C’E MOLTO DA IMPARARE PER NON STONARE NEL CORO – Angelo Nocent


Pictures1203

Pictures1202 Pictures1204

Pictures1206

Pictures1205-001

 

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | Lascia un commento

SALVINA GAGLIARDO MEDICO CHIRURGO: OGGI HO DATO LE DIMISSIONI – Angelo Nocent

Aggiornato di recente441Pictures1193

Sì, è proprio lei: la Dott.ssa SALVINA GAGLIARDO, fino a ieri medico chirurgo in un ospedale della Sicilia.

Ma è di OGGI, 25 AGOSTO 2016, la notizia su facebook
Pictures1189-001

In realtà, quando avevo il blog bloccato, il 28 Luglio 2016, circa un mese fa, ho potuto dare solo agli amici di facebook una notizia che ha raggiunto inaspettatamente nell’arco della giornata, ben 1424 persone, cosa che mi si verifica molto di rado. principalmente quando pubblico qualche scritto o commento che riguarda il Card. Carlo Maria Martini.

La notizia aveva preso il volo in formato cartolina:

1-Aggiornato di recente364-001

Ma la NOTIZIA-BOMBA l’aveva data lei:

Salvina Gagliardo 04“Oggi ho dato le dimissioni. Finalmente l’ho fatto. Ho rinunciato al “posto fisso” di cui tutti parlano e allo stipendio sicuro. Ho trascorso questi anni credendo che, prima o poi, qualcosa sarebbe cambiata.

Sognavo di svegliarmi e vedere che finalmente, in Sicilia, tutto era meravigliosamente “corretto”. Ma ogni sera mi guardavo allo specchio e mi rendevo conto che erano riusciti anche a togliermi il sorriso, ma che ancora non erano riusciti a togliermi la speranza. Ed è proprio per questo che ho deciso di mollare tutto e di andare via per sempre.

Avrei tanto voluto farlo prima, ma qualcosa mi bloccava: la paura di lasciare ogni cosa e ricominciare da zero. Ma è stata proprio la paura a spingermi avanti.

– La paura di quella gabbia che si stringeva su di me, ogni giorno più stretta.
– La paura di sprecare ogni minuto della mia vita e di spegnermi lentamente.
– La paura di svegliarmi ogni giorno senza sorridere, di diventare vecchia senza avere avuto la possibilità di diventare grande.
– La paura di sprecare il tempo e un giorno, guardandomi indietro, rimpiangere tutto quello che avrei potuto fare ma che non avevo fatto.

Forse occorre più coraggio a rimanere e ad accontentarsi. Perdere il sorriso e la serenità, sprecare il proprio tempo, guardare la vita scorrere senza agire, preoccuparsi di cose inutili e lamentarsi ogni giorno senza far nulla per cambiare…tutto questo, stranamente, non fa paura, perché sono cose a cui siamo abituati e che sono entrate nella nostra vita lentamente proprio perché noi glielo abbiamo permesso.

Non agire significa scegliere passivamente di rinunciare alla nostra serenità e ai nostri sogni. Se riusciamo a prendere delle decisioni spinti dalle nostre speranze e non dalle nostre paure, le cose non possono andare male. Questa è stata la decisione migliore della mia vita, perché ho deciso cosa voglio essere.

Voglio avere la possibilità di essere serena e di realizzare i miei sogni, perché la vita è troppo bella per essere insignificante e non dobbiamo permetterci di sprecarne nemmeno un secondo. Non so dove andrò. Saremo io e la mia valigia preferita, da sole, in giro per il mondo…alla ricerca di quella felicità che dà un senso ad ogni cosa. Bisogna avere il coraggio di cambiare strada se come ambizione, in questa vita, si ha quella di essere felici…ed è proprio quello che sto facendo…”

In realtà l’avventura di questa ragazza spericolta che ama il paracadutismo, era iniziata da tempo, come lo evidenzia lei stessa nel video:

 

Di lei più di tanto non so dire. Resta però l’ammirazione per la sua scelta coraggiosa: “ADDIO MIA AMATA SICILIA. UN GIORNO, FORSE, CI RIVEDREMO.”1-Pictures1018

1-Aggiornato di recente367

Quanto basta per dirle GRAZIE ed accompagnarla con un bel MAGNIFICA.

Aggiornato di recente440

Nell’apprendere che si trovava all’aeroporto di Catania, le avevo inviato un messaggino:

  • “Buon viaggio!
    Vai di fretta, esultante, hai lo Spirito nel cuore che ti fa da guida. Non temere.”

Altri amici le hanno scritto:

  • Non vedo l’ora di leggere le tue notizie. Buona fortuna cara Salvina!!!
  • Ciao Salvina, vola sulle ali di quel sogno che insegui , nessuno puo’ fermare i sogni che non hanno né limiti né confini. Ti auguro tutto il bene del mondo. Un abbraccio.
  • Dacci presto tue notizie! Ti abbraccio

Io per il momento mi fermo qui e cerco alleanze per il coro da terra, mentre l’aereo spicca il volo, non so ancora per quale destinazione. Di sicuro l’Africa:

Pictures1190

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 1 commento

NON E’ MADRE TERESA DI CALCUTTA – Angelo Nocent

Pictures1173

Pictures1172

Pictures1149Pictures1152 Pictures1151 Pictures1150 Pictures1155

Pictures1195  Pictures1153 Pictures1157

Aggiornato di recente444Pictures1147

Pictures1156Pictures1154

NATALIE SOROGOTA 30 Pictures1185 NATALIE SOROGOTA 27 Pictures1180 Pictures1179

Pictures1183

Pictures1178 Pictures1177 Pictures1176 Pictures1175 Pictures1174

Pictures1186

CRISTO E’ FEDELE E A TUTTO PROVVEDE

san giovanni di dio 2 jpg_files1-001“Se guardassimo alla misericordia di Dio, non cesseremmo mai di fare il bene tutte le volte che se ne offre la possibilità. Infatti quando per amor di Dio, passiamo ai poveri ciò che egli stesso ha dato a noi, ci promette il centuplo nella beatitudine eterna. O felice guadagno, o beato acquisto! Chi non donerà a quest’ottimo mercante ciò che possiede, quando cura il nostro interesse e ci supplica a braccia aperte di convertirci a lui e dipiangere i nostri peccati e di metterci al servizio della carità, prima verso di noi e poi verso il prossimo? Infatti come l’acqua estingue il fuoco, così la carità cancella il peccato (cfr. Sir 3, 29).

