PAPA FRANCESCO A MILANO – ALLA FINE RIMANE DIO – Angelo Nocent

PASSATA LA FESTA “RIMANE DIO”

Ti hanno visto ilare, il volto spianato, perfettamente a tuo agio fra i giovanissimi, nel campo sportivo incorniciato da un Cristo floreale, quasi indù. La tua solarità dietro i contenuti seri, densi e meditati. Ma io ti preferisco pensoso, sfibrato dal caldo, dolente, immerso nel cosmo e a tratti invisibile.

Ti preferisco quando la tua figura emerge incerta fra il verde squillante delle robinie. Quando, sull’altare, letteralmente scompari nell’oro iconico degli arredi, e sei tutt’uno e non ti appartieni più. “Milanesi sì, ambrosiani certo, ma parte del grande popolo di Dio“, riassumi, e dici tutto. Forse hai scelto il rito ambrosiano perché meticcio: spurio, un ponte. In parte romano, in parte bizantino, in parte greco. Come spurio era il nostro patrono. E non è questa, Milano? Non è questa la sua cittadinanza, la sua identità in mille anime?


Milano non è monolitica, ma affastellata e lucente. Come la sua cattedrale. Ha il cuore in mano, Milano. Bene hai fatto a ricordarlo. Bene hai fatto a sottolineare – e qui la gravità s’imponeva – la “speculazione” su sentimenti, famiglia, lavoro (o mancanza di esso)… e tempo; un tempo strapazzato come una fisarmonica rotta, che la cultura attuale, dell’efficientismo e dello scarto, elimina; e dall’altra parte invece, dagli spalti dello stadio, l’hai evocato, rallentato, respirato e amato. I giovani hanno bisogno del tempo come dell’aria. Vogliono dilatazione. Spazi aperti, poiché solo lì si gioca davvero. Educazione e non nozionismo. Spessore.

Ammazzare il tempo, sciupare tempo: due modi per massacrarlo, per sovvertire “i valori, se vogliamo chiamarli così”. Il tuo lessico è lineare, non sciatto. “Valori” non significa nulla. “Valori” implica calcolo. Meglio princìpi, certo. Ma non tutti avrebbero colto. Ti sei quindi rassegnato alla stanchezza verbale, non senza amaritudine.


A ognuno il suo Francesco ed era bello stare lì. Magari per costruire due o tre capanne e ascoltarti ancora. Ma il nostro posto è nelle città della pianura, è nel tempo, che però a sua volta appartiene a Dio; e “ce ne ha promesso tanto”. E mentre il cielo si richiudeva, tornando ingombro di nubi nere, ho ringraziato quel tuo nascondimento, il tralucere nelle fronde, l’aureo annegare.

Andandotene, rimane Dio; quello che la tua presenza ha reso visibile, rinnovando tutte le cose, il nostro quotidiano, il diuturno viaggio. Rimane Dio e rimane tutto, e dopo una notte di gelo e pioggia, come a Emmaus, l’orizzonte si fa più chiaro, timido come l’anima, fragile dopo il periglio. Il cardinale Martini, da lassù, ha sorriso.

Daniela Tuscano

1-Aggiornato di recente1063

Carlo Maria Martini

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...