LA FABBRICA DEI PRETI E DINTORNI – Angelo Nocent

Il 23 aprile 2017 ricorrono i dieci anni dalla morte di don Pier Antonio Bellina, sacerdote, insegnante, pubblicista, scrittore, traduttore. È stato uno dei massimi esponenti della vita culturale friulana e uno dei maggiori divulgatori della lingua e cultura friulane. La sua opera principale è la traduzione (con don Francesco Placereani) della Bibbia in friulano.

Nota è anche l’opera La fabriche dai predis, in cui narra in forma polemica gli anni di studio nel seminario arcivescovile di Udine. Ha diretto il mensile «La Patrie dal Friûl», ha scritto vari articoli d’opinione su «La Vita Cattolica» (settimanale diocesano udinese nella rubrica «Cirint lis olmis di Diu»).

In occasione del decennale della sua scomparsa, Provincia di Udine e Glesie Furlane lo ricordano con una serie di iniziative che saranno presentate, stamattina alle 11.30, nella sala giunta di palazzo Belgrado. Sarà presente il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini, monsignor Roberto Bertossi di Glesie Furlane, Federico Rossi dell’associazione «Colonos», Renzo Nadalin dal «Grop amîs di pre Toni», il sindaco di Venzone Fabio Di Bernardo.

Pre Toni Beline


 

Ho la fortuna di poter leggere i suoi scritti in lingua friulana. Dal primo incontro sono rimasto colpito e affascinato.  Un giorno, prima che morisse, trovandomi in Friuli, gli ho telefonato per avere il libro dei canti liturgici in friulano. Sono andato a casa sua per ritirarlo ma lui non c’era. Così non ho mai potuto incontrarlo. Però, da allora, mi è rimasto nel cuore.

Mi piace ricordare un passo della profetica  POPULORUM PROGRESSIO del Beato Paolo VI che proprio lo riguarda:

Paolo Vi 197_Paolo_VI15. “Nel disegno di Dio, ogni uomo è chiamato a uno sviluppo, perché ogni vita è vocazione. Fin dalla nascita, è dato a tutti in germe un insieme di attitudini e di qualità da far fruttificare: il loro pieno svolgimento, frutto a un tempo della educazione ricevuta dall’ambiente e dello sforzo personale, permetterà a ciascuno di orientarsi verso il destino propostogli dal suo Creatore. Dotato d’intelligenza e di libertà, egli è responsabile della sua crescita, così come della sua salvezza. Aiutato, e talvolta impedito, da coloro che lo educano e lo circondano, ciascuno rimane, quali che siano le influenze che si esercitano su di lui, l’artefice della sua riuscita o del suo fallimento: col solo sforzo della sua intelligenza e della sua volontà, ogni uomo può crescere in umanità, valere di più, essere di più.”(n.15)

Ben si addice a  Don Antonio Bellina l’affermazione del Papa: “Aiutato, e talvolta impedito, da coloro che lo educano e lo circondano…”. Nel denunciare con forza e onestà intellettuale un  metodo educativo allora assai diffuso un po’ dappertutto, capolavoro di educatori psicopatici, pur lui stesso vittima, questo prete ha poi trovato la forza di riscattarsi e perfino di  lasciare un segno positivo indelebile sia nella sua Chiesa friulana che nella cultura cattolica. Oggi le sue parole ci fanno sorridere. Epperò,  quante  lacerazioni, non solo nei sacerdoti ma anche nel popolo di Dio, ha prodotto questa pedagogia. E son ancora molti che, in toto o in parte, portano i segni di questo flagello nella loro persona. Incredibile ma vero, in questo contesto assurdo, abbiamo avuto anche la fioritura di santi. Dio sia benedetto!

Giuliana Musso - attriceA GIULIANA MUSSO PREMIO HYSTRIO ALLA RAMMATURGIA 2017

Motivazioni della Giuria

Con una serie di creazioni, centrate su ciò che più vicino è al sentire della gente, in questi ultimi quindici anni Giuliana Musso si è imposta tra le autrici-perfomer più intense della scena italiana.

La nascita, la morte, la fede, il sesso, la guerra: temi che toccano fino in fondo le donne e gli uomini contemporanei sono stati da lei esplorati con strumenti affini al giornalismo d’inchiesta e poi traslati in una drammaturgia limpida, portata in scena il più delle volte in forma di monologo, coinvolgente e sempre consapevole di ciò che il corpo del performer racconta a chi guarda.

Spettacoli come Nati in casa (2001), Tanti saluti (2008), Sexmachine (2005), La fabbrica dei preti (2012), Mio eroe (2016), La base (2011) e Dreams (2011) sono esempi dell’efficace “giornalismo teatrale” a cui si è dedicata, ottenendo l’attenzione viva, spesso commossa, del pubblico.

Artista della consapevolezza civile, Giuliana Musso registra dati, comportamenti, opinioni nei territori dove compie le proprie indagini (il Nordest italiano, soprattutto), ma non rinuncia all’empatia con lo spettatore, sia nei frequenti slanci comici sia nell’avvicinarsi, con pudore e partecipazione, a eventi altamente drammatici.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

Una risposta a LA FABBRICA DEI PRETI E DINTORNI – Angelo Nocent

  1. msilvia2 ha detto:

    Un momento di sosta…
    Il Friuli..è un momento indimenticabile!
    Liceo Stellini a Udine…Per me, V Ginnasio e I^ Liceo. Don Placereani, insegnante, certamente era lui. 1955, 1956…
    Grazie e buona continuazione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...