Vengono qui tanti poveri, che io molto spesso mi meraviglio in che modo possano esser mantenuti. Ma Gesù Cristo provvede a tutto e tutti sfama. Molti poveri vengono nella casa di Dio, perché la città di Granada è grande e freddissima, soprattutto ora che è inverno. Abitano ora in questa casa oltre centodieci persone: malati, sani, poveri, pellegrini. Dato che questa è la casa generale, accoglie malati di ogni genere e condizione: rattrappiti nelle membra, storpi, lebbrosi, muti, dementi, paralitici, tignosi, stremati dalla vecchiaia, molti fanciulli e inoltre innumerevoli pellegrini e viandanti, che giungono qui e trovano fuoco, acqua, sale e recipienti in cui cuocere i cibi. Non esistono stanziamenti pecuniari per tutti costoro, ma Cristo provvede.

Perciò lavoro con denaro altrui e sono prigioniero per onore di Gesù Cristo. Sono così oppresso dai debiti, che spesso non oso uscire di casa a motivo dei debitori ai quali devo rispondere. D’altra parte vi sono tanti poveri fratelli, mio prossimo, provati oltre ogni possibilità umana, sia nell’anima che nel corpo, che io sento grandissima amarezza di non poter soccorrere. Confido tuttavia in Cristo che conosce il mio cuore. Perciò dico: Maledetto l’uomo che confida negli uomini e non confida in Cristo. Volente o nolente gli uomini ti lasceranno. Cristo invece è fedele e immutabile. Cristo veramente provvede a tutto. A lui rendiamo sempre grazie. Amen.”

Dalle « Lettere » di san Giovanni di Dio, religioso (Archivio gen: Ord. Osped., quaderno: « De las cartas … », ff. 23 -24, 27; O. Marcos, Cartas y escritos de nuestro glorioso padre san Juan de Dios, Madrid, 1935, pp. 18-19; 48-50 )

Pictures1169

Cristo es fiel y ofrece para todos

Si miramos a la misericordia de Dios, nunca dejaremos de hacer buenas todas las veces que él tiene la oportunidad. De hecho, cuando, por el amor de Dios, vamos a pasar a los pobres lo que él mismo ha dado a nosotros, que nos promete el ciento por dicha eterna. O ganancia feliz, o comprar Santísima! ¿Quién no donar a este excelente comerciante que posee, al cuidado de nuestro interés y que aboga por con los brazos abiertos para convertir a él y llorar por nuestros pecados y pone realmente en el servicio de la caridad, primero nosotros y luego a la siguiente ? De hecho, como el agua extingue el fuego, por lo que la caridad borra el pecado (cf .. Sir 3, 29).

Aquí hay tanta gente pobre, que muy a menudo se preguntan cómo pueden ser mentenuti. Pero Jesucristo se encarga de todo y alimenta a todos. Muchas personas pobres están en la casa de Dios, porque la ciudad de Granada es grande y muy frío, sobre todo ahora que es invierno. Ellos viven ahora en esta casa de más de ciento diez personas: pobres, peregrinos, enfermos sanos. Como esta es la casa en general, da la bienvenida a los pacientes de todos los ámbitos de la vida: las extremidades encogidas, leprosos lisiados, mudos, lunáticos y paralíticos, tiña, agotados por la vejez, muchos niños y también innumerables peregrinos y viajeros, que vienen aquí y son fuego , agua, sal y recipientes en los que cocinan los alimentos. No hay créditos monetarios para todos ellos, sino que Cristo ofrece.

Así que estoy trabajando con el dinero de otras personas, y yo soy un prisionero por el honor de Jesucristo. Ellos están tan agobiados por la deuda, que a menudo no se atreven a salir de la casa debido a los acreedores a quienes debo contestar. Por otro lado hay tantos pobres hermanos, mi vecino, probado más allá de toda posibilidad humana, tanto en el alma y el cuerpo, me siento muy bien amargura de no poder ayudar. Pero confío en Cristo, que conoce mi corazón. Por lo tanto, dijo: Maldito el hombre que confía en el hombre y no confía en Cristo. Nos guste o no, la gente se irá. Pero Cristo es fiel e inmutable. Cristo realmente se ocupa de todo. Siempre damos gracias. Amén.

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | Lascia un commento

E’ BELLO CHE TU ESISTI – Angelo Nocent

Aggiornato di recente226

Downloads879

Pictures1118

Pictures1119

TUO AMORE

L’ESPERIENZA DI MADRE ELVIRA DELLA COMUNITA’ CENACOLO

Madre ElviraLa vita è bellissima e io sono tanto contenta di esserci. Prima di tutto desidero dire grazie a mia madre e a mio padre perché mi hanno permesso di vivere e poi ringrazio tutti perché non sono sola: c’è attorno a me la vita preziosa di tan­te persone, siamo in tanti ad essere stati creati ed amati! 

Dobbiamo solo accoglierla la vita, accoglierla come un dono e gioirne, vivendo con stupore tutto ciò che accade. Colui che ci ha creati sussurra al nostro cuore, ogni giorno, ridonandoci la vita: “E bello che tu esisti!”. Dobbiamo accogliere questa ve­rità dell’Amore che ci ha fatti esistere, dobbiamo dire a noi stessi: “Sì, è vero, è bello che esisto, è un dono esserci, è un dono di Dio la vita!”. E quando riconosciamo questa verità il cuore è ricolmo di felicità e nasce in noi il desiderio di comunicare questa gioia a tutti, di “rimboccarci le maniche” e di servire la vita. 

Ma innanzitutto dobbiamo fare questo servizio a noi stessi: prima di uscire di casa sorridiamo alla nostra vita e lasciamo che quel sorriso ci doni un volto nuovo, un volto sereno, un volto di pace e di gratitudine per tutto quello che il Signore ci ha dato. Allora “en­treremo” nella vita e saremo capaci di donarci, di servire gli altri con gratuità e verità, di restituire a tutti l’Amore ricevuto. 

