’. 10 Iesu ga erusaremu ni wa itte ika reta toki, machinaka ga kozotte sawagi tachi,`kore wa, ittai, donatadarou’ to itta. 11 Soko de gunshū wa,`kono hito wa gariraya no nazare kara deta yogen-sha iesudearu’ to itta. 12 Sore kara, iesu wa miya ni haira reta. Soshite, miya no niwa de urikai shite ita hitobito o mina oidashi, mata ryōgae-jin no dai ya, hato o uru mono no koshikake o kutsugaesa reta. 13 Soshite karera ni iwa reta,`“watashi no ie wa, ino no ie to tonae-rarubekidearu” to kaite aru. Soredanoni, anata gata wa sore o gōtō no su ni shite iru’. 14 Sono toki miya no niwa de, mōjin ya ashina e ga mi moto ni kitanode, karera o oiyashi ni natta. 15 Shikashi, saishi-chō, ritsu-hō gakusha-tachi wa, iesu ga nasa reta fushigina waza o mi, mata miya no niwa de `dabide no ko ni, hosana’ to sakende iru kodomo-tachi o mite rippuku shi, 16 Iesu ni itta,`ano ko-tachi ga nani o itte iru no ka, o kikidesu ka’. Iesu wa karera ni iwa reta,`-sōda, kiite iru. Anata gata wa“yōna ko, chichi nomi ko-tachi no kuchi ni-san bi o sonae rareta” to aru no o yonda koto ga nai no ka’. 17 Sore kara, iesu wa karera o ato ni nokoshi,-to o dete betaniya ni iki, soko de yoru o sugosa reta. 18 Asa hayaku to ni kaeru toki, iesu wa kūfuku o oboe rareta. 19 Soshite,-dō no katawara ni ichi-hon no ichijiku no ki ga aru no o mite, soko ni ika retaga, tada ha no hoka wa nani mo miataranakatta. Sokode sono ki ni mukatte,`ima kara nochi itsu made mo, omae ni wa mi ga naranai yō ni’ to iwa reta. Suruto, ichijiku no ki wa tachimachi kareta. 20 Deshi-tachi wa kore o mite, odoroite itta,`ichijiku ga dōshite, kō sugu ni kareta nodeshou’. 21 Iesu wa kotaete iwa reta,`yoku kiite okuga yoi. Moshi anata gataga shinjite utagawanainaraba, kono ichijiku ni atta yōna koto ga, dekiru bakaridenaku, kono yama ni mukatte, Ugokidashite umi no naka ni haire to itte mo, sono tōri ni narudearou. 22 Mata, ino no toki, shinjite motomeru mono wa, mina atae rarerudearou’. 23 Iesu ga miya ni haira reta toki, saishi-chō-tachi ya min no chōrō-tachi ga, sono oshiete ora reru tokoro ni kite itta,`nani no ken’i niyotte, korera no koto o suru nodesu ka. Dare ga, Sō suru ken’i o sazuketa nodesu ka’. 24 Soko de iesu wa karera ni iwa reta,`watashi mo hitotsu dake tazuneyou. Anata gataga sore ni kotaete kuretanara, watashi mo, nani no ken’i niyotte korera no koto o suru no ka, anata gata ni iou . 25 Yohane no baputesuma wa doko kara kita nodeatta ka. Ten karadeatta ka,-jin karadeatta ka’. Suruto, karera wa katamini ronjite itta,`mo shi ten karada to ieba, de wa, naze kare o shinjinakatta no ka, to iesu wa iudarou. 26 Shikashi, mo shi-jin karada to ieba, gunshū ga osoroshii. Hitobito ga mina yohane o yogen-sha to omotte iru nodakara’. 27 Soko de karera wa,`watashi-tachi ni wa wakarimasen’ to kotaeta. Suruto, iesu ga iwa reta,`watashi mo nani no ken’i niyotte korera no koto o suru no ka, anata gata ni iumai. 28 Anata gata wa dō omou ka. Aru hito ni futari no ko ga attaga,-kei no tokoro ni itte itta,“-ko yo, kyō, budō-en e itte hataraite kure”. 29 Suruto kare wa“otōsan, mairimasu” to kotaetaga, ikanakatta. 30 Mata otōto no tokoro ni kite onaji yō ni itta. Kare wa“iyadesu” to kotaetaga, ato kara kokoro o kaete, dekaketa. 31 Kono futari no uchi, dochira ga chichi no nozomi-dōri ni shita no ka’. Karera wa itta,`ato no monodesu’. Iesu wa iwa reta,`yoku kiki nasai. To zei-jin ya yūjo wa, anata ga tayori-saki ni kami no kuni ni wa iru. 32 Toyuu no wa, yohane ga anata gata no tokoro ni kite, gi no michi o toitanoni, anata gata wa kare o shinjinakatta. Tokoroga, to zei-jin ya yūjo wa kare o shinjita. Anata gata wa sore o mitanoni, ato ni natte mo,-shin o ire kaete kare o shinjiyou to shinakatta. 33 Mō hitotsu no o kiki nasai. Aru tokoro ni, hitori no ie no shujin ga itaga, budō-en o tsukuri, kaki o megurashi, sono naka ni sake bu ne no ana o hori, ya gura o tate, sore o nōfu-tachi ni kashite, tabi ni dekaketa. 34 Shūkaku no kisetsu ga kitanode, sono wakemae o uketorou toshite, boku-tachi o nōfu no tokoro e okutta. 35 Suru to, nōfu-tachi wa, sono boku-tachi o tsukamaete, hitori o fukurodataki ni shi, hitori o koroshi, mō hitori o ishi de uchikoroshita. 36 Mata betsuni, mae yori mo ōku no boku-tachi o okuttaga, karera o mo onaji yō ni ashiratta. 37 Shikashi, saigo ni, watashi no ko wa uyamatte kurerudarou to omotte, shujin wa sono ko o karera no tokoro ni tsukawashita. 38 Suruto nōfu-tachi wa, sono ko o mite katamini itta,“are wa ato-torida. Sā, kore o koroshite, sono zaisan o te ni ireyou”. 39 Soshite kare o tsukamaete, budō-en no soto ni hikidashite koroshita. 40 Kono budō-en no shujin ga kaette kitara, kono nōfu-tachi o dō surudarou ka’. 41 Karera wa iesu ni itta,`akunin-domo o, minagoroshi ni shite, kisetsu-goto ni shūkaku o osameru hoka no nōfu-tachi ni, sono budō-en o kashi ataerudeshou’. 42 Iesu wa karera ni iwa reta,`anata gata wa, seisho de mada yonda koto ga nai no ka,“-ka-zukuri-ra no suteta ishi ga/-sumi no kashira-seki ni natta. Kore wa aruji ga nasa reta koto De, watashi-tachi no me ni wa fushigi ni mieru”. 43 Soredakara, anata gata ni iuga,-shin no kuni wa anata gatakara toriage rarete, okuni ni fusawashii mi o musubu yōna i hōjin ni atae rarerudearou. 44 Mata sono ishi no ue ni ochiru mono wa uchikudaka re, sore ga dare ka no ue ni ochi kakarunara, sono hito wa kona mijin ni sa rerudearou’. 45 Saishi-chō-tachi ya parisai-jin-tachi ga kono o kiita toki, jibun-tachi no koto o sashite itte ora reru koto o satottanode, 46 Iesu o toraeyou to shitaga, gunshū o osoreta. Gunshū wa iesu o yogen-shada to omotte itakaradearu.

CAP. 22

1 Iesu wa mata, de karera ni katatte iwa reta, 2 `Tengoku wa, hitori no ō ga sono ōji no tame ni, kon-en o moyoosu yōna monodearu. 3 Ō wa sono boku-tachi o tsukawashite, kono kon-en ni maneka rete ita hito-tachi o yoba setaga, sono hito-tachi wa koyou to wa shinakatta. 4 Soko de mata, hoka no boku-tachi o tsukawashite itta,“maneka reta hito-tachi ni ii nasai. Shokuji no yōi ga dekimashita. Ushi mo koeta shishi mo hofura rete, subete no yōi ga dekimashita. Sā, kon-en ni oide kudasai”. 5 Shikashi, karera wa shiranukao o shite, hitori wa jibun no hatake ni, hitori wa jibun no shōbai ni dete iki, 6 Mata hoka no hitobito wa, kono boku-tachi o tsukamaete bujoku o kuwaeta ue, koroshite shimatta. 7 Soko de ō wa rippuku shi, guntai o okutte sorera no hitogoroshi-domo o horoboshi, sono machi o yakiharatta. 8 Sore kara boku-tachi ni itta,“kon-en no yōi wa dekite iruga, maneka rete ita no wa, fusawashikunai hitobitodeatta. 9Dakara,-machi no ōdōri ni dete itte, deatta hito wa dare demo kon-en ni tsurete ki nasai”. 10 Soko de, boku-tachi wa michi ni dete itte, deau hito wa, akunin de mo zen’nin de mo mina atsumete kitanode, kon-en no seki wa kyaku de ippai ni natta. 11 Ō wa kyaku o mukaeyou toshite wa itte kitaga, soko ni reifuku o tsukete inai hitori no hito o mite, 12 Kare ni itta,“tomo yo, dōshite anata wa reifuku o tsukenaide, koko ni wa itte kita nodesu ka”. Shikashi, kare wa damatte ita. 13 Soko de,-ō wa soba no mono-tachi ni itta,“kono mono no teashi o shibatte,-gai no kurayami ni hōridase. Soko de nakisaken dari, ha ga mi o shi tari surudearou”. 14 Maneka reru mono wa ōiga, eraba reru mono wa sukunai’. 15 Sono toki parisai-jin-tachi ga kite, dōka shite iesu o kotoba no wana ni kakeyou to, sōdan o shita. 16 Soshite, karera no deshi o, herode tō no mono-tachi totomoni, iesu no moto ni tsukawashite iwa seta,`sensei, watashi-tachi wa anata ga shinjitsuna katadeatte, shinri ni motozuite kami no michi o oshie, Mata,-jin ni wake hedate o shinaide, dare o mo habakara renai koto o shitte imasu. 17 Sore de, anata wa dō omowa remasu ka, kotaete kudasai. Kaizaru ni zeikin o osamete yoideshou ka, ikenaideshou ka’. 18 Iesu wa karera no akui o shitte iwa reta,`gizen-sha-tachi yo, naze watashi o tamesou to suru no ka. 19 Zei ni osameru kahei o mise nasai’. Karera wa denari hitotsu o motte kita. 20 Soko de iesu wa iwa reta,`kore wa, dare no shōzō, dare no kigō ka’. 21 Karera wa `kaizaru nodesu’ to kotaeta. Suruto iesu wa iwa reta,`soredewa, kaizaru no mono wa kaizaru ni,-shin no mono wa kami ni kaeshi nasai’. 22 Karera wa kore o kiite kyōtan shi, iesu o nokoshite tachisatta. 23 Fukkatsu toyuu koto wa nai to shuchō shite ita sadokai-jin-tachi ga, sono hi, iesu no moto ni kite shitsumon shita, 24 `Sensei, mōse wa kō itte imasu,“mo shi, aru hito ga ko ga nakute shindanara, sono otōto wa ani no tsuma o metotte,-kei no tame ni ko o mōkeneba naranai”. 25 Sate, watashi-tachi no tokoro ni nana-nin no kyōdai ga arimashita. Chōnan wa tsuma o metottaga shinde shimai, soshite ko ga nakattanode, sono tsuma o otōto ni nokoshimashita. 26 Jinan mo san’nan mo, tsuini nana-nin tomo onaji koto ni narimashita. 27 Saigo ni, sono on’na mo shinimashita. 28 Suru to fukkatsu no toki ni wa, kono on’na wa, nana-nin no uchi dare no tsumana nodeshou ka. Min’na ga kono on’na o tsuma ni shita nodesuga’. 29 Iesu wa kotaete iwa reta,`anata gata wa seisho mo kami no chikara mo shiranaikara, omoichigai o shite iru. 30 Fukkatsu ct-ji ni wa, karera wa meto~tsu tari, totsui dari suru koto wa nai. Karera wa ten ni iru go-shi no yōna monodearu. 31 Mata, shinin no fukkatsu nitsuite wa,-shin ga anata gata ni iwa reta kotoba o yonda koto ga nai no ka. 32“Watashi wa aburahamu no kami, isaku no kami, yakobu no kamidearu” to kaite aru. Kami wa shinda mono no kami de wa naku, ikite iru mono no kamidearu’. 33 Gunshū wa kore o kiite, iesu no kyō ni odoroita. 34 Sate, parisai-jin-tachi wa, iesu ga sadokai-jin-tachi o īkome rareta to kiite, issho ni atsumatta. 35 Soshite karera no naka no hitori no ritsu hōgaku-sha ga, iesu o tame-sō toshite shitsumon shita, 36 `Sensei, ritsu-hō no naka de, dono ima shime ga ichiban taisetsuna nodesu ka’. 37 Iesu wa iwa reta,`“-shin o tsukushi, seishin o tsukushi, omoi o tsukushite, omonaru anata no kami o aiseyo”. 38 Kore ga ichiban taisetsuna, dai ichi no ima shimedearu. 39 Dai ni mo kore to dōyōdearu,“jibun o aisuru yō ni anata no tonari-jin o aiseyo”. 40 Korera no futatsu no imashime ni, ritsu-hō zentai to yogen-sha to ga, kakatte iru’. 41 Parisai-jin-tachi ga atsumatte ita toki, iesu wa karera ni otazune ni natta, 42 `Anata gata wa kirisuto o dō omou ka. Dare no kona no ka’. Karera wa `dabide no kodesu’ to kotaeta. 43 Iesu wa iwa reta,`soredewa dōshite, dabide ga mitama ni kanjite kirisuto o omo to yonde iru no ka. 44 Sunawachi“omo wa waga omo ni ōse ni natta, anata no teki o anata no ashimoto ni oku toki made wa, watashi no migi ni zashite i nasai”. 45 Kono yō ni, dabide jishin ga kirisuto o omo to yonde irunara, kirisuto wa dōshite dabide no kodearou ka’. 46 Iesu ni hitokoto de mo kotae uru mono wa, nakattashi, sono hi kara mohaya, susunde iesu ni shitsumon suru mono mo, inaku natta.

CAP. 23

1 Sono toki iesu wa, gunshū to deshi-tachi to ni katatte iwa reta, 2 `Ritsu hōgaku-sha to parisai-jin to wa, mōse no za ni suwatte iru. 3Dakara, karera ga anata gata ni iu koto wa, mina mamotte jikkō shi nasai. Shikashi, karera no suru koto ni wa, narau na. Karera wa iu dake de, jikkō shinaikara. 4 Mata, omoi nimotsu o kukutte hitobito no kata ni noseruga, sore o ugokasu tame ni, jibun de wa yubi ichi-hon mo kasou to wa shinai. 5-So no suru koto wa, subete-jin ni miseru tamedearu. Sunawachi, karera wa kei-satsu o habahiroku tsukuri, sono koromo no fusa o ōkiku shi, 6 Mata, enkai no kamiza, kaidō no jōseki o konomi, 7 Hiroba de aisatsu sa reru koto ya, hitobito kara sensei to yoba reru koto o kononde iru. 8 Shikashi, anata gata wa sensei to yoba rete wa naranai. Anata gata no sensei wa, tada hitorideatte, anata gata wa mina kyōdaina nodakara. 9 Mata, chijō no dare o mo, chichi to yonde wa naranai. Anata gata no chichi wa tada hitori, sunawachi, ten ni imasu chichidearu. 10 Mata, anata gata wa kyōshi to yoba rete wa naranai. Anata gata no kyōshi wa tada hitori, sunawachi, kirisutodearu. 11 Soko de, anata gata no uchi de ichiban erai mono wa, tsukaeru hitodenakereba naranai. 12 Dare demo jibun o takaku suru mono wa hikuku sa re, jibun o hikuku suru mono wa takaku sa rerudearou. 13 Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Anata gata wa, tengoku o tozashite hitobito o haira senai. Jibun mo hairanaishi, wa irou to suru hito o haira se mo shinai. 14〔Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Anata gata wa, yamome-tachi no ie o kuitaoshi, mie no tame ni nagai ino o suru. Dakara, motto kibishii sabaki o ukeru ni chigainai. 〕 15 Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Anata gata wa hitori no kaishū-sha o tsukuru tame ni, umi to riku to o meguri aruku. Soshite, tsukuttanara, kare o jibun yori bai mo hidoi jigoku no ko ni suru. 16 Mōmokuna an’nai-sha-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Anata gata wa iu,“shinden o sashite chikaunara, sonomamade yoi ga, shinden no ōgon o sashite chikaunara, hatasu sekinin ga aru” to. 17 Orokana mōmokuna hito-tachi yo. Ōgon to, ōgon o shinsei ni suru shinden to, dochira ga daijina no ka. 18 Mata, anata gata wa iu,“saidan o sashite chikaunara, sonomamade yoi ga, sono ue no sonaemono o sashite chikaunara, hatasu sekinin ga aru” to. 19 Mōmokuna hito-tachi yo. Sonaemono to sonaemono o shinsei ni suru saidan to dochira ga daijina no ka. 20 Saidan o sashite chikau mono wa, saidan to, sono ue ni aru subete no mono to o sashite chikau nodearu. 21 Shinden o sashite chikau mono wa, shinden to sono naka ni sunde ora reru kata to o sashite chikau nodearu. 22 Mata, ten o sashite chikau mono wa,-shin no goza to sono ue ni suwatte ora reru kata to o sashite chikau nodearu. 23 Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Hakka, inondo, kumin nado no yakumi no jū-bun’no ichi o miya ni osamete orinagara, ritsu-hō no naka de motto jūyōna, kōhei to awaremi to chūjitsu to o minogashite iru. Sore mo shinakereba naranaiga, kore mo minogashite wa naranai. 24 Mōmokuna an’nai-sha-tachi yo. Anata gata wa, bu yo wa koshite iruga, rakuda wa nomikonde iru. 25 Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Hai to sara to no sotogawa wa kiyomeruga,-nai-gawa wa yoku to hōshō to de michite iru. 26 Mōmokuna parisai-jin yo. Mazu,-hai no uchigawa o kiyomeruga yoi. Sō sureba, sotogawa mo kiyoku narudearou. 27 Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Anata gata wa shiroku nutta haka ni nite iru. Sotogawa wa utsukushiku mieruga,-nai-gawa wa shinin no hone ya, arayuru fuketsuna mono de ippaidearu. 28 Kono yō ni anata gata mo,-gai-gawa wa hito ni tadashiku mieruga,-nai-gawa wa gizen to fuhō to de ippaidearu. 29 Gizen’na ritsu hōgaku-sha, parisai-jin-tachi yo. Anata gata wa, waza waidearu. Anata gata wa yogen-sha no haka o tate, gijin no ishibumi o kazaritatete, kō itte iru, 30“Moshi watashi-tachi ga senzo no jidai ni ikite itanara, yogen-sha no chi o nagasu koto ni kuwawatte wa inakattadarou” to. 31 Kono yō ni shite, anata gata wa yogen-sha o koroshita mono no shisondearu koto o, jibun de shōmei shite iru. 32 Anata gata mo mata senzo-tachi ga shita aku no masume o mitasuga yoi. 33 Hebi yo, mamushi no ko-ra yo, dōshite jigoku no keibatsu o nogareru koto ga dekiyou ka. 34 Soredakara, watashi wa, yogen-sha, chisha, ritsu-hō gakusha-tachi o anata gata ni tsukawasuga, sono uchi no aru mono o koroshi, mata jūjika nitsuke, sono aru mono o kaidō de muchiuchi, mata machi kara machi e to Hakugai shite ikudearou. 35 Kōshite gijin aberu no chi kara, hijiri-sho to saidan to no ma de anata gataga koroshita barakiya no ko zakariya no chi ni itaru made, chijō ni nagasa reta gijin no chi no mukui ga, kotogotoku anata gata ni oyobu Dearou. 36 Yoku itte oku. Korera no koto no mukui wa, mina ima no jidai ni oyobudearou. 37 Ā, erusaremu, erusaremu, yogen-sha-tachi o koroshi, omae ni tsukawasa reta hito-tachi o ishi de uchikorosu mono yo. Chōdo, mendoriga tsubasa no shita ni sono hina o atsumeru yō ni, watashi wa omae no ko-ra o ikutabi atsumeyou to shita kotodearou. Soredanoni, omae-tachi wa ōjiyou to shinakatta. 38 Miyo, omae-tachi no ie wa misute rarete shimau. 39 Watashi wa itte oku,“-nushi no gyomei niyotte kitaru mono ni, shukufuku are” to omae-tachi ga iu toki made wa, kongo futatabi, watashi ni au koto wa naidearou’.

