TEMPO DI CREDERE – Primo Mazzolari

 

   

TEMPO DI CREDERE

  Primo Mazzolari

CREDERE CON CHI CREDE

LUNEDÌ DI PASQUA

 A testimoniare la predilezione di don Primo Mazzolari per i due discepoli di Emmaus, riportiamo, per cortese concessione, una sua “predica” del Lunedì di Pasqua del 1957: una “predica” del parroco di Bozzolo, colta dalla sua viva voce, pronunciata con la fervida improvvisazione del pastore d’anime, senza la preoccupazione dello scritto (ma quando mai, in don Primo, c’è divario tra la parola e lo scritto?).

Le prediche dei giorni pasquali del 1957 sono state pubblicate a cura di Benigno Zaccagnini e di monsignor Guido Astori nel quinto anniversario della scomparsa.

«Sono le parole – scrive Benigno Zaccagnini – che don Mazzolari ha pronunciato per la sua gente in una di quelle Settimane Sante in cui liturgia e devozione rendevano suggestiva, in Bozzolo, la cerimonia pasquale. 

  • Era la voce di un “povero prete di campagna” – come amava definirsi don Primo – ma noi sentivamo in essa un immenso patrimonio di fede, di ansia, di sofferenze, un impegno senza limiti per la libertà e la giustizia. 

  •  La sua parola passava attraverso il vaglio di un’esperienza vissuta in una trincea avanzata;

  • era una parola che entrava in ogni cuore e per ognuno – dal ricco al povero, dal politico al letterato, dal poeta all’operaio e al contadino aveva un tono e un calore che inducevano a meditare, ad animare … ».

Commenta mons. Astori, che di don Mazzolari fu amico devoto dall’adolescenza al tramonto:
«Bisognava aver vissuto una Pasqua nella Parrocchia di don Primo per rivivere la commozione grande che egli sapeva trasfondere al suo popolo …

  • In lui la liturgia dei giorni più sacri aveva un’efficacia profonda e singolare. 

  •  La chiesa era preparata con grande sobrietà, ma con cura amorevole.

  •  I bambini, che egli sapeva davvero educare ad un senso di pietà squisita, diventavano suoi validi cooperatori nello svolgimento delle funzioni.  Tutto il popolo subiva il fascino dell’ambiente sacro e sentiva la potenza del Sacerdote che parlava con tanto ardore».

Ed ecco I'”Emmaus” del 1957.  Tempo di sperare” lo intitoleremmo, dopo il “Tempo di credere” del 1940.  Una speranza interamente affidata alla libertà dell’uomo, alla sua inesausta capacità di rinnovarsi.  Questo tema trova espressione in una prosa straordinariamente scarna e trasparente :

  • «Non poteva la Provvidenza fare sì che tutto l’anno fosse primavera … che le foglie rimanessero sempre sugli alberi … ?».

  • Voi sapete cos’è il Paradiso?… ».

 

Parole che sembrano intrise di gioia, tanta è la forza con cui don Primo vedeva la Presenza divina nel mondo.

 

         Miei cari fratelli, in questa seconda festività di Pasqua voglio farvi riflettere – e rifletto io con voi – su alcuni particolari del mistero della passione, della morte e della resurrezione del Signore.

Nel Vangelo che avete sentito cantare (in latino, purtroppo!) si parla di due discepoli che, usciti dal Cenacolo, si avviarono verso Emmaus, un borgo non molto lontano da Gerusalemme.  Camminando, parlavano dei grandi avvenimenti di quei giorni.  Erano delle persone accorate.  Avevano la tristezza di quanto era accaduto e, soprattutto, avevano l’immensa tristezza di aver perduto il Maestro.

Lungo la strada sono raggiunti da un misterioso personaggio che era poi il Cristo, il quale raccoglie la loro pena, ed un po’ alla volta mette nel loro animo la speranza che avevano perduta … Gesù, costretto a fare animo ai suoi figlioli che avevano perduto la fiducia in Lui.

Ecco un particolare che mi fa pensare alla misteriosa maniera con cui il Signore si comporta con noi, e che noi, nella nostra poca intelligenza, tante volte deprechiamo.  Per esempio:

  • perché non è andato a Bethania prima che Lazzaro morisse?  Vi è andato quando Lazzaro era ormai morto da quattro giorni. 

  • Perché non è fuggito da Gerusalemme, quando sapeva che attorno a Lui si stringevano le mene dei suoi avversari?

  • Perché non è disceso dalla croce quando i suoi avversari, passando sotto di essa, si rivolgevano a Lui in tono beffardo? «Ha salvato gli altri – dicevano e non è capace di salvare se stesso!  Se veramente è il Figlio di Dio, discenda dalla croce» !

