MARIA SEGNO DI BENEDIZIONE – Carlo Mara Martini

Santa Maria dei Globuli Rossi-001GR - Globuli Rossi company

Dalle “maledizioni” umane, alla partecipazione della “benedizione” di Maria

 

carlo-maria-martini-testimone-del-nostro-tempoIn questa festa liturgica della Madonna ascoltiamo una pagina della Scrittura che è davvero impressionante.

Mi ha colpito perché in essa c’è, per la prima volta nella Bibbia, la parola della maledizione: Maledetto il serpente più di tutte le bestie selvatiche (Gn 3, 14). La maledizione del serpente è simbolo della maledizione di tutte quelle cose che rovinano gli uomini. 

Mi ha colpito perché penso a quante altre volte la parola «maledizione» è stata, da allora, ripetuta, a quante volte sono state lanciate nel mondo delle maledizioni gli uni contro gli altri, a quante volte siamo giunti a maledire noi stessi e addirittura a maledire Dio.

A partire dal racconto che la Scrittura ci riporta, il segno doloroso del peccato e della tristezza è entrato nel mondo e, per così dire, ci perseguita. Forse non arriviamo sempre a pronunciare quella parola ma ci sono tante cose in noi, intorno a noi, nella società che non vanno, che noi non vogliamo e che suscitano in noi un moto di ribellione.

  • Ci ribelliamo contro noi stessi perché non siamo sempre ciò che vorremmo essere;
  • ci ribelliamo contro gli altri che riteniamo la causa di ciò che in noi non va;
  • ci ribelliamo anche contro Dio perché non sappiamo capire quanto Dio ci ama.

È, dunque, una parola terribile che si riproduce nella storia umana, così come si riproduce il peccato.

È il peccato la vera causa di tutte le scontentezze, di tutte le tristezze, di tutte le guerre, di tutte quelle cose che sono in realtà la maledizione dell’uomo. Ed ecco che il Vangelo ci porta il ricordo delle parola contraria alla maledizione:

  • «Benedetta tu, benedetta tu tra le donne!» (Lc 1, 42).
  • Questa parola rivolta alla Madonna è simbolo del meglio di noi stessi.  
  • Noi siamo chiamati non a maledire noi stessi e gli altri:
  • noi siamo chiamati in realtà a benedire Dio,
  • a benedire la vita, a benedire il futuro.

La Madonna è il simbolo di tutto questo,

  • è il simbolo di tutte quelle cose che noi vorremmo essere,
  • è il simbolo di quello che vorremmo che il mondo fosse,
  • che vorremmo che gli altri fossero, che vorremmo che fosse la società. 

maria-serva-del-signore-sieger-koeder-olio-telaPregando oggi la Madonna noi preghiamo, quindi, col meglio di noi stessi, con tutto ciò che di bene c’è in noi.

  • Preghiamo perché questo bene si allarghi,
  • preghiamo perché ciò che in noi è magari soltanto uno spazio di luce diventi più largo,     
  • preghiamo perché ciò che in noi è uno spiraglio di serenità cresca.

 

Possiamo augurarci che la Madonna entri nella nostra vita con la sua benedizione in modo da poter dire, in tutta verità:

  • benedetta sei, o Maria, tra tutte le donne!
  • Fammi partecipe della tua benedizione,
  • fa’ che anch’io senta quanto c’è in me che può diventare parte della tua benedizione!

 

Carlo Maria Martini, Solennità dell’Immacolata Concezione

 

 GR - Globuli Rossi company

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY, Maria la vergine madre. Contrassegna il permalink.

Una risposta a MARIA SEGNO DI BENEDIZIONE – Carlo Mara Martini

  1. lucetta ha detto:

    Ecco, ho pregato ed incollo qui un anelito di C.Carretto a Maria.
    “Se credere è difficile, non credere è morte certa.
    Se sperare contro ogni speranza è eroico,
    il non sperare è angoscia mortale.
    Se amare ti costa il sangue, non amare è l’inferno.
    E’ nella fede l’incontro con Dio. E la fede è oscura.
    La speranza è dolorosa. La carità è crocifissa.
    La fede era certamente oscura, dolorosa anche per te, Maria,
    non solo per noi tuoi fratelli su questa terra di viventi.
    Non è così anche per te?
    Non c’è fatica più grande sulla terra
    della fatica del credere, sperare, amare:Tu lo sai .
    Aveva ragione la tua cugina Elisabetta a dirti:
    «Beata te che hai creduto!».
    Aiutami, Maria, a credere. Dammi la tua fede.

    (C.Carretto)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...