CAP. 24

1 Iesu ga miya kara dete ikou toshite ora reru to, deshi-tachi wa chikayotte kite, miya no tatemono ni iesu no chūi o unagashita. 2 Soko de iesu wa karera ni mukatte iwa reta,`anata gata wa, korera subete no mono o minai ka. Yoku itte oku. Sono ishi hitotsu de mo kuzusa rezu ni, soko ni ta no ishi no ue ni Nokoru koto mo nakunarudearou’. 3 Mata oribu-san de suwatte ora reru to, deshi-tachi ga, hisoka ni mi moto ni kite itta,`dōzo ohanashi shi kudasai. Itsu, son’na koto ga okoru nodeshou ka. Anata ga mata oide ni naru tokiya , Yo no owari ni wa, don’na zenchō ga arimasu ka’. 4 Soko de iesu wa kotaete iwa reta,`-jin ni madowasa renai yō ni ki o tsuke nasai. 5 Ōku no mono ga watashi no na o na no tte araware, jibun ga kirisutoda to itte, ōku no hito o madowasudearou. 6 Mata, sensō to sensō no uwasa to o kikudearou. Chūi shite i nasai, awatete wa ikenai. Sore wa okoraneba naranaiga, mada owari de wa nai. 7-Min wa min ni,-koku wa kuni ni tekitai shite tachiagarudearou. Mata achikochi ni, kiki n ga okori, mata jishin ga arudearou. 8 Shikashi, subete korera wa umi no kurushimi no hajimedearu. 9 Sono toki hitobito wa, anata gata o kurushimi ni awase, mata korosudearou. Mata anata gata wa, watashi no na no yue ni subete no min ni nikumarerudearou. 10 Sono toki, ōku no hito ga tsumazuki, mata katamini uragiri, nikumi audearou. 11 Mata ōku no nise yogen-sha ga okotte, ōku no hito o madowasudearou. 12 Mata fuhō ga habikorunode, ōku no hito no ai ga hierudearou. 13 Shikashi, saigo made taeshinobu mono wa sukuwa reru. 14 Soshite kono okuni no fukuin wa, subete no min nitaishite akashi o suru tame ni, zen sekai ni sen be tsutae rarerudearou. Soshite sore kara saigo ga kuru nodearu. 15 Yogen-sha danieru niyotte iwa reta arasu nikumubeki mono ga, seinaru basho ni tatsu no o mitanaraba (dokusha yo, satore), 16 Sono toki, yudaya ni iru hitobito wa yama e nigeyo. 17 Okujō ni iru mono wa,-ka kara mono o toridasou toshite shita ni oriru na. 18 Hatake ni iru mono wa, uwagi o tori ni ato e modoru na. 19 Sono hi ni wa, miomo no on’na to chinomigo o motsu on’na to wa, fukōdearu. 20 Anata gata no nigeru no ga, fuyu matawa ansokubi ni naranai yō ni inore. 21 Sono toki ni wa, yo no hajime kara genzai ni itaru made, katsute naku kongo mo nai yōna ōkina 患難 Ga okorukaradearu. 22 Mo shiso no kikan ga chijime rarenainara, sukuwa reru mono wa hitori mo naidearou. Shikashi, senmin no tame ni wa, sono kikan ga chijime rarerudearou. 23 Sono toki, dare ka ga anata gata ni“miyo, koko ni kirisuto ga iru”, mata,“asoko ni iru” to itte mo, sore o shinjiru na. 24 Ni se kirisuto-tachi ya, ni se yogen-sha-tachi ga okotte, ōinaru shirushi to kiseki to o okonai, dekireba, senmin o mo madowasou to surudearou. 25 Miyo, anata gata ni maemotte itte oku. 26Dakara, hitobito ga“miyo, kare wa arano ni iru” to itte mo, dete ikuna. Mata“miyo, heya no naka ni iru” to itte mo, shinjiru na. 27 Chōdo, inazu ma ga higashi kara nishi ni hirameki wataru yō ni,-jin no ko mo arawarerudearou. 28 Shitai no aru tokoro ni wa, hageta ka ga atsumaru monodearu. 29 Shikashi, sono toki ni okoru 患難 No nochi,-tachi machi-bi wa kuraku nari, tsuki wa sono hikari o hanatsu koto o yame,-boshi wa sora kara ochi, tentai wa yuriugokasa rerudearou. 30 Sono toki,-jin no ko no shirushi ga ten ni arawarerudearou. Mata sono toki,-chi no subete no minzoku wa nageki, soshite chikara to ōinaru eikō to o motte,-jin no ko ga ten no kumo ni notte kuru no o, hitobito wa mirudearou. 31 Mata, kare wa ōinaru rappa no oto totomoni go-shi-tachi o tsukawashite, ten no hate kara hate ni itaru made, shihō kara sono senmin o yobi atsumerudearou. 32 Ichijiku no ki kara kono o manabi nasai. Sono eda ga yawaraka ni nari, ha ga deru yō ni naru to, natsu no chikai koto ga wakaru. 33 Sono yō ni, subete korera no koto o mitanaraba,-jin no ko ga toguchi made chikazuite iru to shiri nasai. 34 Yoku kiite oki nasai. Korera no koto ga, kotogotoku okoru made wa, kono jidai wa horobiru koto ga nai. 35 Tenchi wa horobirudearou. Shikashi watashi no kotoba wa horobiru koto ga nai. 36 Sono hi, sono toki wa, dare mo shiranai. Ten no go-shi-tachi mo, mata ko mo shiranai, tada chichi dake ga shitte ora reru. 37-Nin no ko no arawareru no mo, chōdo noa no toki no yōdearou. 38 Sunawachi, kōzui no deru zen, noa ga hako fune ni wa iru hi made, hitobito wa kui, nomi, metori, to tsugi nado shite ita. 39 Soshite kōzui ga osotte kite, issai no mono o saratte iku made, karera wa kigatsukanakatta. Hito no ko no arawareru no mo, sono yōdearou. 40 Sono toki, futari no mono ga hatake ni iru to, hitori wa torisara re, hitori wa torinokosa rerudearou. 41 Futari no on’na ga usu o hiite iru to, hitori wa torisara re, hitori wa nokosa rerudearou. 42Dakara,-me o samashite i nasai. Itsu no hi ni anata gata no aruji ga ko rareru no ka, anata gata ni wa, wakaranaikaradearu. 43 Kono koto o wakimaete iruga yoi. Ie no shujin wa, tōzoku ga itsu-goro kuru ka wakatte irunara,-me o samashite ite, jibun no ie ni oshiiru koto o yurusanaidearou. 44Dakara, anata gata mo yōi o shite i nasai. Omoigakenai toki ni hito no ko ga kurukaradearu. 45 Shujin ga sono ie no boku-tachi no ue ni tatete,-ji ni ōjite shokumotsu o sonae saseru chūjitsuna shiryo fukai boku wa, ittai, daredearou. 46 Shujin ga kaette kita toki, sono yō ni tsutomete iru no o mi rareru boku wa, saiwaidearu. 47 Yoku itte okuga, shujin wa kare o tatete jibun no zen zaisan o kanri sa serudearou. 48 Moshi sore ga warui bokudeatte, jibun no shujin wa kaeri ga osoito kokoro no naka de omoi, 49 Sono boku nakama o tataki hajime, mata sakenomi nakama to issho ni tabe tari non dari shite irunara, 50 Sono boku no shujin wa omoigakenai hi, ki ga tsukanai toki ni kaette kite, 51 Kare o genbatsu ni shoshi, gizen-sha-tachi to onaji me ni awaserudearou. Kare wa soko de nakisaken dari, ha ga mi o shi tari surudearou.

CAP. 25

1 Soko de tengoku wa, jū-nin no otome ga sorezore Akari o te ni shite, hanamuko o mukae ni dete iku no ni nite iru. 2 Sono naka no go-nin wa shiryo ga asaku, go-nin wa shiryo fukai monodeatta. 3 Shiryo no asai-sha-tachi wa, Akari wa motte itaga,-yu o yōi shite inakatta. 4 Shikashi, shiryo fukai-sha-tachi wa, jibun-tachi no Akari to issho ni,-ire mono no naka ni abura o yōi shite ita. 5 Hanamuko no kuru no ga okuretanode, karera wa mina inemuri o shite, nete shimatta. 6 Yachū ni,“sā, hanamukoda, mukae ni de nasai” to sakebu koe ga shita. 7 Sono toki, otome-tachi wa mina okite, sorezore Akari o totonoeta. 8-Tokoro ga, shiryo no asai on’na-tachi ga, shiryo fukai on’na-tachi ni itta,“anata gata no abura o watashi-tachi ni wakete kudasai. Watashi-tachi no Akari ga kie kakatte imasukara”. 9 Suru to, shiryo fukai on’na-tachi wa kotaete itta,“watashi-tachi to anata ga tato ni tariru dake wa, tabun naideshou. Mise ni itte, anata gata no bun o o kai ni naru hō ga yoideshou”. 10 Karera ga kai ni dete iru uchi ni, hanamuko ga tsuita. Sokode, yōi no dekite ita on’na-tachi wa, hanamuko to issho ni kon-en no heya ni hairi, soshite to ga shimera reta. 11 Sono ato de, hoka no otome-tachi mo kite,“go shujin-sama, go shujin-sama, dōzo, akete kudasai” to itta. 12 Shikashi kare wa kotaete,“hakkiri iuga, watashi wa anata gata o shiranai” to itta. 13Dakara,-me o samashite i nasai. Sono hi sono toki ga, anata gata ni wa wakaranaikaradearu. 14 Mata tengoku wa, aru hito ga tabi ni deru toki, sono boku-domo o yonde, jibun no zaisan o azukeru yōna monodearu. 15 Sunawachi, sorezore no nōryoku ni ōjite, aru mono ni wa go taranto, aru mono ni wa ni taranto, aru mono ni wa ichi taranto o ataete, tabi ni deta. 16 Go taranto o watasa reta mono wa, sugu ni itte, sore de shōbai o shite, hoka ni go taranto o mōketa. 17 Ni taranto no mono mo dōyō ni shite, hoka ni ni taranto o mōketa. 18 Shikashi, ichi taranto o watasa reta mono wa, itte chi o hori, shujin no kin o kakushite oita. 19Da ibu-ji ga tatte kara, korera no boku no shujin ga kaette kite, karera to keisan o shi hajimeta. 20 Suruto go taranto o watasa reta mono ga susumidete, hoka no go taranto o sashi dashite itta,“go shujin-sama, anata wa watashi ni go taranto o oazuke ni narimashitaga, goran no tōri, hoka ni Go taranto o mōkemashita”. 21 Shujin wa kare ni itta,“yoi chūjitsuna boku yo, yoku yatta. Anata wa wazukana mono ni chūjitsudeattakara, ōku no mono o kanri sa seyou. Shujin to issho ni yorokonde kure”. 22 Ni taranto no mono mo susumidete itta,“go shujin-sama, anata wa watashi ni ni taranto o oazuke ni narimashitaga, goran no tōri, hoka ni ni taranto o mōkemashita”. 23 Shujin wa kare ni itta,“yoi chūjitsuna boku yo, yoku yatta. Anata wa wazukana mono ni chūjitsudeattakara, ōku no mono o kanri sa seyou. Shujin to issho ni yorokonde kure”. 24 Ichi taranto o watasa reta mono mo susumidete itta,“go shujin-sama, watashi wa anata ga, makanai-sho kara kari, chirasanai tokoro kara atsumeru kokuna hitodearu koto o shōchi shite imashita. 25 Soko de osoroshi-sa no amari, itte, anata no taranto o chi no naka ni kakushite okimashita. Goran kudasai. Koko ni anata no okane ga gozaimasu”. 26 Suru to, shujin wa kare ni kotaete itta,“warui taidana boku yo, anata wa watashi ga, makanai-sho kara kari, chirasanai tokoro kara atsumeru koto o shitte iru no ka. 27 Sorenara, watashi no kin o ginkō ni azukete okubekideatta. Sōshitara, watashi wa kaette kite, rishi to issho ni watashi no kin o kaeshite moraetadearou ni. 28-Sa a, sono taranto o kono mono kara toriagete, jū taranto o motte iru mono ni yari nasai. 29 Ōyoso, motte iru hito wa atae rarete, iyoiyo yutaka ni naruga, motte inai hito wa, motte iru mono made mo toriage rarerudearou. 30 Kono yakunitatanai boku o soto no kurai tokoro ni oidasuga yoi. Kare wa, soko de nakisaken dari, ha ga mi o shi tari surudearou”. 31-Nin no ko ga eikō no naka ni subete no go-shi-tachi o shitagaete kuru toki, kare wa sono eikō no za ni tsukudearou. 32 Soshite, subete no kokumin o sono mae ni atsumete, hitsuji 飼 Ga hitsuji to yagi to o wakeru yō ni, karera o yoriwake, 33 Hitsuji o migi ni, yagi o hidari ni okudearou. 34 Sono toki,-ō wa migi ni iru hitobito ni iudearou,“watashi no chichi ni shukufuku sa reta hito-tachi yo, sā, yo no hajime kara anata gata no tame ni yōi sa rete iru okuni o uke tsugi nasai. 35 Anata gata wa, watashi ga kūfuku no toki ni tabe sase, kawaite ita toki ni noma se, tabibitodeatta toki ni yado o kashi, 36 Hadakadeatta toki ni kise, byōki no toki ni mimai, goku ni ita toki ni tazunete kuretakaradearu”. 37 Sono toki, tadashii mono-tachi wa kotaete iudearou,“-nushi yo, itsu, watashi-tachi wa, anata ga kūfukudearu no o mite shokumotsu o megumi, kawaite iru no o mite noma semashita ka. 38 Itsu anata ga tabibitodearu no o mite yado o kashi, hadakana no o mite kisemashita ka. 39 Mata, itsu anata ga byōki o shi, goku ni iru no o mite, anata no tokoro ni mairimashita ka”. 40 Suru to,-ō wa kotaete iudearou,“anata gata ni yoku itte oku. Watashi no kyōdaidearu korera no mottomo chīsai mono no hitori ni shita no wa, sunawachi, watashi ni shita nodearu”. 41 Sore kara, hidari ni iru hitobito ni mo iudearou,“norowa reta monodomo yo, watashi o hanarete, akuma to sono-shi-tachi to no tame ni yōi sa rete iru eien no hi ni wa itte shimae. 42 Anata gata wa, watashi ga kūfuku no toki ni tabe sasezu, kawaite ita toki ni noma sezu, 43 Tabibitodeatta toki ni yado o kasazu, hadakadeatta toki ni kisezu, mata byōki no toki ya, goku ni ita toki ni, watashi o tazunete kurenakattakaradearu”. 44 Sono toki, karera mo mata kotaete iudearou,“-nushi yo, itsu, anata ga kūfukudeari, kawaite ora re, tabibitodeari, hadakadeari, byōkideari, goku ni ora reta no o Mite, watashi-tachi wa osewa o shimasendeshita ka”. 45 Sono toki, kare wa kotaete iudearou,“anata gata ni yoku itte oku. Korera no mottomo chīsai mono no hitori ni shinakatta no wa, sunawachi, watashi ni shinakatta nodearu”. 46 Soshite karera wa eien no keibatsu o uke, tadashii mono wa eien no seimei ni hairudearou’.