Il Signore Gesù ha un suo metodo, un modo d’agire e di comportarsi che non va d’accordo con la nostra logica.  La nostra maniera di ragionare ci sembra molto più intelligente, molto più efficace e più utile della sua ed esige minor dispendio e minore sforzo.

Volete un altro esempio tratto dalla natura ? 

  • C’era proprio bisogno che d’autunno cadessero tutte le foglie e la natura si abbandonasse al lungo sonno invernale per darci il gusto della primavera ?

  • La primavera che viene dopo l’inverno non vi pare una cosa mal organizzata? 

  • Non poteva la Provvidenza fare sì che tutto l’anno fosse primavera e non si alternassero stagioni così disuguali; che le foglie rimanessero sempre sugli alberi, che la vegetazione fosse continua ?

Noi, che siamo gente molto ragionevole, avremmo messo insieme un mondo fatto a questa maniera, ma avremmo tolto la bellezza alle cose, perché la bellezza di ogni creatura è nella sua capacità di rinnovarsi.

  • Se Gesù fosse venuto a Bethania quando Lazzaro era ammalato, gli altri non avrebbero visto il miracolo della resurrezione e non avrebbero creduto in Lui. 

  • Se si fosse sottratto alla morte, noi avremmo detto: guarda, non è un uomo, non ha accettato il nostro destino.  Ed egli non avrebbe potuto mettere nella fragilità della nostra natura, quella immensa speranza che ci viene soltanto dalla sua resurrezione. 

  • Se i due discepoli non l’avessero incontrato lungo la strada che va da Gerusalemme ad Emmaus, se Egli non si fosse fermato nella loro casa e non si fosse manifestato nello spezzar del pane, essi non avrebbero trovato la freschezza ed il rinnovamento della loro fede. 

  • Miei cari fratelli, la religione nostra è una religione di novità.  Non c’è niente di vecchio anche se voi, qualche volta, avete l’impressione che tutto qui, nella Chiesa, si ripeta secondo una tradizione secolare che non ha più nulla che vi possa incuriosire.

Guardate come si è comportato il Signore anche nei riguardi della nostra anima. 

  • Egli non ci ha mai impedito di fare il male. 

  • Ma non sarebbe stato molto più bello se il Signore ci avesse conformato in maniera tale da non cadere più nelle solite e penosissime mancanze? 

  • Se Egli ci aiutasse in una maniera più efficace e, contro la nostra stessa libertà, ci costringesse a resistere al male, noi Gli saremmo più grati.

Io non so se questo sarebbe una gioia per l’uomo. 

  • Dio non ci impedisce di fare il male, ma fa una cosa più grande:

  • viene accanto a noi, sulla strada del nostro peccato, pronto a tollerarci, a sopportarci, a dimenticare,

  • a volerci bene nonostante le nostre indegnità, a perdonarci nonostante il ripetersi continuo dei nostri allontanamenti e dei nostri tradimenti.

Io trovo che questo metodo del Signore è molto bello e mi fa sentire ancora di più la sua infinita potenza e la sua infinita bontà.  Non è soltanto un modo conforme alla nostra natura umana, ma è proprio il più bel modo, il più rispettoso dei modi, il più paterno, dei modi. 

Perché noi vogliamo tanto bene ai nostri genitori ?

Certo, essi ci ammoniscono, ci rimproverano, ci indicano la strada buona.  Ma quando noi sbagliamo e veniamo meno ai nostri doveri, i primi a capirci e a perdonarci sono loro, i nostri genitori.  Donde questo affetto particolare verso nostro padre e nostra madre, se non da questa capacità che è tutta loro, di saper compatire, aiutare e perdonare?  Non è che non vedano i nostri difetti, che non capiscano i nostri torti, che non ne misurino la gravità.  Ma no: lo sanno, li vedono e ne soffrono.  Eppure, nel gran bene che ci vogliono, compatiscono e perdonano.

E così fa il Signore!  Non ci costringe ad essere buoni. 

  • Ci ha indicato la strada dandoci la sua legge, che è stata scritta nei nostri cuori prima ancora di essere rivelata attraverso Mosè. 

  • Poi, è venuto Lui stesso a segnare la strada con il suo esempio e ci ha detto: «Chi vuol venire dietro a me, prenda la sua croce e mi segua».  Egli è sempre davanti, come un pastore. 

  • C’è una sola differenza: i pastori di questo mondo portano il bastone, mentre Cristo non ha mai portato il bastone, Cristo ha portato anche Lui un legno: ma è il legno della croce, che ha tutt’altro significato.  Esso è il compimento ed il simbolo reale della sua offerta piena. 

  • Egli ci ha dato l’esempio ma non ci costringe a seguirlo.  Chi vuol seguirlo lo segue e chi non vuol seguirlo non lo segue.  C’è la pecora che vuol perdersi e si perde e c’è la pecora che rimane accanto a Lui.  Egli andrà alla ricerca della pecorella smarrita, ma non imporrà agli altri di rimanere nell’ovile.