Papa Francesco61-001

A volte non sorridiamo più perché pensiamo di non essere amati, ma non è vero: c’è su di noi e per noi un Amore immenso e fedele. Il sole dell’Amore di Dio sorge ogni giorno per tutti noi, buoni o cattivi: apriamogli le porte allora per lasciar filtrare la sua luce, in modo che quella luce ci avvolga, abbracci la nostra vita e la illumini. Lascia­mola filtrare anche negli spazi più intimi e ad un certo momento quel raggio di luce, dopo essersi fatto strada in noi, si farà strada anche intorno a noi per dire a chi si sen­te rifiutato e solo, con il nostro sorriso sereno e con i nostri gesti di amore: “E bello che tu esisti, sei un figlio amato, Dio ha dato la sua vita per te!”.  

È la “legge” dell’A­more: se non lo doni non lo riconosci e non ti accorgi di quanto ne stai ricevendo, con il rischio di continuare perennemente a cercarlo chissà dove, elemosinando la com­prensione, la stima e lo sguardo degli altri, ricadendo in una dipendenza degli affetti che ci rende schiavi e confusi, che è egoismo, che è la morte del cuore. Noi siamo nati per amare e abbiamo sperimentato che solo Colui che ci ha creati ci da quell’Amore senza misura che andiamo cercando: è Lui e solo Lui la sorgente inesauribile della vita, la pienezza del cuore. 

Quando siamo un po’ amareggiati e chiusi è perché non stiamo amando e non stia­mo servendo: è lì la radice della tristezza. È l’esperienza che facciamo tutti della nostra povertà umana, ma oggi possiamo scegliere perché abbiamo vissuto anche la ricchezza del cuore che è gioia, speranza, libertà, dono di noi! Facciamo questi passi di verità e di coraggio: il Signore fa grandi cose, le ha fatte e le farà ancora in noi e in tutti quel­li che gli aprono la porta del cuore.

 Il “segreto” è la fiducia in Lui, è la fede che, come dice Gesù, smuove le montagne. Quella fede sicura che è bene, forza, bellezza, che è amore, servizio, stupore… quella fede che è vita vera!

Madre Elvira Petrozzi – Comunità Cenacolo

Pictures649-001

Aggiornato di recente227

Pictures1120

E lungo il Tevere che andava lento lento

Noi ci perdemmo dentro il rosso di un tramonto

Fino a gridare i nostri nomi contro il vento

Tu fai sul serio o no…

Tra un walzer pazzo cominciato un po’ per caso

Tra le tue smorfie e le mie dita dentro il naso

Noi due inciampammo contro un bacio all’improvviso

troppo bello per essere vero, per essere vero, per essere vero…

Amore mio,

Ma che gli hai fatto tu a quest’aria che respiro

E come fai a starmi dentro ogni pensiero

Giuralo ancora che tu esisti per davvero

Amore mio,

Ma che che cos’hai tu di diverso dalla gente

Di fronte a te che sei per me cos importante

Tutto l’amore che io posso proprio niente…

E dopo aver riempito il cielo di parole

Comprammo il pane appena cotto e nacque il sole

Che ci sorprese addormentati sulle scale

La mano nella mano…

Pictures1123

Pictures1122

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 2 commenti

GIOVANI, SVEGLIATEVI ! – Angelo Nocent

1-Annunciazione 3

Il mondo è pieno di “ANNUNCIAZIONI”

ogni giorno !

HO FATTO UN SOGNO – I HAD A DREAM – Angelo Nocent

Downloads878

Gesù84

Giovani 2

giovani1

giovani2

GIOVANI 3
1-Downloads493

1-Sentinelle del Mattino Corso base Elba2008-001Pictures1110
1-Gioia

1-Giovani 9 1-Giovani
1-giovani-1


1-Globuli Rossi Company30-001
1-Sentinelle del Mattino Corso base Elba2008-001
1-Globuli Rossi Company29-001

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 2 commenti

NATI PER NON MORIRE MAI PIU’ – Angelo Nocent

Videos31

Videos30

Pictures1085

Videos29

chiara corbella 3

GIACOMO GALEAZZI

giacomo-galeazziUn tumore scoperto al quinto mese di gravidanza. Una maternità affrontata con forza dopo la scelta di rimandare le cure alla nascita del bambino. Era la terza gravidanza di Chiara: Maria e Davide erano scomparsi poco dopo il parto. Entrambi erano nati con gravi malformazioni. «Ho detto sì a Dio», storia di una giovane madre romana morta per far nascere il suo bimbo. Nel libro «Piccoli passi possibili» (Porziuncola,12 euro) a raccontare la sua vita sono il marito Enrico Petrillo, i genitori, la sorella, i due medici che l’hanno assistita fino alla fine.

«Per arrivare al Signore non devi correre né camminare troppo piano: devi avere un passo costante, continuo e soprattutto sul presente; perché la stanchezza viene se pensi al passato e al futuro, mentre se cammini pensando soltanto al piccolo passo possibile che tu ora puoi fare, a un certo punto arrivi alla meta e dici: sono già arrivata! Incredibile, Signore, ti ringrazio!». Nelle parole di chi l’ha conosciuta il calvario di una donna di 28 anni che per dare la vita a suo figlio ha rinunciato a sottoporsi ai cicli di chemio e radioterapia finché il suo bambino non venisse alla luce. Prima di morire il 13 giugno 2012. Chiara Corbella, musicista come suo marito Enrico, ha lasciato al figlio Francesco una lettera testamento per il suo primo compleanno. Una coppia normalissima, molto credente. Una di quelle della generazione Wojtyla, cresciuta in parrocchia a pane e Gmg.