CAP. 26

1 Iesu wa korera no kotoba o subete katari oete kara, deshi-tachi ni iwa reta. 2 `Anata gataga shitte iru tōri, futsu ka no nochi ni wa ka Etsu no matsuri ni naruga,-jin no ko wa jūjika ni tsuke rareru tame ni hikiwatasa reru’. 3 Sono toki, saishi-chō-tachi ya min no chōrō-tachi ga, kayapa toyuu dai saishi no nakaniwa ni atsumari, 4 Sakuryaku o motte iesu o toraete korosou to sōdan shita. 5 Shikashi karera wa itta,`-sai no ma wa ikenai. Minshū no naka ni sawagi ga okoru kamo shirenai’. 6 Sate, iesu ga betaniya de, raibyō-jin shimon no ie ni ora reta toki, 7 Hitori no on’na ga, kōkana kōyu ga irete aru sekkō notsu bo o motte kite, iesu ni chikayori, shokuji no seki nitsuite ora reta iesu no atama ni kōyu o sosogi kaketa. 8 Suru to, deshi-tachi wa kore o mite ikidōtte itta,`nan no tame ni kon’na muda-shi o suru no ka. 9 Sore o takaku utte, mazushii hito-tachi ni hodokosu koto ga dekitanoni’. 10 Iesu wa sore o kiite karera ni iwa reta,`naze, on’na o komara seru no ka. Watashi ni yoi koto o shite kureta noda. 11 Mazushii hito-tachi wa itsumo anata gata to issho ni iruga, watashi wa itsumo issho ni iru wakede wa nai. 12 Kono on’na ga watashi no karada ni kono kōyu o sosoida no wa, watashi no hōmuri no yōi o suru tamedearu. 13 Yoku kiki nasai. Zen sekai no doko de demo, kono fukuin ga sen be tsutae rareru tokoro de wa, kono on’na no shita koto mo kinen toshite katara rerudearou’. 14-Ji ni, jū ni deshi no hitori isukariote no yuda toyuu mono ga, saishi-chō-tachi no tokoro ni itte 15 Itta,`kare o anata gata ni hikiwataseba, ikura kudasaimasu ka’. Suruto, karera wa ginka san jū-mai o kare ni shiharatta. 16 Sono toki kara, yuda wa iesu o hiki watasou to, kikai o neratte ita. 17 Sate, jo 酵祭 No dai ichi-nichi ni, deshi-tachi wa iesu no moto ni kite itta,`ka Etsu no shokuji o nasaru tame ni, watashi-tachi wa doko ni yōi o shitara yoideshou ka’. 18 Iesu wa iwa reta,`shinai ni hairi, kanete hanashite aru hito no tokoro ni itte ii nasai,“sensei ga, watashi no toki ga chikazuita, anata no ie de deshi-tachi to issho ni ka Etsu o mori Rōto, itte ora remasu”’. 19 Deshi-tachi wa iesu ga meiji rareta tōri ni shite, ka Etsu no yōi o shita. 20 Yūgata ni natte, iesu wa jū ni deshi to issho ni shokuji no seki ni tsukareta. 21 Soshite, ichidō ga shokuji o shite iru toki iwa reta,`tokuni anata gata ni itte okuga, anata gata no uchi no hitori ga, watashi o uragirou to shite iru’. 22 Deshi-tachi wa hijō ni shinpai shite, tsugitsugi ni `-nushi yo, masaka, watashi de wanaideshou’ to ii dashita. 23 Iesu wa kotaete iwa reta,`watashi to issho ni onaji hachi ni te o irete iru mono ga, watashi o uragirou to shite iru. 24 Tashika ni hito no ko wa, jibun nitsuite kaite aru tōri ni satte iku. Shikashi,-jin no ko o uragiru sono hito wa, waza waidearu. Sono hito wa umarenakatta hō ga, kare no tame ni yokattadearou’. 25 Iesu o uragitta yuda ga kotaete itta,`sensei, masaka, watashi de wanaideshou’. Iesu wa iwa reta,`iya, anatada’. 26 Ichidō ga shokuji o shite iru toki, iesu wa pan o tori, shukufuku shite kore o saki, deshi-tachi ni ataete iwa reta,`totte tabeyo, kore wa watashi no karadadearu’. 27 Mata hai o tori, kansha shite karera ni ataete iwa reta,`mina, kono hai kara nome. 28 Kore wa,-zai no yurushi o e saseru yō ni to, ōku no hito no tame ni nagasu watashi no keiyaku no chidearu. 29 Anata gata ni itte oku. Watashi no chichi no kuni de anata gata totomoni, atarashiku nomu sono hi made wa, watashi wa kongo kesshite, budō no mi kara tsukutta mono o nomu koto o shinai’. 30 Karera wa,-san bi o utatta nochi, oribu yama e dekakete itta. 31 Sono toki, iesu wa deshi-tachi ni iwa reta,`kon’ya, anata gata wa mina watashi ni tsumazukudearou.“Watashi wa hitsuji 飼 O utsu. Soshite, hitsuji no mure wa chirasa rerudearou” to, Kaite arukaradearu. 32 Shikashi watashi wa, yomigaette kara, anata ga tayori-saki ni gariraya e ikudearou’. 33 Suruto petero wa iesu ni kotaete itta,`tatoi, min’na no mono ga anata ni tsumazuite mo, watashi wa kesshite tsumazukimasen’. 34 Iesu wa iwa reta,`yoku anata ni itte oku. Kon’ya, niwatori ga naku mae ni, anata wa san-do watashi o shiranai to iudarou’. 35 Petero wa itta,`tatoi anata to issho ni shinaneba naranaku natte mo, anata o shiranai nado to wa, kesshite mōshimasen’. Deshi-tachi mo mina onaji yō ni itta. 36 Sore kara, iesu wa karera to issho ni, getsusemane toyuu tokoro e ika reta. Soshite deshi-tachi ni iwa reta,`watashi ga mukō e itte inotte iru ma, koko ni suwatte i nasai’. 37 Soshite petero to zebedai no ko futari to o tsurete ika retaga, kanashimi o moyooshi mata nayami hajime rareta. 38 Sono toki, karera ni iwa reta,`watashi wa kanashimi no amari shinu hododearu. Koko ni matte ite, watashi to issho ni me o samashite i nasai’. 39 Soshite sukoshi susunde iki, utsubushi ni nari, inotte iwa reta,`waga chichi yo, moshi dekiru kotodeshitara dō ka, kono hai o watashi kara sugisara sete kudasai. Shika shi, watashi no omoi no mama nide wa naku, Mi kokoro no mama ni nasatte kudasai’. 40 Sore kara, deshi-tachi no tokoro ni kite goran ni naru to, karera ga nemutte itanode, petero ni iwa reta,`anata gata wa son’nani, hito-ji mo watashi to issho ni me o samashite iru koto ga, dekinaka~tsu Ta no ka. 41 Yūwaku ni ochiiranai yō ni,-me o samashite inotte i nasai. Kokoro wa nesshite iruga, nikutai ga yowai nodearu’. 42 Mata ni-dome ni itte, inotte iwa reta,`waga chichi yo, kono hai o nomu hoka ni michi ga nai nodeshitara, dō ka, miko-koro ga okonawa remasu yō ni’. 43 Mata kite goran ni naru to, karera wa mata nemutte ita. Sono me ga omoku natte ita nodearu. 44 Sore de karera o sonomama ni shite, mata itte, san-dome ni onaji kotoba de inora reta. 45 Sore kara deshi-tachi no tokoro ni kaette kite, iwa reta,`mada nemutte iru no ka, yasunde iru no ka. Miyo,-ji ga sematta.-Jin no ko wa zainin-ra no te ni watasa reru noda. 46-Date, sā ikou. Miyo, watashi o uragiru mono ga chikazuite kita’. 47 Soshite, iesu ga mada hanashite ora reru uchi ni, soko ni, jū ni deshi no hitori no yuda ga kita. Mata saishi-chō,-min no chōrō-tachi kara okura reta dai ze i no gunshū mo, ken to bō to o motte kare nitsuite kita. 48 Iesu o uragitta mono ga, arakajime karera ni,`watashi no seppun suru mono ga, sono hitoda. Sono hito o tsukamaero’ to aizu o shite oita. 49 Kare wa sugu iesu ni chikayori,`sensei, ikagadesu ka’ to itte, iesu ni seppun shita. 50 Shikashi, iesu wa kare ni iwa reta,`tomo yo, nan no tame ni kita no ka’. Kono toki, hitobito wa susumi yotte, iesu ni te o kakete tsukamaeta. 51 Suru to, iesu to issho ni ita mono no hitori ga,-shu o nobashite ken o nuki, soshite dai saishi no boku ni kirikakatte, sono katamimi o kiriotoshita. 52 Soko de, iesu wa kare ni iwa reta,`anata no ken o moto no tokoro ni osame nasai. Ken o toru mono wa mina, ken de horobiru. 53 Soretomo, watashi ga chichi ni negatte, ten no-shi-tachi o jū ni gundan ijō mo, ima tsukawashite itadaku koto ga dekinai to, anata wa omou no ka. 54 Shikashi, soredewa, kō naraneba naranai to kaite aru seisho no kotoba wa, dōshite jōju sa reyou ka’. 55 Sono toki, iesu wa gunshū ni iwa reta,`anata gata wa gōtō ni mukau yō ni, ken ya bō o motte watashi o torae ni kita no ka. Watashi wa mainichi, miya de suwatte oshiete itanoni, Watashi o tsukamae wa shinakatta. 56 Shikashi, subete kō natta no wa, yogen-sha-tachi no kaita koto ga, jōju suru tamedearu’. Sono toki, deshi-tachi wa mina iesu o misutete nige satta. 57 Sate, iesu o tsukamaeta hito-tachi wa, dai saishi kayapa no tokoro ni iesu o tsurete itta. Soko ni wa ritsu hōgaku-sha, chōrō-tachi ga atsumatte ita. 58 Petero wa tōku kara iesu nitsuite, dai saishi no nakaniwa made iki, sono nari yuki o mi todokeru tame ni,-chū ni wa itte shitayaku-domo to issho ni suwatte ita. 59 Sate, saishi-chō-tachi to zen gikai to wa, iesu o shikei ni suru tame, iesu ni furina gishō o motomeyou to shite ita. 60 Soko de ōku no gishō-sha ga dete kitaga, shōko ga agaranakatta. Shikashi, saigo ni futari no mono ga dete kite, 61 Itta,`kono hito wa, watashi wa kami no miya o uchi kowashi, san-nichi no nochi ni tateru koto ga dekiru, to iimashita’. 62 Suru to, dai saishi ga tachiagatte iesu ni itta,`nani mo kotaenai no ka. Korera no hitobito ga anata nitaishite furina shōgen o mōshitatete iruga, dōna no ka’. 63 Shikashi, iesu wa damatte ora reta. Sokode dai saishi wa itta,`anata wa kami no ko kirisutona no ka dō ka, ikeru kami ni chikatte wareware ni kotaeyo’. 64 Iesu wa kare ni iwa reta,`anata no iu tōridearu. Shika shi, watashi wa itte oku. Anata gata wa, mamonaku,-jin no ko ga chikara aru mono no migi ni zashi, ten no kumo ni no~tsu Te kuru no o mirudearou’. 65 Suru to, dai saishi wa sono koromo o hikisaite itta,`kare wa kami o yogoshita. Dōshite kore ijō, shōnin no hitsuyō ga arou. Anata gata wa ima kono kegashi gen o kiita. 66 Anata gata no iken wa dō ka’. Suruto, karera wa kotaete itta,`kare wa shi ni ataru monoda’. 67 Sore kara, karera wa iesu no kao ni tsubaki o kakete, kobushi de uchi, mata aru hito wa tenohira de tataite itta, 68 `Kirisuto yo, ii atete miyo, utta no wa dare ka’. 69 Petero wa soto de nakaniwa ni suwatte ita. Suruto hitori no jochū ga kare no tokoro ni kite,`anata mo ano gariraya-jin iesu to isshodatta’ to itta. 70 Suruto petero wa, min’na no mae de sore o uchikeshite itta,`anata ga nani o itte iru no ka, wakaranai’. 71-Sō itte iriguchi no hō ni dete iku to, hoka no jochū ga kare o mite, soko ni iru hitobito ni mukatte,`kono hito wa nazare-jin iesu to isshodatta’ to itta. 72 Soko de kare wa futatabi sore o uchikeshite,`son’na hito wa shiranai’ to chikatte itta. 73 Shibaraku shite, soko ni tatte ita hitobito ga chikayotte kite, petero ni itta,`tashika ni anata mo karera no nakamada. Kotobazukai de anata no koto ga wakaru’. 74 Kare wa `sono hito no koto wa nani mo shiranai’ to itte, hageshiku chikai hajimeta. Suruto sugu niwatori ga naita. 75 Petero wa `niwatori ga naku mae ni, san-do watashi o shiranai to iudearou’ to iwa reta iesu no kotoba o omoidashi,-gai ni dete hageshiku naita.

CAP. 27

1-Ya ga akeru to, saishi-chō-tachi,-min no chōrō-tachi ichidō wa, iesu o korosou toshite kyōgi o korashita ue, 2 Iesu o shibatte hikidashi, sōtoku pirato ni watashita. 3 Sono toki, iesu o uragitta yuda wa, iesu ga tsumi ni sadame rareta no o mite kōkai shi, ginka san jū-mai o saishi-chō, chōrō-tachi ni kaeshite 4 Itta,`watashi wa tsumi no nai hito no chi o uru yōna koto o shite,-zai o okashimashita’. Shikashi karera wa itta,`sore wa, wareware no shitta koto ka. Jibun de shimatsu suruga yoi’. 5 Soko de, kare wa ginka o hijiri-sho ni nagekonde dete iki, kubi o tsutte shinda. 6 Saishi-chō-tachi wa, sono ginka o hiroi agete itta,`kore wa chi no daikadakara, miya no kinko ni ireru no wa yoku no nai’. 7 Soko de karera wa kyōgi no ue, gaikoku-jin no bochi ni suru tame ni, sono kin de tōki-shi no hatake o katta. 8 Sono tame ni, kono hatake wa kyō made chi no hatake to yoba rete iru. 9 Kōshite yogen-sha eremiya niyotte iwa reta kotoba ga, jōju shita nodearu. Sunawachi,`karera wa,-chi o tsuke rareta mono, sunawachi, isuraeru no ko-ra ga ne o tsuketamonono daika, ginka san jū o totte, 10-Nushi ga o meiji ni natta yō ni, tōki-shi no hatake no daika toshite, sono kin o ataeta’. 11 Sate, iesu wa sōtoku no mae ni tata reta. Suruto sōtoku wa iesu ni tazunete itta,`anata ga yudaya-jin no ōdearu ka’. Iesu wa `sono tōridearu’ to iwa reta. 12 Shikashi, saishi-chō, chōrō-tachi ga uttaete iru ma, iesu wa hitokoto mo okotae ni naranakatta. 13 Suruto pirato wa itta,`an’nani made tsugitsugi ni, anata ni furina shōgen o tatete iru no ga, anata ni wa kikoenai no ka’. 14 Shikashi, sōtoku ga hijō ni fushigi ni omotta hodo ni, iesu wa nani o iwa rete mo, hitokoto mo okotae ni naranakatta. 15 Sate,-sai no tabi-goto ni, sōtoku wa gunshū ga negaideru shūjin hitori o, yurushite yaru kanrei ni natte ita. 16 Toki ni, baraba toyuu hyōban no shūjin ga ita. 17 Sore de, karera ga atsumatta toki, pirato wa itta,`omae-tachi wa, dare o yurushite hoshii no ka. Baraba ka, soretomo, kirisuto to iwa reru iesu ka’. 18 Karera ga iesu o hiki watashita no wa, netami no tamedearu koto ga, pirato ni wa yoku wakatte itakaradearu. 19 Mata, pirato ga saiban no seki ni tsuite ita toki, sono tsuma ga hito o kare no moto ni tsukawashite,`ano gijin ni wa kankei shinaide kudasai. Watashi wa kyō yume de, ano hito no tame ni sanzan kurushimimashitakara ‘ To iwa seta. 20 Shikashi, saishi-chō, chōrō-tachi wa, baraba o yurushite, iesu o koroshite morau yō ni to, gunshū o tokifuseta. 21 Sōtoku wa karera ni mukatte itta,`futari no uchi, dochira o yurushite hoshii no ka’. Karera wa `baraba no hō o’ to itta. 22 Pirato wa itta,`soredewa kirisuto to iwa reru iesu wa, dō shitara yoi ka’. Karera wa isseini `jūjika ni tsukeyo’ to itta. 23 Shikashi, pirato wa itta,`ano hito wa, ittai, don’na akuji o shita no ka’. Suruto karera wa issō hageshiku sakende,`jūjika ni tsukeyo’ to itta. 24 Pirato wa te no tsuke-yō ga naku, kaette bōdō ni nari-sōna no o mite,-sui o tori, gunshū no mae de te o aratte itta,`kono hito no chi nitsuite, watashi ni wa sekinin ga nai. Omae-tachi ga Jibun de shimatsu o suruga yoi’. 25 Suru to, minshū zentai ga kotaete itta,`sono chi no sekinin wa, wareware to wareware no shison no ue ni kakatte mo yoi’. 26 Soko de, pirato wa baraba o yurushite yari, iesu o muchiutta nochi, jūjika ni tsukeru tame ni hiki watashita. 27 Sore kara sōtoku no heishi-tachi wa, iesu o kantei ni tsurete itte, zen butai o iesu no mawari ni atsumeta. 28 Soshite sono uwagi o nugasete, akai gaitō o kise, 29 Mata, ibara de kanmuri o ande sono atama ni kabura se, migi no te ni wa ashi no bō o mota se, sore kara sono mae ni hizamazuki, chōrō shite,`yudaya-jin no ō, ban zai’ to itta. 30 Mata, iesu ni tsubaki o kake, ashi no bō o toriagete sono atama o tataita. 31 Kōshite iesu o chōrō shita ageku, gaitō o hagitotte moto no uwagi o kise, sore kara jūjika ni tsukeru tame ni hikidashita. 32 Karera ga dete iku to, shimon toyuu na no kurene-jin ni deattanode, iesu no jūjika o muri ni owa seta. 33 Soshite, gorugoda, sunawachi, sarekoube no ba, toyuu tokoro ni kita toki, 34 Karera wa niga-mi o mazeta budōshu o noma seyou to shitaga, iesu wa sore o nameta dake de, nomou to sa renakatta. 35 Karera wa iesu o jūjika ni tsukete kara, kuji o hiite, sono kimono o wake, 36 Soko ni suwatte iesu no ban o shite ita. 37 Soshite sono atama no ue no hō ni,`kore wa yudaya-jin no ō iesu’ to kaita zaijō-gaki o kakageta. 38 Dōjini, futari no gōtō ga iesu to issho ni, hitori wa migi ni, hitori wa hidari ni, jūjika ni tsuke rareta. 39 Soko o tōri kakatta mono-tachi wa, atama o furinagara, iesu o nonoshitte 40 Itta,`shinden o uchi kowashite san-nichi no uchi ni tateru mono yo. Mo shi-shin no konara, jibun o sukue. Soshite jūjika kara orite koi’. 41 Saishi-chō-tachi mo onaji yō ni, ritsu hōgaku-sha, chōrō-tachi to issho ni natte, chōrō shite itta, 42 `Tanin o sukuttaga, jibun jishin o sukuu koto ga dekinai. Are ga isuraeru no ōna noda. Ima jūjika kara orite miyo. Sō shitara shinjiyou. 43 Kare wa kami ni tayotte iruga,-shin no oboshimeshi ga areba, kon, sukutte morauga yoi. Jibun wa kami no koda to itte ita nodakara’. 44 Issho ni jūjika ni tsuke rareta gōtō-domo made mo, onaji yō ni iesu o nonoshitta. 45 Sate, hiru no jū ni-ji kara chijō no zenmen ga kuraku natte, san-ji ni oyonda. 46 Soshite san-ji-goro ni, iesu wa ōgoe de sakende,`eri, eri, rema, sabakutani’ to iwa reta. Sore wa `waga kami, waga kami, dōshite watashi o o misute ni natta nodesu ka’ toyuu imidearu. 47 Suru to, soko ni tatte ita aru hitobito ga, kore o kiite itta,`are wa eriya o yonde iru noda’. 48 Suruto sugu, karera no uchi no hitori ga hashiri yotte, kaimen o tori, sore ni su i budōshu o fukuma sete ashi no bō nitsuke, iesu ni noma seyou to shita. 49 Hoka no hitobito wa itta,`mate, eriya ga kare o sukui ni kuru ka dō ka, mite iyou’. 50 Iesu wa mōichido ōgoe de sakende, tsuini iki o hikitora reta. 51 Suru to miyo, shinden no maku ga ue kara shita made ma futatsu ni saketa. Mata jishin ga ari, iwa ga sake, 52 Mata haka ga ake, nemutte iru ōku no seito-tachi no shitai ga ikikaetta. 53 Soshite iesu no fukkatsu no nochi,-bo kara dete kite, seinaru to ni hairi, ōku no hito ni arawareta. 54 Hyaku-sotsu-chō, oyobi kare to issho ni iesu no ban o shite ita hitobito wa, jishin ya, iroiro no deki-goto o mite hijō ni osore,`makotoni, kono hito wa kami no kodeatta’ to itta . 55 Mata, soko ni wa tōku no hō kara mite iru on’na-tachi mo ōku ita. Karera wa iesu ni tsukaete, gariraya kara shitagatte kita hito-tachideatta. 56 Sono naka ni wa, magudara no mariya, yakobu to yosefu to no haha mariya, mata zebedai no ko-tachi no haha ga ita. 57 Yūgata ni natte kara, arimataya no kanemochi de, yosefu toyuu na no hito ga kita. Kare mo mata iesu no deshideatta. 58 Kono hito ga pirato no tokoro e itte, iesu no karada no 引-Tori-kata o negatta. Sokode, pirato wa sore o watasu yō ni meijita. 59 Yosefu wa shitai o uketotte, kireina ama nuno ni tsutsumi, 60 Iwa o hotte tsukutta kare no atarashii haka ni osame, soshite haka no iriguchi ni ōkii ishi o korogashite oite, kaetta. 61 Magudara no mariya to hoka no mariya to ga,-bo ni mukatte soko ni suwatte ita. 62 Akuruhi wa junbi no hi no yokujitsudeattaga, sono hi ni, saishi-chō, parisai-jin-tachi wa, pirato no moto ni atsumatte itta, 63 `Chōkan, ano itsuwari-sha ga mada ikite ita toki,“san-nichi no nochi ni jibun wa yomigaeru” to itta no o, omoidashimashita. 64Desukara, san-nichi-me made haka no ban o suru yō ni, sa shizu o shite kudasai. Sō shinai to, deshi-tachi ga kite kare o nusumidashi,“iesu wa shinin no naka kara, yomigaetta” to, minshū ni īfurasu kamo shiremasen. Sōnaruto, min’na ga mae yori mo, motto hidoku damasa reru koto ni narimashou’. 65 Pirato wa karera ni itta,`ban’nin ga irukara, itte dekiru kagiri,-ban o sa seruga yoi’. 66 Soko de, karera wa okonatte ishi ni fūin o shi, ban’nin o oite haka no ban o sa seta.

