UNA GIOVANE STORIA D’AMORE – Angelo Nocent

UNA GIOVANE STORIA D’AMORE

  • Nazareth, piccolo villaggio: un centinaio di persone; ogni momento della vita era scandito da preghiere.
  • Come volevano le usanze, un anno di preparazione prima di celebrar le nozze, vissuto ognuno a casa sua.
  • Di te hai detto così poco che tocca a noi ricostruire il tempo del fidanzamento con un onesto carpentiere.
  • Tu, poco più che una bambina, complice un Angelo del Cielo, incinta e non poterlo dire, un peso enorme da portare.
  • Questa sei proprio tu, Maria e noi chiediamo a quel ragazzo giovane, forte e innamorato, di farci qualche confidenza.

  • Era bella, o Giuseppe, Maria?
  • Dove l’hai conosciuta? Alla fonte?
  • Con un’anfora d’acqua sul capo
  • e la mano appoggiata sul fianco?
  • Era un sabato di primavera
  • sotto un arco della sinagoga?
  • Era forse un meriggio d’estate,
  • gl’occhi dolci abbassati sul grano?
  • Ti ricordi quel primo sorriso,
  • la tremante carezza sul capo
  • il cuscino intriso, la notte,
  • con le lacrime della passione?
  • Le scrivevi poesie d’amore?
  • Ti spediva biglietti affettuosi?
  • Una notte hai trovato il coraggio
  • di cantarle vicino al balcone.
  • Con le strofe del “Canto dei canti”
  • Le dicevi: “L’inverno è passato…
  • è cessata la pioggia, mia bella,
  • son sbocciati i fiori nei campi
  • Oh la dolce mia bianca colomba,
  • tu, nascosta tra rocce e dirupi,
  • fai vedere il tuo viso leggiadro,
  • fammi udire la voce soave”.
  • La tua amica, la bianca colomba
  • si è alzata davvero dal letto.
  • Sulla strada è venuta a cercarti,
  • ti ha guardato, ti ha preso la mano.
  • Poi la prima carezza sul viso.
  • Mentre il cuore scoppiava nel petto,
  • sotto il cielo stellato, Maria
  • ha dovuto svelarti il “segreto”.
  • Ti ha parlato di un grande mistero,
  • di un mistero nascosto nel grembo,
  • di un progetto più grande del mondo,
  • di Jahvé, di un angelo santo.
  • Mentre ancora tu stavi sognando,
  • pur sapendo di farti soffrire,
  • ti ha pregato di uscire per sempre
  • dalla vita, di dirle un “addio”.
  • Lo sapeva che avresti capito.
  • Coraggioso, stringendola al cuore,
  • sottovoce le hai detto: “Maria,
  • fammi stare con te. Per favore!”
  • Ti ha risposto di sì con un bacio.
  • La tua mano a sfiorato il tuo grembo.
  • La carezza è benedizione:
  • sulla Madre, la Chiesa che nasce.
  • Come tutte le storie d’amore,
  • anche questa non fa distinzione:
  • con le rose, le spine, il dolore.
  • Se c’è gioia, è dono divino.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in GLOBULI ROSSI COMPANY. Contrassegna il permalink.

2 risposte a UNA GIOVANE STORIA D’AMORE – Angelo Nocent

  1. lucetta ha detto:

    Che bella poesia. Complimenti Angelo.

  2. angelonocent ha detto:

    Con qualche errore di stampa che ho già corretto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...