GESù ABBRONZAMI – Angelo Nocent

1-Pictures19

Quando ho   creato la “cartolina dello spirito” ero stato colto da una suggestione: il titolo di una giornalista che stava scrivedo in spiaggia, sotto l’ombrellone, aprofittando dei pochi giorni di ferie concessile dal suo editore.
Altre volte mi è capitato di proporre l’ELIOTERAPIA perché fin sa ragazzo, sono stato suggestionato da un predicatore diesercizi spirituale che ci suggeriva, per la nostra salute spirituale la CURA DEL SOLE, ossia stare in silenzio ai piedi del Tabernacolo (Gesù abbronzami ! Irrorami della tua Bellezza, rendimi luminoso di Te), suggerimento che ho accolto e sperimentato  ripetutamente. E ci credo ancora all’efficacia terapeutica del metodo.

Scannabue

Poi, navigando, mi sono imbattuto nello stesso suggerimento, da parte di un altro sacerdote, segno che la ricetta fa bene a tutti,  non ha controindicazioni e non c’è bisogno di creme protettive per evitare scottature.

Termometro febbreLa febbre sì, quella è destinata a salire. Ma si tratta di quel Fuoco che Gesù è venuto a portare sulla terra e che ha un dolcissimo nome: amore-title

Tutto bello, poetico. Ma è paola vuota, astratta, se non si arriva, chiudendo gli occhi,  alla personalizzazione:


amore-ti amo

CADONO A PROPOSITO LE PAROLE DI DON GIULIO: LASCIARSI ABBRONZARE

Quando ti metti al sole per abbronzarti, non devi chiedere al sole “ti prego, sole, abbronzami!”, così come non è necessario conoscere le leggi della scienza
del movimento dei pianeti e della velocità della luce.
Tu puoi essere affaccendato in mille cose senza pensare al sole, ma se ti sei messo davanti a lui, il sole ti abbronza.

La stessa cosa succede con Dio e con la fede. Non è affatto casa strana che in ogni cammino di fede si incontrino tappe di vuoto, di smarrimento per le quali ci troviamo ad essere indifferenti e staccati verso Dio, verso la Chiesa e verso i discorsi spirituali.
Così come non è strano che in materia di fede qualche dubbio possa assillarci:

  • ma Dio esiste davvero?
  • si è fatto uomo?
  • è presente nell’Eucarestia?

 

  • Non è strano e non è raro. Capita a tutti, anche a me prete.
  • Non importa quanti e quali studi uno abbia fatto di teologia.
  • Non è grave nutrire un dubbio. Grave è chiudersi e lasciarsi soffocare.
  • Ancor più grave è essere impermeabili e non lasciarsi interpellare.

Non confondiamo i due piani. Un conto è capire il sistema solare, altro è lasciare che il sole ogni giorni muova, scaldi e faccia vivere il nostro pianeta. Non serve sapere e capire il “come”.
Anche se non pensi mai al sole, lui ti permette di vivere ogni giorno.

Non puoi guardare dritto in faccia al sole, ma il sole ti permette di vedere ogni cosa. Così è con Dio.

In tutti i casi, comunque, seguire Gesù non è facile.
La proposta di Gesù è senza dubbio esigente.
Lui non fa sconti, non smussa gli angoli della sua teoria.

Però Dio ci lascia liberi, Dio ci vuole liberi.
Una fede che fosse in qualche modo obbligata non ha alcun valore.
Ed è per questo che lui, non dice nulla, ma in silenzio sta inchiodato, con le braccia allargate per accogliere tutti, anche quelli che se ne vanno, come il sole che se ne sta con i raggi spalancati per abbronzare chi è davanti a lui, anche se fa tutt’altro, se pensa a tutt’altro e non alza mai gli occhi al cielo.

C’è chi però il sole l’ha fatto brillare dentro di sé. Sono i Santi.
Pensiamo ai nostri patroni, ai santi più nostrani, quelli che non erano papi, vescovi, preti o suore, ma quelli che da laici hanno preso in mano la loro vita con la fatica di tutti a credere e a vivere.
Essere santi significa essere al meglio e dare il meglio dove sei, come sei, con chi sei, e con la vita che hai.
Essere santi non è fare cose straordinarie o eroiche ma è fare straordinariamente bene le cose di tutti i giorni.

Oggi nella mia città di Bergamo festeggiamo il patrono: Alessandro.
Sappiamo solo che era un soldato romano e che morì martire perché non obbedì al comando dell’imperatore di sacrificare agli idoli.

Fu un soldato, cioè fu un uomo del suo tempo, inserito nella vita concreta dell’impero romano. È la qualità, il valore, la vocazione dell’essere laico. Tra le diocesi della Lombardia, Bergamo è l’unica ad avere un Santo Patrono laico, cioè che non sia un vescovo o un prete.

Questo diventa per noi invito forte oggi a prendere sul serio la nostra vita quotidiana, le nostre scelte e le nostre decisioni, i nostri affetti e i nostri sentimenti.

Noi oggi siamo apparentemente più “cattolici” di Alessandro ma siamo meno “cristiani” di lui. È molto diverso “fare” il cattolico ed “essere” cristiano. Si tratta di prendere sul serio il Vangelo che è Gesù Cristo e di cercare di metterlo in pratica giorno per giorno. San Paolo dirà: “fare nostri i sentimenti di Cristo!”

La radice della coerenza cristiana sta nella cura dell’interiorità.
Solo una vera e profonda interiorità, sostenuta dal Vangelo, ci permetterà di prendere sul serio la nostra vita.
Prendi sul serio il Vangelo, per prendere sul serio la tua vita. Sfoglia ogni tanto una pagina di Vangelo per leggere la tua vita.

In questi giorni si nota subito chi è stato al sole dall’abbronzatura. Sempre, il sole lascia la sua traccia. Anche il sole della grazia. Impariamo anche ad abbronzarci interiormente: basta poco, basta ritagliare angoli di tempo per metterci davanti a lui.
Noi dobbiamo solo spogliarci. Al resto ci pensa lui, il sole.

1-solesole meraviglioso-004sole meraviglioso-006

Sogni e visioni

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

5 risposte a GESù ABBRONZAMI – Angelo Nocent

  1. msilvia2 ha detto:

    Gesù mi fido di Te.
    Non vedo la luce del sole. Devo, voglio,credere, che Tu ci sei. Tu sei il sole e vivo sempre sapendo che Tu ci sei e mi vedi. Mi guardi. Fai Tu Signore: sono qui e mi fido di Te.
    Amen!

  2. lucetta ha detto:

    “Chi ci separerà dall’amore di Cristo?” Niente e nessuno.

  3. msilvia2 ha detto:

    Continuo a dire:mi fido di Te. Misericordia Signore. Ti invoco, abbi pietà, salvaci,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...