SOSS – BERGAMO – Suor Rosanna (sorella d’orazione) per una consorella…

5-Rosanna Pirulli 76SOSS – Silenziosi Oranti Solidali Sorridenti

1-Rosanna Pirulli-001

Suor Rosanna (il primo GLOBULO ROSSO che ha pregato per noi) mi ha fatto sapere di una consorella quarantanovenne, Suor Elena, che ha un tumore ai polmoni.

Di santi è popolato il Cielo,  ma quale invocare come intercessore?

Io avrei un quartetto a portata di mano (appena elaborato): da sinistra, San Riccardo Pampuri, San Benedetto Menni, San Giovanni di Dio, San Giovanni Grande, tutti santi ospedalieri.

Suor Elena Calcagno

Collage64-002

Ma le sorelle hanno la Fondatrice, Madre Provvidenza, morta un decennio fa e che necessita di un miracolo per la beatificazione :

1-Downloads94


Madre Provvidenza era cieca (non dalla nascita) e, tra una fondazione maschili e femminili e l’altra, ha passato una vita di grande sofferenza, offerta per i sacerdoti.

http://www.sehaisetediluce.it/madre_provvidenza.html

Di un miracolo non ne siamo degni ma possiamo chiederlo “non per i nostri meriti ma per la fede della Tua Chiesa”, come diciamo nella Messa. Così noi, sulla parola di Gesù, che non è avaro e ci sollecita a chiedere, osiamo domandare la guarigione…con le parole che solo il suo Spirito sa come formulare.

VIENI, SPIRITO SANTO, VIENI PER MARIA !

Santa Maria dei nodi

1-Documents5

2 Composto dopo la visita del profeta Natan a Davide, il quale aveva avuto una relazione con Betsabea.

3Pietà di me, o Dio, nel tuo grande amore;
nella tua misericordia cancella il mio errore.
4Lavami da ogni mia colpa,
purificami dal mio peccato.

5Sono colpevole e lo riconosco,
il mio peccato è sempre davanti a me.

6Contro te, e te solo, ho peccato;
ho agito contro la tua volontà.
Quando condanni, tu sei giusto,
le tue sentenze sono limpide.
7Fin dalla nascita sono nella colpa,
peccatore mi ha concepito mia madre.
8Ma tu vuoi trovare dentro di me verità,
nel profondo del cuore mi insegni la
sapienza.

9Purificami dal peccato e sarò puro,
lavami e sarò più bianco della neve.
10Fa’ che io ritrovi la gioia della festa,
si rallegri quest’uomo che hai schiacciato.
11Togli lo sguardo dai miei peccati,
cancella ogni mia colpa.

12Crea in me, o Dio, un cuore puro;
dammi uno spirito rinnovato e saldo.
13Non respingermi lontano da te,
non privarmi del tuo spirito santo.
14Ridonami la gioia di chi è salvato,
mi sostenga il tuo spirito generoso.

15Ai peccatori mostrerò le tue vie
e i malvagi torneranno a te.
16Liberami dal castigo della morte, mio Dio,
e canterò la tua giustizia, mio Salvatore.
17Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode.
18Se ti offro un sacrificio, tu non lo gradisci;
se ti presento un’offerta, tu non l’accogli.
19Vero sacrificio è lo spirito pentito:
tu non respingi, o Dio, un cuore abbattuto
e umiliato.

20Dona il tuo amore e il tuo aiuto a Sion,
rialza le mura di Gerusalemme.
21Allora gradirai i sacrifici prescritti,
le offerte interamente consumate:
tori saranno immolati sul tuo altare.

Carlo Maria Martini1-Sacramentum Hospitalitatis

Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

16 risposte a SOSS – BERGAMO – Suor Rosanna (sorella d’orazione) per una consorella…

  1. lucetta ha detto:

    Se conoscessimo il nome potremmo raccomandarla al Signore, alla Vergine Maria, nominandola.
    Comunque assicuro la mia preghiera già da oggi per questa consorella di suor Rosanna.
    Ciao Angelo, giornata serena.

  2. Donatella ha detto:

    Ci sono anch’io… ciao Angelo❤

  3. msilvia2 ha detto:

    Preghiamo. Anche per Suor Elena.