CAP. 28

1 Sate, ansokubi ga owatte,-shū no hajime no hi no akegata ni, magudara no mariya to hoka no mariya to ga,-bo o mi ni kita. 2 Suru to, ōkina jishin ga okotta. Sore wa omo no-shi ga ten kara kudatte, soko ni kite ishi o waki e korogashi, sono ue ni suwattakaradearu. 3 Sono sugata wa inazu ma no yō ni kagayaki, sono koromo wa yuki no yō ni masshirodeatta. 4 Mihari o shite ita hito-tachi wa, osoroshi-sa no amari furueagatte, shinin no yō ni natta. 5 Kono go-shi wa on’na-tachi ni mukatte itta,`osoreru koto wa nai. Anata gataga jūjika ni o kakari ni natta iesu o sagashite iru koto wa, watashi ni wakatte iruga, 6 Mō koko ni wa ora renai. Kanete iwa reta tōri ni, yomigaera reta nodearu. Sā, iesu ga osame rarete ita basho o goran nasai. 7 Soshite, isoide itte, deshi-tachi ni kō tsutae nasai,“iesu wa shinin no naka kara yomigaera reta. Miyo, anata ga tayori-saki ni gariraya e ika reru. Sokode o ai dekirudearou”. Anata gata ni, kore dake itte oku’. 8 Soko de on’na-tachi wa osorenagara mo dai yorokobi de, isoide haka o tachisari, deshi-tachi ni shiraseru tame ni hashitte itta. 9 Suru to, iesu wa karera ni deatte,`heian’are’ to iwa retanode, karera wa chikayori iesu nomi ashi o idaite hai shita. 10 Sono toki, iesu wa karera ni iwa reta,`osoreru koto wa nai. Itte kyōdai-tachi ni, gariraya ni ike, soko de watashi ni aerudearou, to tsuge nasai’. 11-Jo-tachi ga okonatte iru ma ni, ban’nin no uchi no aru hitobito ga to ni kaette, issai no dekigoto o saishi-chō-tachi ni hanashita. 12 Saishi-chō-tachi wa chōrō-tachi to atsumatte kyōgi o korashi, heisotsu-tachi ni takusan no kin o ataete itta, 13 `“Deshi-tachi ga yachū ni kite, wareware no nete iru ma ni kare o nusunda” to ie. 14 Man ichi kono koto ga sōtoku no mimi ni wa itte mo, wareware ga sōtoku ni toite, anata gata ni meiwaku ga kakaranai yō ni shiyou’. 15 Soko de, karera wa kin o uketotte, oshie rareta tōri ni shita. Soshite kono hanashi wa, kyō ni itaru made yudaya-jin no ma ni hiromatte iru. 16 Sate, jū ichi-nin no deshi-tachi wa gariraya ni itte, iesu ga karera ni iku yō ni meiji rareta yama ni nobotta. 17 Soshite, iesu ni atte hai shita. Shikashi, utagau mono mo ita. 18 Iesu wa karera ni chikazuite kite iwa reta,`watashi wa, ten nioite mo chi nioite mo, issai no ken’i o sazuke rareta. 19 Sore-yue ni, anata gata wa okonatte, subete no kokumin o deshi toshite, chichi to ko to seirei to no na niyotte, karera ni baputesuma o hodokoshi, 20 Anata gata ni meijite oita issai no koto o mamoru yō ni oshieyo. Miyo, watashi wa yo no owari made, itsumo anata gata totomoni iru nodearu’.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in BIBBIA - VANGELI - IN GIAPPONESE, GIAPPONE QUESTO SCONOSCIUTO, MISS - Mission. Contrassegna il permalink.

9 risposte a BIBBIA INTERCONFESSIONALE GIAPPONESE – VANGELO SECONDO MATTEO – Angelo Nocent

  1. angelonocent ha detto:

    IL VANGELO SECONDO MATTEO IN LINGUA ITALIANA

    Tratto da “La Bibbia di Gerusalemme”
    Centro Editoriale Dehoniano
    via Nosadella, 6 – Bologna – IT
    Bologna, giugno 1991 (decima edizione)
    Da Liber liber
    (http://www.liberliber.it/biblioteca/b/bibbia/la_sacra_bibbia/html/index.htm)

    CAPITOLO 1

    1Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. 2Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, 3Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esròm, Esròm generò Aram, 4Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmòn, 5Salmòn generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, 6Iesse generò il re Davide.

    Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa, 7Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asàf, 8Asàf generò Giòsafat, Giòsafat generò Ioram, Ioram generò Ozia, 9Ozia generò Ioatam, Ioatam generò Acaz, Acaz generò Ezechia, 10Ezechia generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosia, 11Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.

    12Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatiel, Salatiel generò Zorobabèle, 13Zorobabèle generò Abiùd, Abiùd generò Elìacim, Elìacim generò Azor, 14Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, 15Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, 16Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù chiamato Cristo.

    17La somma di tutte le generazioni, da Abramo a Davide, è così di quattordici; da Davide fino alla deportazione in Babilonia è ancora di quattordici; dalla deportazione in Babilonia a Cristo è, infine, di quattordici.

    18Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. 19Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. 20Mentre però stava pensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: “Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. 21Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati”.

    22Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

    23Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio
    che sarà chiamato Emmanuele,

    che significa Dio con noi. 24Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa, 25la quale, senza che egli la conoscesse, partorì un figlio, che egli chiamò Gesù.

    CAPITOLO 2

    1Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode. Alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandavano: 2″Dov’è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo”. 3All’udire queste parole, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. 4Riuniti tutti i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo, s’informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Messia. 5Gli risposero: “A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:

    6E tu, Betlemme, terra di Giuda,
    non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda:
    da te uscirà infatti un capo
    che pascerà il mio popolo, Israele.

    7Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella 8e li inviò a Betlemme esortandoli: “Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo”.

    9Udite le parole del re, essi partirono. Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 10Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. 11Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. 12Avvertiti poi in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

    13Essi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: “Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo”.

    14Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, 15dove rimase fino alla morte di Erode, perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

    Dall’Egitto ho chiamato il mio figlio.

    16Erode, accortosi che i Magi si erano presi gioco di lui, s’infuriò e mandò ad uccidere tutti i bambini di Betlemme e del suo territorio dai due anni in giù, corrispondenti al tempo su cui era stato informato dai Magi. 17Allora si adempì quel che era stato detto per mezzo del profeta Geremia:

    18Un grido è stato udito in Rama,
    un pianto e un lamento grande;
    Rachele piange i suoi figli
    e non vuole essere consolata, perché non sono più.

    19Morto Erode, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto 20e gli disse: “Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nel paese d’Israele; perché sono morti coloro che insidiavano la vita del bambino”. 21Egli, alzatosi, prese con sé il bambino e sua madre, ed entrò nel paese d’Israele. 22Avendo però saputo che era re della Giudea Archelào al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nelle regioni della Galilea 23e, appena giunto, andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si adempisse ciò che era stato detto dai profeti: “Sarà chiamato Nazareno”.

    CAPITOLO 3

    1In quei giorni comparve Giovanni il Battista a predicare nel deserto della Giudea, 2dicendo: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!”.

    3Egli è colui che fu annunziato dal profeta Isaia quando disse:

    Voce di uno che grida nel deserto:
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri!

    4Giovanni portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano locuste e miele selvatico. 5Allora accorrevano a lui da Gerusalemme, da tutta la Giudea e dalla zona adiacente il Giordano; 6e, confessando i loro peccati, si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano.

    7Vedendo però molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: “Razza di vipere! Chi vi ha suggerito di sottrarvi all’ira imminente? 8Fate dunque frutti degni di conversione, 9e non crediate di poter dire fra voi: Abbiamo Abramo per padre. Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre. 10Già la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. 11Io vi battezzo con acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più potente di me e io non son degno neanche di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito santo e fuoco. 12Egli ha in mano il ventilabro, pulirà la sua aia e raccoglierà il suo grano nel granaio, ma brucerà la pula con un fuoco inestinguibile”.

    13In quel tempo Gesù dalla Galilea andò al Giordano da Giovanni per farsi battezzare da lui. 14Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: “Io ho bisogno di essere battezzato da te e tu vieni da me?”. 15Ma Gesù gli disse: “Lascia fare per ora, poiché conviene che così adempiamo ogni giustizia”. Allora Giovanni acconsentì. 16Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. 17Ed ecco una voce dal cielo che disse: “Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto”.

    CAPITOLO 4

    1Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. 2E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame. 3Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, di’ che questi sassi diventino pane”. 4Ma egli rispose: “Sta scritto:

    Non di solo pane vivrà l’uomo,
    ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”.

    5Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio 6e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto:

    Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo,
    ed essi ti sorreggeranno con le loro mani,
    perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede”.

    7Gesù gli rispose: “Sta scritto anche:

    Non tentare il Signore Dio tuo”.

    8Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: 9″Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai”. 10Ma Gesù gli rispose: “Vattene, satana! Sta scritto:

    Adora il Signore Dio tuo
    e a lui solo rendi culto”.

    11Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.

    12Avendo intanto saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea 13e, lasciata Nàzaret, venne ad abitare a Cafàrnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, 14perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

    15Il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali,
    sulla via del mare, al di là del Giordano,
    Galilea delle genti;
    16il popolo immerso nelle tenebre
    ha visto una grande luce;
    su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte
    una luce si è levata.

    17Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”.

    18Mentre camminava lungo il mare di Galilea vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano la rete in mare, poiché erano pescatori.

    19E disse loro: “Seguitemi, vi farò pescatori di uomini”. 20Ed essi subito, lasciate le reti, lo seguirono. 21Andando
    oltre, vide altri due fratelli, Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello, che nella barca insieme con Zebedèo, loro padre, riassettavano le reti; e li chiamò. 22Ed essi subito, lasciata la barca e il padre, lo seguirono.

    23Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. 24La sua fama si sparse per tutta la Siria e così condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva. 25E grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

    CAPITOLO 5

    1Vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. 2Prendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo:

    3″Beati i poveri in spirito,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    4Beati gli afflitti,
    perché saranno consolati.
    5Beati i miti,
    perché erediteranno la terra.
    6Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
    perché saranno saziati.
    7Beati i misericordiosi,
    perché troveranno misericordia.
    8Beati i puri di cuore,
    perché vedranno Dio.
    9Beati gli operatori di pace,
    perché saranno chiamati figli di Dio.
    10Beati i perseguitati per causa della giustizia,
    perché di essi è il regno dei cieli.

    11Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. 12Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

    13Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini.

    14Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, 15né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. 16Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli.

    17Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. 18In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto. 19Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli.

    20Poiché io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.

    21Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. 22Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna.

    23Se dunque presenti la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, 24lascia lì il tuo dono davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono.

    25Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione. 26In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato fino all’ultimo spicciolo!

    27Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; 28ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.

    29Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna. 30E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna.

    31Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto di ripudio; 32ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all’adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio.

    33Avete anche inteso che fu detto agli antichi: Non spergiurare, ma adempi con il Signore i tuoi giuramenti; 34ma io vi dico: non giurate affatto: né per il cielo, perché è il trono di Dio; 35né per la terra, perché è lo sgabello per i suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran re. 36Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello. 37Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno.

    38Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; 39ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l’altra; 40e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. 41E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. 42Da’ a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle.

    43Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; 44ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, 45perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. 46Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? 47E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? 48Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

    CAPITOLO 6

    1Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli. 2Quando dunque fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 3Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, 4perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

    5Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 6Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

    7Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. 8Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. 9Voi dunque pregate così:

    Padre nostro che sei nei cieli,
    sia santificato il tuo nome;
    10venga il tuo regno;
    sia fatta la tua volontà,
    come in cielo così in terra.
    11Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
    12e rimetti a noi i nostri debiti
    come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
    13e non ci indurre in tentazione,
    ma liberaci dal male.

    14Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; 15ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.

    16E quando digiunate, non assumete aria malinconica come gli ipocriti, che si sfigurano la faccia per far vedere agli uomini che digiunano. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa.

    17Tu invece, quando digiuni, profumati la testa e lavati il volto, 18perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo tuo Padre che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

    19Non accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano; 20accumulatevi invece tesori nel cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano. 21Perché là dov’è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore.

    22La lucerna del corpo è l’occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; 23ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!

    24Nessuno può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro, o preferirà l’uno e disprezzerà l’altro: non potete servire a Dio e a mammona.

    25Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito? 26Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? 27E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un’ora sola alla sua vita? 28E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. 29Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. 30Ora se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? 31Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? 32Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. 33Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 34Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A
    ciascun giorno basta la sua pena.

    CAPITOLO 7

    1Non giudicate, per non essere giudicati; 2perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati. 3Perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio? 4O come potrai dire al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell’occhio tuo c’è la trave? 5Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello.

    6Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi.

    7Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto; 8perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. 9Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra? 10O se gli chiede un pesce, darà una serpe? 11Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano!

    12Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge ed i Profeti.

    13Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; 14quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!

    15Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. 16Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? 17Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; 18un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. 19Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. 20Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere.

    21Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. 22Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetato nel tuo nome e cacciato demòni nel tuo nome e compiuto molti miracoli nel tuo nome? 23Io però dichiarerò loro: Non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi operatori di iniquità.

    24Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. 25Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. 26Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. 27Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande”.

    28Quando Gesù ebbe finito questi discorsi, le folle restarono stupite del suo insegnamento: 29egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità e non come i loro scribi.

    CAPITOLO 8

    1Quando Gesù fu sceso dal monte, molta folla lo seguiva. 2Ed ecco venire un lebbroso e prostrarsi a lui dicendo: “Signore, se vuoi, tu puoi sanarmi”. 3E Gesù stese la mano e lo toccò dicendo: “Lo voglio, sii sanato”. E subito la sua lebbra scomparve. 4Poi Gesù gli disse: “Guardati dal dirlo a qualcuno, ma va’ a mostrarti al sacerdote e presenta l’offerta prescritta da Mosè, e ciò serva come testimonianza per loro”.

    5Entrato in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: 6″Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre terribilmente”. 7Gesù gli rispose: “Io verrò e lo curerò”. 8Ma il centurione riprese: “Signore, io non son degno che tu entri sotto il mio tetto, di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. 9Perché anch’io, che sono un subalterno, ho soldati sotto di me e dico a uno: Va’, ed egli va; e a un altro: Vieni, ed egli viene, e al mio servo: Fa’ questo, ed egli lo fa”.

    10All’udire ciò, Gesù ne fu ammirato e disse a quelli che lo seguivano: “In verità vi dico, presso nessuno in Israele ho trovato una fede così grande. 11Ora vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli, 12mentre i figli del regno saranno cacciati fuori nelle tenebre, ove sarà pianto e stridore di denti”. 13E Gesù disse al centurione: “Va’, e sia fatto secondo la tua fede”. In quell’istante il servo guarì.

    14Entrato Gesù nella casa di Pietro, vide la suocera di lui che giaceva a letto con la febbre. 15Le toccò la mano e la febbre scomparve; poi essa si alzò e si mise a servirlo.

    16Venuta la sera, gli portarono molti indemoniati ed egli scacciò gli spiriti con la sua parola e guarì tutti i malati, 17perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

    Egli ha preso le nostre infermità
    e si è addossato le nostre malattie.

    18Vedendo Gesù una gran folla intorno a sé, ordinò di passare all’altra riva. 19Allora uno scriba si avvicinò e gli disse: “Maestro, io ti seguirò dovunque tu andrai”. 20Gli rispose Gesù: “Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”.

    21E un altro dei discepoli gli disse: “Signore, permettimi di andar prima a seppellire mio padre”. 22Ma Gesù gli rispose: “Seguimi e lascia i morti seppellire i loro morti”.

    23Essendo poi salito su una barca, i suoi discepoli lo seguirono. 24Ed ecco scatenarsi nel mare una tempesta così violenta che la barca era ricoperta dalle onde; ed egli dormiva. 25Allora, accostatisi a lui, lo svegliarono dicendo: “Salvaci, Signore, siamo perduti!”. 26Ed egli disse loro: “Perché avete paura, uomini di poca fede?” Quindi levatosi, sgridò i venti e il mare e si fece una grande bonaccia. 27I presenti furono presi da stupore e dicevano: “Chi è mai costui al quale i venti e il mare obbediscono?”.

    28Giunto all’altra riva, nel paese dei Gadarèni, due indemoniati, uscendo dai sepolcri, gli vennero incontro; erano tanto furiosi che nessuno poteva più passare per quella strada. 29Cominciarono a gridare: “Che cosa abbiamo noi in comune con te, Figlio di Dio? Sei venuto qui prima del tempo a tormentarci?”.

    30A qualche distanza da loro c’era una numerosa mandria di porci a pascolare; 31e i demòni presero a scongiurarlo dicendo: “Se ci scacci, mandaci in quella mandria”. 32Egli disse loro: “Andate!”. Ed essi, usciti dai corpi degli uomini, entrarono in quelli dei porci: ed ecco tutta la mandria si precipitò dal dirupo nel mare e perì nei flutti. 33I mandriani allora fuggirono ed entrati in città raccontarono ogni cosa e il fatto degli indemoniati. 34Tutta la città allora uscì incontro a Gesù e, vistolo, lo pregarono che si allontanasse dal loro territorio.

    CAPITOLO 9

    1Salito su una barca, Gesù passò all’altra riva e giunse nella sua città. 2Ed ecco, gli portarono un paralitico steso su un letto. Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: “Coraggio, figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati”. 3Allora alcuni scribi cominciarono a pensare: “Costui bestemmia”. 4Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: “Perché mai pensate cose malvagie nel vostro cuore? 5Che cosa dunque è più facile, dire: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati e cammina? 6Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere in terra di rimettere i peccati: alzati, disse allora il paralitico, prendi il tuo letto e va’ a casa tua”. 7Ed egli si alzò e andò a casa sua. 8A quella vista, la folla fu presa da timore e rese gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

    9Andando via di là, Gesù vide un uomo, seduto al banco delle imposte, chiamato Matteo, e gli disse: “Seguimi”. Ed egli si alzò e lo seguì.

    10Mentre Gesù sedeva a mensa in casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e si misero a tavola con lui e con i discepoli. 11Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: “Perché il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?”. 12Gesù li udì e disse: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. 13Andate dunque e imparate che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrificio. Infatti non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori”.

    14Allora gli si accostarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: “Perché, mentre noi e i farisei digiuniamo, i tuoi discepoli non digiunano?”. 15E Gesù disse loro: “Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto mentre lo sposo è con loro? Verranno però i giorni quando lo sposo sarà loro tolto e allora digiuneranno.

    16Nessuno mette un pezzo di stoffa grezza su un vestito vecchio, perché il rattoppo squarcia il vestito e si fa uno strappo peggiore. 17né si mette vino nuovo in otri vecchi, altrimenti si rompono gli otri e il vino si versa e gli otri van perduti. Ma si versa vino nuovo in otri nuovi, e così l’uno e gli altri si conservano”.