Ecco il senso di libertà che noi vediamo consacrato dal mistero della passione, della morte e della resurrezione di Gesù.  Voi mi direte: ma allora saremo sempre da capo e ci saranno sempre delle miserie nel mondo, perché ci saran sempre delle teste che non ragionano, delle pecore che andranno fuori strada, dei cristiani che rinnegheranno il Cristo, della gente che non troverà mai la strada buona. 

Certo ! … Vorreste voi mettere nel mondo una legge diversa da quella del Cristo?  Se il Signore ci sopporta come siamo, il Signore rispetta la nostra libertà, le nostre ribellioni, le nostre resistenze.  Vorreste voi obbligare la gente a camminare quando non ha voglia di camminare ?  Cosa ne fareste di una religione da galeotti, di una Chiesa prigione?  Che cosa ne fareste di un mondo in cui tutti fossero costretti a seguire una stessa regola, a camminare allo stesso modo, a vestirsi alla stessa maniera, a cantare dietro ordine, a camminare dietro ordine ? …

Ci sono purtroppo di quelli che vorrebbero rifare il mondo e trovare la salvezza a questa maniera. Essi dimenticano che Dio è il custode della libertà umana.  Egli è garante della libertà, contro l’uniformità degli uomini, contro il desiderio di fare del mondo una caserma per poter far stare tutti bene.

  • Il Signore ha accettato l’insuccesso; ha accettato di essere dichiarato impotente: e davanti agli uomini che qualche volta l’irridono, ha rinnegato persino la sua onnipotenza per rispettare la nostra libertà. 

  • Il Signore permette l’inverno, ma poi fa la primavera; permette che noi ci rompiamo la testa, ma poi ce l’accomoda; permette che noi facciamo il peccato, ma poi ci perdona. 

  • Il Signore permette che noi deviamo dalla strada buona, ma poi, quando la strada diventa un baratro, eccolo con le sue braccia aperte come la croce, ad indicarci il nostro sbaglio, a riprenderci amorevolmente per riportarci sul giusto sentiero.  Questo è il metodo del Signore.

Non vi piace ? Non siete contenti di essere trattati con tanta bontà, con tanta larghezza e con tanta libertà?  Non siete contenti di non essere costretti a fare il bene, a fare il galantuomo? 

Voi siete liberi!  Potete spergiurare, potete dire menzogne; potete commettere tutto quello che volete!… Il Signore è in croce proprio per questo: muore in croce perché noi non siamo buoni.  Egli non è indifferente, come non è indifferente vostra madre se non vi prende per il collo e non vi costringe a stare in casa quando voi volete andare a perdervi.

Ecco quello che io vorrei che voi capiste come una delle lezioni più grandi della misericordia di Dio. 

  • Noi dobbiamo ringraziarlo per questa libertà che ci ha dato. 

  • La professione cristiana non è qualcosa di obbligato e di forzato, ma è una semplice, spontanea, cordialissima adesione da parte nostra.

  • Dobbiamo ringraziarlo perché Egli è il solo che ci rispetta.  Nessuno ci ha obbligato ad inginocchiarci nella Pasqua; nessuno ci ha portati qui alla balaustra; nessuno ci ha portati in chiesa; nessuno ci obbliga ad essere buoni.

C’è soltanto un invito: l’invito divino che ha la capacità di rifare, di rimettere a posto, di ricostruire. 

  • La primavera è bella perché essa è la ricostruzione, da parte dell’onnipotenza di Dio, della natura che nell’inverno è venuta meno. 

  • E così, vedete, la Pasqua è bella non perché il Signore si sia sottratto alla morte, ma perché ha vinto la morte;

  • non perché ha impedito agli Ebrei di essere dei deicidi, ma perché ha perdonato ai deicidi. 

  • La Pasqua è bella perché è il segno della misericordia di Dio che ha impresso, sul volto di ogni uomo, i segni della Redenzione.

Noi possiamo diventare cattivi, ma Cristo rimane infinitamente buono e infinitamente aperto alle nostre miserie.  Vale di più saper ricostruire che distruggere.  E questo è il segno più bello della bontà onnipotente ed inesausta di colui che è venuto ad aprire il Paradiso su questa terra.

Voi sapete cos’è il Paradiso ?

  • Il paradiso è sentire che c’è un cuore divino che non si stancherà mai di battere per l’uomo, anche se l’uomo lo rinnega;

  • che c’è qualcuno che non si stancherà mai di spalancare le sue braccia, anche se noi andiamo lontano. 

  • Qualcuno che è disposto a lasciarsi spaccare il cuore per dare un porto a questo povero mondo.

