“LASCIA CHE TI CHIAMI, BABBO…” – Gemma Galgani

Downloads110

Se qualcuno mi chiede una preghiera, comincio così:
Gesù ti prego, concedi a…
la misericordia che hai usato con me
“.

Downloads111

Music3

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

5 risposte a “LASCIA CHE TI CHIAMI, BABBO…” – Gemma Galgani

  1. Donatella ha detto:

    Grazie Angelo❤

  2. msilvia2 ha detto:

    Gesù, Ti prego. Oggi, è il giorno.
    Grazie per la Misericordia di ieri.
    Ti chiedo ancora e sempre: Misericordia. Per loro: Tu li sai tutti.
    Per me: come Tu vuoi e permetti.
    Per tutti: TUTTI!
    Grazie, mio Dio.

  3. msilvia2 ha detto:

    E’ sempre il giorno.
    Ti prego Signore. Sono stanca.
    Fai qualcosa.

    • angelonocent ha detto:


      UN SORSO ALLA VOLTA,
      SENZA FARE INDIGESTIONE

      SALMO 107 (106)
      Miracoli della bontà del Signore

      —————————————

      1 Rendete grazie al Signore: egli è buono, eterno è il suo amore per noi.
      2 Lo dicano quelli che il Signore ha liberato, che ha strappato dalle mani del nemico.
      3 Li ha radunati da tutte le nazioni, dal nord e dal sud, dall’est e dall’ovest.

      4 Alcuni si erano perduti nel deserto, vagavano per sentieri desolati senza trovare un luogo abitato.
      5 Erano oppressi dalla fame e dalla sete, avevano già perso ogni speranza.
      6 Allora nell’angoscia gridarono al Signore ed egli li salvò da ogni pericolo.
      7 Fece loro trovare il giusto sentiero verso una città abitata.

      8 Rendano grazie al Signore: egli è buono: compie per l’uomo opere stupende.
      9 Ha dato da bere agli assetati, ha colmato di beni gli affamati.

      10 Altri, incatenati in una orrida prigione, giacevano nel buio più profondo.
      11 Si erano ribellati agli ordini di Dio, avevano disprezzato la volontà dell’Altissimo.
      12 Curvi sotto il peso dell’oppressione cedevano e nessuno li aiutava.
      13 Allora nell’angoscia gridarono al Signore ed egli li salvò da ogni pericolo,
      14 li fece uscire dal buio più profondo, spezzò le loro catene.

      15 Rendano grazie al Signore: egli è buono; compie per l’uomo opere stupende:
      16 ha spezzato sbarre di ferro, ha sfondato porte di bronzo.

      17 Altri, vivendo da stolti, avevano preso la via della rivolta e scontavano la pena per le loro colpe.
      18 Rifiutavano di prendere cibo, erano ormai sull’orlo della fossa.
      19 Allora nell’angoscia gridarono al Signore ed egli li salvò da ogni pericolo.
      20 Con la sua parola li fece guarire e li strappò dalla morte.

      21 Rendano grazie al Signore: egli è buono; compie per l’uomo opere stupende.
      22 Offrano un sacrificio e lo ringrazino, raccontino le sue opere con canti di festa.

      23 Altri ancora viaggiavano sulle navi, si guadagnavano la vita sul mare.
      24 Videro le opere del Signore, i suoi miracoli sulle acque profonde.
      25 Con una parola fece sorgere un forte vento, che sollevò altissime onde.
      26 La nave ora sale verso il cielo, ora sprofonda nell’abisso. Gli uomini sono in pericolo, presi dal terrore.
      27 Hanno le vertigini, barcollano come ubriachi, tutta la loro abilità è finita nel nulla.
      28 Allora nell’angoscia gridarono al Signore ed egli li salvò da ogni pericolo.
      29 Cambiò la tempesta in un vento leggero, fece tacere l’urlo delle onde.
      30 Tornò la calma, si rallegrarono; il Signore li condusse al porto desiderato.

      31 Rendano grazie al Signore: egli è buono; compie per l’uomo opere stupende.
      32 Nell’assemblea del popolo dicano la sua grandezza, in mezzo agli anziani proclamino la stia potenza.
      33 Il Signore cambia i fiumi in deserto, le oasi in arido suolo,
      34 la terra fertile in sterile sabbia se i suoi abitanti sono malvagi.
      35 Ma può cambiare il deserto in lago, l’arida steppa in sorgenti d’acqua
      36 e qui fa vivere gli affamati e qui costruiscono le abitazioni,
      37 seminano campi, piantano vigne, e ne raccolgono frutti abbondanti.
      38 Il Signore li colma di benefici, li rende molto numerosi e non lascia diminuire il loro bestiame.

      39 Quando i suoi fedeli sono ridotti a pochi, oppressi dalle sventure e dal dolore,
      40 il Signore riversa il suo disprezzo sui potenti e li fa vagare in deserti impraticabili.
      41 Solleva il povero dalla miseria, rende la sua famiglia numerosa come un gregge.

      42 Davanti a questi fatti, i giusti si rallegrano, e i malvagi sono ridotti al silenzio.
      43 Chi è saggio, mediti attentamente e riconosca tutto l’amore del Signore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...