    18Mentre diceva loro queste cose, giunse uno dei capi che gli si prostrò innanzi e gli disse: “Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano sopra di lei ed essa vivrà”. 19Alzatosi, Gesù lo seguiva con i suoi discepoli.

    20Ed ecco una donna, che soffriva d’emorragia da dodici anni, gli si accostò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. 21Pensava infatti: “Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita”. 22Gesù, voltatosi, la vide e disse: “Coraggio, figliola, la tua fede ti ha guarita”. E in quell’istante la donna guarì.

    23Arrivato poi Gesù nella casa del capo e veduti i flautisti e la gente in agitazione, disse: 24″Ritiratevi, perché la fanciulla non è morta, ma dorme”. Quelli si misero a deriderlo. 25Ma dopo che fu cacciata via la gente egli entrò, le prese la mano e la fanciulla si alzò. 26E se ne sparse la fama in tutta quella regione.

    27Mentre Gesù
    si allontanava di là, due ciechi lo seguivano urlando: “Figlio di Davide, abbi pietà di noi”. 28Entrato in casa, i ciechi gli si accostarono, e Gesù disse loro: “Credete voi che io possa fare questo?”. Gli risposero: “Sì, o Signore!”. 29Allora toccò loro gli occhi e disse: “Sia fatto a voi secondo la vostra fede”. 30E si aprirono loro gli occhi. Quindi Gesù li ammonì dicendo: “Badate che nessuno lo sappia!”. 31Ma essi, appena usciti, ne sparsero la fama in tutta quella regione.

    32Usciti costoro, gli presentarono un muto indemoniato. 33Scacciato il demonio, quel muto cominciò a parlare e la folla presa da stupore diceva: “Non si è mai vista una cosa simile in Israele!”. 34Ma i farisei dicevano: “Egli scaccia i demòni per opera del principe dei demòni”.

    35Gesù andava attorno per tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il vangelo del regno e curando ogni malattia e infermità. 36Vedendo le folle ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite, come pecore senza pastore. 37Allora disse ai suoi discepoli: “La messe è molta, ma gli operai sono pochi! 38Pregate dunque il padrone della messe che mandi operai nella sua messe!”.

    CAPITOLO 10

    1Chiamati a sé i dodici discepoli, diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi e di guarire ogni sorta di malattie e d’infermità.

    2I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea, suo fratello; Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello, 3Filippo e Bartolomeo, Tommaso e Matteo il pubblicano, Giacomo di Alfeo e Taddeo, 4Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, che poi lo tradì.

    5Questi dodici Gesù li inviò dopo averli così istruiti:

    “Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; 6rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. 7E strada facendo, predicate che il regno dei cieli è vicino. 8Guarite gli infermi, risuscitate i morti, sanate i lebbrosi, cacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. 9Non procuratevi oro, né argento, né moneta di rame nelle vostre cinture, 10né bisaccia da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché l’operaio ha diritto al suo nutrimento.

    11In qualunque città o villaggio entriate, fatevi indicare se vi sia qualche persona degna, e lì rimanete fino alla vostra partenza. 12Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. 13Se quella casa ne sarà degna, la vostra pace scenda sopra di essa; ma se non ne sarà degna, la vostra pace ritorni a voi. 14Se qualcuno poi non vi accoglierà e non darà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dai vostri piedi. 15In verità vi dico, nel giorno del giudizio il paese di Sòdoma e Gomorra avrà una sorte più sopportabile di quella città.

    16Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. 17Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai loro tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; 18e sarete condotti davanti ai governatori e ai re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. 19E quando vi consegneranno nelle loro mani, non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: 20non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.

    21Il fratello darà a morte il fratello e il padre il figlio, e i figli insorgeranno contro i genitori e li faranno morire. 22E sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma chi persevererà sino alla fine sarà salvato. 23Quando vi perseguiteranno in una città, fuggite in un’altra; in verità vi dico: non avrete finito di percorrere le città di Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo.

    24Un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più del suo padrone; 25è sufficiente per il discepolo essere come il suo maestro e per il servo come il suo padrone. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più i suoi familiari!

    26Non li temete dunque, poiché non v’è nulla di nascosto che non debba essere svelato, e di segreto che non debba essere manifestato. 27Quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio predicatelo sui tetti. 28E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l’anima e il corpo nella Geenna. 29Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure neanche uno di essi cadrà a terra senza che il Padre vostro lo voglia.

    30Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati; 31non abbiate dunque timore: voi valete più di molti passeri!

    32Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; 33chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli.

    34Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. 35Sono venuto infatti a separare

    il figlio dal padre, la figlia dalla madre,
    la nuora dalla suocera:
    36e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.

    37Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; 38chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. 39Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.

    40Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. 41Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto. 42E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa”.

    CAPITOLO 11

    1Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

    2Giovanni intanto, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, mandò a dirgli per mezzo dei suoi discepoli: 3″Sei tu colui che deve venire o dobbiamo attenderne un altro?”. 4Gesù rispose: “Andate e riferite a Giovanni ciò che voi udite e vedete: 5I ciechi ricuperano la vista, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi riacquistano l’udito, i morti risuscitano, ai poveri è predicata la buona novella, 6e beato colui che non si scandalizza di me”. 7Mentre questi se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: “Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? 8Che cosa dunque siete andati a vedere? Un uomo avvolto in morbide vesti? Coloro che portano morbide vesti stanno nei palazzi dei re! 9E allora, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, vi dico, anche più di un profeta. 10Egli è colui, del quale sta scritto:

    Ecco, io mando davanti a te il mio messaggero
    che preparerà la tua via davanti a te.

    11In verità vi dico: tra i nati di donna non è sorto uno più grande di Giovanni il Battista; tuttavia il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui. 12Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono. 13La Legge e tutti i Profeti infatti hanno profetato fino a Giovanni. 14E se lo volete accettare, egli è quell’Elia che deve venire. 15Chi ha orecchi intenda.

    16Ma a chi paragonerò io questa generazione? Essa è simile a quei fanciulli seduti sulle piazze che si rivolgono agli altri compagni e dicono:

    17Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,

    abbiamo cantato un lamento e non avete pianto.

    18È venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e hanno detto: Ha un demonio. 19È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e dicono: Ecco un mangione e un beone, amico dei pubblicani e dei peccatori. Ma alla sapienza è stata resa giustizia dalle sue opere”.

    20Allora si mise a rimproverare le città nelle quali aveva compiuto il maggior numero di miracoli, perché non si erano convertite: 21″Guai a te, Corazin! Guai a te, Betsàida. Perché, se a Tiro e a Sidone fossero stati compiuti i miracoli che sono stati fatti in mezzo a voi, già da tempo avrebbero fatto penitenza, ravvolte nel cilicio e nella cenere. 22Ebbene io ve lo dico: Tiro e Sidone nel giorno del giudizio avranno una sorte meno dura della vostra. 23E tu, Cafàrnao,

    sarai forse innalzata fino al cielo?
    Fino agli inferi precipiterai!

    Perché, se in Sòdoma fossero avvenuti i miracoli compiuti in te, oggi ancora essa esisterebbe! 24Ebbene io vi dico: Nel giorno del giudizio avrà una sorte meno dura della tua!”.

    25In quel tempo Gesù disse: “Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. 26Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. 27Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.

    28Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. 29Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 30Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero”.

    CAPITOLO 12

    1In quel tempo Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano. 2Ciò vedendo, i farisei gli dissero: “Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato”. 3Ed egli rispose: “Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni? 4Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti? 5O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i
    sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa? 6Ora io vi dico che qui c’è qualcosa più grande del tempio. 7Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. 8Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato”.

    9Allontanatosi di là, andò nella loro sinagoga. 10Ed ecco, c’era un uomo che aveva una mano inaridita, ed essi chiesero a Gesù: “È permesso curare di sabato?”. Dicevano ciò per accusarlo. 11Ed egli disse loro: “Chi tra voi, avendo una pecora, se questa gli cade di sabato in una fossa, non l’afferra e la tira fuori? 12Ora, quanto è più prezioso un uomo di una pecora! Perciò è permesso fare del bene anche di sabato”. 13E rivolto all’uomo, gli disse: “Stendi la mano”. Egli la stese, e quella ritornò sana come l’altra. 14I farisei però, usciti, tennero consiglio contro di lui per toglierlo di mezzo.

    15Ma Gesù, saputolo, si allontanò di là. Molti lo seguirono ed egli guarì tutti, 16ordinando loro di non divulgarlo, 17perché si adempisse ciò che era stato detto dal profeta Isaia:

    18Ecco il mio servo che io ho scelto;
    il mio prediletto,
    nel quale mi sono compiaciuto.
    Porrò il mio spirito sopra di lui
    e annunzierà la giustizia alle genti.
    19Non contenderà, né griderà,
    né si udrà sulle piazze la sua voce.
    20La canna infranta non spezzerà,
    non spegnerà il lucignolo fumigante,
    finché abbia fatto trionfare la giustizia;
    21nel suo nome spereranno le genti.

    22In quel tempo gli fu portato un indemoniato, cieco e muto, ed egli lo guarì, sicché il muto parlava e vedeva. 23E tutta la folla era sbalordita e diceva: “Non è forse costui il figlio di Davide?”. 24Ma i farisei, udendo questo, presero a dire: “Costui scaccia i demòni in nome di Beelzebùl, principe dei demòni”.

    25Ma egli, conosciuto il loro pensiero, disse loro: “Ogni regno discorde cade in rovina e nessuna città o famiglia discorde può reggersi. 26Ora, se satana scaccia satana, egli è discorde con se stesso; come potrà dunque reggersi il suo regno? 27E se io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl, i vostri figli in nome di chi li scacciano? Per questo loro stessi saranno i vostri giudici. 28Ma se io scaccio i demòni per virtù dello Spirito di Dio, è certo giunto fra voi il regno di Dio. 29Come potrebbe uno penetrare nella casa dell’uomo forte e rapirgli le sue cose, se prima non lo lega? Allora soltanto gli potrà saccheggiare la casa. 30Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde. 31Perciò io vi dico: Qualunque peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata. 32A chiunque parlerà male del Figlio dell’uomo sarà perdonato; ma la bestemmia contro lo Spirito, non gli sarà perdonata né in questo secolo, né in quello futuro.

    33Se prendete un albero buono, anche il suo frutto sarà buono; se prendete un albero cattivo, anche il suo frutto sarà cattivo: dal frutto infatti si conosce l’albero. 34Razza di vipere, come potete dire cose buone, voi che siete cattivi? Poiché la bocca parla dalla pienezza del cuore. 35L’uomo buono dal suo buon tesoro trae cose buone, mentre l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae cose cattive. 36Ma io vi dico che di ogni parola infondata gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; 37poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato”.

    38Allora alcuni scribi e farisei lo interrogarono: “Maestro, vorremmo che tu ci facessi vedere un segno”. Ed egli rispose: 39″Una generazione perversa e adultera pretende un segno! Ma nessun segno le sarà dato, se non il segno di Giona profeta. 40Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. 41Quelli di Nìnive si alzeranno a giudicare questa generazione e la condanneranno, perché essi si convertirono alla predicazione di Giona. Ecco, ora qui c’è più di Giona! 42La regina del sud si leverà a giudicare questa generazione e la condannerà, perché essa venne dall’estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone; ecco, ora qui c’è più di Salomone!

    43Quando lo spirito immondo esce da un uomo, se ne va per luoghi aridi cercando sollievo, ma non ne trova. 44Allora dice: Ritornerò alla mia abitazione, da cui sono uscito. E tornato la trova vuota, spazzata e adorna. 45Allora va, si prende sette altri spiriti peggiori ed entra a prendervi dimora; e la nuova condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima. Così avverrà anche a questa generazione perversa”.

    46Mentre egli parlava ancora alla folla, sua madre e i suoi fratelli, stando fuori in disparte, cercavano di parlargli. 47Qualcuno gli disse: “Ecco di fuori tua madre e i tuoi fratelli che vogliono parlarti”. 48Ed egli, rispondendo a chi lo informava, disse: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?”. 49Poi stendendo la mano verso i suoi discepoli disse: “Ecco mia madre ed ecco i miei fratelli; 50perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre”.

    CAPITOLO 13

    1Quel giorno Gesù uscì di casa e si sedette in riva al mare. 2Si cominciò a raccogliere attorno a lui tanta folla che dovette salire su una barca e là porsi a sedere, mentre tutta la folla rimaneva sulla spiaggia.

    3Egli parlò loro di molte cose in parabole.

    E disse: “Ecco, il seminatore uscì a seminare. 4E mentre seminava una parte del seme cadde sulla strada e vennero gli uccelli e la divorarono. 5Un’altra parte cadde in luogo sassoso, dove non c’era molta terra; subito germogliò, perché il terreno non era profondo. 6Ma, spuntato il sole, restò bruciata e non avendo radici si seccò. 7Un’altra parte cadde sulle spine e le spine crebbero e la soffocarono. 8Un’altra parte cadde sulla terra buona e diede frutto, dove il cento, dove il sessanta, dove il trenta. 9Chi ha orecchi intenda”.

    10Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: “Perché parli loro in parabole?”.

    11Egli rispose: “Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. 12Così a chi ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. 13Per questo parlo loro in parabole: perché pur vedendo non vedono, e pur udendo non odono e non comprendono. 14E così si adempie per loro la profezia di Isaia che dice:

    Voi udrete, ma non comprenderete,
    guarderete, ma non vedrete.
    15Perché il cuore di questo popolo
    si è indurito, son diventati duri di orecchi,
    e hanno chiuso gli occhi,
    per non vedere con gli occhi,
    non sentire con gli orecchi
    e non intendere con il cuore e convertirsi,
    e io li risani.

    16Ma beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché sentono. 17In verità vi dico: molti profeti e giusti hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, e non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, e non l’udirono!

    18Voi dunque intendete la parabola del seminatore: 19tutte le volte che uno ascolta la parola del regno e non la comprende, viene il maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. 20Quello che è stato seminato nel terreno sassoso è l’uomo che ascolta la parola e subito l’accoglie con gioia, 21ma non ha radice in sé ed è incostante, sicché appena giunge una tribolazione o persecuzione a causa della parola, egli ne resta scandalizzato. 22Quello seminato tra le spine è colui che ascolta la parola, ma la preoccupazione del mondo e l’inganno della ricchezza soffocano la parola ed essa non da’ frutto. 23Quello seminato nella terra buona è colui che ascolta la parola e la comprende; questi da’ frutto e produce ora il cento, ora il sessanta, ora il trenta”.

    24Un’altra parabola espose loro così: “Il regno dei cieli si può paragonare a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. 25Ma mentre tutti dormivano venne il suo nemico, seminò zizzania in mezzo al grano e se ne andò. 26Quando poi la messe fiorì e fece frutto, ecco apparve anche la zizzania. 27Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: Padrone, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene dunque la zizzania? 28Ed egli rispose loro: Un nemico ha fatto questo. E i servi gli dissero: Vuoi dunque che andiamo a raccoglierla? 29No, rispose, perché non succeda che, cogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. 30Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio”.

    31Un’altra parabola espose loro: “Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo. 32Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami”.

    33Un’altra parabola disse loro: “Il regno dei cieli si può paragonare al lievito, che una donna ha preso e impastato con tre misure di farina perché tutta si fermenti”.

    34Tutte queste cose Gesù disse alla folla in parabole e non parlava ad essa se non in parabole, 35perché si adempisse ciò che era stato detto dal profeta:

    Aprirò la mia bocca in parabole,
    proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo.

    36Poi Gesù lasciò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si accostarono per dirgli: “Spiegaci la parabola della zizzania nel campo”. 37Ed egli rispose: “Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. 38Il campo è il mondo. Il seme buono sono i figli del regno; la zizzania sono i figli del maligno, 39e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura rappresenta la fine del mondo, e i mietitori sono gli angeli. 40Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. 41Il Figlio dell’uomo
    manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità 42e li getteranno nella fornace ardente dove sarà pianto e stridore di denti. 43Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, intenda!

    44Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, e vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

    45Il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; 46trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.

    47Il regno dei cieli è simile anche a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. 48Quando è piena, i pescatori la tirano a riva e poi, sedutisi, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. 49Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni 50e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.

    51Avete capito tutte queste cose?”. Gli risposero: “Sì”. 52Ed egli disse loro: “Per questo ogni scriba divenuto discepolo del regno dei cieli è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche”.

    53Terminate queste parabole, Gesù partì di là 54e venuto nella sua patria insegnava nella loro sinagoga e la gente rimaneva stupita e diceva: “Da dove mai viene a costui questa sapienza e questi miracoli? 55Non è egli forse il figlio del carpentiere? Sua madre non si chiama Maria e i suoi fratelli Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda? 56E le sue sorelle non sono tutte fra noi? Da dove gli vengono dunque tutte queste cose?”. 57E si scandalizzavano per causa sua. Ma Gesù disse loro: “Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria e in casa sua”. 58E non fece molti miracoli a causa della loro incredulità.

    CAPITOLO 14

    1In quel tempo il tetrarca Erode ebbe notizia della fama di Gesù. 2Egli disse ai suoi cortigiani: “Costui è Giovanni il Battista risuscitato dai morti; per ciò la potenza dei miracoli opera in lui”.

    3Erode aveva arrestato Giovanni e lo aveva fatto incatenare e gettare in prigione per causa di Erodìade, moglie di Filippo suo fratello. 4Giovanni infatti gli diceva: “Non ti è lecito tenerla!”. 5Benché Erode volesse farlo morire, temeva il popolo perché lo considerava un profeta.

    6Venuto il compleanno di Erode, la figlia di Erodìade danzò in pubblico e piacque tanto a Erode 7che egli le promise con giuramento di darle tutto quello che avesse domandato. 8Ed essa, istigata dalla madre, disse: “Dammi qui, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista”. 9Il re ne fu contristato, ma a causa del giuramento e dei commensali ordinò che le fosse data 10e mandò a decapitare Giovanni nel carcere. 11La sua testa venne portata su un vassoio e fu data alla fanciulla, ed ella la portò a sua madre. 12I suoi discepoli andarono a prendere il cadavere, lo seppellirono e andarono a informarne Gesù.

    13Udito ciò, Gesù partì di là su una barca e si ritirò in disparte in un luogo deserto. Ma la folla, saputolo, lo seguì a piedi dalle città. 14Egli, sceso dalla barca, vide una grande folla e sentì compassione per loro e guarì i loro malati.

    15Sul far della sera, gli si accostarono i discepoli e gli dissero: “Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare”. 16Ma Gesù rispose: “Non occorre che vadano; date loro voi stessi da mangiare”. 17Gli risposero: “Non abbiamo che cinque pani e due pesci!”. 18Ed egli disse: “Portatemeli qua”. 19E dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci e, alzati gli occhi al cielo, pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli e i discepoli li distribuirono alla folla. 20Tutti mangiarono e furono saziati; e portarono via dodici ceste piene di pezzi avanzati. 21Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

    22Subito dopo ordinò ai discepoli di salire sulla barca e di precederlo sull’altra sponda, mentre egli avrebbe congedato la folla. 23Congedata la folla, salì sul monte, solo, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava ancora solo lassù.

    24La barca intanto distava già qualche miglio da terra ed era agitata dalle onde, a causa del vento contrario. 25Verso la fine della notte egli venne verso di loro camminando sul mare. 26I discepoli, a vederlo camminare sul mare, furono turbati e dissero: “È un fantasma” e si misero a gridare dalla paura. 27Ma subito Gesù parlò loro: “Coraggio, sono io, non abbiate paura”. 28Pietro gli disse: “Signore, se sei tu, comanda che io venga da te sulle acque”. 29Ed egli disse: “Vieni!”. Pietro, scendendo dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. 30Ma per la violenza del vento, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: “Signore, salvami!”. 31E subito Gesù stese la mano, lo afferrò e gli disse: “Uomo di poca fede, perché hai dubitato?”.