«Lo scopo della nostra vita è amare ed essere sempre pronti a imparare ad amare gli altri come solo Dio può insegnarti – scrive – Qualsiasi cosa farai avrà senso solo se la vedrai in funzione della vita eterna. Se starai amando veramente te ne accorgerai dal fatto che nulla ti appartiene veramente perché tutto è un dono. Sei speciale e hai una missione grande. Il Signore ti ha voluto da sempre e ti mostrerà la strada da seguire se gli aprirai il cuore. Fidati, ne vale la pena!». Chiara Corbella ha conosciuto Enrico a Medjugorie nell’estate del 2002. Lui è in pellegrinaggio con la Comunità del Rinnovamento carismatico, lei è in vacanza in Croazia con la sorella maggiore Elisa. Tornati a Roma, i due si frequentano, si fidanzano, intraprendono un cammino di fede insieme.

Lei ha 18 anni, Enrico 23. Il fidanzamento dura sei anni, tra dolorose rotture. Con semplicità, umiltà e amore, Chiara abbraccia la strada del matrimonio. È il 21 settembre 2008. Durante la prima gravidanza viene diagnosticata un’anencefalia alla figlia Maria. I due giovani sposi decidono di dare alla luce lo stesso la figlia, che nasce, viene battezzata e muore tra le braccia amorevoli dei genitori. Anche durante la seconda gravidanza, al bimbo che Chiara porta nel grembo sono diagnosticate gravi malformazioni e non rimangono speranze di sopravvivenza.

Ancora una volta, certi che «siamo nati e non moriremo mai più», Chiara ed Enrico hanno voluto dare alla luce il figlio Davide, farlo battezzare e abbracciare mentre andava in Cielo. Alla terza gravidanza, tutto procede bene per il figlio Francesco, ma la diagnosi infausta questa volta riguarda lei, la madre. Dopo un primo intervento chirurgico, per non danneggiare il figlio, rimanda chemio e radioterapia solo in seguito alla nascita del figlio. Ma è ormai troppo tardi. Chiara ha ormai metastasi ovunque. Ha 28 anni, è malata terminale, ma ha un viso bello e folgorante della certezza che siamo nati per l’eternità.

Il suo principio di vita: non dobbiamo possedere nulla come se ci fosse dovuto, ma ricevere tutto come un dono. Chiara accoglieva la vita come un dono e sapeva riconoscere il Donatore. Ha attraversato situazioni oggettivamente molto difficili: ne usciva sempre grazie a questo gesto d’abbandono, con il quale riconosceva che c’è qualcuno che veglia su di lei e che ha un disegno d’amore sulla sua vita. Il papà ricorda che durante la malattia della figlia hanno «vissuto insieme come mai, tutti combattendo per la salvezza di Chiara, sperando in un miracolo che è avvenuto in maniera diversa, non nella guarigione, ma nell’accettazione». «Ho imparato da mia figlia» dirà ancora «che non conta la durata della vita, ma come la viviamo. Ho imparato da lei in un anno più di quanto non avevo capito in tutta la mia esistenza e non posso sprecare questo insegnamento».

Il 4 aprile 2012, è un mercoledì santo, Chiara ed Enrico conoscono l’esito della biopsia al fegato. Chiara è ormai una malata terminale. Confessa all’amica Cristiana: «Sai, Cri, ho smesso di voler capire, altrimenti si impazzisce. E sto meglio. Ora sto in pace, ora prendo quello che viene. Lui sa quello che fa e fino a ora non ci ha mai deluso. Poi capirò. Poi per ogni giorno c’è la grazia. Giorno per giorno. Devo solo fare spazio». La felicità di Chiara fino all’ultimo è il segno del suo affidamento totale a Gesù. «A prima vista la storia di Chiara è la storia drammatica di una mamma che muore di tumore lasciando soli suo marito e suo figlio. Forse una storia simile a tante. Ma in queste c’è qualcosa che non torna. Tutto è stato vissuto nella gioia, ed è diventato vita per gli altri».

Giovane e carina. Chiara Petrillo aveva tutto: bellezza, intelligenza, eleganza. E una fede profonda. Chiara soprannominava la sua malattia «il drago». S’è battuta contro lui giorno e notte, ma ha rimandato il trattamento più pesante, prescrittole dai medici, fino alla nascita del suo terzo bambino. Per preservarlo. Chiara muore alle 12 del 13 giugno 2012. Vestita da sposa, con in mano il rosario e un piccolo mazzo di lavanda, Chiara viene deposta nella bara in un viavai continuo di persone che la salutano per l’ultima volta. Il funerale viene celebrato il 16 giugno, giorno del Cuore Immacolato di Maria.

Resta Enrico. Il suo amore per il piccolo Francesco. E le parole di Chiara, in un video su Youtube («testimonianza di Enrico e Chiara») con migliaia di condivisioni.

Pictures1086

Grazie, Chiara…!

Fatebenefratelli - IRCSS Brescia3

Pampuri - Vita 21

Aggiornato di recente427

Logo globuli rossi

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 3 commenti

DEL COME INTERCEDERE PER LA PACE – Angelo Nocent

1-Pictures926UN GRIDO di INTERCESSIONE

Card. Carlo Maria Martini Omelia nella veglia per la pace organizzata dai giovani di A.C. Duomo, 29 gennaio 1991

1-Pictures930

LETTURA LITURGICA : dal Libro di Neemia (9,1-10.26-37)

“Il ventiquattro dello stesso mese, gli Israeliti si radunarono per un digiuno, vestiti di sacco e coperti di polvere. Quelli che appartenevano alla stirpe d’Israele si separarono da tutti gli stranieri, si presentarono dinanzi a Dio e confessarono i loro peccati e le iniquità dei loro padri. Poi si alzarono in piedi nel posto dove si trovavano e fu fatta la lettura del libro della legge del Signore loro Dio, per un quarto della giornata; per un altro quarto essi fecero la confessione dei peccati e si prostrarono davanti al Signore loro Dio. Giosuè, Bani, Kadmiel, Sebania, Bunni, Serebia, Bani e Kenani si alzarono sulla pedana dei leviti e invocarono a gran voce il Signore loro Dio.

I leviti Giosuè, Kadmiel, Bani, Casabnia, Serebia, Odia, Sebania e Petachia dissero: “Alzatevi e benedite il Signore vostro Dio ora e sempre! Si benedica il tuo nome glorioso che è esaltato al di sopra di ogni benedizione e di ogni lode!