DA: http://www.atma-o-jibon.org/italiano3/tempo_di_credere29.htm

In un’altra circostanza, così commentava il passo 24 di Luca:

 “Voglio bene ai Due di Emmaus, che, confessando se stessi, m’aiutano a sopportare la povertà della mia anima nei confronti della speranza.

…Una speranza che finisce e la strada che continua! Non conosco nulla di più pauroso.

…Se una povera speranza può avviarci verso la vera speranza vuol dire che in ogni speranza si nasconde la Speranza.

…Dio è l’Eterno e noi pretendiamo di costringerlo ad agire nel tempo con i nostri criteri effimeri, mentre il tempo che si fa storia gli obbedisce secondo un ritmo dell’eternità.

La speranza è un credito fatto a Dio oltre ciò che l’uomo riesce a vedere e capire. La beatitudine incomincia, dove finisce il vedere: – Beato chi rederà senza aver visto- .

…Quante volte il Papa nella sua umanità sensibile e passionata al pari della nostra sarebbe tentato di volgere piuttosto a destra che a sinistra, risparmiarsi questa o quella prova. Ma la strada è già segnata. Il Pastore precede: il Pastore segue.

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

8 risposte a TEMPO DI CREDERE – Primo Mazzolari

  1. angelo ha detto:

    In un’altra circostanza, così commentava il passo 24 di Luca: “Voglio bene ai Due di Emmaus, che, confessando se stessi, m’aiutano a sopportare la povertà della mia anima nei confronti della speranza….Una speranza che finisce e la strada che continua! Non conosco nulla di più pauroso. …Se una povera speranza può avviarci verso la vera speranza vuol dire che in ogni speranza si nasconde la Speranza.

  2. angelo ha detto:

    Ho cominciato a leggere Don Mazzolari quando avevo 18-19 anni. E quelle letture m’hanno sempre lasciato il segno: scottature salutari sull’anima, ferite che mai si sono cicatrizzate. Dio gliene renda merito. Morto il 12 Aprile 1959, la Chiesa si decida ad assegnare a questo cantore della speranza il posto che si merita tra i testimoni e profeti del nostro tempo.

  3. lucetta ha detto:

    Grazie per questa perla di omelia!!!!! Preziosissima!!!! Don Mazzolari mi faceva pensare a Don Milani e viceversa…anche se diversi….molto simili nella passione per le anime che li consumava. Di don Mazzolari ricordo anche alcuni pensieri che mi scuotevano:

  4. lucetta ha detto:

    "Ci impegniamo Noi e non gli altri, unicamente noi e non gli altriNé chi sta in alto, né chi sta in basso, né chi crede , né chi non crede. Senza pretendere che altri si impegni con noi, o per suo conto, come noi o in altro modo.

  5. lucetta ha detto:

    Senza giudicare chi non s’impegna, senza accusare chi non s’impegna, senza condannare chi non s’impegna, senza cercare perchè non s’impegna, senza disimpegnarci perché altri non s’impegnano. Sappiamo di non poter nulla su alcuno. Se qualche cosa sentiamo di potere- e lo vogliamo fermamente- è su di noi, soltanto su di noi.

  6. lucetta ha detto:

    Il mondo si muove se noi ci muoviamo, si muta se noi ci mutiamo, si fa nuovo se alcuno si fa nuova creatura, imbarbarisce se scateniamo la belva che è in ognuno di noi. L’ordine nuovo incomincia se alcuno si sforza di divenire un uomo nuovo. La primavera incomincia col primo fiore, la notte con la prima stella, il fiume con la prima goccia d’acqua, l’amore col primo sogno. Don Primo Mazzolari

  7. angelo ha detto:

    Don Milani e Don Mazzolari: profezia nella Chiesa, tra i precursori del Concilio Vaticano II.

    Il primo: “l’obbedienza non è più una virtù”.
    Il secondo: “obbedientissimo in Cristo”.
    Entrambi: obbedienti al Vangelo e alla Chiesa.

    Grazie Lucetta per il messaggio.

    Faccio subito mia questa convinzione:
    Sappiamo di non poter nulla su alcuno. Se qualche cosa sentiamo di potere – e lo vogliamo fermamente – è su di noi, soltanto su di noi“.
    Ma: “Guai a me se non evangelizzo!” ((1 Cor 9,16).

  8. lucetta ha detto:

    Infatti il nostro compito è quello di seminare, seminare, seminare…….senza pensare al raccolto, se ci sarà o non ci sarà….e continuare invece il lavoro di "estirpare le erbacce cattive" dal nostro cuore. Un lavoraccio, Angelo, che a volte mi fa piangere…..ma come diceva don Mazzolari:Se qualche cosa sentiamo di potere- e lo vogliamo fermamente- è su di noi, soltanto su di noi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...