    32Appena saliti sulla barca, il vento cessò. 33Quelli che erano sulla barca gli si prostrarono davanti, esclamando: “Tu sei veramente il Figlio di Dio!”.

    34Compiuta la traversata, approdarono a Genèsaret. 35E la gente del luogo, riconosciuto Gesù, diffuse la notizia in tutta la regione; gli portarono tutti i malati, 36e lo pregavano di poter toccare almeno l’orlo del suo mantello. E quanti lo toccavano guarivano.

    CAPITOLO 15

    1In quel tempo vennero a Gesù da Gerusalemme alcuni farisei e alcuni scribi e gli dissero: 2″Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Poiché non si lavano le mani quando prendono cibo!”. 3Ed egli rispose loro: “Perché voi trasgredite il comandamento di Dio in nome della vostra tradizione? 4Dio ha detto:

    Onora il padre e la madre

    e inoltre:

    Chi maledice il padre e la madre sia messo a morte.

    5Invece voi asserite: Chiunque dice al padre o alla madre: Ciò con cui ti dovrei aiutare è offerto a Dio, 6non è più tenuto a onorare suo padre o sua madre. Così avete annullato la parola di Dio in nome della vostra tradizione. 7Ipocriti! Bene ha profetato di voi Isaia, dicendo:

    8Questo popolo mi onora con le labbra
    ma il suo cuore è lontano da me.
    9Invano essi mi rendono culto,
    insegnando dottrine che sono precetti di uomini”.

    10Poi riunita la folla disse: “Ascoltate e intendete! 11Non quello che entra nella bocca rende impuro l’uomo, ma quello che esce dalla bocca rende impuro l’uomo!”.

    12Allora i discepoli gli si accostarono per dirgli: “Sai che i farisei si sono scandalizzati nel sentire queste parole?”. 13Ed egli rispose: “Ogni pianta che non è stata piantata dal mio Padre celeste sarà sradicata. 14Lasciateli! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso!”. 15Pietro allora gli disse: “Spiegaci questa parabola”. 16Ed egli rispose: “Anche voi siete ancora senza intelletto? 17Non capite che tutto ciò che entra nella bocca, passa nel ventre e va a finire nella fogna? 18Invece ciò che esce dalla bocca proviene dal cuore. Questo rende immondo l’uomo. 19Dal cuore, infatti, provengono i propositi malvagi, gli omicidi, gli adultéri, le prostituzioni, i furti, le false testimonianze, le bestemmie. 20Queste sono le cose che rendono immondo l’uomo, ma il mangiare senza lavarsi le mani non rende immondo l’uomo”.

    21Partito di là, Gesù si diresse verso le parti di Tiro e Sidone. 22Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quelle regioni, si mise a gridare: “Pietà di me, Signore, figlio di Davide. Mia figlia è crudelmente tormentata da un demonio”. 23Ma egli non le rivolse neppure una parola.

    Allora i discepoli gli si accostarono implorando: “Esaudiscila, vedi come ci grida dietro”. 24Ma egli rispose: “Non sono stato inviato che alle pecore perdute della casa di Israele”. 25Ma quella venne e si prostrò dinanzi a lui dicendo: “Signore, aiutami!”. 26Ed egli rispose: “Non è bene prendere il pane dei figli per gettarlo ai cagnolini”. 27″È vero, Signore, disse la donna, ma anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni”. 28Allora Gesù le replicò: “Donna, davvero grande è la tua fede! Ti sia fatto come desideri”. E da quell’istante sua figlia fu guarita.

    29Allontanatosi di là, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si fermò là. 30Attorno a lui si radunò molta folla recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì. 31E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele.

    32Allora Gesù chiamò a sé i discepoli e disse: “Sento compassione di questa folla: ormai da tre giorni mi vengono dietro e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada”. 33E i discepoli gli dissero: “Dove potremo noi trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?”. 34Ma Gesù domandò: “Quanti pani avete?”. Risposero: “Sette, e pochi pesciolini”. 35Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, 36Gesù prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò, li dava ai discepoli, e i discepoli li distribuivano alla folla. 37Tutti mangiarono e furono saziati. Dei pezzi avanzati portarono via sette sporte piene. 38Quelli che avevano mangiato erano quattromila uomini, senza contare le donne e i bambini. 39Congedata la folla, Gesù salì sulla barca e andò nella regione di Magadàn.

    CAPITOLO 16

    1I farisei e i sadducei si avvicinarono per metterlo alla prova e gli chiesero che mostrasse loro un segno dal cielo. 2Ma egli rispose: “Quando si fa sera, voi dite: Bel tempo, perché il cielo rosseggia; 3e al mattino: Oggi burrasca, perché il cielo è rosso cupo. Sapete dunque interpretare l’aspetto del cielo e non sapete distinguere i segni dei tempi? 4Una generazione perversa e adultera cerca
    un segno, ma nessun segno le sarà dato se non il segno di Giona”. E lasciatili, se ne andò.

    5Nel passare però all’altra riva, i discepoli avevano dimenticato di prendere il pane. 6Gesù disse loro: “Fate bene attenzione e guardatevi dal lievito dei farisei e dei sadducei”. 7Ma essi parlavano tra loro e dicevano: “Non abbiamo preso il pane!”. 8Accortosene, Gesù chiese: “Perché, uomini di poca fede, andate dicendo che non avete il pane? 9Non capite ancora e non ricordate i cinque pani per i cinquemila e quante ceste avete portato via? 10E neppure i sette pani per i quattromila e quante sporte avete raccolto? 11Come mai non capite ancora che non alludevo al pane quando vi ho detto: Guardatevi dal lievito dei farisei e dei sadducei?”. 12Allora essi compresero che egli non aveva detto che si guardassero dal lievito del pane, ma dalla dottrina dei farisei e dei sadducei.

    13Essendo giunto Gesù nella regione di Cesarèa di Filippo, chiese ai suoi discepoli: “La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?”. 14Risposero: “Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti”. 15Disse loro: “Voi chi dite che io sia?”. 16Rispose Simon Pietro: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente”. 17E Gesù: “Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. 18E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. 19A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”. 20Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

    21Da allora Gesù cominciò a dire apertamente ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei sommi sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risuscitare il terzo giorno. 22Ma Pietro lo trasse in disparte e cominciò a protestare dicendo: “Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai”. 23Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: “Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!”.

    24Allora Gesù disse ai suoi discepoli: “Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. 26Qual vantaggio infatti avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima? O che cosa l’uomo potrà dare in cambio della propria anima? 27Poiché il Figlio dell’uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e renderà a ciascuno secondo le sue azioni. 28In verità vi dico: vi sono alcuni tra i presenti che non morranno finché non vedranno il Figlio dell’uomo venire nel suo regno”.

  2. angelonocent ha detto:

    SEGUITO VANGELO SECONDO MATTEO

    CAPITOLO 17
    1Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. 2E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. 3Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 4Pietro prese allora la parola e disse a Gesù: “Signore, è bello per noi restare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia”. 5Egli stava ancora parlando quando una nuvola luminosa li avvolse con la sua ombra. Ed ecco una voce che diceva: “Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo”. 6All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. 7Ma Gesù si avvicinò e, toccatili, disse: “Alzatevi e non temete”. 8Sollevando gli occhi non videro più nessuno, se non Gesù solo.

    9E mentre discendevano dal monte, Gesù ordinò loro: “Non parlate a nessuno di questa visione, finché il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti”.

    10Allora i discepoli gli domandarono: “Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elia?”. 11Ed egli rispose: “Sì, verrà Elia e ristabilirà ogni cosa. 12Ma io vi dico: Elia è già venuto e non l’hanno riconosciuto; anzi, l’hanno trattato come hanno voluto. Così anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire per opera loro”. 13Allora i discepoli compresero che egli parlava di Giovanni il Battista.

    14Appena ritornati presso la folla, si avvicinò a Gesù un uomo 15che, gettatosi in ginocchio, gli disse: “Signore, abbi pietà di mio figlio. Egli è epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e spesso anche nell’acqua; 16l’ho già portato dai tuoi discepoli, ma non hanno potuto guarirlo”. 17E Gesù rispose: “O generazione incredula e perversa! Fino a quando starò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatemelo qui”. 18E Gesù gli parlò minacciosamente, e il demonio uscì da lui e da quel momento il ragazzo fu guarito.

    19Allora i discepoli, accostatisi a Gesù in disparte, gli chiesero: “Perché noi non abbiamo potuto scacciarlo?”. 20Ed egli rispose: “Per la vostra poca fede. In verità vi dico: se avrete fede pari a un granellino di senapa, potrete dire a questo monte: spostati da qui a là, ed esso si sposterà, e niente vi sarà impossibile. 21Questa razza di demòni non si scaccia se non con la preghiera e il digiuno”.

    22Mentre si trovavano insieme in Galilea, Gesù disse loro: “Il Figlio dell’uomo sta per esser consegnato nelle mani degli uomini 23e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà”. Ed essi furono molto rattristati.

    24Venuti a Cafàrnao, si avvicinarono a Pietro gli esattori della tassa per il tempio e gli dissero: “Il vostro maestro non paga la tassa per il tempio?”. 25Rispose: “Sì”. Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: “Che cosa ti pare, Simone? I re di questa terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli altri?”. 26Rispose: “Dagli estranei”. E Gesù: “Quindi i figli sono esenti. 27Ma perché non si scandalizzino, va’ al mare, getta l’amo e il primo pesce che viene prendilo, aprigli la bocca e vi troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala a loro per me e per te”.

    CAPITOLO 18

    1In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: “Chi dunque è il più grande nel regno dei cieli?”. 2Allora Gesù chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: 3″In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. 4Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli.

    5E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me.

    6Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. 7Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo per colpa del quale avviene lo scandalo!

    8Se la tua mano o il tuo piede ti è occasione di scandalo, taglialo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, che avere due mani o due piedi ed essere gettato nel fuoco eterno. 9E se il tuo occhio ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita con un occhio solo, che avere due occhi ed essere gettato nella Geenna del fuoco.

    10Guardatevi dal disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli. 11È venuto infatti il Figlio dell’uomo a salvare ciò che era perduto.

    12Che ve ne pare? Se un uomo ha cento pecore e ne smarrisce una, non lascerà forse le novantanove sui monti, per andare in cerca di quella perduta? 13Se gli riesce di trovarla, in verità vi dico, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. 14Così il Padre vostro celeste non vuole che si perda neanche uno solo di questi piccoli.

    15Se il tuo fratello commette una colpa, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; 16se non ti ascolterà, prendi con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. 17Se poi non ascolterà neppure costoro, dillo all’assemblea; e se non ascolterà neanche l’assemblea, sia per te come un pagano e un pubblicano. 18In verità vi dico: tutto quello che legherete sopra la terra sarà legato anche in cielo e tutto quello che scioglierete sopra la terra sarà sciolto anche in cielo.

    19In verità vi dico ancora: se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. 20Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro”.

    21Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: “Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?”. 22E Gesù gli rispose: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette.

    23A proposito, il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i conti con i suoi servi. 24Incominciati i conti, gli fu presentato uno che gli era debitore di diecimila talenti. 25Non avendo però costui il denaro da restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, con i figli e con quanto possedeva, e saldasse così il debito. 26Allora quel servo, gettatosi a terra, lo supplicava: Signore, abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa. 27Impietositosi del servo, il padrone lo lasciò andare e gli condonò il debito. 28Appena uscito, quel servo trovò un altro servo come lui che gli doveva cento denari e, afferratolo, lo soffocava e diceva: Paga quel che devi! 29Il suo compagno, gettatosi a terra, lo supplicava dicendo: Abbi pazienza con me e ti rifonderò il debito. 30Ma egli non volle esaudirlo, andò e lo fece gettare in carcere, fino a che non avesse pagato il debito.

    31Visto quel che accadeva, gli altri servi furono addolorati e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. 32Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: Servo malvagio, io ti ho condonato tutto il debito perché mi hai pregato. 33Non dovevi forse anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te? 34E, sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non gli avesse restituito tutto il dovuto. 35Così anche il mio Padre celeste farà a ciascuno di voi, se non perdonerete di cuore al vostro fratello”.

    CAPITOLO 19

    1Terminati questi discorsi, Gesù partì dalla Galilea e andò nel territorio della Giudea, al di là del Giordano. 2E lo seguì molta folla e colà egli guarì i malati.

    3Allora gli si avvicinarono alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: “È lecito ad un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?”. 4Ed egli rispose: “Non avete letto che il Creatore da principio li creò maschio e femmina e disse: 5Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola? 6Così che non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi”. 7Gli obiettarono: “Perché allora Mosè ha ordinato di darle l’atto di ripudio e mandarla via?”. 8Rispose loro Gesù: “Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli, ma da principio non fu così. 9Perciò io vi dico: Chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di concubinato, e ne sposa un’altra commette adulterio”.

    10Gli dissero i discepoli: “Se questa è la condizione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi”. 11Egli rispose loro: “Non tutti possono capirlo, ma solo coloro ai quali è stato concesso. 12Vi sono infatti eunuchi che sono nati così dal ventre della madre; ve ne sono alcuni che sono stati resi eunuchi dagli uomini, e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca”.

    13Allora gli furono portati dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li sgridavano. 14Gesù però disse loro: “Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli”. 15E dopo avere imposto loro le mani, se ne partì.

    16Ed ecco un tale gli si avvicinò e gli disse: “Maestro, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?”. 17Egli rispose: “Perché mi interroghi su ciò che è buono? Uno solo è buono. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti”. 18Ed egli chiese: “Quali?”. Gesù rispose: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, 19onora il padre e la madre, ama il prossimo tuo come te stesso”. 20Il giovane gli disse: “Ho sempre osservato tutte queste cose; che mi manca ancora?”. 21Gli disse Gesù: “Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi”. 22Udito questo, il giovane se ne andò triste; poiché aveva molte ricchezze.

    23Gesù allora disse ai suoi discepoli: “In verità vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. 24Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli”. 25A queste parole i discepoli rimasero costernati e chiesero: “Chi si potrà dunque salvare?”. 26E Gesù, fissando su di loro lo sguardo, disse: “Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile”.

    27Allora Pietro prendendo la parola disse: “Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne otterremo?”. 28E Gesù disse loro: “In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele. 29Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.

    30Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi”.

    CAPITOLO 20

    1″Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. 2Accordatosi con loro per un denaro al giorno, li mandò nella sua vigna. 3Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano sulla piazza disoccupati 4e disse loro: Andate anche voi nella mia vigna; quello che è giusto ve lo darò. Ed essi andarono. 5Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre e fece altrettanto. 6Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano là e disse loro: Perché ve ne state qui tutto il giorno oziosi? 7Gli risposero: Perché nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna.

    8Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama gli operai e da’ loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi. 9Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. 10Quando arrivarono i primi, pensavano che avrebbero ricevuto di più. Ma anch’essi ricevettero un denaro per ciascuno. 11Nel ritirarlo però, mormoravano contro il padrone dicendo: 12Questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo. 13Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse convenuto con me per un denaro? 14Prendi il tuo e vattene; ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te. 15Non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono? 16Così gli ultimi saranno primi, e i primi ultimi”.

    17Mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici e lungo la via disse loro: 18″Ecco, noi stiamo salendo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai sommi sacerdoti e agli scribi, che lo condanneranno a morte 19e lo consegneranno ai pagani perché sia schernito e flagellato e crocifisso; ma il terzo giorno risusciterà”.

    20Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa. 21Egli le disse: “Che cosa vuoi?”. Gli rispose: “Di’ che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno”. 22Rispose Gesù: “Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?”. Gli dicono: “Lo possiamo”. 23Ed egli soggiunse: “Il mio calice lo berrete; però non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra, ma è per coloro per i quali è stato preparato dal Padre mio”.

    24Gli altri dieci, udito questo, si sdegnarono con i due fratelli; 25ma Gesù, chiamatili a sé, disse: “I capi delle nazioni, voi lo sapete, dominano su di esse e i grandi esercitano su di esse il potere. 26Non così dovrà essere tra voi; ma colui che vorrà diventare grande tra voi, si farà vostro servo, 27e colui che vorrà essere il primo tra voi, si farà vostro schiavo; 28appunto come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti”.

    29Mentre uscivano da Gèrico, una gran folla seguiva Gesù. 30Ed ecco che due ciechi, seduti lungo la strada, sentendo che passava, si misero a gridare: “Signore, abbi pietà di noi, figlio di Davide!”. 31La folla li sgridava perché tacessero; ma essi gridavano ancora più forte: “Signore, figlio di Davide, abbi pietà di noi!”. 32Gesù, fermatosi, li chiamò e disse: “Che volete che io vi faccia?”. 33Gli risposero: “Signore, che i nostri occhi si aprano!”. 34Gesù si commosse, toccò loro gli occhi e subito ricuperarono la vista e lo seguirono.

    CAPITOLO 21

    1Quando furono vicini a Gerusalemme e giunsero presso Bètfage, verso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due dei suoi discepoli 2dicendo loro: “Andate nel villaggio che vi sta di fronte: subito troverete un’asina legata e con essa un puledro. Scioglieteli e conduceteli a me. 3Se qualcuno poi vi dirà qualche cosa, risponderete: Il Signore ne ha bisogno, ma li rimanderà subito”. 4Ora questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato annunziato dal profeta:

    5Dite alla figlia di Sion:
    Ecco, il tuo re viene a te
    mite, seduto su un’asina,
    con un puledro figlio di bestia da soma.

    6I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Gesù: 7condussero l’asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere. 8La folla numerosissima stese i suoi mantelli sulla strada mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla via. 9La folla che andava innanzi e quella che veniva dietro, gridava:

    Osanna al figlio di Davide!
    Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
    Osanna nel più alto dei cieli!

    10Entrato Gesù in Gerusalemme, tutta la città fu in agitazione e la gente si chiedeva: “Chi è costui?”. 11E la folla rispondeva: “Questi è il profeta Gesù, da Nàzaret di Galilea”.

    12Gesù entrò poi nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe 13e disse loro: “La Scrittura dice:

    La mia casa sarà chiamata casa di preghiera
    ma voi ne fate una spelonca di ladri”.

    14Gli si avvicinarono ciechi e storpi nel tempio ed egli li guarì. 15Ma i sommi sacerdoti e gli scribi, vedendo le meraviglie che faceva e i fanciulli che acclamavano nel tempio: “Osanna al figlio di Davide”, si sdegnarono 16e gli dissero: “Non senti quello che dicono?”. Gesù rispose loro: “Sì, non avete mai letto:

    Dalla bocca dei bambini e dei lattanti
    ti sei procurata una lode?”.

    17E, lasciatili, uscì fuori dalla città, verso Betània, e là trascorse la notte.

    18La mattina dopo, mentre rientrava in città, ebbe fame. 19Vedendo un fico sulla strada, gli si avvicinò, ma non vi trovò altro che foglie, e gli disse: “Non nasca mai più frutto da te”. E subito quel fico si seccò. 20Vedendo ciò i discepoli rimasero stupiti e dissero: “Come mai il fico si è seccato immediatamente?”. 21Rispose Gesù: “In verità vi dico: Se avrete fede e non dubiterete, non solo potrete fare ciò che è accaduto a questo fico, ma anche se direte a questo monte: Levati di lì e gettati nel mare, ciò avverrà. 22E tutto quello che chiederete con fede nella preghiera, lo otterrete”.

