SAN RICCARDO PAMPURI: La testimonianza di M. C. – Catanzaro Lido

Verola Vecchia

Verola Vecchia

Ciao a tutti, sono M.C., abito a Catanzaro Lido, sposato con V.C., padre di due bambini di 7 e 5 anni, e vorrei raccontarvi un’esperienza accadutami nel settembre 2008, e condividerla con voi.

Mi ero trasferito da poco per lavoro a Verolavecchia, un paesino in provincia di Brescia.

San Riccardo Pampuri - immaginetta calpestata per la stradaQuel pomeriggio di meta’ settembre mentre passeggiavo verso il centro notai per terra un’immaginetta tutta rovinata, sporca, sicuramente passata chissa’ sotto quante automobili. Io continuai a camminare fino a quando qualcosa mi fece tornare indietro per raccoglierla.

Era la figura di San Riccardo Pampuri, un Santo a me sconosciuto. La raccolsi quasi per compassione e la misi nel portafoglio.

Qualche giorno dopo mi arrivo’ dalla Calabria una terribile notizia, a mia moglie era stato diagnosticato un tumore al colon retto. A questo punto, sconvolto, presi il treno e scesi subito in Calabria. La situazione era piu’ grave di come immaginavo, bisognava operare d’urgenza.

Ad operarla arrivò da Roma il Prof. Sacco, che all’epoca dell’attentato a Papa Giovanni Paolo II, faceva parte dello staff medico che si occupo’ di lui.

Mia moglie, considerando pure che avevamo due bimbi piccoli, aveva il morale a pezzi. La sera prima dell’operazione cercavo di darle conforto.

Ad un certo punto mi ricordai che nel portafoglio avevo quell’immaginetta trovata per la strada, la presi e la mostrai a mia moglie. Lei, al vederla, con le lacrime agli occhi, mi guardo’ e mi disse che il chirurgo che le aveva scoperto il male (difficilissimo da individuare essendo in una parte nascosta) si chiamava Riccardo, come il Santo. 

Tutto questo le servi’ a prepararsi all’operazione con una speranza nuova: che sarebbe andato tutto bene. La mattina del 1• ottobre, mia moglie venne presa e portata nella sala operatoria. Doveva essere operata solo al retto, ed in seguito essere operata anche al fegato dove c’era già una metastasi. 

Per caso si trovava in ospedale, per un convegno, un professore, considerato uno dei piu’ bravi in Europa per quanto riguarda il fegato. Cosi’, d’accordo con tutto lo staff, si decise di effettuare intervento contemporaneo sia al colon retto che al fegato. Il rischio era enorme, anche perche’ mia moglie era molto debilitata. 

L’operazione duro’ 11 ore, e i medici riuscirono a togliere tutto il male. Parlando con loro, mi dissero che erano accadute molte coincidenze positive, ma che il gran merito era del dottor Riccardo C. che era riuscito a scoprire tutto.

Da allora sono passati quattro anni, mia moglie sta bene: ha fatto chemioterapia, e fa controlli due volte l’anno; insegna matematica, si gode i bambini, e tutti insieme, speriamo di poter andare di persona, un giorno, al Santuario di SAN RICCARDO PAMPURI per ringraziarlo, perche’ crediamo che nello staff dei medici quel giorno c’era anche lui.

In amicizia, M.C. V.C.

Questa voce è stata pubblicata in SAN RICCARDO PAMPURI. Contrassegna il permalink.

2 risposte a SAN RICCARDO PAMPURI: La testimonianza di M. C. – Catanzaro Lido

  1. lucetta ha detto:

    Bella testimonianza!!!!!San Riccardo è presente e lavora.

  2. Deborath ha detto:

    E’ davvero meravigliosa questa testimonianza…
    Sai, Angelo, anch’io da me ne ho data una su S. Riccardo e sono certa che non ci crederai!!!!
    Passa, se ti va, mi farebbe piacere…
    Ti abbraccio forte forte…🙂
    A presto…

    P. S. Catanzaro Lido è a un’oretta da casa mia…😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...