Benedetto XVI rinnova l’affidamento dell’Italia al cuore di Maria

MATER UNITATIS

http://youtu.be/9f9TXZVy9gY

ITALIA  unita da 150 anni

Affidamento del popolo italiano  a Maria Mater unitatis


Saluto del cardinale Angelo Bagnasco


Riflessione di Benedetto XVI

 In occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, la Chiesa desidera affidare a Maria, invocata con il titolo di Mater Unitatis, tutto il popolo italiano. Per questo il Consiglio Episcopale Permanente della Cei lo scorso marzo ha stabilito di invitare tutte le diocesi a proporre un momento di preghiera mariana giovedì 26 maggio 2011. Benedetto XVI, accogliendo l’invito del cardinal Angelo  Bagnasco, si recherà nella basilica di Santa Maria Maggiore, per presiedere la recita del Santo Rosario, insieme con i vescovi italiani. 

O Dio, vieni a salvarmi. Signore,
vieni presto in mio aiuto

Gloria

Amen  Alleluia

Fratelli e sorelle, in occasione dei 150 anni  dell’Unità d’Italia, la Chiesa  desidera affidare a Maria, che invochiamo con il titolo di Mater  Unitatis, tutto  il popolo italiano. In comunione con le altre comunità cristiane, celebreremo i Misteri della Luce. Come afferma lo stesso beato Giovanni Paolo II,  «Passando dall’infanzia e dalla vita di Nazareth alla vita pubblica di Gesù, la contemplazione ci porta su quei misteri che si possono chiamare, a titolo speciale, ‘misteri della luce’. In realtà, è tutto il mistero di Cristo che è luce. Egli è «la luce del mondo» (Gv 8, 12). Ma questa dimensione emerge particolarmente negli anni della vita pubblica, quando Egli annuncia il vangelo del Regno. Volendo indicare alla comunità cristiana cinque momenti significativi – misteri ‘luminosi’ – di questa fase della vita di Cristo, ritengo che essi possano essere opportunamente individuati:

  1. 1. nel suo Battesimo al Giordano,
  2.  2. nella sua auto-rivelazione alle nozze di Cana,
  3.  3. nell’annuncio del Regno di Dio con l’invito alla conversione,
  4.  4. nella sua Trasfigurazione e, infine, 
  5. 5. nell’istituzione dell’Eucaristia, espressione sacramentale del mistero pasquale»
    (Rosarium  Virginis Mariae, 21)

.A Maria, Madre dell’unità, che conosce le necessità dei suoi figli, chiediamo di intercedere presso il Figlio suo Gesù, perché questo nostro popolo possa  godere di pace e prosperità.

Preghiamo.
O Dio onnipotente ed eterno,
che hai costituito Maria Madre del tuo diletto Figlio,
concedi al popolo italiano,
che confida nella sua materna protezione,
di godere sempre
i doni dell’unità e della pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio,
che è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Misteri della Luce

1. Il battesimo nel Giordano.

Nel primo mistero della luce contempliamo Gesù che viene battezzato nel fiume Giordano.

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1,29-34).
Giovanni Battista, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele». Giovanni testimoniò dicendo: «Ho  ontemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma   proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Padre NostroAve MariaGloria

  • Santa Maria prega per noi
  • Santa Madre di Dio prega per noi
  • Figlia prediletta del Padre prega per noi
  • Stirpe di Abramo prega per noi
  • Erede della promessa prega per noi
  • Germoglio di Iesse prega per noi
  • Pienezza di Israele prega per noi
  • Mater unitatis prega per noi

Preghiamo.
O Padre,
che in Cristo, agnello pasquale e luce delle genti,
chiami tutti gli uomini a formare il popolo della nuova alleanza,
conferma in noi la grazia del battesimo
con la forza del tuo Spirito,
perché tutta la nostra vita
proclami il lieto annuncio del Vangelo.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

2. Le nozze di Cana

Nel secondo mistero della luce contempliamo Gesù che si manifesta a Cana quale Sposo del suo popolo Israele.

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 2,1-11).
Il terzo giorno vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu nvitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino».
E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».
Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i  servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in  tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu  invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

Padre  NostroAve MariaGloria

  • Santa Maria prega per noi
  • Santa Madre di Dio prega per noi
  • Avvocata nostra prega per noi
  • Mediatrice di grazia prega per noi
  • Donna della nuova alleanza prega per noi
  • Sorella dell’umanità prega per noi
  • Immagine della Chiesa prega per noi
  • Tu, che hai allietato la mensa di Cana prega per noi
  • Mater unitatis prega per noi

Preghiamo.
O Padre,
che nella tua provvidenza
hai voluto associare la Vergine Maria
al mistero della nostra salvezza,
fa’ che, accogliendo l’invito della Madre,
mettiamo in pratica ciò che il Cristo
ci ha insegnato nel Vangelo.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

 3. L’annuncio del Regno di Dio

Nel terzo mistero della luce contempliamo Gesù che annuncia l’avvento del Regno di Dio e nvita alla conversione.

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 4,16-21).
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato,  entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi,
a proclamare l’anno di grazia del Signore.