  • Tu, tu solo sei il Signore, tu hai fatto i cieli, i cieli dei cieli e tutte le loro schiere, la terra e quanto sta su di essa, i mari e quanto è in essi; tu fai vivere tutte queste cose e l’esercito dei cieli ti adora.
  • Tu sei il Signore, il Dio che ha scelto Abram, lo hai fatto uscire da Ur dei Caldei e lo hai chiamato Abramo.
  • Tu hai trovato il suo cuore fedele davanti a te e hai stabilito con lui un’alleanza, promettendogli di dare alla sua discendenza il paese dei Cananei, degli Hittiti, degli Amorrei, dei Perizziti, dei Gebusei e dei Gergesei;
  • Tu hai mantenuto la tua parola, perché sei giusto.
  • Tu hai visto l’afflizione dei nostri padri in Egitto e hai ascoltato il loro grido presso il Mare Rosso; hai operato segni e prodigi contro il faraone, contro tutti i suoi servi, contro tutto il popolo del suo paese, perché sapevi che essi avevano trattato i nostri padri con durezza; ti sei fatto un nome fino ad oggi.

Ma poi sono stati disobbedienti, si sono ribellati conto di te, si sono gettati la tua legge dietro le spalle, hanno ucciso i tuoi profeti che li scongiuravano di tornare a te, e ti hanno offeso gravemente. Perciò tu li hai messi nelle mani dei loro nemici, che li hanno oppressi.

Ma al tempo della loro angoscia essi hanno gridato a te e tu li hai ascoltati dal cielo e, nella tua grande misericordia, tu hai dato loro liberatori, che li hanno strappati dalle mani dei loro nemici.

Ma quando avevano pace, ritornavano a fare il male dinanzi a te, perciò tu li abbandonavi nelle mani dei loro nemici, che li opprimevano; poi quando ricominciavano no a gridare a te, tu li esaudivi dal cielo; così nella tua misericordia più volte li hai salvati.

Tu li ammonivi per farli tornare alla tua legge; ma essi si mostravano superbi e non obbedivano ai tuoi comandi; peccavano contro i tuoi decreti, che fanno vivere chi li mette in pratica; la loro spalla rifiutava il giogo, indurivano la loro cervice e non obbedivano.

Hai pazientato con loro molti anni e li hai scongiurati per mezzo dei tuo spirito e per bocca dei tuoi profeti; ma essi non hanno voluto prestare orecchio. Allora li hai messi nelle mani dei popoli dei paesi stranieri. Però nella tua molteplice compassione, tu non li hai sterminati del tutto e non li hai abbandonati perché sei un Dio clemente e misericordioso.

Ora, Dio nostro, Dio grande, potente e tremendo, che mantieni l’alleanza e la misericordia, non sembri poca cosa ai tuoi occhi tutta la sventura che è piombata su di noi, sui nostri re, sui nostri capi, sui nostri sacerdoti, sui nostri profeti. siti nostri padri, su tutto il tuo popolo, dal tempo dei re d’Assiria fino ad oggi.

Tu sei stato giusto in tutto quello che ci è avvenuto, poiché tu hai agito fedelmente, mentre noi ci siamo comportati con empietà. I nostri re, i nostri capi, i nostri sacerdoti, i nostri padri non hanno messo in pratica la tua legge e non hanno obbedito né ai comandi né agli ammonimenti con i quali tu li scongiuravi. Essi mente godevano del loro regno, del grande benessere che tu largivi loro e del paese vasto e fertile che tu avevi messo a loro disposizione, non ti hanno servito e non hanno abbandonato le loro azioni malvagie.

Oggi eccoci schiavi nel paese che tu hai concesso ai nostri padri perché ne mangiassero i frutti e ne godessero i beni. I suoi prodotti abbondanti sono dei re ai quali tu ci hai sottoposti a causa dei nostri peccati e che sono padroni dei nostri corpi e del nostro bestiame a loro piacere, e noi siamo in grande angoscia”.

Una preghiera penitenziale

Carlo Maria Martini 04jpgNoi siamo in grande angoscia”; queste sono le parole conclusive della lunga preghiera che abbiamo ascoltato, dal Libro di Neemia.

1. In questo testo, che risale ad alcuni secoli prima di Cristo, ci troviamo di fronte a una celebrazione penitenziale, incentrata sulla preghiera.

Tale preghiera è una delle più belle tra quelle tramandateci dalla pietà ebraica, insieme con i Salmi. In essa ritornano i temi centrali dell’alleanza, della fedeltà alla legge, il tema della promessa, il tema dei peccati del popolo, dei castighi di Dio, della sua inesauribile misericordia e delle sue iniziative di perdono.

Tutta la storia di salvezza è vista con uno sguardo retrospettivo che risale al primo intervento salvifico di Dio, la creazione stessa (“Tu, tu solo sei il Signore, tu hai fatto i cieli, i cieli dei cieli e tutte le loro schiere, la terra e quanto sta in essa, i mari e quanto è in essi…”).

La storia di salvezza, che passa per Abramo, Mosè, il Mar Rosso, il deserto, è riletta come una dimostrazione concreta della pazienza e della misericordia di Dio e, insieme, della infedeltà e della ostinazione dell’uomo.

1-Collage3402. E noi rileggiamo questa preghiera di ventiquattro secoli fa, come comunità cristiana convocata in assemblea penitenziale; la rileggiamo ripensando alle esperienze passate della misericordia di Dio e alle nostre infedeltà. La rileggiamo soprattutto nell’orizzonte infuocato di una guerra che sta assumendo proporzioni spaventose. Ma vogliamo rileggerla di fronte al Crocifisso, sapendo che in Gesù, morto e risorto, si è manifestata l’ira di Dio sulle infedeltà umane ed è apparsa la sua fedeltà immutabile, è apparso il suo amore misericordioso che ha vinto il peccato del mondo.

L’antica preghiera biblica ci offre dunque l’ambito della nostra preghiera di questa sera.