  4. angelonocent ha detto:

    https://i1.wp.com/globulirossimonte.altervista.org/wp-content/uploads/2014/03/04-SAM_5398-Copia-Copia-Copia-Copia.jpg
    Questa mattina, senza conoscerla se non di vista, mi sono accostato a una bella signora, molto anziana che, dopo la Messa, a luci spente, nella penombra, si intrattiene a lungo in chiesa, senza libri di preghiere, senza corona del Rosario… e con lo sguardo fisso al Tabernacolo.
    Le ho chiesto una preghiera per Sr. Elena, spiegandole il motivo.
    “Certo, bel volentieri – mi ha risposto – anche perché quando si è in due a chiedere, il Signore ascolta sempre. Chiediamo…Poi lasciamo fare a Lui”.

    Non mi aspettavo una risposta così motivata e folgorante. (Il riferimento era al Vangelo di Matteo:«dove due o tre sono uniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro» (Mt 18,20).

    Mi ha sorpreso e aperto gli occhi…In una parrocchia, anche a una certa età, si può essere attivi e utili più in questo modo che in tante altre iniziative demandate ai laici, molto spesso festaiole.

    Nessuno se ne accorge. Ma in quella contemplazione, dopo la Comunione, lei arriva come balsamo sul territorio, a lenire le tante sofferenze segrete che si consumano nelle case. E’ la Messa che si dilata come vento dello Spirito che passa anche a porte chiuse.
    Vedrò di imitarla e di allearmi in questo “servizio-Charitas” per il territorio.
    Un modo per essere GLOBULI ROSSI, ossia ossigeno per la rianimazione di chi è in affanno.

    https://i0.wp.com/globulirossimonte.altervista.org/wp-content/uploads/2014/04/1-SAM_5544.jpg

    • lucetta ha detto:

      Mi piace moltissimo l’idea di essere ossigeno….Spesso mi sento inutile perchè non posso partecipare a nessuna iniziativa parrocchiale tranne che alla preghiera. Leggendo di questo tuo incontro con la signora mi sono sentita contenta e utile.

  5. msilvia2 ha detto:

    Forse come sempre, non è il posto giusto.
    Pazienza; vorrei pregare con chi passa e si ferma: continuo ostinatamente a sperare. Accettare. Offrire.
    Perdonare.
    Umiliazioni inferte da persone che amavo.
    Tacere nelle false accuse.
    Vivere nella povertà, nella vecchiaia, nella incapacità di difendermi – difenderci – dalle continue estorsioni.
    Nel dubbio di essere correi dei peccati subiti.
    Nella paura del presente e del futuro…Nell’attesa dell’ora della sua venuta.
    Vivere la fede.
    Il dubbio atroce di non avere fede, non essendo gioiosa.
    ……………
    Amen

  6. angelonocent ha detto:


    Abbiamo pregato per Sr. Elena.
    Se la volontà di Dio è stata questa, con la stessa fiducia diciamo:
    “il Signore ha dato, il Signore ha tolto, sia benedetto il nome del Signore!”.

    A Rosanna e consorelle le più sentite condoglianze, in comunione di preghiere suffraganti.

    Andrea Ferrari – Il Signore è il mio…
    YOUTUBE.COM

    • msilvia2 ha detto:

      Sr. ROSANNA PIRULLI, ha dato la segue notizia:

      “La nostra cara Sorella in Cristo, la dolcissima Elena ha raggiunto il suo amato, il suo Gesù per il quale ha speso una vita intensa di sofferenza ma anche di tanta gioia e di tanto servizio per Dio e per le anime!

      Ha tanto amato e lavorato fortemente per la sua e nostra cara fondatrice Madre Provvidenza! Chiediamo a lei adesso di pregare da lassù con Gesù e Maria e Madre Provvidenza per tutte noi!

      Ti vogliamo tanto bene e ti terremo sempre nel nostro cuore! Grazie per tutto il bene che ci hai voluto!”

  7. msilvia2 ha detto:

    In comunione di preghiere suffraganti….
    Condoglianze a chi resta. Rallegramenti,felicitazioni a chi è arrivato alla pace eterna.
    E …”un modo per essere … ossigeno per la rianimazione di chi è in affanno”.
    Sono in affanno.
    Chiediamo, poi Lui farà come vuole.
    Chiediamo: Padre, manda il Tuo Spirito. Chiamaci, vieni a prenderci….

  8. angelonocent ha detto:



    “…SONO IN AFFANNO”.
    Tre parolette che suonano come un macigno, una frana caduta sulla casa, un torrente in piena che ogni due per tre straripa, creando desolazione.

    “Chiamaci, vieni a prenderci…”.

    Il tuo lamento ha già raggiunto il cuore del Padre.
    Ma Lui sembra non scomporsi.

