DECALOGO DELLA DOCILITA’ ALLO SPIRITO SANTO

Decalogo della docilità

allo Spirito Santo

"Buongiorno, Spirito Santo"  

 

1. LO SPIRITO PARLA SOTTOVOCE
 

Lo Spirito è rispettosissimo della tua libertà; è un amore forte e discreto quello dello Spirito, basta un po’ di orgoglio e di superficialità e la Sua voce non ti raggiunge più. Lo Spirito tace, tace e attende.

Il Papa nell’enciclica sullo Spirito Santo dice: "Lo Spirito è la suprema guida dell’uomo, la luce dello spirito umano".

2. SE LO SPIRITO MARTELLA C’E’ UN PROBLEMA CHE SCOTTA

Quando lo Spirito martella è perché ci segnala una piaga, bisogna, aprire gli occhi. Ogni ritardo ad accogliere la Sua voce fa gravi danni alla tua vita spirituale; ogni prontezza: nel rispondere ti rinnova e ti apre a percepire meglio la Sua luce. Ma quante volte lo Spirito martella: "Lascia quell’ amicizia. Lascia quell’occasione, lascia quel vizio". E allora quando lo Spirito martella bisogna partire.

Il Papa nell’enc. dice: "Sotto l’influsso dello Spirito matura e si rafforza l’uomo interiore. Lo Spirito costruisce in noi l’uomo interiore, lo fa crescere e lo rafforza".

3. IL SEGRETO DELLA GIOIA È DARE CONTINUE GIOIE ALLO SPIRITO SANTO

Ma bisogna partire dalla concretezza, dalle piccole cose. Ogni atto di umiltà, ogni atto di generosità alimenta la gioia che lo Spirito Santo semina in noi. Quando fate un atto di bontà, voi, se non state attenti, dopo vi inorgoglite un po’. Quando fate un atto di bontà adesso non fate più così; fermatevi e dite:"Grazie, Spirito Santo". Io ho inventato per me questa preghiera; quando faccio una gentilezza adesso dico: "Grazie, Spirito Santo, ancora, ancora", per dirgli: "Continua a ispirarmi la bontà, continua a mettermi un’ occasione di fare qualcosa di bello per te". Ecco, continuamente lo Spirito Santo è all’ opera, ma bisogna lasciarlo operare.

Il Papa nell’enc. al numero 67 dice: "La gioia che nessuno può togliere è dono dello Spirito Santo".

4. LO SPIRITO NON SI STANCA DI PARLARTI, DI ISTRUIRTI, DI FORMARTI

Lo Spirito, voglio dire, è la fedeltà dell’amore e usa i mezzi più semplici: ispirazioni, consigli di persone che ti amano, esempi, testimonianze, letture, incontri, avvenimenti…

Il Papa nell’enc. al numero 58 dice: "Lo Spirito Santo è l’incessante  donarsi di Dio".

5. LA PAROLA DI DIO È LA PRIMA ANTENNA DELLO SPIRITO SANTO

Voglio dire: impara «leggere la Parola di Dio implorando lo Spirito; non leggere mai la Parola senza lo Spirito. Nutriti della Parola invocando lo Spirito. Prega la Parola nello Spirito. Quando prendi in mano la Parola, primo: alza l’antenna dell’ ascolto dello Spirito; poi prega, prega lo Spirito. È con la Parola e la preghiera che impari a distinguere la voce dello Spirito.

Il Papa nell’enc. al numero 25 dice: "Con la forza del Vangelo lo Spirito Santo rinnova costantemente la Chiesa". Vedete, la Parola di Dio è l’antenna costante che rinnova la Chiesa, per cui la Chiesa si collega con lo Spirito Santo.

6. NON CESSARE DI RINGRAZIARE LO SPIRITO PER QUELLO CHE FA PER TE

La tua vita è un intreccio misterioso e continuo di doni dello Spirito Santo: dal Battesimo fino alla morte. Dalla tua nascita fino alla morte c’è un filo d’oro: i doni dello Spirito; un filo d’oro che percorre tutta la tua vita. Tu percepisci appena alcuni doni, ma devi sforzarti di trovarne tanti. E dei doni che percepisci comincia a ringraziare.

Il Papa nell’enc. al numero 67 dice: "Davanti allo Spirito io  mi inginocchio per riconoscenza".

7. IL MALIGNO COPIA DALLO SPIRITO E FA DI TUTTO PER CONTRASTARE LA SUA OPERA

Satana è la scimmia di Dio, copia da Dio. Anche lui manda le sue ispirazioni, anche lui manda i suoi messaggi, manda i suoi messaggeri. Certe volte, quando aprite i mass media c’è il messaggero che vi aspetta, ma la potenza dello Spirito Santo sbaraglia con un  soffio Satana. Basta affidarci a Lui totalmente e prontamente; poi vinciamo qualunque seduzione di Satana se siamo ben legati allo Spirito Santo.

Incontro sempre più persone che sono impaurite di Satana: non c’è da aver paura di Satana perché abbiamo lo Spirito Santo. Quando ci leghiamo allo Spirito Santo, Satana non può più nulla. Quando invochiamo lo Spirito Santo, Satana è bloccato. Quando sulle persone imploriamo lo Spirito Santo Satana è inefficace.

Il Papa nell’enc. al numero 38 ha scritto: "Satana, il perverso genio del sospetto, sfida l’uomo a diventare l’avversario di Dio".

8. UN’OFFESA FREQUENTE ALLO SPIRITO È NON RAPPORTARTI A LUI COME UNA PERSONA

Insisterò sempre su questo punto, perché noi non trattiamo lo Spirito Santo come una persona.