3. Non è l’ambito etico politico, quello dei giudizi a livello del diritto internazionale, sui temi della pace e della guerra. Su tale livello si è già detto e scritto molto e i giudizi più taglienti e definitivi sono stati pronunciati dal Papa, nella sua qualità di pastore universale, di figura al di sopra di tutte le parti, di padre che si sente corresponsabile dei futuri destini dell’umanità e compartecipe in prima persona dei suoi lutti e delle sue tragedie.

giovanni-paolo-ii-lo-sguardo-nelleternoIl Papa ha detto chiaramente che la guerra non è uno strumento per superare i conflitti tra i popoli; che bisogna impegnarsi per mettervi fine; che occorre riprendere i negoziati; che la pace è ancora possibile. Ho avuto occasione, nei giorni passati, di richiamare più volte, in altri contesti e in altre sedi, le parole del Papa sui temi del diritto internazionale e della pace. E anche noi, come Diocesi, intendiamo promuovere ulteriormente le riflessioni sulle questioni della giustizia e della pace, tra l’altro in una specifica commissione diocesana “Iustitia et Pax” che sarà luogo permanente di riferimento per quanti cercano luce e chiarezza su queste problematiche.

4. Questa sera però tratterò con voi un tema che potrebbe avere come titolo “Un grido di intercessione”; un tema che intende entrare assai di più dentro la carne del conflitto sanguinoso che ci coinvolge. Ci poniamo perciò nell’ambito della preghiera penitenziale di Neemia: l’ambito della invocazione, della intercessione, del pentimento, della penitenza.

Ma qui nasce la domanda: non è questo un ambito sterile? non è un ambito che ci fa eludere i problemi, che li scavalca, per così dire, senza risolverli?

Certo, per chi ha poca o nessuna fede non c’è altro linguaggio che quello degli argomenti umani e in particolare, degli argomenti forti. Il credente, tuttavia, non può limitarsi a questo. Per lui e per noi, questa sera, c’è lo spazio inesplorato della fede che abbraccia e penetra ben più nel profondo delle vicende umane. Le discussioni che si svolgono sul piano dell’etica politica o del diritto delle genti hanno sempre, come nodo di riferimento, la domanda: che cosa è giusto e che cosa non lo è? e dietro a tale domanda ne troviamo un’altra: chi è nel giusto o chi non lo è?

Domande legittime, da non trascurare. E ho prima indicato le sedi in cui, anche in Diocesi, esse saranno portate avanti. Noi, invece, affronteremo un tema che vuole fare appello, assai più fortemente, alla vostra, alla nostra fede.

Confessiamo i nostri peccati

Riprendo dunque le parole conclusive della preghiera di Neemia: “Noi siamo in grande angoscia”.

1. Io lo dico e ne do testimonianza: il mio cuore è turbato, la mia coscienza è lacerata, i miei pensieri si smarriscono. Tutti noi, senza fare eccezione tra credenti e non credenti possiamo ripetere: i nostri cuori sono turbati, le nostre coscienze: sono lacerate, i nostri pensieri si smarriscono, le nostre opinioni tendono a dividersi.

Smarrimento e angoscia che non ci coinvolgono solo sul terreno del lutto per i morti, delle lacrime per tutti i feriti, del lamento doloroso per i profughi, per i senza tetto, per coloro che vivono nell’angoscia dei bombardamenti giorno e notte.

Lo smarrimento e la divisione delle opinioni avvengono pure sul terreno delle riflessioni etico-politiche, che in questi giorni si succedono facendo balenare i più diversi giudizi. Vorrei dire molto di più: lo smarrimento e l’angoscia toccano persino l’ambito della fede e della preghiera, che è quello che ci riunisce questa sera, perché siamo qui per vegliare, digiunare, intercedere, facendo nostre le intercessioni e le grida di tutti gli uomini e le donne, di tutti i bambini, di tutti i vecchi in qualche modo coinvolti nel conflitto del Golfo, di qualunque parte essi siano.

2. Mi domando allora con voi: perché rischiamo di essere smarriti persino nell’ambito della fede e della preghiera? La risposta è molto semplice. Perché ci viene spontaneamente sulle labbra la domanda, quasi una protesta a Dio, come Giobbe: abbiamo già pregato, abbiamo chiesto tanto la pace, hanno pregato i nostri bambini, i nostri malati offrendo le loro sofferenze, ma tu, Signore, non ci hai esaudito! Ecco un grande motivo della nostra sofferenza civile, umana, religiosa, che tocca il cuore della fede: perché, Signore, non ci ascolti? perché nascondi il tuo volto? eppure in te hanno sperato i nostri padri, hanno sperato e tu li hai liberati. Ma io grido di notte e tu non ascolti, di giorno e tu non te ne dai pensiero! Vengono alle labbra queste parole dei Salmi, parole non inventate da noi, bensì pronunciate dai credenti di Israele di oltre duemila anni fa, che già si sono trovati davanti a Dio con questo lamento e con questa angoscia nel cuore. E facciamo nostre anche le parole amare di confessione e di pentimento del profeta Neemia, che si riferiscono a un lamento dolente del popolo di Israele, in un momento oscuro della storia, alcuni secoli prima di Cristo. Sentiamo emergere in noi il grido: “Abbiamo peccato come i nostri padri! Tu, Signore, hai agito fedelmente mentre noi ci siamo comportati con empietà”.

3. Intravediamo una prima ragione del motivo per cui non siamo stati esauditi! Nelle nostre preghiere non siamo partiti da una chiara ammissione e ammenda delle nostre colpe. “Essi – dice Neemia – mentre godevano del loro regno, del grande benessere che tu largivi loro … non ti hanno servito e non hanno abbandonato le loro azioni malvagie”. Noi confessiamo: Ci siamo attaccati al nostro benessere, ne abbiamo approfittato in tutti i modi, lo abbiamo eretto a idolo, e poi pretendevamo che tu, o Dio, ci esaudissi, nel timore che questo benessere ci venisse a mancare.

Vorrei leggere una bella preghiera di Paolo VI, scritta molti anni fa, ma che si addice al nostro incontro, dove si dice tra l’altro:

Paolo Vi 197_Paolo_VI“Signore, noi abbiamo ancora le mani insanguinate dalle ultime guerre mondiali …. Signore, noi siamo oggi tanto armati come non lo siamo mai stati nei secoli prima d’ora e siamo così carichi di strumenti micidiali da potere, in un istante, incendiare la terra e distruggere forse anche l’umanità.