    La tua condizione, Silvia, non dipende da un solo problema, ma da un insieme di cose. Leggendo tra le righe, ormai lo avvertiamo che a volte ti senti così bombardata da tutti i lati, da non riuscire a vedere oltre la disperazione. Epperò, quel Dio “sordo”, ti mette sulle labbra la Parola-chiave che apre la porta sbarrata: “Padre, manda il tuo Spirito…poi fa’ come vuoi“,

    Se questa situazione ti descrive, allora il Salmo 77 è stato scritto per te. Indica la soluzione per uscire fuori dalla distretta e dalla paura. Questo Salmo fu scritto da un uomo di nome Asaf, un Levita, della discendenza sacerdotale in Israele. Asaf era anche un cantante, e Davide lo aveva nominato direttore del coro. Oltre a questo, Asaf aveva scritto undici salmi. Un vero santo predicatore..

    Asaf ha scritto il Salmo 77 dopo essere caduto nel baratro terribile della disperazione. La sua condizione era così orrenda che Asaf non riusciva a farsi consolare da nessuno: “L’anima mia ha rifiutato di farsi consolare” (Salmo 77:2). Questo sant’uomo era in una tale disperazione, che niente di quello che gli dicevano lo poteva trarre dalla sua condizione. Ed Asaf stesso non riusciva a pronunciare neanche una parola: “Sono così turbato che non posso parlare” (77:4).
    La sua anima era così aggravata da non riuscire a dormire la notte: “Tu mantieni aperte le mie palpebre” (77:4).

    Ma Asaf era un uomo di preghiera.

    Con lui e noi con te, riprendiamo in mano il Salmo che è fatto di parole ispirate proprio da quel Dio che ci parla tacendo:

    Salmo 77

    1 Al maestro del coro. Su “Iedutùn”. Di Asaf. Salmo.

    2 La mia voce verso Dio: io grido aiuto!
    La mia voce verso Dio, perché mi ascolti.

    3 Nel giorno della mia angoscia io cerco il Signore,
    nella notte le mie mani sono tese e non si stancano;
    l’anima mia rifiuta di calmarsi.

    4 Mi ricordo di Dio e gemo,
    medito e viene meno il mio spirito.

    5 Tu trattieni dal sonno i miei occhi,
    sono turbato e incapace di parlare.

    6 Ripenso ai giorni passati,
    ricordo gli anni lontani.

    7 Un canto nella notte mi ritorna nel cuore:
    medito e il mio spirito si va interrogando.

    8 Forse il Signore ci respingerà per sempre,
    non sarà mai più benevolo con noi?

    9 È forse cessato per sempre il suo amore,
    è finita la sua promessa per sempre?

    10 Può Dio aver dimenticato la pietà,
    aver chiuso nell’ira la sua misericordia?

    11 E ho detto: “Questo è il mio tormento:
    è mutata la destra dell’Altissimo”.

    12 Ricordo i prodigi del Signore,
    sì, ricordo le tue meraviglie di un tempo.

    13 Vado considerando le tue opere,
    medito tutte le tue prodezze.

    14 O Dio, santa è la tua via;
    quale dio è grande come il nostro Dio?

    15 Tu sei il Dio che opera meraviglie,
    manifesti la tua forza fra i popoli.

    16 Hai riscattato il tuo popolo con il tuo braccio,
    i figli di Giacobbe e di Giuseppe.

    17 Ti videro le acque, o Dio,
    ti videro le acque e ne furono sconvolte;
    sussultarono anche gli abissi.

    18 Le nubi rovesciavano acqua,
    scoppiava il tuono nel cielo;
    le tue saette guizzavano.

    19 Il boato dei tuoi tuoni nel turbine,
    le tue folgori rischiaravano il mondo;
    tremava e si scuoteva la terra.

    20 Sul mare la tua via,
    i tuoi sentieri sulle grandi acque,
    ma le tue orme non furono riconosciute.

    21 Guidasti come un gregge il tuo popolo
    per mano di Mosè e di Aronne.

  9. msilvia2 ha detto:

    Grazie.
    Preghiamo insieme…

  10. lucetta ha detto:

    Mi unisco a voi nel ricordare Sr. Elena (che ho raccomandato ogni giorno al Signore nella santa Messa) ormai felice tra le braccia amorose di Dio e mi sottometto alla SUA volontà. Voglio dire a Silvia che anche lei è sempre presente, anche se taccio con le parole….non lo faccio con le preghiere. Un abbraccio.

