FRA FIORENZO PRIULI UNA SCHIENA A DISPOSIZIONE DI DIO

Fra Fiorenzo Priuli

Ogni tanto ripropongo all’attenzione questo mio vecchio amico, da più di quarant’anni una robusta schiena a disposizione di Dio, una quercia che si piega ma non si spezza.

San Giovanni di Dio schiena a disposizione di Dio-001

C’è un italiano di cui il nostro Paese dovrebbe essere orgoglioso e che invece non conosce. Si chiama Fiorenzo, fratel Fiorenzo, e vive a Tanguieta, nel nord del Benin, a 650 chilometri dalla costa. Africa profonda, Africa poverissima: un posto dove un occidentale mai si sognerebbe di andare vivere. Le costruzioni in cemento sono pochissime e i 70 mila abitanti di questa regione vivono in capanne o in casette costruite con mattino di fango indurito. Nei mesi estivi la temperatura supera i 45 gradi e il caldo è così secco da spaccare le labbra. Eppure proprio qui Fiorenzo ha trovato il suo equilibrio, rinunciando a tutto, convinto che la felicità sia dare, sia aiutare, senza condizioni, senza pensare se il sofferente che ha davanti è un cristiano, un musulmano o un animista.

Di cognome fa Priuli e non è un prete, sebbene 40 anni fa abbia pronunciato i voti di povertà, castità, obbedienza e ospitalità diventando un seguace di San Giovanni di Dio, il fondatore dell’ordine dei Fatebenefratelli. Ma è un gigante del Bene e dell’Altruismo, degno di Madre Teresa di Calcutta. La Francia lo apprezza da tempo e nel 2002 Chirac gli ha attribuito la Legione d’Onore; nel Benin è venerato come una divinità, da Cotonou, la città principale, al più remoto villaggio agricolo. E oltre confine: vengono a farsi curare da lui pazienti dal Burkina Faso, dal Niger, dal Togo.
Lo chiamano l’«uomo dalle mani d’oro». Bresciano della Val Camonica, è un chirurgo, ma col tempo è diventato anche un epatologo, un internista, un manager. Per l’ospedale di Tanguieta farebbe (e fa) di tutto. Perché questa è la sua creatura, il suo miracolo. Trentotto anni fa, quando fu inaugurato dai Fatebenefratelli era composto da poche stanze; oggi è una struttura con 220 posti letti un reparto di chirurgia, uno di medicina interna, un pronto soccorso, la pediatria, la maternità, un centro nutrizionale. Come faccia a funzionare è un autentico mistero. «Della Provvidenza», dice Fiorenzo, che può contare su altri due chirughi e su 7-8 preti medici. Più qualche suora e la mitica Rosanna, un’italiana laica che da vent’anni vive nel Benin ed è la grande organizzatrice. In qualunque altro Paese del mondo l’ospedale sarebbe chiuso da tempo; qui no. Anzi: continua a svilupparsi; grazie anche ai molti volontari che vengono a trascorrere qualche settimana all’anno. E che volontari: una squadra di oftalmologi spagnoli, un famoso primario francese, un grande urologo svizzero, diversi specialisti italiani e persino simpatizzanti che, pur non essendo medici, vengono a dare una mano a dipingere, riparare, tirar su muri. Farebbero di tutto pur di vivere l’atmosfera di Tanguieta.

Perché Fiorenzo è un trascinatore che, con il suo dinamismo, diffonde armonia. Trascorre in sala operatoria almeno 12 ore al giorno, compiendo 20-25 operazioni. E non è mai stanco: ha sempre la luce negli occhi. Quando visita i reparti viene salutato come un Messia: i ragazzi con le gambe deformate dalla poliomelite, e che un giorno riusciranno a camminare grazie ai suoi interventi, si sbracciano felici non appena lo vedono; le madri sdraiate sulle stuoie con i neonati lo ringraziano con un sorriso da qui a lì. Lui scherza con tutti, sempre positivo. La sua generosità è innata. E contagiosa.

In teoria i pazienti dovrebbero pagare per le cure ricevute, una manciata di euro al giorno, ma la maggior parte è così povera da non poter offrire altro che una gallina o un cesto di frutta. Fiorenzo accoglie tutti e riesce a far quadrare i conti grazie alle donazioni che riceve da più parti, in Italia tramite le Onlus U.T.A. (Uniti per Tanguieta e Afagnan) e Amici di Tanguieta.

Oggi ha 62 anni, ha avuto la tubercolosi, l’epatite che dall’81 cura con una pianta miracolosa, il Combretum micranthum, un ginocchio fuori uso, una placca nel femore, ma continua ad avere l’energia di un ragazzo. Non ho ancora capito quante ore dorma per notte. Quando sei con lui il telefono squilla in continuazione: in linea, dall’Italia, il suo grande amico e collaboratore fra Luca Beato, una coppia di malati di Aids che lo chiama solo per salutarlo, una paziente del Burkina Faso a cui deve fissare l’operazione. Il pranzo lo salta quasi sempre e spesso, non appena si siede nel refettorio a cena, viene richiamato in sala operatoria per un’emergenza. Lui si alza e va, senza mai lamentarsi.

http://it.gloria.tv/?media=557933

Fra Fiorenzo Priuli

http://www.arcoiris.tv/scheda/it/15838/

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

6 risposte a FRA FIORENZO PRIULI UNA SCHIENA A DISPOSIZIONE DI DIO

  1. lucetta ha detto:

    L’ha ribloggato su …Semplicemente insieme…e ha commentato:
    Dà gioia e speranza nel futuro sapere che esistono persone come Fra Fiorenzo. Grazie ad Angelo che me l’ha fatto conoscere.
    Lucetta

  2. lucetta ha detto:

    Ho ribloggato l’articolo da me per farlo conoscere anche alle persone che passano nel mio blog. Sono pochissime ma spero che abbiano il cuore “aperto”

  3. msilvia2 ha detto:

    Grazie.

  4. ili6 ha detto:

    E’ una gioia apprendere di persone così.Un grazie di cuore a Fra Fiorenzo e un augurio per la sua Mission al servizio di Dio, al servizio degli altri.
    Un saluto a te, Angelo e a Lucia che mi ha riportata qui. Ciao,
    Marirò

  5. angelonocent ha detto:

    Grazie, Maria Rosa.
    Sono appena passato dal tuo blog e vi farò ritorno.

    http://ili6.wordpress.com/

  6. andrea brandimarte ha detto:

    lo conosco ormai da una vita è per me come un padre , un maestro di vita e di scienza
    sempre riconoscente a lui e tutto l’ordine
    andrea

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...