Signore, noi abbiamo fondato lo sviluppo e la prosperità di molte nostre industrie colossali sulla demoniaca capacità di produrre armi di tutti i calibri, e tutte rivolte a uccidere e a sterminare gli uomini nostri fratelli; così abbiamo stabilito l’equilibrio crudele dell’economia di tante nazioni potenti sul mercato delle armi alle nazioni povere, prive di aratri, di scuole e di ospedali”.

Paolo VI fa dunque passare, in questa preghiera, tanti peccati sociali della nostra epoca, peccati particolarmente evidenti ma che cercavamo di emarginare, a cui cercavamo di non pensare. Però non possiamo nasconderci come questi egoismi evidenti, che vengono a galla, abbiano origini oscure e tenebrose nel fondo dei nostri stessi cuori. Noi non abbiamo saputo fare un esame di coscienza nel profondo. Ha detto giustamente qualcuno: “I fiumi di sangue sono sempre preceduti da torrenti di fango”. In tali torrenti abbiamo sguazzato un po’ tutti noi umani, uomini e donne di ogni paese e latitudine: l’immoralità della vita, gli egoismi personali e di gruppo, la corruzione politica, i tradimenti e le infedeltà a livello interpersonale e familiare, il menefreghismo, l’indolenza e lo sciupio delle energie di vita per cose vane, frivole o dannose, l’insensibilità di fronte ai milioni di esseri umani la cui vita è soffocata con l’aborto, il volgere la testa di fronte alle miserie di chi sta vicino o di chi viene da lontano, il commercio della droga.

Sì, in questi torrenti di fango ci siamo lasciati coinvolgere, ci siamo magari talora anche divertiti in maniera spensierata e irresponsabile. E poi vorremmo che Dio venisse incontro a una preghiera che spesso nasce proprio dalla paura di perdere le nostre comodità, il nostro benessere, di dover un giorno pagare di persona per i nostri errori.

4. Se oggi c’è una guerra – lo ha ripetuto il Papa – non è perché le cose si siano mosse quasi per caso o per sbaglio, pur se ci sono delle responsabilità precise, a cui nessuno potrà sfuggire. C’è una guerra perché, per tanto tempo, si sono seminate situazioni ingiuste, si è sperata la pace trascurando quelli che Giovanni XXIII chiamava “i quattro pilastri della pace”, cioè verità, giustizia, libertà e carità. Ogni colpa pubblica e privata contro questi quattro pilastri, ogni atto di menzogna, ingiustizia, possesso egoista e dominio sull’altro, pregiudizio e odio, hanno scavato la fossa e l’edificio è crollato sotto i nostri occhi. Perché la pace è un edificio indivisibile, e ciascuno di noi l’ha distrutto per la sua parte di responsabilità.

Ogni seria preghiera per la pace deve quindi nascere dal pentimento e dalla volontà di ricostituire anzitutto nella nostra vita personale e comunitaria “i quattro pilastri”: verità, giustizia, libertà, carità. Senza tale volontà umile e sincera, la nostra preghiera e la nostra invocazione sono ipocrite.

Il dono evangelico di un cuore pacifico

Mi pare di poter portare una seconda ragione per cui la nostra preghiera non è stata esaudita. Io temo che spesso non l’abbiamo bene indirizzata. Abbiamo chiesto la pace come qualcosa che riguardava gli altri; abbiamo insistito perché Dio cambiasse il cuore dell’altro, nel senso naturalmente che volevamo noi.

In realtà, il primo oggetto della autentica preghiera per la pace siamo noi stessi: perché Dio ci dia un cuore pacifico. “Dona nobis pacem” significa anzitutto:

  • Purifica, Signore, il mio cuore da ogni fremito di ostilità, di partigianeria, di partito preso, di connivenza;
  • purificami da ogni antipatia, pregiudizio, egoismo di gruppo o di classe o di razza;

Tutti questi sentimenti negativi sono incompatibili con la pace. Eppure emergono vistosamente proprio ai nostri giorni, stimolati dalle notizie, dalle immagini che vediamo, stimolati dalle vibrazioni delle voci dei bollettini di guerra, dalla curiosità stessa eccitata da un conflitto la cui tecnologia sfiora l’inverosimile. Così, mentre preghiamo per la pace, nel fondo del nostro cuore finiamo per parteggiare, per giudicare, per auspicare l’uno o l’altro successo di guerra. L’istinto si scatena, la fantasia si sbizzarrisce, e la preghiera non tende verso quella purificazione del cuore, dei sensi, delle emozioni e dei pensieri che sola si addice agli operatori di pace secondo il Vangelo.

È esigente essere operatori di pace secondo il Vangelo; è un dono che non si compra a poco prezzo, perché viene dallo Spirito e occorre accettare di pagarlo a caro prezzo.

1-Pictures927La preghiera vera di intercessione

Ora desidero chiedere al Signore di farci fare un altro passo avanti. Di farci intendere qual è il senso profondo di una vera preghiera per la pace, che sia una preghiera di intercessione nel senso biblico, simile alla preghiera di Abramo, alla preghiera di Gesù su Gerusalemme.

Che cosa significa, Signore, fare davvero una preghiera di intercessione?

Donaci, o Spirito santo di Dio, uno spirito autentico di intercessione in questo momento.

1. Intercedere non vuol dire semplicemente “pregare per qualcuno”, come spesso pensiamo. Etimologicamente significa “fare un passo in mezzo”, fare un passo in modo da mettersi nel mezzo di una situazione. Intercessione vuol dire allora mettersi là dove il conflitto ha luogo, mettersi tra le due parti in conflitto. Non si tratta quindi solo di articolare un bisogno davanti a Dio (Signore, dacci la pace!), stando al riparo.

Si tratta di mettersi in mezzo. Non è neppure semplicemente assumere la funzione di arbitro o di mediatore, cercando di convincere uno dei due che lui ha torto e che deve cedere, oppure invitando tutti e due a farsi qualche concessione reciproca, a giungere a un compromesso. Cosi facendo, saremmo ancora nel campo della politica e delle sue poche risorse. Chi si comporta in questo modo rimane estraneo al conflitto, se ne può andare in qualunque momento, magari lamentando di non essere stato ascoltato.