    23Entrato nel tempio, mentre insegnava gli si avvicinarono i sommi sacerdoti e gli anziani del popolo e gli dissero: “Con quale autorità fai questo? Chi ti ha dato questa autorità?”. 24Gesù rispose: “Vi farò anch’io una domanda e se voi mi rispondete, vi dirò anche con quale autorità faccio questo. 25Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?”. Ed essi riflettevano tra sé dicendo: “Se diciamo: “dal Cielo”, ci risponderà: “perché dunque non gli avete creduto?”; 26se diciamo “dagli uomin”, abbiamo timore della folla, perché tutti considerano Giovanni un profeta”. 27Rispondendo perciò a Gesù, dissero: “Non lo sappiamo”. Allora anch’egli disse loro: “Neanch’io vi dico con quale autorità faccio queste cose”.

    28″Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli; rivoltosi al primo disse: Figlio, va’ oggi a lavorare nella vigna. 29Ed egli rispose: Sì, signore; ma non andò. 30Rivoltosi al secondo, gli disse lo stesso. Ed egli rispose: Non ne ho voglia; ma poi, pentitosi, ci andò. 31Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?”. Dicono: “L’ultimo”. E Gesù disse loro: “In verità vi dico: I pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. 32È venuto a voi Giovanni nella via della giustizia e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, pur avendo visto queste cose, non vi siete nemmeno pentiti per credergli.

    33Ascoltate un’altra parabola: C’era un padrone che piantò una vigna e la circondò con una siepe, vi scavò un frantoio, vi costruì una torre, poi l’affidò a dei vignaioli e se ne andò. 34Quando fu il tempo dei frutti, mandò i suoi servi da quei vignaioli a ritirare il raccolto. 35Ma quei vignaioli presero i servi e uno lo bastonarono, l’altro lo uccisero, l’altro lo lapidarono. 36Di nuovo mandò altri servi più numerosi dei primi, ma quelli si comportarono nello stesso modo. 37Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: Avranno rispetto di mio figlio! 38Ma quei vignaioli, visto il figlio, dissero tra sé: Costui è l’erede; venite, uccidiamolo, e avremo noi l’eredità. 39E, presolo, lo cacciarono fuori della vigna e l’uccisero. 40Quando dunque verrà il padrone della vigna che farà a quei vignaioli?”. 41Gli rispondono: “Farà morire miseramente quei malvagi e darà la vigna ad altri vignaioli che gli consegneranno i frutti a suo tempo”. 42E Gesù disse loro: “Non avete mai letto nelle Scritture:

    La pietra che i costruttori hanno scartata
    è diventata testata d’angolo;
    dal Signore è stato fatto questo
    ed è mirabile agli occhi nostri?

    43Perciò io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare. 44Chi cadrà sopra questa pietra sarà sfracellato; e qualora essa cada su qualcuno, lo stritolerà”.

    45Udite queste parabole, i sommi sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro e cercavano di catturarlo; ma avevano paura della folla che lo considerava un profeta.
    CAPITOLO 22

    1Gesù riprese a parlar loro in parabole e disse: 2″Il regno dei cieli è simile a un re che fece un banchetto di nozze per suo figlio. 3Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non vollero venire. 4Di nuovo mandò altri servi a dire: Ecco ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e i miei animali ingrassati sono già macellati e tutto è pronto; venite alle nozze. 5Ma costoro non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; 6altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero.

    7Allora il re si indignò e, mandate le sue truppe, uccise quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. 8Poi disse ai suoi servi: Il banchetto nuziale è pronto, ma gli invitati non ne erano degni; 9andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze. 10Usciti nelle strade, quei servi raccolsero quanti ne trovarono, buoni e cattivi, e la sala si riempì di commensali. 11Il re entrò per vedere i commensali e, scorto un tale che non indossava l’abito nuziale, 12gli disse: Amico, come hai potuto entrare qui senz’abito nuziale? Ed egli ammutolì. 13Allora il re ordinò ai servi: Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti. 14Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti”.

    15Allora i farisei, ritiratisi, tennero consiglio per vedere di coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16Mandarono dunque a lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: “Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità e non hai soggezione di nessuno perché non guardi in faccia ad alcuno. 17Dicci dunque il tuo parere: È lecito o no pagare il tributo a Cesare?”. 18Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: “Ipocriti, perché mi tentate? 19Mostratemi la moneta del tributo”. Ed essi gli presentarono un denaro. 20Egli domandò loro: “Di chi è questa immagine e l’iscrizione?”. 21Gli risposero: “Di Cesare”. Allora disse loro: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”. 22A queste parole rimasero sorpresi e, lasciatolo, se ne andarono.

    23In quello stesso giorno vennero a lui dei sadducei, i quali affermano che non c’è risurrezione, e lo interrogarono: 24″Maestro, Mosè ha detto: Se qualcuno muore senza figli, il fratello ne sposerà la vedova e così susciterà una discendenza al suo fratello. 25Ora, c’erano tra noi sette fratelli; il primo appena sposato morì e, non avendo discendenza, lasciò la moglie a suo fratello. 26Così anche il secondo, e il terzo, fino al settimo. 27Alla fine, dopo tutti, morì anche la donna. 28Alla risurrezione, di quale dei sette essa sarà moglie? Poiché tutti l’hanno avuta”. 29E Gesù rispose loro: “Voi vi ingannate, non conoscendo né le Scritture né la potenza di Dio. 30Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo. 31Quanto poi alla risurrezione dei morti, non avete letto quello che vi è stato detto da Dio: 32Io sono il Dio di Abramo e il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe? Ora, non è Dio dei morti, ma dei vivi”. 33Udendo ciò, la folla era sbalordita per la sua dottrina.

    34Allora i farisei, udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme 35e uno di loro, un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova: 36″Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?”. 37Gli rispose: “Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. 38Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. 39E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. 40Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti”.

    41Trovandosi i farisei riuniti insieme, Gesù chiese loro: 42″Che ne pensate del Messia? Di chi è figlio?”. Gli risposero: “Di Davide”. 43Ed egli a loro: “Come mai allora Davide, sotto ispirazione, lo chiama Signore, dicendo:

    44Ha detto il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra,
    finché io non abbia posto i tuoi nemici sotto i tuoi piedi?

    45Se dunque Davide lo chiama Signore, come può essere suo figlio?”. 46Nessuno era in grado di rispondergli nulla; e nessuno, da quel giorno in poi, osò interrogarlo.

    CAPITOLO 23

    1Allora Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: 2″Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. 3Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno. 4Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito. 5Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: allargano i loro filattéri e allungano le frange; 6amano posti d’onore nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe 7e i saluti nelle piazze, come anche sentirsi chiamare “rabbì” dalla gente. 8Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro maestro e voi siete tutti fratelli. 9E non chiamate nessuno “padre” sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo. 10E non fatevi chiamare “maestri”, perché uno solo è il vostro Maestro, il Cristo. 11Il più grande tra voi sia vostro servo; 12chi invece si innalzerà sarà abbassato e chi si abbasserà sarà innalzato.

    13Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci 14.

    15Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.

    16Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il tempio non vale, ma se si giura per l’oro del tempio si è obbligati. 17Stolti e ciechi: che cosa è più grande, l’oro o il tempio che rende sacro l’oro? 18E dite ancora: Se si giura per l’altare non vale, ma se si giura per l’offerta che vi sta sopra, si resta obbligati. 19Ciechi! Che cosa è più grande, l’offerta o l’altare che rende sacra l’offerta? 20Ebbene, chi giura per l’altare, giura per l’altare e per quanto vi sta sopra; 21e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che l’abita. 22E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.

    23Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima della menta, dell’anèto e del cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Queste cose bisognava praticare, senza omettere quelle. 24Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!

    25Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto mentre all’interno sono pieni di rapina e d’intemperanza. 26Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi netto!

    27Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. 28Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità.

    29Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate i sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti, 30e dite: Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non ci saremmo associati a loro per versare il sangue dei profeti; 31e così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli degli uccisori dei profeti. 32Ebbene, colmate la misura dei vostri padri!

    33Serpenti, razza di vipere, come potrete scampare dalla condanna della Geenna? 34Perciò ecco, io vi mando profeti, sapienti e scribi; di questi alcuni ne ucciderete e crocifiggerete, altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe e li perseguiterete di città in città; 35perché ricada su di voi tutto il sangue innocente versato sopra la terra, dal sangue del giusto Abele fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachìa, che avete ucciso tra il santuario e l’altare. 36In verità vi dico: tutte queste cose ricadranno su questa generazione.

    37Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi quelli che ti sono inviati, quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come una gallina raccoglie i pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! 38Ecco: la vostra casa vi sarà lasciata deserta! 39Vi dico infatti che non mi vedrete più finché non direte: Benedetto colui che viene nel nome del Signore!”.

    CAPITOLO 24

    1Mentre Gesù, uscito dal tempio, se ne andava, gli si avvicinarono i suoi discepoli per fargli osservare le costruzioni del tempio. 2Gesù disse loro: “Vedete tutte queste cose? In verità vi dico, non resterà qui pietra su pietra che non venga diroccata”.

    3Sedutosi poi sul monte degli Ulivi, i suoi discepoli gli si avvicinarono e, in disparte, gli dissero: “Dicci quando accadranno queste cose, e quale sarà il segno della tua venuta e della fine del mondo”.

    4Gesù rispose: “Guardate che nessuno vi inganni; 5molti verranno nel mio nome, dicendo: Io sono il Cristo, e trarranno molti in inganno. 6Sentirete poi parlare di guerre e di rumori di guerre. Guardate di non allarmarvi; è necessario che tutto questo avvenga, ma non è ancora la fine. 7Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi; 8ma tutto questo è solo l’inizio dei dolori. 9Allora vi consegneranno ai supplizi e vi uccideranno, e sarete odiati da tutti i popoli a causa del mio nome. 10Molti ne resteranno scandalizzati, ed essi si tradiranno e odieranno a vicenda. 11Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; 12per il dilagare dell’iniquità, l’amore di molti si raffredderà. 13Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato. 14Frattanto questo vangelo del regno sarà annunziato in tutto il mondo, perché ne sia resa testimonianza a tutte le genti; e allora verrà la fine.

    15Quando dunque vedrete l’abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo – chi legge comprenda -, 16allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, 17chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, 18e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello. 19Guai alle donne incinte e a quelle che allatteranno in quei giorni. 20Pregate perché la vostra fuga non accada d’inverno o di sabato.

    21Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall’inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà. 22E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati. 23Allora se qualcuno vi dirà: Ecco, il Cristo è qui, o: È là, non ci credete. 24Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. 25Ecco, io ve l’ho predetto.

    26Se dunque vi diranno: Ecco, è nel deserto, non ci andate; o: È in casa, non ci credete. 27Come la folgore viene da oriente e brilla fino a occidente, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. 28Dovunque sarà il cadavere, ivi si raduneranno gli avvoltoi.

    29Subito dopo la tribolazione di quei giorni,

    il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce,
    gli astri cadranno dal cielo
    e le potenze dei cieli saranno sconvolte.

    30Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra, e vedranno il Figlio dell’uomo venire sopra le nubi del cielo con grande potenza e gloria. 31Egli manderà i suoi angeli con una grande tromba e raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all’altro dei cieli.

    32Dal fico poi imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. 33Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che Egli è proprio alle porte. 34In verità vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo accada. 35Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.

    36Quanto a quel giorno e a quell’ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre.

    37Come fu ai giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. 38Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando Noè entrò nell’arca, 39e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e inghiottì tutti, così sarà anche alla venuta del Figlio dell’uomo. 40Allora due uomini saranno nel campo: uno sarà preso e l’altro lasciato. 41Due donne macineranno alla mola: una sarà presa e l’altra lasciata.

    42Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. 43Questo considerate: se il padrone di casa sapesse in quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. 44Perciò anche voi state pronti, perché nell’ora che non immaginate, il Figlio dell’uomo verrà.

    45Qual è dunque il servo fidato e prudente che il padrone ha preposto ai suoi domestici con l’incarico di dar loro il cibo al tempo dovuto? 46Beato quel servo che il padrone al suo ritorno troverà ad agire così! 47In verità vi dico: gli affiderà l’amministrazione di tutti i suoi beni. 48Ma se questo servo malvagio dicesse in cuor suo: Il mio padrone tarda a venire, 49e cominciasse a percuotere i suoi compagni e a bere e a mangiare con gli ubriaconi, 50arriverà il padrone quando il servo non se l’aspetta e nell’ora che non sa, 51lo punirà con rigore e gli infliggerà la sorte che gli ipocriti si meritano: e là sarà pianto e stridore di denti.

    CAPITOLO 25

    1Il regno dei cieli è simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo. 2Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; 3le stolte presero le lampade, ma non presero con sé olio; 4le sagge invece, insieme alle lampade, presero anche dell’olio in piccoli vasi. 5Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e dormirono. 6A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, andategli incontro! 7Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. 8E le stolte dissero alle sagge: Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono. 9Ma le sagge risposero: No, che non abbia a mancare per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene. 10Ora, mentre quelle andavano per comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. 11Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: Signore, signore, aprici! 12Ma egli rispose: In verità vi dico: non vi conosco. 13Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora.

    14Avverrà come di un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. 15A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacità, e partì. 16Colui che aveva ricevuto cinque talenti, andò subito a impiegarli e ne guadagnò altri cinque. 17Così anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnò altri due. 18Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone. 19Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò, e volle regolare i conti con loro. 20Colui che aveva ricevuto cinque talenti, ne presentò altri cinque, dicendo: Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque. 21Bene, servo buono e fedele, gli disse il suo padrone, sei stato fedele nel poco, ti darò autorità su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone. 22Presentatosi poi colui che aveva ricevuto due talenti, disse: Signore, mi hai consegnato due talenti; vedi, ne ho guadagnati altri due. 23Bene, servo buono e fedele, gli rispose il padrone, sei stato fedele nel poco, ti darò autorità su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone. 24Venuto infine colui che aveva ricevuto un solo talento, disse: Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso; 25per paura andai a nascondere il tuo talento sotterra; ecco qui il tuo. 26Il padrone gli rispose: Servo malvagio e infingardo, sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; 27avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse. 28Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. 29Perché a chiunque ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. 30E il servo fannullone gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti.

    31Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. 32E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, 33e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. 34Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. 35Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, 36nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. 37Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? 38Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? 39E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? 40Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me. 41Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli. 42Perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare; ho avuto sete e non mi avete dato da bere; 43ero forestiero e non mi avete ospitato, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato. 44Anch’essi allora risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato o forestiero o nudo o malato o in carcere e non ti abbiamo assistito? 45Ma egli risponderà: In verità vi dico: ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l’avete fatto a me. 46E se ne andranno, questi al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna”.

    CAPITOLO 26

    1Terminati tutti questi discorsi, Gesù disse ai suoi discepoli: 2″Voi sapete che fra due giorni è Pasqua e che il Figlio dell’uomo sarà consegnato per essere crocifisso”.

    3Allora i sommi sacerdoti e gli anziani del popolo si riunirono nel palazzo del sommo sacerdote, che si chiamava Caifa, 4e tennero consiglio per arrestare con un inganno Gesù e farlo morire. 5Ma dicevano: “Non durante la festa, perché non avvengano tumulti fra il popolo”.

    6Mentre Gesù si trovava a Betània, in casa di Simone il lebbroso, 7gli si avvicinò una donna con un vaso di alabastro di olio profumato molto prezioso, e glielo versò sul capo mentre stava a mensa. 8I discepoli vedendo ciò si sdegnarono e dissero: “Perché questo spreco? 9Lo si poteva vendere a caro prezzo per darlo ai poveri!”. 10Ma Gesù, accortosene, disse loro: “Perché infastidite questa donna? Essa ha compiuto un’azione buona verso di me. 11I poveri infatti li avete sempre con voi, me, invece, non sempre mi avete. 12Versando questo olio sul mio corpo, lo ha fatto in vista della mia sepoltura. 13In verità vi dico: dovunque sarà predicato questo vangelo, nel mondo intero, sarà detto anche ciò che essa ha fatto, in ricordo di lei”.

    14Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti 15e disse: “Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?”. E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. 16Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnarlo.

    17Il primo giorno degli Azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: “Dove vuoi che ti prepariamo, per mangiare la Pasqua?”. 18Ed egli rispose: “Andate in città, da un tale, e ditegli: Il Maestro ti manda a dire: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”. 19I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.

    20Venuta la sera, si mise a mensa con i Dodici. 21Mentre mangiavano disse: “In verità io vi dico, uno di voi mi tradirà”. 22Ed essi, addolorati profondamente, incominciarono ciascuno a domandargli: “Sono forse io, Signore?”. 23Ed egli rispose: “Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. 24Il Figlio dell’uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!”. 25Giuda, il traditore, disse: “Rabbì, sono forse io?”. Gli rispose: “Tu l’hai detto”.

    26Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: “Prendete e mangiate; questo è il mio corpo”. 27Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: “Bevetene tutti, 28perché questo è il mio sangue dell’alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati. 29Io vi dico che da ora non berrò più di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo con voi nel regno del Padre mio”.

    30E dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi. 31Allora Gesù disse loro: “Voi tutti vi scandalizzerete per causa mia in questa notte. Sta scritto infatti:

    Percuoterò il pastore
    e saranno disperse le pecore del gregge,

    32ma dopo la mia risurrezione, vi precederò in Galilea”. 33E Pietro gli disse: “Anche se tutti si scandalizzassero di te, io non mi scandalizzerò mai”. 34Gli disse Gesù: “In verità ti dico: questa notte stessa, prima che il gallo canti, mi rinnegherai tre volte”. 35E Pietro gli rispose: “Anche se dovessi morire con te, non ti rinnegherò”. Lo stesso dissero tutti gli altri discepoli.

    36Allora Gesù andò con loro in un podere, chiamato Getsèmani, e disse ai discepoli: “Sedetevi qui, mentre io vado là a pregare”. 37E presi con sé Pietro e i due figli di Zebedèo, cominciò a provare tristezza e angoscia. 38Disse loro: “La mia anima è triste fino alla morte; restate qui e vegliate con me”. 39E avanzatosi un poco, si prostrò con la faccia a terra e pregava dicendo: “Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu!”. 40Poi tornò dai discepoli e li trovò che dormivano. E disse a Pietro: “Così non siete stati capaci di vegliare un’ora sola con me? 41Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole”. 42E di nuovo, allontanatosi, pregava dicendo: “Padre mio, se questo calice non può passare da me senza che io lo beva, sia fatta la tua volontà”. 43E tornato di nuovo trovò i suoi che dormivano, perché gli occhi loro si erano appesantiti. 44E lasciatili, si allontanò di nuovo e pregò per la terza volta, ripetendo le stesse parole. 45Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Dormite ormai e riposate! Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. 46Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina”.

    47Mentre parlava ancora, ecco arrivare Giuda, uno dei Dodici, e con lui una gran folla con spade e bastoni, mandata dai sommi sacerdoti e dagli anziani del popolo. 48Il traditore aveva dato loro questo segnale dicendo: “Quello che bacerò, è lui; arrestatelo!”. 49E subito si avvicinò a Gesù e disse: “Salve, Rabbì!”. E lo baciò. 50E Gesù gli disse: “Amico, per questo sei qui!”. Allora si fecero avanti e misero le mani addosso a Gesù e lo arrestarono. 51Ed ecco, uno di quelli che erano con Gesù, messa mano alla spada, la estrasse e colpì il servo del sommo sacerdote staccandogli un orecchio.