Eppure Gesù ci ha affidati a Lui e ha detto che: "Vi insegnerà ogni cosa, vi ricorderà quello che vi ho detto", ci accompagnerà, ci convincerà sul peccato, ci strapperà cioè dal peccato.

Gesù ci ha affidati a Lui e ha detto che è il nostro sostegno, il nostro maestro, eppure molto spesso noi non ci rapportiamo a Lui come una persona viva, viva che vive in mezzo a noi. Lo consideriamo una realtà lontana, sfuggente, irreale.

Il Papa ha detto queste bellissime parole, al numero 22 dell’enc.: "Lo Spirito è non solo un dono alla persona ma è la Persona dono". La Persona che si fa dono, il donarsi incessante a Dio.

E allora abituatevi a cominciare sempre la giornata dicendo: "Buongiorno, Spirito Santo", che è vicino a voi, in voi, e a terminare la giornata dicendo: "Buonanotte Spirito Santo", che è in voi e che guida anche il vostro riposo.

9. GESÙ’ HA PROMESSO CHE IL PADRE DÀ LO SPIRITO A CHIUNQUE LO CHIEDE.

Non ha detto che il Padre dà lo Spirito a chi lo merita; ha detto che dà lo Spirito a chi lo chiede. Allora bisogna chiederlo con fede e con costanza. Il Papa al numero 65 dell’enc. dice: "Lo Spirito Santo è il dono che viene nel cuore dell’uomo insieme con la preghiera".

10. LO SPIRITO È L’AMORE DI DIO EFFUSO NEI NOSTRI CUORI

Più viviamo nell’amore, più viviamo nello Spirito Santo. Più seguiamo il nostro egoismo più ci allontaniamo dallo Spirito Santo. Però lo Spirito non si arrende mai, continuamente ci stimola nell’amore. Il Papa nell’enc. dice: "Lo Spirito Santo è Persona-Amore, in Lui la vita intima di Dio si fa dono".

Mi dona incessante la Sua vita intima, perché l’amore di Dio effuso nei nostri cuori è lo Spirito Santo.

Tratto dalla trasmissione "scuola di preghiera" a cura di p. Gasparino

"Buonanotte, Spirito Santo"

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

6 risposte a DECALOGO DELLA DOCILITA’ ALLO SPIRITO SANTO

  1. donatella ha detto:

    Grazie, compagno di viaggio, semplicemente grazie.Lo Spirito ti ha ispirato per tutti coloro che hanno bisogno di una guida…come me.Un abbraccio:-)

  2. lucetta ha detto:

    Ricordo che il giorno della Cresima, da adolescente, lo Spirito si fece sentire la prima volta. Cioè ebbi la netta sensazione che una forza straordinaria mi stava cambiando….Poi con il passare del tempo l’ho trascurato senza capire che stavo commettendo un errore… stavo rinunciando a qualcosa di grande……Con la maturità ho recuperato in pieno. Ora lo invoco prima di leggere la Parola e spessissimo sopratutto nelle situazioni difficili, nelle prove perchè mi dia la capacità di capire e fare la volontà di Dio . E’ diventato un AMICO a cui non intendo più rinunciare…visto che GESU’ ha detto che lo Spirito ci condurrà alla verità tutta intera e ci farà capire cose che da soli non potremmo comprendere.Grazie Angelo!!!!!Questo post è un’iniezione di fiducia e di gioia.

  3. Deborath ha detto:

    Sììììììì, vero!!!!!E’ un post bellissimo!!!!!Ci trasmette tanta gioia, tanta forza, tanta fiducia, tanta speranza!!!!Sai che io, ormai da diverso tempo quando mi alzo e quando vado a dormire dico sempre così? "Buongiorno Dio Padre, buongiorno Gesù, buongiorno Santo Spirito, buongiorno Madonnina, buongiorno Angioletto mio custode, buongiorno Padre Pio, buongiorno papà!" Ed ovviamente la sera sostituisco i "buongiorno" con un bel "buonanotte" per tutti i miei amici che sempre mi accompagnano!!!!Mi chiedevo se fosse una stupidagine, ma continuavo a farlo ed oggi scopro che è una bella cosa e che potrò farlo sempre senza sentirmi troppo bambina o troppo stupida….Un abbraccio immenso a tutti voi e che Dio vi benedica…

  4. Annamaria ha detto:

    è utile il tuo blog, Angelo, si trovano tanti spunti di riflessione, tanti consigli utili per aiutarci a seguire la strada giusta! Trovo spesso dei suggerimenti adatti alla mia vita, alle situazioni che sto vivendo! Grazie!🙂

  5. angelo ha detto:

    Cara Annamaria,le tue tre righe sono una flebo di incoraggiamento, giacché spesso sono tentato di abbandonare perché mi sfugge l’utilità di stare sulla scena.Però da fedele AMANUENSE, devo invitarti a far tuo il punto 9 del DECALOGO, affinchè sia LUI il protagonista e noi i SEDOTTI da un amore invisibile ma viscerale che pazientemente ci educa e c’introduce nei divini misteri:9. GESÙ’ HA PROMESSO CHE IL PADRE DÀ LO SPIRITO A CHIUNQUE LO CHIEDE.Non ha detto che il Padre dà lo Spirito a chi lo merita; ha detto che dà lo Spirito a chi lo chiede. Allora bisogna chiederlo con fede e con costanza. Il Papa al numero 65 dell’enc. dice: "Lo Spirito Santo è il dono che viene nel cuore dell’uomo insieme con la preghiera".Prego con te, bisognsi come siamo di Luce.

  6. Toni ha detto:

    sai cosa dice il quarto segreto di fatima? conosci più o meno i messaggi di madjugorie?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...