Intercedere è un atteggiamento molto più serio, grave e coinvolgente, è qualcosa di molto più pericoloso. Intercedere è stare là, senza muoversi, senza scampo, cercando di mettere la mano sulla spalla di entrambi e accettando il rischio di questa posizione. In proposito troviamo nella Bibbia una pagina illuminante. Nel momento in cui Giobbe si trova, quasi disperato, davanti a Dio che gli appare come un avversario, con cui non riesce a riconciliarsi, grida: “Chi è dunque colui che si metterà tra il mio giudice e me? chi poserà la sua mano sulla sua spalla e sulla mia?” (cf Gb 9,33-39, vers. spec.).

Non dunque qualcuno da lontano, che esorta alla pace o a pregare genericamente per la pace, bensì qualcuno che si metta in mezzo, che entri nel cuore della situazione, che stenda le braccia a destra e a sinistra per unire e pacificare. È il gesto di Gesù Cristo sulla croce, del Crocifisso che contempliamo questa sera al centro della nostra assemblea. Egli è colui che è venuto per porsi nel mezzo di una situazione insanabile, di una inimicizia ormai giunta a putrefazione, nel mezzo di un conflitto senza soluzione umana.

Gesù ha potuto mettersi nel mezzo perché era solidale con le due parti in conflitto, anzi i due elementi in conflitto coincidevano in lui: l’uomo e Dio. Ma la posizione di Gesù è quella di chi mette in conto anche la morte per questa duplice solidarietà; è quella di chi accetta la tristezza, l’insuccesso, la tortura, il supplizio, l’agonia e l’orrore della solitudine esistenziale fino a gridare: “Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?” (Mt 27, 46). Questa è l’intercessione cristiana evangelica. Per essa è necessaria una duplice solidarietà. Tale solidarietà è un elemento indispensabile dell’atto di intercessione.

  • Devo potere e volere abbracciare con amore e senza sottintesi tutte le parti in causa.
  • Devo resistere in questa situazione anche se non capito o respinto dall’una o dall’altra, anche se pago di persona.
  • Devo perseverare pure nella solitudine e nell’abbandono. Devo avere fiducia soltanto nella potenza di Dio, devo fare onore alla fede in Colui che risuscita i morti.

Tale fede è difficile, per questo l’intercessione vera è difficile. Ma se non vi tendiamo, la nostra preghiera sarà fatta con le labbra, non con la vita. Naturalmente un simile atteggiamento non calpesta affatto le esigenze della giustizia. Non posso mai mettere sullo stesso piano assassini e vittime, trasgressori della legge e difensori della stessa. Però, quando guardo le persone, nessuna mi è indifferente, per nessuno provo odio o azzardo un giudizio interiore, e neppure scelgo di stare dalla parte di chi soffre per maledire chi fa soffrire. Gesù non maledice chi lo crocifigge, ma muore anche per lui dicendo: “Padre, non sanno quello che fanno, perdona loro” (Le 23,34).

2. Se una preghiera non raggiunge questa duplice solidarietà, se intercede perché il Signore soccorra l’uno e abbatta l’altro, ignora ancora il bisogno di salvezza di chi è eventualmente nel torto, di chi ha scelto contro Dio e contro il fratello, lo abbandona, non gli mette la mano sulla spalla, e la sua non è una preghiera di intercessione. Nella misura dunque in cui facciamo delle scelte esclusive nel nostro cuore, e condanniamo e giudichiamo, non siamo più con Gesù Cristo, nella situazione che lui ha scelto, e dobbiamo dubitare della validità e della genuinità della nostra preghiera di intercessione.

3. Vorrei far notare che questo mettersi in mezzo non va concepito come un mezzo tattico, tanto per superare un’emergenza. È chiamato a diventare un modo di essere di chi vuole operare la pace, del cristiano che segue Gesù. Non abbiamo il diritto di restare in una situazione difficile solo fino a quando è sopportabile. Occorre volerci restare fino in fondo, a costo di morirci dentro. Solo così siamo seguaci di quel Gesù che non si è tirato indietro nell’orto degli ulivi.

4. Noi ci accorgiamo che una vera intercessione è difficile; può essere fatta solo nello Spirito Santo e non sarà necessariamente compresa da tutti. Ma se un desiderio essa suscita è questo: di essere in questo momento nei luoghi del conflitto, nelle strade di Bagdad o di Riad o di Bassora, nelle strade di Tel Aviv, dove cittadini inermi sono minacciati e uccisi. Stare là in pura passività, senza alcuna azione politica o alcun clamore, fidando solo nella forza della intercessione. Stare là, come Maria ai piedi della croce, senza maledire nessuno e senza giudicare nessuno, senza gridare alla ingiustizia o inveire contro qualcuno.

Se la guerra sarà abbreviata, e noi lo chiediamo con tutto il cuore, uniti insieme con il Papa, se la forza dei negoziati soverchierà di nuovo – lo speriamo presto – la forza maligna degli strumenti di morte, ciò sarà certamente anche perché nei vicoli delle città dell’Oriente, nei meandri attorno alle moschee o sulla spianata del muro occidentale di Gerusalemme ci sono piccoli uomini e piccole donne, di nessuna importanza, che stanno là, così, in preghiera, senza temere altro che il giudizio di Dio; prostrati, come dice Neemia, davanti al Signore loro Dio, confessando i loro peccati e quelli di tutti i loro amici e nemici, finché non si avveri la profezia di Isaia: “In quel giorno ci sarà una strada dall’Egitto verso l’Assiria; l’Assiro andrà in Egitto e l’egiziano in Assiria; gli Egiziani serviranno il Signore insieme con gli Assiri. In quel giorno Israele sarà il terzo con l’Egitto e l’Assiria, una benedizione in mezzo alla terra. Li benedirà il Signore degli eserciti: ‘Benedetto sia l’Egiziano, mio popolo, l’Assiro opera delle mie mani e Israele mia eredità’” (Is 19,21-25).

Carlo Maria card. Martini

Pubblicato in GLOBULI ROSSI COMPANY | 1 commento