    52Allora Gesù gli disse: “Rimetti la spada nel fodero, perché tutti quelli che mettono mano alla spada periranno di spada. 53Pensi forse che io non possa pregare il Padre mio, che mi darebbe subito più di dodici legioni di angeli? 54Ma come allora si adempirebbero le Scritture, secondo le quali così deve avvenire?”. 55In quello stesso momento Gesù disse alla folla: “Siete usciti come contro un brigante, con spade e bastoni, per catturarmi. Ogni giorno stavo seduto nel tempio ad insegnare, e non mi avete arrestato. 56Ma tutto questo è avvenuto perché si adempissero le Scritture dei profeti”. Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono.

    57Or quelli che avevano arrestato Gesù, lo condussero dal sommo sacerdote Caifa, presso il quale già si erano riuniti gli scribi e gli anziani. 58Pietro intanto lo aveva seguito da lontano fino al palazzo del sommo sacerdote; ed entrato anche lui, si pose a sedere tra i servi, per vedere la conclusione.

    59I sommi sacerdoti e tutto il sinedrio cercavano qualche falsa testimonianza contro Gesù, per condannarlo a morte; 60ma non riuscirono a trovarne alcuna, pur essendosi fatti avanti molti falsi testimoni. 61Finalmente se ne presentarono due, che affermarono: “Costui ha dichiarato: Posso distruggere il tempio di Dio e ricostruirlo in tre giorni”. 62Alzatosi il sommo sacerdote gli disse: “Non rispondi nulla? Che cosa testimoniano costoro contro di te?”. 63Ma Gesù taceva. Allora il sommo sacerdote gli disse: “Ti scongiuro, per il Dio vivente, perché ci dica se tu sei il Cristo, il Figlio di Dio”. 64″Tu l’hai detto, gli rispose Gesù, anzi io vi dico:

    d’ora innanzi vedrete il Figlio dell’uomo
    seduto alla destra di Dio,
    e venire sulle nubi del cielo”.

    65Allora il sommo sacerdote si stracciò le vesti dicendo: “Ha bestemmiato! Perché abbiamo ancora bisogno di testimoni? Ecco, ora avete udito la bestemmia; 66che ve ne pare?”. E quelli risposero: “È reo di morte!”. 67Allora gli sputarono in faccia e lo schiaffeggiarono; altri lo bastonavano, 68dicendo: “Indovina, Cristo! Chi è che ti ha percosso?”.

    69Pietro intanto se ne stava seduto fuori, nel cortile. Una serva gli si avvicinò e disse: “Anche tu eri con Gesù, il Galileo!”. 70Ed egli negò davanti a tutti: “Non capisco che cosa tu voglia dire”. 71Mentre usciva verso l’atrio, lo vide un’altra serva e disse ai presenti: “Costui era con Gesù, il Nazareno”. 72Ma egli negò di nuovo giurando: “Non conosco quell’uomo”. 73Dopo un poco, i presenti gli si accostarono e dissero a Pietro: “Certo anche tu sei di quelli; la tua parlata ti tradisce!”. 74Allora egli cominciò a imprecare e a giurare: “Non conosco quell’uomo!”. E subito un gallo cantò. 75E Pietro si ricordò delle parole dette da Gesù: “Prima che il gallo canti, mi rinnegherai tre volte”. E uscito all’aperto, pianse amaramente.

    CAPITOLO 27

    1Venuto il mattino, tutti i sommi sacerdoti e gli anziani del popolo tennero consiglio contro Gesù, per farlo morire. 2Poi, messolo in catene, lo condussero e consegnarono al governatore Pilato.

    3Allora Giuda, il traditore, vedendo che Gesù era stato condannato, si pentì e riportò le trenta monete d’argento ai sommi sacerdoti e agli anziani 4dicendo: “Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente”. Ma quelli dissero: “Che ci riguarda? Veditela tu!”. 5Ed egli, gettate le monete d’argento nel tempio, si allontanò e andò ad impiccarsi. 6Ma i sommi sacerdoti, raccolto quel denaro, dissero: “Non è lecito metterlo nel tesoro, perché è prezzo di sangue”. 7E tenuto consiglio, comprarono con esso il Campo del vasaio per la sepoltura degli stranieri. 8Perciò quel campo fu denominato “Campo di sangue” fino al giorno d’oggi. 9Allora si adempì quanto era stato detto dal profeta Geremia: E presero trenta denari d’argento, il prezzo del venduto, che i figli di Israele avevano mercanteggiato, 10e li diedero per il campo del vasaio, come mi aveva ordinato il Signore.

    11Gesù intanto comparve davanti al governatore, e il governatore l’interrogò dicendo: “Sei tu il re dei Giudei?”. Gesù rispose “Tu lo dici”. 12E mentre lo accusavano i sommi sacerdoti e gli anziani, non rispondeva nulla. 13Allora Pilato gli disse: “Non senti quante cose attestano contro di te?”. 14Ma Gesù non gli rispose neanche una parola, con grande meraviglia del governatore.

    15Il governatore era solito, per ciascuna festa di Pasqua, rilasciare al popolo un prigioniero, a loro scelta. 16Avevano in quel tempo un prigioniero famoso, detto Barabba. 17Mentre quindi si trovavano riuniti, Pilato disse loro: “Chi volete che vi rilasci: Barabba o Gesù chiamato il Cristo?”. 18Sapeva bene infatti che glielo avevano consegnato per invidia.

    19Mentre egli sedeva in tribunale, sua moglie gli mandò a dire: “Non avere a che fare con quel giusto; perché oggi fui molto turbata in sogno, per causa sua”. 20Ma i sommi sacerdoti e gli anziani persuasero la folla a richiedere Barabba e a far morire Gesù. 21Allora il governatore domandò: “Chi dei due volete che vi rilasci?”. Quelli risposero: “Barabba!”. 22Disse loro Pilato: “Che farò dunque di Gesù chiamato il Cristo?”. Tutti gli risposero: “Sia crocifisso!”. 23Ed egli aggiunse: “Ma che male ha fatto?”. Essi allora urlarono: “Sia crocifisso!”.

    24Pilato, visto che non otteneva nulla, anzi che il tumulto cresceva sempre più, presa dell’acqua, si lavò le mani davanti alla folla: “Non sono responsabile, disse, di questo sangue; vedetevela voi!”. 25E tutto il popolo rispose: “Il suo sangue ricada sopra di noi e sopra i nostri figli”. 26Allora rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò ai soldati perché fosse crocifisso.

    27Allora i soldati del governatore condussero Gesù nel pretorio e gli radunarono attorno tutta la coorte. 28Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto 29e, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo, con una canna nella destra; poi mentre gli si inginocchiavano davanti, lo schernivano: “Salve, re dei Giudei!”. 30E sputandogli addosso, gli tolsero di mano la canna e lo percuotevano sul capo. 31Dopo averlo così schernito, lo spogliarono del mantello, gli fecero indossare i suoi vestiti e lo portarono via per crocifiggerlo.

    32Mentre uscivano, incontrarono un uomo di Cirene, chiamato Simone, e lo costrinsero a prender su la croce di lui. 33Giunti a un luogo detto Gòlgota, che significa luogo del cranio, 34gli diedero da bere vino mescolato con fiele; ma egli, assaggiatolo, non ne volle bere. 35Dopo averlo quindi crocifisso, si spartirono le sue vesti tirandole a sorte. 36E sedutisi, gli facevano la guardia. 37Al di sopra del suo capo, posero la motivazione scritta della sua condanna: “Questi è Gesù, il re dei Giudei”.

    38Insieme con lui furono crocifissi due ladroni, uno a destra e uno a sinistra.

    39E quelli che passavano di là lo insultavano scuotendo il capo e dicendo: 40″Tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso! Se tu sei Figlio di Dio, scendi dalla croce!”. 41Anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano: 42″Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso. È il re d’Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo. 43Ha confidato in Dio; lo liberi lui ora, se gli vuol bene. Ha detto infatti: Sono Figlio di Dio!”. 44Anche i ladroni crocifissi con lui lo oltraggiavano allo stesso modo.

    45Da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio si fece buio su tutta la terra. 46Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: “Elì, Elì, lemà sabactàni?”, che significa: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. 47Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: “Costui chiama Elia”. 48E subito uno di loro corse a prendere una spugna e, imbevutala di aceto, la fissò su una canna e così gli dava da bere. 49Gli altri dicevano: “Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo!”. 50E Gesù, emesso un alto grido, spirò.

    51Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, 52i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono. 53E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti. 54Il centurione e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, sentito il terremoto e visto quel che succedeva, furono presi da grande timore e dicevano: “Davvero costui era Figlio di Dio!”.

    55C’erano anche là molte donne che stavano a osservare da lontano; esse avevano seguito Gesù dalla Galilea per servirlo. 56Tra costoro Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la madre dei figli di Zebedèo.

    57Venuta la sera giunse un uomo ricco di Arimatéa, chiamato Giuseppe, il quale era diventato anche lui discepolo di Gesù. 58Egli andò da Pilato e gli chiese il corpo di Gesù. Allora Pilato ordinò che gli fosse consegnato. 59Giuseppe, preso il corpo di Gesù, lo avvolse in un candido lenzuolo 60e lo depose nella sua tomba nuova, che si era fatta scavare nella roccia; rotolata poi una gran pietra sulla porta del sepolcro, se ne andò. 61Erano lì, davanti al sepolcro, Maria di Màgdala e l’altra Maria.

    62Il giorno seguente, quello dopo la Parasceve, si riunirono presso Pilato i sommi sacerdoti e i farisei, dicendo: 63″Signore, ci siamo ricordati che quell’impostore disse mentre era vivo: Dopo tre giorni risorgerò. 64Ordina dunque che sia vigilato il sepolcro fino al terzo giorno, perché non vengano i suoi discepoli, lo rubino e poi dicano al popolo: È risuscitato dai morti. Così quest’ultima impostura sarebbe peggiore della prima!”. 65Pilato disse loro: “Avete la vostra guardia, andate e assicuratevi come credete”. 66Ed essi andarono e assicurarono il sepolcro, sigillando la pietra e mettendovi la guardia.

    CAPITOLO 28

    1Passato il sabato, all’alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l’altra Maria andarono a visitare il sepolcro. 2Ed ecco che vi fu un gran terremoto: un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. 3Il suo aspetto era come la folgore e il suo vestito bianco come la neve. 4Per lo spavento che ebbero di lui le guardie tremarono tramortite. 5Ma l’angelo disse alle donne: “Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso. 6Non è qui. È risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto. 7Presto, andate a dire ai suoi discepoli: È risuscitato dai morti, e ora vi precede in Galilea; là lo vedrete. Ecco, io ve l’ho detto”. 8Abbandonato in fretta il sepolcro, con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annunzio ai suoi discepoli.

    9Ed ecco Gesù venne loro incontro dicendo: “Salute a voi”. Ed esse, avvicinatesi, gli presero i piedi e lo adorarono. 10Allora Gesù disse loro: “Non temete; andate ad annunziare ai miei fratelli che vadano in Galilea e là mi vedranno”.

    11Mentre esse erano per via, alcuni della guardia giunsero in città e annunziarono ai sommi sacerdoti quanto era accaduto. 12Questi si riunirono allora con gli anziani e deliberarono di dare una buona somma di denaro ai soldati dicendo: 13″Dichiarate: i suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo. 14E se mai la cosa verrà all’orecchio del governatore noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni noia”. 15Quelli, preso il denaro, fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questa diceria si è divulgata fra i Giudei fino ad oggi.

    16Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro fissato. 17Quando lo videro, gli si prostrarono innanzi; alcuni però dubitavano. 18E Gesù, avvicinatosi, disse loro: “Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra. 19Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, 20insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.

  3. *Annamaria* ha detto:

    ahahahah :D Grande!!!!! :)
    ma dai!!!! Hai pubblicato tutto il Vangelo secondo Mattero per ben 2 volte in un solo post? Cose da Nocent!!!! ;)
    Però mi piace questa idea!!!! Ora prendo una frase a caso e le pubblico sul mio profilo di facebook per vantarmi con gli amici del fatto che conosco il Vangelo in giapponese! :P
    E’ così strano pensare che finora non avevano una versione della Bibbia nella loro lingua… e come la leggevano? in inglese?spero non in latino!!!!

    • angelonocent ha detto:

      Non una, ma più versioni della Bibbia circolano da più di un secolo…Non aspettavano certo me. Ma è scritta così:

      1 さて、安息日が終って、週の初めの日の明け方に、マグダラのマリヤとほかのマリヤとが、墓を見にきた。
      2すると、大きな地震が起った。それは主の使が天から下って、そこにきて石をわきへころがし、その上にすわったからである。
      3その姿はいなずまのように輝き、その衣は雪のように真白であった。
      4見張りをしていた人たちは、恐ろしさの余り震えあがって、死人のようになった。
      5この御使は女たちにむかって言った、「恐れることはない。あなたがたが十字架におかかりになったイエスを捜していることは、わたしにわかっているが、
      6もうここにはおられない。かねて言われたとおりに、よみがえられたのである。さあ、イエスが納められていた場所をごらんなさい。
      7そして、急いで行って、弟子たちにこう伝えなさい、『イエスは死人の中からよみがえられた。見よ、あなたがたより先にガリラヤへ行かれる。そこでお会いできるであろう』。あなたがたに、これだけ言っておく」。
      8そこで女たちは恐れながらも大喜びで、急いで墓を立ち去り、弟子たちに知らせるために走って行った。
      9すると、イエスは彼らに出会って、「平安あれ」と言われたので、彼らは近寄りイエスのみ足をいだいて拝した。
      10そのとき、イエスは彼らに言われた、「恐れることはない。行って兄弟たちに、ガリラヤに行け、そこでわたしに会えるであろう、と告げなさい」。
      11女たちが行っている間に、番人のうちのある人々が都に帰って、いっさいの出来事を祭司長たちに話した。
      12祭司長たちは長老たちと集まって協議をこらし、兵卒たちにたくさんの金を与えて言った、
      13「『弟子たちが夜中にきて、われわれの寝ている間に彼を盗んだ』と言え。
      14万一このことが総督の耳にはいっても、われわれが総督に説いて、あなたがたに迷惑が掛からないようにしよう」。
      15そこで、彼らは金を受け取って、教えられたとおりにした。そしてこの話は、今日に至るまでユダヤ人の間にひろまっている。
      16さて、十一人の弟子たちはガリラヤに行って、イエスが彼らに行くように命じられた山に登った。
      17そして、イエスに会って拝した。しかし、疑う者もいた。
      18イエスは彼らに近づいてきて言われた、「わたしは、天においても地においても、いっさいの権威を授けられた。
      19それゆえに、あなたがたは行って、すべての国民を弟子として、父と子と聖霊との名によって、彼らにバプテスマを施し、
      20あなたがたに命じておいたいっさいのことを守るように教えよ。見よ、わたしは世の終りまで、いつもあなたがたと共にいるのである」。 (E questo è il cap: 1).

      Per rispondere anche a Silvia, quella riportata è la trascrizione fonetica di questo testo, attraverso i caratteri romani.
      Se io leggo:
      1 Aburahamu no kodearu dabide no ko, iesu kirisuto no keizu. ■
      2 Aburahamu wa isaku no chichideari, ■isaku wa yakobu no chichi, ■yakobu wa yuda to sono kyōdai-tachi to no chichi,■3 Yuda wa tamaru niyoru paresu to zara to no chichi,■paresu wa esuron no chichi,■esuron wa aramu no chichi,…
      i giapponesi mi capiscono.

      Solo che io non saprei leggere l’originale: 1 さて、安息日が終って、週の初めの日の明け方に、マグダラのマリヤとほかのマリヤとが、墓を見にきた。
      2すると、大きな地震が起った。それは主の使が天から下って、そこにきて石をわきへころがし、その上にすわったからである。
      3その姿はいなずまのように輝き、その衣は雪のように真白であった。

      Mi sono spiegato? E’ una soluzione di ripiego per chi non conosce ancora il giapponese. Ben venga dunque una generazione di giovani che si buttino a capofitto sulla lingua, senza aver bisogno di ricorrere al mio modesto sussidio! I missionari che vengono qui, dedicano i primi due anni allo studio intensivo della lingua. E, prima di poter predicare con disinvoltura, passa un po’ di tempo. Alla fine però ci riescono. E usano i libri liturgici senza problemi.

      Annamaria, mi senti? Questo per te e per Deborath sarebbe il posto ideale. Fateci un pensiero! Qui il contesto è anemico e necessitano GLOBULI ROSSI!

      Ho prodotto un sussidio per principianti. Per via del saggio PROVERBIO che recita: “…in mancanza di cavalli vanno bene anche gli asini!”.
      E’la filosofia da me adottata. Oggi resa possibile grazie anche ai nuovi strumenti di traduzione automatizzata, ancora molto imperfetta ma meglio che niente.

      IN QUANTO AL LATINO…

      Devi sapere che nella piccola comunità che frequento, da qualche domenica cantiamo il Kyrie, il Gloria, ecc. in latino e con la melodia gregoriana. Io accompagno all’organo e canto a pieni polmoni. La Santa Assemblea, fatta prevalentemente di persone anziane, queste cose le conosce e nei vecchi libri di canto, ancora in uso, figurano tanti canti radizionali latini, con relativa traduzione in giapponese.

      L’altro giorno, con l’interprete, ho spiegato il significato di AMEN e di ALLELUJA. Dovevate vedere allo scambio del segno di pace che qui si fa con dei rispettosi inchini profondi: abbracci, mani intrecciate, e sulle labbra le calde e antiche parole dai molteplici significati:

      AMEN-ALLELUJA, AMEN-ALLELUJA!…
      Che in quel contesto significava:
      LO SPIRITO DEL SIGNORE RISORTO E’ TRA NOI. LO CREDIAMO, LO AVVERTIAMO, E’ PROPRIO COSI’…

      ___________________________________
      N.B. Se qualcuno sapesse trovarmi una soluzione tecnica per mettere il testo giapponese di fianco a quello italiano, su due colonne, avrebbe tutta la mia gratitudine. Disposto a fare un apposito blog solo per la Bibbia. Anche questo è un modo per essere al servizio della “missione”.

      • *Annamaria* ha detto:

        io? missionaria in Giappone? credo proprio di aver capito male!;)

      • angelonocent ha detto:

        Annamaria, fai molta attenzione a ciò che dici perché il tuo Amore è capace di tutto. E se ti guarda negl’occhi e ti dice: “Vieni!”, al Suo sguardo irresistibile, ti lascerai andare come una pera matura.

        Io comincio a pregare perché ciò accada. Tu, fai pure come ti pare! Amen-Alleluja!

  4. silvia ha detto:

    Caro Angelo,
    non ho capito. So che i Cristiani in Giappone sono una minoranza.Peraltro, in quanto Cristiani, sicuramente hanno possibilità di leggere la Bibbia. Forse, la novità, è la Bibbia scritta con la scrittura romanizzata. In che cosa consiste? I Giapponesi che leggono e scrivono con gli ideogrammi, leggono e scrivono anche questa scrittura romanizzata?
    E chi ne ascolta la lettura, che cosa sente? In che lingua sente la lettura? Come se scritta in Giapponese, con gli ideogrammi?.
    E il lavoro di questa trascrizione in scrittura romanizzata, è fatta da te? da solo?..
    Che Dio ti benedica!

    • angelonocent ha detto:

      I Giapponesi fanno meno fatica a leggere gli ideogrammi che la scrittura romanizzata che, comunque, capiscono ma alla quale non hanno bisogno di ricorrere. Essa è funzionale solo agli stranieri, semianalfabeti come me in materia.

  5. angelonocent ha detto:

    [audio src="http://www.corriereasia.com/_lib/_mp3/inno_nazionale_giappone.mp3" /]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...