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

Padre NostroAve MariaGloria

  • Santa Maria prega per noi
  • Santa Madre di Dio prega per noi
  • Discepola di Cristo prega per noi
  • Testimone del Vangelo prega per noi
  • Beata perché hai creduto prega per noi
  • Beata perché hai custodito la Parola prega per noi
  • Beata perché hai fatto la volontà del Padre prega per noiMater unitatis prega per noi

Preghiamo.
O Padre,
tu che hai mandato il Cristo tuo Figlio
ad annunciare ai poveri il lieto messaggio del tuo Regno,
fa’ che la sua parola di conversione,
che oggi risuona nella Chiesa,
ci renda strumento di liberazione e di salvezza.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

 4. La trasfigurazione

Nel quarto mistero della luce contempliamo Gesù che rivela sul Tabor il mistero della sua passione e della sua glorificazione.

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 9,2-9).
Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero plendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù.
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere  qui;  facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti.

Padre NostroAve MariaGloria

  • Santa Maria prega per noi
  • Santa Madre di Dio prega per noi
  • Donna fedele nell’attesa prega per noi
  • Donna fedele nella sequela prega per noi
  • Donna fedele presso la Croce prega per noi
  • Segno di consolazione prega per noi
  • Segno di sicura speranza prega per noi
  • Mater unitatis prega per noi

Preghiamo.
O Dio, Padre buono,
che non hai risparmiato il tuo Figlio unigenito,
ma lo hai dato per noi peccatori;
rafforzaci nell’obbedienza della fede,
perché seguiamo in tutto le sue orme
e siamo con lui trasfigurati nella luce della tua gloria.
Per Cristo nostro Signore. Amen

5. L’Eucaristia

Nel quinto mistero della luce contempliamo Gesù che, nell’ultima Cena, ci rivela l’amore del Padre.

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 22,14-20).
Quando venne l’ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui, e disse  loro: «Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, perché io vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio».
E, ricevuto un calice, rese grazie e disse: «Prendetelo e fatelo passare  tra voi, perché io vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della  vite, finché non verrà il regno di Dio».
Poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo, che è dato per voi; fate questo in memoria di me». E, dopo aver cenato, fece lo stesso con il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che è versato per voi».

Padre NostroAve MariaGloria

  • Santa Maria prega per noi
  • Madre di Dio prega per noi
  • Piena di grazia prega per noi
  • Fonte di bellezza prega per noi
  • Tesoro di virtù e sapienza prega per noi
  • Frutto primo della redenzione prega per noi
  • Donna della nuova alleanza prega per noi
  • Mater unitatis prega per noi

Preghiamo.
O Dio, 
tuo Figlio, prima di consegnarsi alla morte,
affidò alla sua Chiesa il nuovo ed eterno sacrificio,
convito nuziale del suo amore;
accresci in noi la fede, la speranza, la carità.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Salve  Regina

Atto di affidamento a Maria

O Maria, Madre Tuttasanta,
che hai dato alla luce il Re dell’eterna gloria
e, dopo averlo seguito fedelmente fino al Calvario,
hai atteso intrepida la sua risurrezione,

rivolgi il tuo sguardo alla nostra amata Italia,
che porta in sé la grande eredità
dei santi Apostoli, dei Martiri,
dei Pastori, delle beate Vergini
e di tanti generosi discepoli del tuo Figlio.

A te, o Maria, affidiamo la nostra Nazione,
che ti riconosce e ti invoca come Madre.

Maria, piena di grazia, interceda per noi.

Guarda con benevolenza il popolo italiano:
a te sono noti i suoi peccati e le sue virtù,
le sue ricchezze e le sue miserie,
le sue debolezze e i suoi gesti di bontà.

Veglia sulle case e sulle famiglie,
sui quartieri e sulle comunità,
sulle scuole e gli ospedali,
le industrie, gli uffici, i cantieri
e tutte le molteplici espressioni
dell’operosità quotidiana.

Assisti i giovani, i disoccupati, i poveri, gli emarginati,

che cercano uno spazio di vita e un soffio di speranza.

Maria, piena di grazia, interceda per noi.

Fa’ che non si estingua nelle nuove generazioni la fede trasmessa dai Padri;
resti vivo e coerenteil senso dell’onestà e della generosità,
la concordia operosa, l’attenzione ai piccoli, agli anziani e agli ammalati,
la premurosa apertura verso tutta l’umanità,

che in ogni parte del mondo soffre e lotta,
e spera verso un avvenire di giustizia e di pace.

Intercedi per noi, o Vergine Maria, Madre dell’unità,
insieme ai santi Patroni d’Italia:
Francesco d’Assisi e Caterina da Siena,

i santi della nostra Chiesa particolare: …

e tutti i testimoni del Vangelo,
i cui nomi sono nel libro della vita.

Maria, piena di grazia, interceda per noi.

Risplenda sempre il volto del Padre
sulla nostra Nazione, sulle nostre città, sui nostri paesi;
la tua materna protezione, o Maria,
ci accompagni ogni giorno, nel cammino del tempo,
verso l’incontro finale con Cristo, nella Patria futura.

Egli, risorto dai morti e asceso al cielo,
nostro avvocato e mediatore,
vive e regna nei secoli dei secoli. Amen

Regina  caeli

Benedizione solenne

Dio, Padre misericordioso,
per l’immenso amore verso la Madre del suo Figlio,
vi doni la salute dell’anima e del corpo. Amen.

Gesù Cristo,
frutto del grembo verginale di Maria,
vi conceda ogni virtù e dono
per rendervi più graditi al suo cuore. Amen.

Lo Spirito Santo
vi doni la dolcezza della pace
e al nostro popolo italiano
unità e concordia. Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre. Amen.

(Da Parrocchia dei santi Pietro e Paolo di Rovellasca)

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...