  11. angelonocent ha detto:


    IL TESTAMENTO SPIRITUALE DI SUOR ELENA
    Cornale, 5 marzo 2012

    Carissimi tutti,
    pregate, pregate molto per me e ringraziate con me Gesù, mio Sposo Diletto!
    Ora la mia anima andrà dinanzi a Colui che giudicherà tutta la mia vita: sono molti i peccati, le miserie, le mancanze di amore, le più piccole imperfezioni.
    Ne sono testimoni i confessori tutti ed i miei Maestri di Spirito che intendo ringraziare in modo particolare per la pazienza, la dedizione, la bontà, la misericordia che mi hanno saputo elargire con cuore grande e paterno, proprio come avrebbe fatto “di persona” il Cuore di Cristo.
    Ringrazio con infinito amore i miei genitori, stelle splendenti del mio cuore, per il dono della vita, della grazia, per l’esempio che mi hanno dato ed il bene che mi hanno voluto; mio fratello Alessandro che sarà sempre la “pupilla dei miei occhi”, che amo e amerò sempre, la sua famiglia, Sara e la mia nipotina Arianna, i parenti, benefattori, amici tutti.
    Ringrazio in modo particolare i miei fratelli e le mie sorelle di Spirito per tutto quello che hanno fatto per me, sempre.
    A tutti intendo chiedere perdono con tutto il cuore delle mie innumerevoli colpe e dei dispiaceri che posso aver loro recato.
    Confido che la vostra bontà sia grande nel concedermelo ed altrettanto infinita sia la Misericordia del Provvido Cuore Misericordioso di Gesù Appassionato che i nostri Fondatori, Madre Provvidenza e P. Luigi, ci hanno permesso di conoscere e di amare fin da questo Paradiso in terra. A loro un Grazie speciale e lode e gloria grande!
    “La Fede è forse Amore?” “Si, la Fede è Amore”.
    Amare, solo questo importa, amare Dio ed i fratelli con tutto il cuore, la mente e le forze, e allora tutto, proprio tutto, in questa “valle di lacrime” dove ogni cosa è vanità fuorché amare Dio e servire Lui solo, si trasforma in gioia grande, per tutti.
    Ave, o croce, unica speranza! Tu solo, Provvido Cuore, sei la salvezza dell’anima che ti ama, che ti vuole amare in eterno e che confida in Te. Tu sei “mia speranza e mia salvezza, mio rifugio e mia liberazione”.
    “Salvati dall’ Amore cantiamo un canto nuovo!”
    Vi amo tanto e vi amerò sempre. Grazie di tutto a tutti, grazie, solo grazie per tutto il bene ricevuto!
    Desidero lasciare un ultimo pensiero sulla terra: “Evviva i dolci, splendidi, eterni Cuori di Gesù e di Maria! O Vergine Potente e Santissima, Ti prego, Madre mia, salvami e rendimi schiava tua per sempre nel Regno dell’Amore”. Amen
    Elena Calcagno

  12. angelonocent ha detto:


    IN FACEBOOK sul sito di Suor Rosanna Pirulli
    oggi ho lasciato questo commento:

    Ma guarda!
    Abbiamo pregato, supplicato per la sua “guarigione”
    e abbiamo ottenuto un di più: la sua “salvezza”.

    Secondo i nostri calcoli, Elena è morta giovane,
    troppo prematuramente
    (“quanto bene avrebbe potuto fare ancora!”,
    pensiamo nella nostra testa).

    Anche Gesù è morto giovane.,
    Una vita sprecata, verrebbe da pensare:
    morire per quattro deficienti,
    nel vero senso della parola,
    perché nemmeno sanno quello che fanno.

    Ma proprio questo è il MISTERO DELLA SALVEZZA,
    il misteryum fidei.

    Per chi non l’ha conosciuta, rimangono di lei
    un bel sorriso sincero, sanante,
    e un testamento che sa di “arrivederci”.

    Anch’io ho una Elena in Cielo, di trentaquattro anni,
    ma non mi pare vero.
    E quando non mi prende il nodo alla gola,
    me la sento viva e presente nella sua stanza accanto.

    Il Paradiso non è lontano, in un’altra galassia,
    semplicemente ci circonda.
    Me ne rendo conto alla Messa, al momento
    del Sanctus: tutto il Cielo avvolge l’altare
    e la Trinità obbedisce prontamente al presbitero
    che invoca lo Spirito sopra i Santi Doni
    perché diventino Corpo e Sangue di Cristo
    per la nostra fame.

    Fateci caso:
    da qualche giorno all’appuntamento
    c’è anche Suor Elena
    che si unisce alle nostre
    umili voci di pellegrini in affanno…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...